Bauscia Cafè

Luci a San Siro

Dopo aver riconquistato il primato in Campionato è nuovamente tempo di scendere in campo. E nel farlo avremo di fronte un incontro di certo non banale: a San Siro arriva la Roma di Paulo Fonseca. Sarà il terzo incontro di livello dopo quelli con Lazio e Juventus, tutti giocati in casa. 

Arriviamo alla partita con una buona dose di entusiasmo generato dalle ultime due prestazioni vittoriose che ci hanno permesso di riprendere in mano il nostro destino per il proseguo del cammino europeo (trasferta a Praga) e la vetta in Serie A (vittoria casalinga contro la Spal) ai danni dei non colorati. Come detto questo con la Roma sarà il terzo match di livello e, rispetto ai due precedenti citati in precedenza, ci arriviamo con delle consapevolezze dei nostri mezzi maggiori. E con qualche centrocampista in meno (ma ormai questo è il leitmotiv dell’ultimo periodo) dato che Gagliardini si è nuovamente aggiunto alla lista infortunati.

“Non c’è tempo per piangersi addosso, è un momento in cui dobbiamo fare di necessità virtù. Poi dopo la sosta potremo rifiatare, recupereranno un po’ di giocatori. Mancano 4 partite importanti, dobbiamo stringere i denti e incrociare le dita”

Antonio Conte nella conferenza stampa pre-partita

Sarà una gara dall’altissimo livello di difficoltà. Si affrontano due squadre che nelle ultime cinque partite hanno raccolto 15 (Inter) e 12 punti (Roma), che sono tra le più in forma del Campionato e anche molto simili tra loro, soprattutto per quanto riguarda la potenza fisica. Inter e Roma infatti sono le due squadre che hanno segnato più reti da palla inattiva. Dato che rende l’incontro di stasera un duello ad alta quota, non soltanto per la classifica. I giallorossi sono reduci dal successo esterno di Verona per 3-1 e hanno raggiunto una maturità e una forza per cui bisogna fare grande attenzione. La Roma ha entusiasmo, forma, fiducia. Affrontiamo una squadra che sta bene.

Paulo Fonseca sta dimostrando di essere un bravissimo tecnico, è stato molto bravo a portare la sua idea, a modellarla, adattandosi a calcio italiano. L’allenatore portoghese scende in campo con un classico 4-2-3-1 con Pellegrini trequartista che ha spazio per tutto il campo. Inoltre Fonseca è molto bravo a impostare la partita in base all’avversario che si trova di fronte. Ad esempio nell’ultima partita contro il Verona ha giocato soltanto cercando la verticalizzazione e senza fare possesso palla, uno dei suoi marchi di fabbrica che sviluppa tenendo i due terzini molto alti sulla linea dei trequartisti, con uno dei due centrali di centrocampo che rimane basso insieme ai centrali di difesa. Compito che nelle ultime partite è stato svolto da Diawara con Veretout libero di spaziare per il campo.

L’idea di gioco di base inoltre prevede di tenere le due ali strette vicino alla prima punta in modo tale di lasciare le corsie laterali ai terzini. In altre partite invece ha tenuto un terzino basso e uno alto oppure uno dei due centrali di centrocampo non si abbassava in mezzo ai difensori, proprio perché uno dei due terzini si alzava. La Roma tendenzialmente è una squadra che palleggia e appena può verticalizza. Compito che svolge alla grande Lorenzo Pellegrini, che sembra essere tornato dall’infortunio che lo ha colpito a fine Settembre più forte di prima. Il trequartista romano nelle ultime tre partite ha sfornato ben 4 assist, quindi tutta l’attenzione dovrà essere concentrata su di lui cercando di non dargli mezza possibilità di giocare il pallone.

Uno scontro di due anni fa a centrocampo tra Borja Valero e Pellegrini. Stasera vedremo lo stesso.
Ci sarà da soffrire e bisognerà reggere botta, ma siamo pronti a far rilluminare nuovamente San Siro twittalo

Se i giallorossi hanno ritrovato alcuni degli infortunati, lo stesso non si può dire per l’Inter, che anzi continua ad accumularli. Per questa ragione vedremo molto probabilmente Borja Valero per la terza volta di fila titolare a centrocampo, al fianco dell’insostituibile Brozovic e Vecino. Un’ipotesi potrebbe essere quella di vedere Asamoah al posto dello spagnolo, che come ci ha ricordato Conte in conferenza stampa, nasce come centrocampista prima di essere trasformato in esterno dallo stesso mister ai tempi della Juventus. Infine l’ipotesi più suggestiva, e meno probabile, vedrebbe Skriniar in mezzo al campo con D’Ambrosio o Bastoni a completare il terzetto difensivo insieme a De Vrij e Godin.

 “Vediamo il bicchiere mezzo pieno, nel momento della difficoltà tanti si sono responsabilizzati ancor di più. Ora vediamo come riusciamo a reggere questo periodo”.

Antonio Conte nella conferenza stampa pre-partita

Stasera bisognerà essere bravi a invertire la rotta delle ultime sfide interne contro la Roma e spezzare un tabù che dura da quattro anni. Tanto è il tempo che è passato da quel 31 Ottobre 2015, ultima vittoria interna firmata Gary Medel. Da allora due pareggi e una sconfitta.

Un grande cantautore (tra l’altro noto tifoso interista) a me molto caro, in uno dei suoi brani simbolo canta “Luci a San Siro non ne accenderanno più” riferendosi alla sua giovinezza, rimpiangendo i bei tempi andati. Stasera noi tutti, lui compreso, speriamo di vedere le stelle più luminose accendersi sul campo di San Siro. Le stelle con indosso la maglia nerazzurra.

Avatar

El Giuanín

Sono il Chief Games Officer di Bauscia Café. La prima partita vista dal vivo è stata un Perugia-Inter 2-1 del 1999 e da quel giorno ho capito che l’Inter andava piano, ma lontano. Walter Samuel e Maicon mi hanno lasciato un vuoto incolmabile.

113 commenti

  • Ora più che mai dobbiamo crederci e dare a Conte i rinforzi che chiede ormai ha sentito l’odore del sangue e non vorrà certo farsi scappare l’occasione 🖤💙

  • Che poi oh, il nostro obiettivo quest’anno è battere in casa e fuori tutte quelle dal 5nto posto in giù. E fare un po’ di punti con le altre, ma senza, essere obbligati a vincere. POI, a maggio, si contan le pecore. E gli agnelli potrebbero anche restarci male

  • guai a chi tocca i miei ragazzi !

    A me bastano queste parole 🖤💙

  • Conte :”Col Barcellona ci arriviamo come oggi: siamo questi e ci giocheremo le nostre chance. Non è facile, ci vorrà un’impresa e per questo chiedo al pubblico di sostenere i ragazzi. Siccome ho sentito brusii e fischi stu stop e passaggi sbagliati, io dico che questi ragazzi vanno aiutati perché stanno dando il massimo. Capiamo il momento tutti quanti, aiutiamo l’Inter”

  • – Come già detto da molti, analisi istantanea: se non fai gol non vinci.
    – Vero anche che fino allo scorso anno avrebbe quasi certamente vinto la Roma, con gollonzo ridicolo al 93′, quindi teniamoci il punticino e via andare…
    – Biraghi me lo ricordavo meno scarso, è l’unico in involuzione, speriamo si riprenda.
    – Partita, per il resto, tatticamente perfetta (ma aspetto i commenti dei veri tecnici, io vado a istinto): fatta sfogare la Roma per 20 minuti, senza concederle nulla, poi si è preso in mano il pallino e, se almeno una delle occasioni pazzesche fosse stata realizzata, adesso parleremmo di ben altro.
    – L’arbitraggio, in tutta onestà, non mi è sembrato così scandaloso; anzi una cosa sì, il non avere espulso Mancini dopo il 388° fallo su Lautaro è stato sconcertante.

    • 12 vittorie 1 sconfitta 2 pareggi.. Onestamente sanSiro che fischia mi mancava.. La Roma messa bene in campo ma non ha quasi tirato noi compatti e spreconi.. Mirante para tutto e Brozo e Lauti si mangiano due gol fatti… Va bene così testa cuore e gambe al Farsa…

      • però onestamente detto da chi c’era, il Meazza non ha fischiato, i soliti mugugni alla 30esima palla indietro, 20.000 persone che mugugnano in uno stadio si sentono.

  • Si puo’ girarla come si vuole, partita sottotono, occasioni sprecate, etc. , alla fine ci ritroviamo derubati di altri 2 punti. Arbitraggio a dir poco ridicolo. A senso unico coi falli , cartellini e VAR praticamente inusata . Ormai temo che il mondo del calcio abbia deciso di farla fuori. Sarebbe troppo democratica.

  • Biraghi è un altro su cui quest’estate non si poteva dire mezza parola, oggi tutti a cadere dal pero

    • Mi spinge anche a fare una riflessione sui “giovani della cantera che fanno tanto bene altrove”.

      • Hai ragione in entrambi i commenti. E Asamoah, il titolare, non è che sia così tanto meglio.

        • Necessitano un esterno sinistro titolare, due cc di livello dei titolari e un attaccante di livello da far entrare nelle rotazioni (o puntare decisamente su Esposito)

    • Biraghi non è un Marcelo, io non cado dal pero, ma davvero si vuole puntare il dito? o vogliamo dire che insomma, sto modulo, vabbene se i fenomeni la davanti la mettono sempre, e se no in 8 dietro la palla non è propriamente un bel vedere, quando non è giornata di grazia per gli attaccanti, che fanno tutto sempre e spesso, assenze o non assenze, palla lunga e pedalare, pressing fine a se stesso, a vuoto come stasera, per carità mia opinione da profana.

      • Oggi hai fatto la partita. Hai avuto le tue occasioni. Non si può criticare il modulo. Alcuni interpreti sono stati insufficienti. Biraghi deleterio.

      • Non voglio puntare il dito, però a questo punto mi sembra evidente che Biraghi sia semplicemente scarso, solo che se lo dicevi ad agosto eri uno stronzo che tifava contro

  • Ora l’ho rivisto bene: rigore netto per braccio largo di spinazzola. Nonostante ambrosini e le altre merde di sky

    • Sono delle merde pazzesche, non ce ne frega una ceppa se è volontario, naturale, fortuito, questo con il nuovo regolamento era rigore nettissimo, ma finirà nel silenzio totale come sempre. W il campionato sabaudo!! e w le vedove moggiane

    • Se me lo fischiasse contro però mi incazzerei parecchio.
      Per me l’episodio da vedere e rivedere è il contrasto Mancini Lautaro

      • come toccherà a noi ce lo fischieranno, quindi preparati, comunque casualità o no se fai un regolamento lo rispetti non lo maneggi a tuo piacere, cambino la regola e accetteremo certe decisioni

        • Certo, hai ragione l’uniformità è un problema, quest’anno ogni partita le mani le hanno giudicate diversamente.

      • Nic, se le regole sono quelle, e’ rigore e basta.
        Non si puo’ andare avanti in questo modo, che si interpreta una situazione in base alla squadra che ne trae vantaggio o meno.
        Non dimenticare il “ridicolo rigore ” inventato e’ portato a termine contro Dambrosio la scorsa stagione da quello stronzo di Abisso.
        E temo che qualcosa di simile e’ in agguato per la prossima.

  • L’unico modo per battere il Barca,in queste condizioni,è puntare sull’intensità e la cattiveria agonistica…Dovremo essere asfissianti per tutto il match,altrimenti la vedo durissima.

  • Stasera male. Il centrocampo, come facilmente prevedibile date le asssenze, è stato soverchiato da quello della Roma. Attaccanti stasera poco concreti e cattivi, Biraghi, Vecino, Candreva e poi Lazaro da male a molto male. Mah, peccato pareggiare in casa contro una Roma rimaneggiata. Forza Inter, giochiamoci l’Europa League….!

    • faccio le crocette a matita come faceva gianni brera, il maestro.
      occasioni da gol 6:0.
      se non la butti dentro non vinci. poi tutti discorsi sul possesso palla sul giropalla sul verticale vs orizzontale lasciano il tempo che trovano.
      ps
      questa è la classica partita che se loro avessero avuto una occasione una facevano gol. e la perdevamo. per me il bicchiere è mezzo pieno

      • Vero, la differenza rispetto alle altre partite è stata solo nel non aver concretizzato le occasioni (chiare, nitide, clamorose direi) che abbiamo avuto.

        Ci può stare, una giornata storta può capitare…

  • penso una cosa, l intensità che giustamente vuole l allenatore non è per tutti, intendo tutti i ns giocatori, che non sono abituati che non reggono 3 partite a settimana, chi per eta’ chi per provenienza, quando scrivo di top Player mi riferisco principalmente a questo concetto.

  • Io voglio bene a Biraghi,ma fa mi incazzare come pochi…e,purtroppo,Asa in mezzo non ce lo vedo proprio…

  • la cosa che mi ha stupito è lo zero a zero, non lo avrei mai detto, le assenze nel fulcro del gioco pesano ma la Roma a parte il rigore non ha rubato nulla, bene Lautaro il più vivo, succede che non segni…chiosetta, con tutto l amore che ho per Lukaku, ci voleva un difensore inglese….ottima partita di Smalling lo ha sempre anticipato.

    • io ho visto Smalling spingere da dietro ogni volta che Lukakone saltava per prenderla di testa, e ho visto un arbitro che faceva finta di non vedere…

  • Partita che mi lascia dubbioso. La sensazione è che non si sia giocata fino in fondo e che il pareggio alla fine accontenti entrambe le squadre. Con la differenza che noi avremmo potuto vincere mentre la Roma (deludente) ci ha fatto il solletico. Resta da capire se avevamo (Conte in primis) la testa a martedì (e sarebbe una discreta notizia per le comunque scarse possibilità di mettere sotto il Barca) o se cominciamo a non avere più la forza di strappare e cambiare ritmo (e sarebbe una pessima notizia per martedì ed in generale). Tutto sommato meglio i gobbi tornino davanti che ci si logora meno, e restargli addosso fino alla pausa, sperando di recuperare un centrocampo all’altezza.

  • Per favore che qualcuno mi spieghi la regola del fallo di mano!!! avevo capito che quando non `e una giocata ma una deviazione e te la tiri nel braccio largo è rigore, ma forse c/era Agnelli al var? o non è questo il regolamento?

  • E poi dobbiamo tirare un sospiro di sollievo… avevamo di fronte johan zaniolo cruiff….

    • ma perché no mi chiedo il perché? perché infierire su un ragazzo? ma cos’è che ti turba? faceva la punta che punta mai può essere, metteresti Sensi come punta? rifletti prima di scrivere, non ho più parole e mi taccio.

      • A parte che schierarlo punta testimonia solo che Fonseca ha grandissima considerazione di lui e pensa possa incidere in ogni ruolo.
        Oggi solo applausi per lui.
        Senza rimpianti.

        • Zaniolo ha giocato peggio di Lautaro, visto in campo per 20-30′. Avesse fatto questa partita con noi, sarebbe stato in cima alla lista dei fischiati.

            • Nulla, ma:
              1) di certo non c’è da esaltarne la prestazione, decisamente opaca
              2) neanche da Lazaro schierato a sinistra mi aspetto nulla
              Eppure a maglie invertite per i nostri tifosi uno è un rimpianto, l’altro una sciagura. Parlo di attitudine e percezione dei tifosi interisti, principalmente

              • Nono rimpianti nessuno.
                Mai avuti negli ultimi anni riguardo ad un primavera.

              • Esattamente spiegato da te il motivo della mia provocazione. Ti ringrazio. E come ben sai non replico più a chi insulta gratuitamente altri utenti dicendo che scrivono stupidaggini, che devono tornare in monastero o che devono riflettere prima di scrivere. L’ho fatto un paio di volte, sbagliando ma sempre come reazione ad epiteti altrui, e non succederà più.

      • io non ce l’ho con zaniolo. mi è del tutto indifferente. ce l’ho con chi trova qualsiasi pretesto per sparare a zero contro le decisioni societarie, giuste o sbagliate che siano, e che vede sempre i fenomeni altrove, solo quando li vendiamo. e’ da un po’ che non sento più di pinamonti e compagnia varia… altri fenomeni regalati da una società ottusa come la nostra….

      • hai presente giocatori dai piedi buonissimi che sono delle mezze seghe? un verdi ad esempio. beh se io fossi la roma lo venderei subito, lo zaniolo, prima che si sveli per quello che è

    • mi sbilancio in un pronostico: joahnn zaniolo cruyff è un bluyff. dura 20 minuti poi sparisce

  • Brutto pareggiare così. Zero occasioni da gol per la Riomma, diverse occasioni buttate al vento per noi.
    Conte rinunciatario e spallettiano come poche volte.

    • Abbiamo sbagliato 3 gol facili, 2 miracoli di miranda. Cosa c’entra conte?

      • Mi riferisco ai cambi. D’Ambrosio all’88esimo mi farà sempre saltare i nervi sullo 0 a 0. Contro chiunque eh.

        • avrà sicuramente ragione l’allenatore, ma anche a me il cambio degli esterni (e parliamo di questi esterni) all’88 in casa sullo 0-0 con possibile controsorpasso gobbo fa incazzare un po’.
          Dai col Barca.

      • Oltre ad un paio di rigori non dati.
        Lautaro ha subito una valanga di falli in tutte le parti del campo,
        con un solo ammonito a fine partita.
        Intanto cominciamo con le squalifiche.

  • Forse fatto il massimo,per come siamo messi…
    Partita scorbutica e con la Roma,al Meazza,è sempre così.

  • Prima partita senza gol. Questa è già una notizia.
    Direi che abbiamo fatto il massimo con questo centrocampo.

    Ora sotto con la UCL.

  • su Lautaro, il rigore, dentro la linea, cmq valero non sta facendo male.

  • diciamo che se avessimo realizzato il 30% delle occasioni saremmo sicuramente in vantaggio, questo centrocampo è una tragedia, basta ingabbiare `brodo ed è buia, molto buia, dobbiamo sperare nella giocata dei due la davanti.
    e poi Smolling che ogni volta spinge Lukakone avrebbe rotto!!

    • Su Lautaro?, dicono l’abbia presa prima di mano, mah?!, o su Biraghi?

    • era fuori area ma pare che Lautaro l’abbia toccata con il braccio

  • Va beh ognuno ha le sue fisse.

    A me quello che più preoccupa è affrontare il barsa martedì con questo centrocampo. Vecino inconferente e confusionario, Borja un ologramma forse, brozo isolato.

    Peccato, perché con la rosa al completo là in mezzo, ci saremmo potuti divertire quella notte.

    • Mah, in realtà se hai letto l’analisi del casa di settimana scorso Vecino è stato grimaldello tattico non indifferente.
      E anche stasera sta forzando la Roma in maniera non indifferente.

      Poi sta sbagliando tanto sotto porta. Ma come Lukaku, Martinez e Brozo stasera

      • A me in realtà, Nic, sembra che vecino sia spesso confusionario nelle scelte ed impreciso nell’esecuzione.

        • Hai ragione a dire impreciso. E capisco anche il nervoso.
          Impreciso lo è.
          Appariscente per nulla.
          Solo che stasera tra gli 8 che hanno giocato nei 5 di centrocampo i migliori sono lui e Brozo secondo me!
          La sua partita la giudico buona, le qualità che può portare sono poco appariscenti, ma stanno tornando.
          Domani nell’articolo provo a parlarne 🙂

  • e qualcuno lo voleva al centrocampo candreva…santa Maria vergine, 10 minuti che non tocchiamo palla.

  • Handanovic; Godin, De Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino, Borja Valero, Brozovic, Biraghi; Lukaku, Lautaro.

    Mirante; Santon, Mancini, Smalling, Kolarov; Veretout, Diawara; Mkhitaryan, Pellegrini, Perotti; Zaniolo

    • Quindi utilizzare una caratteristica femminile come sbeffeggio è sessismo. Prossima volta sarai più cauto

  • Inter Roma é sempre una partita scoppiettante, mi auguro spettacolo e tanti gol.Prove tecniche per la CL, con la formazione emergente non di emergenza, sono tutti titolari e pronti agli ordini del MIster, mi apetto una bella sfida, precisa degna di nota, con tante emozioni, Bisogna mantenere la vetta in trincea senza perdere un millimetro, piuttosto, i “Belli de Roma” saranno presenti? Spero di vedere una loro coreografia degna del nome……… 😉
    Il mio pronotiscazzo per questa giornata……… vince a Lazio!! Dajeeeee.
    Forza Ragazzi e Forza Inter!!
    PS: Mi raccomando perché Sono Pazzi Questi Romani

    • La Lazio, storicamente, non ci ha mai fatto un piacere battendo la concorrente di turno. Anzi, non ha perso mai occasione per mettercela in quel posto.
      Quindi , pesiamo a battere chiunque di turno, e alla fine facciamo i conti.

  • Skriniar schierato a centrocampo (con Bastoni schierato come terzo di sinistra dietro), in questa situazione di emergenza avrebbe un senso eccome (per tenere a riposo Valero per il Barcellona, sempre alla luce della attuale situazione di penuria di centrocampisti) se:
    1) non fossimo primi in classifica e non dovessimo giocare contro una squadra in formissima e ben organizzata come è la Roma di questi tempi;
    2) non fosse un momento (forse il primo) che può dare una svolta al Campionato 2019/2020: domani gli acromatici vanno sul campo della Lazio e non è detto che non ne escano con le ossa rotte.
    Secondo me Conte non farà esperimenti questa sera e schiererà Borja Valero dal 1′ sia contro la Roma che contro i catalani in Champions.
    Siamo realisti: l’obiettivo principale, quest’anno, deve essere il Campionato.
    Poi passare il turno in Champions, sia chiaro, deve essere perseguito con tutte le nostre forze (in ogni caso dagli ottavi saremmo un pessimo cliente per chiunque, se passiamo), sia da un punto di vista sportivo e di autostima, che sotto il profilo economico.

  • La formazione, secondo me, è già decisa. Handanovic, Skriniar, De Vrij, D’Ambrosio, Biraghi, Brozovic, Borja Valero, Vecino, Candreva, Lukaku, Lautaro. Nel secondo tempo fuori Borja e dentro Asamoah mezzala, con Brozovic regista al posto dello spagnolo. Altri cambi non sono preventivabili ma questo è quasi scontato.

  • Questa più delle altre è una partita in cui non puoi staccare con la testa. La Roma ha la qualità per farci male, servono 95 minuti di apnea. Per martedì c’è tempo.

  • partita tosta che si deve vincere, loro giocano bene e si inseriscono negli spazi, noi abbiamo una buona difesa e i 2 davanti in stato di grazia perenne, vincerà chi farà un gol in più…leggo che molto probabilmente gioca valero, non sono d accordo, valero deve essere fresco per martedì è l unico del ns cc a saper dettare i tempi di gioco e a far girare la palla, ribadisco il mio pensiero, darei l opportunità a Skriniar che conosce il ruolo e ha piedi e testa per poterci giocare, su, animo mister, coraggio, se ha giocato mancini a centrocampo può farlo il ns Skriniar.

    • Più che scrigno metterei in mezzo asa o candreva, ma concordo che Borja andava tirato a lucido per martedì.

      • se metti dall’ inizio asa o candreva ti sei già giocato un cambio, asa non regge al rientro da un infortunio, non è dinamico e probabilmente manco si ricorda più il ruolo specifico, poi cosa? candreva…ecco domanda di riserva?

        • Candreva in carriera ha giocato spesso, anche discretamente, sia mezzala che trequartista.

          Asa nasce lì, e son parole recenti di conte a dire che è l’uomo che vede di più in mezzo al campo in caso di emergenza. Più di candreva, scrigno manco nominato.

          Per carità, scrigno in nazionale gioca anche a cc, ma secondo me è troppo importante in difesa per pensare di avanzarlo.

          • la difesa può tranquillamente farcela anche senza Skriniar, li non ci sono problemi, poi lo so che mi attirero’ le ire funeste ma candreva è un mediocre che ha avuto una fortuna sfacciata, giocare con l unico modulo che ogni tanto lo fa sembrare un calciatore, mia opinione a cc sarebbe un danno peggio della grandine.

    • Il mister stasera metterà la migliore formazione possibile, al Barcellona ci si pensa da domani

  • Non facciamo giocare la Roma sugli spazi, se si mettono come vogliono loro, con la corsa e la tecnica che hanno riescono a coprire la meta’ campo offensiva come poche altre squadre fanno in Europa. Quindi chiudiamo gli spazi bene, teniamo poca distanza tra le due linee difensive, e ripartiamo forti. Poi ci pensano quei due li’ davanti.
    Forza Inter.

    • Il nostro problema è lo stesso che hanno loro. Entrambi dobbiamo NON far giocare l’avversario, e più in particolare Brozovic e Pellegrini. Prevedo una partita faticosa per loro due. A differenza della Roma però noi abbiamo due attaccanti in un periodo di forma ottimale che spesso risolvono i match quasi da soli..!

  • La Roma davvero una delle più belle sorprese del campionato. Mercato senza riflettori, ma oculato. Squadra che ha un senso logico, Fonseca bravissimo a portare la sua idea ma tenendo i piedi per terra e senza scivolare nell’hipsterismo di De Zerbi.
    La Roma è una squadra che mi piace sempre, ho una passione smodata per Kolarov e Dzeko, ma uno che mi ha fatto davvero ricredere è Lorenzo Pellegrini, che gradirei tantissimo avere da noi (insieme a Luca Pellegrini, magari): ragazzo con piedi magari non sublimi, ma sicuramente molto buoni e dotato di grande intelligenza e serietà.

MVP LUDOGORETS – INTER

Twitter

Archivio