Bauscia Cafè

Alla ricerca dell’eccellenza.

Dopo Dortmund, dopo la Coppa dei Campioni, dopo tutte le parole spese per fare l’esegesi delle dichiarazioni di Antonio Conte, torna la cosa che importa di più, ossia il campo giocato. Questa sera, alle 18:00, arriva l’Hellas Verona al Meazza, neopromossa rivelazione di questo campionato che, negli ultimi scontri con le grandi (ha affrontato Juventus e Napoli), non ha affatto sfigurato al di là dei risultati prevedibilmente negativi.

Come succede quasi sempre, la sconfitta dell’Inter viene condita secondo un canovaccio da tragedia Greca, con tutti i riflettori addosso e più di qualche pianto e stridore di denti. Al di là di qualche commentino sull’errore collettivo nel 2-2 del BVB, la eco delle dichiarazioni a caldo di Conte ha accompagnato i giorni da Martedì fino a stamattina. Per capire meglio il significato delle sue parole, ho ascoltato attentamente la conferenza stampa di Conte di ieri e vorrei tornare a questa prima di parlare del pallone che rotola. Ho l’impressione che se capiamo bene le sue frasi, la scelta delle parole, possiamo capire non solo questo prepartita, ma anche quello prossimo, e quello dopo, possibilmente fino alla fine del campionato.

Conte ha parlato di “alzare l’asticella a prescindere”. Di “aspettative che porta verso sè stesso in primis”. E poi ha detto: “creo difficoltà a qualcuno o comunque cerco di portare qualcuno a lavorare a giri in cui non è abituato..”. Sbaglia, a mio modo di pensare, chi ci vede un messaggio diretto verso la società, oppure verso i giocatori, o altro. In realtà, è un messaggio a tutte queste entità assieme, e anche a sè stesso, in quanto persona che dà l’esempio. Conte vede il suo lavoro come quello di un responsabile e coordinatore generale della squadra, come fa il comandante di una nave. Non so se questa visione fosse già presente durante le sue prime avventure da allenatore in Italia o se le esperienze con la Nazionale e con il Chelsea abbiano contribuito in ciò. È però vero che lui non si vede “solo” come guida tecnica, che allena i propri giocatori. Si vede come responsabile di un meccanismo più complesso, si sente il timoniere di un equipaggio di vogatori tutti diversi che devono però remare nella stessa direzione, allo stesso ritmo, e alla stessa intensità. Nel suo modo di concepire il mestiere di allenatore, è lui che pone gli obiettivi della squadra dove lavora. Gli obiettivi che pone sono altissimi. Conte fa uscire dalla comfort zone non solo i calciatori, ma pure la società, la presidenza, i dirigenti, tutti i componenti della squadra di cui si sente responsabile non solo tecnico, ma anche emotivo. Conte non ha criticato la dirigenza nel particolare. Ha fatto notare dove vuole che l’asticella sia messa. Poi ognuno lavora secondo le proprie competenze e, come dichiarato, Conte ha massima fiducia sia nella dirigenza che nella squadra.

Conte fa uscire dalla comfort zone non solo i calciatori, ma pure la società, la presidenza, i dirigenti, tutti i componenti della squadra di cui si sente responsabile non solo tecnico, ma anche emotivo.

Come è possibile proiettare questa interpretazione del Conte-pensiero sul campo da gioco? Ci sono due importanti messaggi da considerare. Per prima cosa, chiunque scenda in campo può e deve dare il massimo. Quindi, chi scenderà in campo? Le circostanze purtroppo ci costringono a rinunciare ad Asamoah, Politano, Sanchez, D’Ambrosio e, pare, anche a Sensi, che pare non aver ancora recuperato del tutto dall’infortunio muscolare patito contro la Juventus. Ci ritroviamo pertanto a dover schierare un centrocampo adattato più alle esigenze di infermeria che per controbattere e proporre gioco contro il Verona. Ivan Juric è uno dei pochi allenatori che propone un sistema di gioco definito. Il suo gioco propositivo sfrutta molto gli esterni (da buon allievo di Gasperini) e le triangolazioni e i quadrati che si vengono a formare con i centrocampisti e gli esterni di attacco. In questo modo, gli esterni avversari si trovano spesso in pressione e le mezz’ali in inferiorità numerica. In quelle posizioni avremo molto probabilmente Biraghi e Vecino da una parte, e Candreva e Barella dall’altra. Queste due coppie di calciatori dovranno essere molto attente a non farsi prendere di infilata nel gioco, e a non far arretrare troppo il baricentro in difesa. Questo del baricentro è un problema che si è presentato di frequente nelle ultime partite dell’Inter. Spesso per stanchezza, ci si è trovati ad arretrare il fulcro del gioco nei secondi tempi e, a causa di questo, abbiamo spesso subito goal. L’Hellas è squadra che pressa con la difesa alta e con due centrali di centrocampo – Amrabat, che si è inserito molto bene negli automatismi della squadra, e Veloso, uno dei fedeli di Juric – che sanno come ringhiare sui portatori di palla in mezzo. Per poi far ripartire l’azione velocemente, come detto, preferenzialmente verso i propri esterni. L’altra caratteristica principale dell’Hellas è la capacità di verticalizzare improvvisamente una volta entrati nella metà campo avversaria. Per fare questo sfruttano il lavoro tra le linee di Zaccagni o Verre (o entrambi, se decidono di giocare a una punta sola come è possibile succeda stasera). Questa posizione intermedia potrebbe essere un problema e può richiamare più o meno costantemente uno dei nostri centrali fuori posizione. Un aiuto dal centrocampo sarà molto utile per seguire i movimenti senza palla di questi due, e prevenire una superiorità in una zona pericolosa del campo.

Nel reparto offensivo sussistono al momento le differenze maggiori fra le due squadre. Dalla nostra parte, Lukaku e Lautaro hanno cominciato la stagione nel modo giusto, si stanno conoscendo sempre di più e stanno migliorando l’intesa partita dopo partita. Per questo, e per mancanza di alternative, saranno titolari anche oggi e saranno una spina nel fianco della difesa scaligera, sorprendente in positivo finora grazie alle buone prestazioni di Rrahmani e soprattutto del giovane Kumbulla, ma che potrà essere messa in grossa difficoltà dai nostri due centravanti. Dall’altra parte il Verona ha segnato un solo goal con gli attaccanti, peraltro con il “nostro” Eddie Salcedo la scorsa settimana. Stepinski, Di Carmine, Pazzini, Tutino, sono tutti ancora a secco. Questo da una parte ci dice che l’Hellas sa trovare goal dai centrocampisti, ma dall’altra ci indica un attacco con poche soluzioni e che può essere fermato dai nostri tre marcatori.

Verrebbe da pensare che, a causa del divario tecnico e tattico, e del fatto che si gioca in casa, non ci sia da preoccuparsi eccessivamente di questa sfida. Ma qui sta il secondo take-home message delle parole di Conte di questa settimana. Il primo segreto per vincere, è quello di non dare mai nulla per scontato con qualunque avversario, e tenere la tensione sempre al massimo, oltre il 100%. Questo assunto, sebbene banale in apparenza, viene portato da Conte alla massima potenza. Conte stesso riconosce che questo è uno sforzo mentale per pochi, soprattutto se tenuto per una intera stagione, allo stesso tempo richiede questo da parte di tutti quanti all’Inter, dal primo all’ultimo. In questo senso tornano in mente alcune partite, come la scorsa contro il Bologna, oppure contro il Brescia, gare che un altro anno avremmo perso, o mollato con la testa. In questo, sono confidente nel dire che queste evenienze accadranno il meno possibile. 

Come ultimo elemento prima di concludere questo pre-partita, ci prepariamo a una nuova sosta per le nazionali. Biraghi e Barella faranno parte del gruppo di Mancini, assieme a tanti altri nelle rispettive selezioni. Speriamo non si faccia male nessuno.

Forza Inter.

Avatar

Tzara

Nella vita ha cambiato città, Nazione, lavoro e amori ma l'Inter è sempre rimasta. Non ha molti desideri, ma se riavesse un centrocampo con Veron, Cambiasso Stankovic e Figo non si dispiacerebbe.

107 commenti

  • un amico mi ha fatto vedere un ferma immagine di dazn dove si vede il giocatore del verona con passo lungo, gamba dietro lasciata li’, piede che striscia e tuffo.
    quindi sarebbe simulazione.

    • La cazzata e di Handa che fa un uscita stupida, quando bastava chiudergli lo specchio, e poi come si posiziona ormai per parare i rigori gia’ da’ l,impressione di menefreghismo. Si pianta in mezzo alla porta come un palo.

  • Conte per lo scudetto subito venderebbe anche la madre.
    Sono con lui. Tre acquisti a gennaio, tre acquisti seri, e ci si prova fino all’ultima giornata.

  • Leggevo che Valeri ci ha arbitrato 28 volte, ci ha dato 11 rigori contro e 2 a favore. Una media riservata agli ultimi 4 posti in classifica credo. È sempre un piacere averlo.

    • Tanto che battezzo’ l’esordio di Strama sulla panca dell’Inter con 3 rigori contro a San Siro. Aspetto di sapere come la vede Romolete sti Mfami de arbitri romani , che ormai sono diventati una tribu’ e ci bastonano in continuazione.

  • un amico mi ha fatto vedere un ferma immagine di dazn dove si vede il giocatore del verona con passo lungo, gamba dietro lasciata li’, piede che striscia e tuffo.
    quindi sarebbe simulazione.

  • Il Napoli sembra davvero essere in crisi nera, speriamo invece che i cugini siano in ripresa e ci diano una mano, mi accontenterei di un pareggino.

    • Ric sarebbe fantastico se i cuginastri riuscissero a strappare un pari a casa dei ladri, ma siamo realisti, è davvero possibile?
      un mediocre in panchina, una squadra di mezzeseghe oltretutto aggravata da alcune assenze, una striscia negativa al Cessum che neanche l’Empoli di turno (ok, queste strisce sono fatte per essere interrotte, ma…) più il giocare contro i ladri in casa loro (dove vige un regolamento del tutto particolare e in pratica partono sempre da 1-0), con CR7 incazzato per la sostituzione in Champions e quindi voglioso di mettergliene un paio, coi ladri tutti a cui rode che gli siamo avanti e quindi vogliono risorpassarci, ecc.ecc.ecc.
      Certo, dovesse succedere… ma temo siamo al livello di atterraggio degli alieni in piazza duomo questa mattina 😉

        • non solo quest’anno Giacomo! 😉
          che mi dici delle ultime partite di Handa?

          • Ti dirò che quest’anno lo vedo meglio, finora almeno.
            Niente di che, eh, anche contro il Sassuolo o il Dortmund non è che abbia visto tutto sto portierone.
            E ieri il rigore è colpa sua che esce frettolosamente, fra l’altro sull’attaccante in posizione defilata con specchio della porta ridotto. Ma comunque il rigore per me non c’era.
            E considerando il lavoro che fa con i piedi – per me unico vero valore aggiunto di Handa a questo punto – devo dire che me lo faccio andare bene, non è facile trovare portieri così bravi a impostare. In serie A, ad esempio, ce ne sono pochissimi.
            Lo vedo anche più sveglio, a volte sembra dire qualche parola ai difensori, sempre niente di che ma meglio della stagione scorsa che per me è la sua peggiore in nerazzurro.

    • Pensa che i cugini merda tifano merda al cubo pur di non fare un favore a noi. Che mentecatti!

      • Bello. Così la zona retrocessione è dietro l’angolo e quella dopo hanno il Napoli. Sono soddisfazioni, eh, contenti loro… 🤗

    • io invece spero che la bjuve li asfalti perché un punto ai gobbi lo possiamo sempre recuperare 🐍

  • Grande partita grande pubblico che ha spinto la squadra avanti così !

    Ambarat ci ci co co un motorino niente male potrebbe fare comodo a centrocampo

  • È una rimonta di quelle dove i punti sono 3 ma valgono 6.
    Verona squadra maledetta, se sono in giornata e tu non dai il 100% non vinci.

    Diciamo che fisicamente non sembravamo proprio scoppiati, la testa e la voglia sono state determinanti. Che fatica.

    Avanti con la sosta di merda.

  • Bastoni Skriniar e DV è la nostra difesa
    Col rientro di Sensi e con Valentino che si conferma possiamo vedere un futuro roseo, aspettando Sanchez…Ma soprattutto il mercato di gennaio
    Dài dài dài…che gli stiamo attaccati agli zebedei!!!

    • a me pare che i ragazzi, il gruppo, tutto, stasera abbia mandato un messaggio forte e chiaro…ce la facciamo da soli, questo io ho percepito.

  • Comunque, per dirla alla Romolete. Valeri si e’ dimostrato il solito “fijo de da bona donna”. Ci ha fischiato tutto contro, incluso i cartellini.
    Domanda a chi e’ esperto di pescare statistiche. Ma ha mai fischiato un fallo a favore di Lukako in tutta la partita??????? Perche io lo vedevo sempre agganciato e trattenuto, ed i soli falli fischiati che ho visto erano contro di lui, quando riuschiva a liberarsi dagli abbracci.
    Sergente, sulla cazzada di Handa non c’e’ dubbio, Ma per il resto ha fatto il solito arbitraggio “Valeri ano” . Tutto asenso unico.

  • Cazzarola!!!
    Altra sudata con coronarie a rischio esplosione!!!
    Però abbiamo carattere da vendere, non ci sono santi!
    Sono d’accordo con chi dice che queste ammonizioni per la maglia sono da scemi. Ma che gol ha fatto Nicolò!!!!

  • poche parole in piena banalità post-partita 😉 :
    portata a casa coi denti, partita che gli anni scorsi non avremmo vinto (e magari avremmo perso con un gol del cazzo nel finale).
    stiamo attaccati ai ladri fino a natale, poi si vedrà (già domani i gonzi verranno asfaltati, come da manuale).
    prima di questo mini-ciclo avrei firmato per 4 vittorie e 1 pari, quindi bene così, molto bene così!

  • Dominio assoluto ma non la buttiamo dentro mai, partita stregata dove servirebbe la giocata di qualcuno

  • Per la prima volta dell’anno sono davvero demoralizzato.
    Se rallentiamo un altro po’ il ritmo, tanto vale giocarsela a calcio balilla.
    Non ho idea di come potremo segnare, magari continuando a creare mischioni in area prima o poi una va dentro.
    Forza e coraggio… e magari, volendo, anche un minimo di culo non guasterebbe.

  • Avremmo esaurito tutta la sfiga di questa partita nei primi 45 minuti?

  • É incredibile come un arbitro armato di fischietto e due cartellini.
    Possa trattenere un fiume in piena come l´Inter di stasera. Verona ha rischiato una sconfitta pesante ma, grazie al fischietto, riesce a andare in vantaggio, I ragazzi non ci stanno, pareggio del Vecino e raddoppio con un Eurogol di Nicoló, pubblico in estasi e tifose in delirio per i muscoli del giovanotto MVP. Siamo ancora primi “per una notte” dichiara sicura la Gazzetta, Ma io alla faccia del cazzo ho scommesso che domani I BBassotti vincono la GGiuve. Una nota di riguardo per la conferma del Casalasco DOC che a vent´anni domina con autoritá e sicurezza la sua zona di difesa, aiuta CC e attacca
    creando pericolo, oggi gli é mancato solo il gol (quasi), Faraón per caritá non voglio farti preoccupare ma, se Bastoni ottiene la fiducia che si merita…siamo una squadra di talenti veri, giovani e tecnici, siamo forti e per l´ennesima volta PRIMI anche se per una “piccola” notte. Buonanotte (appunto)
    PS: Romole, me raccomanno cor voto, senno taspetto dar “Checchino” cor capocollo de CasterGandolfo in mano…..ce semo……… 😂
    https://youtu.be/o5rdJf-jV9M

  • una cosa su handa, tecnicamente il
    rigore ci poteva stare, lui fa l errore che noi portieri abbiamo sempre fatto, alza la gamba di rientro, e li l arbitro fischia, sempre, ma lo tengo d occhio da un po’…e noto i riflessi.. per carità nulla di eclatante oggi, ma dobbiamo guardare oltre, ieri.

  • nsera, letto ora il post, vabbene, relax con shopping lo consiglio a tutti, mi piacerebbe magari da stasera disquisire solo del gioco, della partita, della tripletta di Lautaro…a me sto verona mi preoccupa da 1 a 10, zero, ottimismo e andiamo solo per i 3 punti.

  • 12 punti sopra il Napoli. A novembre. Me lo avessero detto scorsa stagione non ci avrei creduto.

    Ma che partita ha fatto il nostro Lukaku?!?!! Giocatore straordinario.

    • se posso, il Napoli si è rovinato da solo, hanno rotto un giocattolo, i 12 punti si spiegano in questo senso e noi a proposito di giocattoli rovinati abbiamo avuto esperienza.

    • Una buona partita condita anche da alcuni errori anche banali parere personale ma nemmeno tanto perché sulle tribune si mugugnava parecchio

    • Vero, l’anno scorso non era dispiaciuto, e con il Biraghi attuale
      meriterebbe una chances qualunque normodotato…

    • io, Biraghi gli è superiore in tecnica ed esperienza, oggi, Di Marco è un motorino ma non regge 90 minuti e non sa cosa sia la fase di non possesso, lo scorso anno, oggi non so, spezzo una lancia per Biraghi, ha sempre fatto il terzino o esterno basso classico…anche per lui quello che gli chiede l allenatore è tutto abbastanza nuovo e necessita di applicazione.

      • Concordo su Dimarco. E’ un gran talento nel senso che ha sicuramente un piede fuori dal comune, l’ha dimostrato molte volte. Purtroppo, ha anche dimostrato molte volte che ha un grossissimo problema di posizionamento in difesa. Quando c’e’ da correre e basta, ha grande tecnica, buon controllo, fa dei bei cross per non parlare dei calci di punizione, ma come senso della posizione in campo, come fondamentali difensivi siamo all’ABC e a quanto pare non ci sono margini di miglioramento. Onestamente in questo senso non vedo come possa scalare posizioni nelle rotazioni dietro ai calciatori di ruolo e anche agli altri esterni adattati a sinistra (come Candreva o D’Ambrosio).

        • ma ti ringrazio che concordi con me, si potrebbe lavorare su Di Marco ma oggi non è pronto per fare quello che si richiede all’ Inter..ha tecnica di base ma non è mai stato educato a svilupparla negli altri fondamentali.

    • Ma per carità. Se anche non lo avete mai visto guardatevi la sua storia. Biraghi almeno è un giocatore di calcio

  • Una vittoria così vale tantissimo. Una delle più importanti fin qui. Classica partita in cui gita tutto storto, fai una piciata e becchi gol, attacchi tutto il match, sbagli occasioni a raffica e poi magari becchi pure il secondo. In altri tempi sarebbe andata così. Ma oh, hai visto mai, stavolta no…For the times, they are a-changin’.

  • Ormai Handa sui rigori (una volta ne parava un fottìo) non si tuffa, si adagia…
    Poi l’ha provocato da pollo
    Peccato

    Oggi che vuoi dire? Squadra che in questo campionato può andare molto lontano…e la pausa casca a puntino

      • ma guardalo, è fresco, elegante, piedi educati, bello con un nome bello.

        • icardi e’ dimenticato. morto un papa fatto un altro.

          cosi’ e’ la vita. si puo’ cambiare tutto, anche la moglie, ma non la squadra del cuore

  • Veloso e Kumbulla non dovrebbero esserci.
    Non so quanto cambi, è solo cronaca.

  • Solo bravi, tutti quanti.
    7ima partita in 20gg, pronti via 0 a 1 contro la miglior difesa del campionato che si piazza con un 7-3-0.
    Arbitro indisponente, palla che danza sulla linea, non l’avremmo persa l’anno scorso, l’avremmo persa negli ultimi 9 anni.
    Bravi, mai così sulla strada giusta per diventare grandi dal 2010. Arriviamo!

  • Allora,sto Lazaro? Mi pare risorto e cammina pure!
    Non si può mai giudicare un giocatore per 2 spezzoni di partita.

    • Diciamo che oggi ha confermato di essere un buon giocatore e l’impressione che lascia è che abbia molti margini di crescita…..

      • Lazaro in fase di spinta ha confermato quanto di buono ha fatto la scorsa stagione. Ha un piede molto educato e sa come trattare la palla, questo e’ fuori di dubbio. Per dire, con la nazionale Austriaca gioca anche come esterno d’attacco in un 4-2-3-1. Resto in attesa di vederlo in una partita dove l’esterno avversario spinge molto ed e’ costretto a difendere, che e’ il suo problema di base (sul quale sicuramente sta lavorando per migliorare).

  • Altro dato da tenere in considerazione.
    Quanto pesa la Champions”. !!!!!!!!!!!
    Il Dortmund, dopo aver lasciato il sangue sul campo contro di noi, e’ stato asfaltato dal Bayern per 4 a 0.

  • mi ricollego al post…questa è l eccellenza, come dite? sono impazzita? no, questi ragazzi tutti non mollano mai, dopo un primo tempo annebbiato hanno trovato consapevolezza, hanno giocato e hanno vinto, meritatamente, la sofferenza fa parte dello sport come della vita, stasera non ci devono essere pagelle….gli si dice solo bravi e grazie….crediamo in questo gruppo possono benissimo farcela e camminare con le proprie gambe.

  • Comunque sentire i “commentatori” accostare il Verona all’Atalanta non ha senso. L’Atalanta gioca a segnare di più, il Verona a non prenderle, sino a oggi miglior difesa (con la Juve) e peggior attacco, quasi il contrario del Gasp, da 2 stagioni miglior attacco.
    Si parla solo per parlare, tanti capiscono una cippa e vengono (stra)pagati…

  • Stasera bene per i tre punti. E basta……ma va bene così, una partita brutta brutta……

      • Discreta ripresa…..primo tempo brutto……mi piacerebbe vedere un gioco piu spumeggiante……ma chi vince ha ragione…..continuo a pensare che manchi qualità…….ma va bene così finché si vince…..

  • Vittoria importantissima per come si era messa la partita, sembrava di quelle giornate maledette. Seconda rimonta in campionato, questo mostra che qualcosa è cambiato, ma la strada è ancora lunga.
    Questa sosta (non avrei mai pensato di dirlo) casca a fagiolo, abbiamo davvero bisogno di rifiatare.
    Grandissimo N’colo, amore mio, in quella che era la sua partita peggiore tra le ultime, trova il gol del fuoriclasse e toglie le castagne dal fuoco.
    Menzione d’onore per Bastoni e Lazaro.
    Skriniar leader vero.

  • C’erano tutti i presupposti perché finisse male…

    Dopo Dortmund, un rigore regalato al verona, la palla che non entrava mai…bene così!

  • Molto contento per questa vittoria. Non era facile, alla luce dello svantaggio e l’avversario chiuso.

    Una mole di occasioni pazzesca, a dimostrazione che il potenziale offensivo c’è e si vede.

    Io non capisco perché un calciatore che prende una ammonizione a partita, possa togliersi la maglia dopo un gol, bellissimo, per carità. Ma è stupido.

    Comunque bene così. Ora a riposo. Che alla ripresa serviranno forze fresche.

    • Andrebbero multati, poi quando arriva la squalifica ti mangi i suddetti…

      • Io multare chi ha inventato la regola dell’ammonizione se esulto togliendomi la maglia…e poi dopo un gol così…….mi posso togliere anche i pantaloncini…..

    • Anche se prende un’ammonizione all’anno , non dovrebbe farlo mai!!!!!!
      E’ un’abitudine totalmente idiotica tra i calciatori.
      Totalmente daccordo sulla mole di occasioni, solo che si pecca ancora nelle scelte dei tempi, sia sui tiri che i passaggi . Questa e’ una vittoria pesantissima
      anche perche’ il Verona ha la migliore difesa del campionato, e riuscire a ribaltarli non era assolutamente facile.

    • Ma ragazzi, ma non lo avete mai provato un momento del genere… bisogna viverlo, mica è tutto razionale, se la è tolta in un raptus di adrenalina, una botta pazzesca… poi si ok ci ragioni ecc ecc ma in quel momento non ragioni

      Regola inutile e oserei dire, gobba 😌

  • Barella top…. L’anno scorso non l’avremmo mai vinta. Ora ben venga la sosta

  • Con questo arbitraggio sara’ dura !!!!!!!!
    Lascia correre tutto pere loro aspettandi il fallicino dei nostri.
    L’ultimo che ha chiamato su Lukaku, dopo che era stato trattenuto e strattonato , e’ da fucilazione.

  • Per la prima volta dell’anno sono davvero demoralizzato.
    Se rallentiamo un altro po’ il ritmo, tanto vale giocarsela a calcio balilla.
    Non ho idea di come potremo segnare, magari continuando a creare mischioni in area prima o poi una va dentro.
    Forza e coraggio… e magari, volendo, anche un minimo di culo non guasterebbe.

  • sarebbe bello avere in Sanchez o un Sensi da buttare dentro per il gioco stretto

  • sarebbe bello avere in Sanchez o un Sensi da buttare dentro per il gioco stretto

  • sarebbe bello avere in Sanchez o un Sensi da buttare dentro per il gioco stretto

    • Sì, va bene tutte le attenuanti, però non si può neanche perdere in casa con il Verona. Speriamo che qualcuno si inventi qualcosa, io vedo solo Lautaro capace di portare lo scompiglio puntando gli avversari. Manca creatività…

    • Nel frattempo facciamo fare a Sanchez un corso su come ci si butta in area per ottenere un rigore…tipo quello su ronaldo e quello di poco fa su Zaccagni.

  • NChe poi vogliamo dirla un’altra cosa? La panchina corta è venuta fuori in maniera decisa per colpa di infortuni ai giocatori meno utilizzati, infortuni spesso causati da interventi fallosi e non sovraccarico.
    Sanchez fallo in amichevole (…)
    Politano fallo
    Lazaro muscolare ma aveva giocato poco niente
    Ranocchia….
    Dambrosio dito rotto minutaggio credo 50% max
    Vecino muscolare giocato poco niente
    Sensi muscolare giocato tanto
    Insomma mi fermo qui, non voglio parlare di piccolezze come il mal di schiena di Lukaku o l’affaticamento di De Vrij durati una settimana.
    Mi sembra che l’unico vero problema “causato” dall’andare a 1000 all’ora sia quello di Sensi peraltro non nuovo a queste cose (magari al Sassuolo andava 999 all’ora ma non ne parlava nessuno).
    Quindi un po siamo stati anche sfigati, coperta corta si ma perdere Sanchez per un amichevole o Dambro (che avrebbe potuto giocare a sx all’occorrenza) in momenti critici è anche colpa un po di Eupalla.
    E cmq siamo lì in campionato 6pt sulla Roma 7 Lazio e Atalanta e 11 Napoli.
    Ma perché siamo tutti cosi incazzati?

      • Ah si. Sono felice allora di non essermi suicidato con l’Hapoel Be’er Sheva, dovevo essere distratto.

  • Ognuno veda nelle parole del mister quello che preferisce. Chi non lo ha in simpatia, non gli perdona il passato o più semplicemente è da sempre iscritto al club dei maicuntent, ne sottolineerà l’inadeguata controproducenza. Gli ottimisti ne rimarcheranno il messaggio dell’ambizioso vincente che vuole riportare l’Inter dove gli compete. Succede, quando le parole sono interpretabili. Io boh…a me sembra di rivedere un film già visto in cui cambia l’interprete ma il copione continua a prevedere un mister che si lamenta del mercato e delle promesse inevase. E che usa i media e quindi l’ambiente per mettere pressione alla società. Ha fatto così anche Spalletti solo l’altroieri. Quell’accenno al decidere altro se si continuasse a vivacchiare però mal si concilia con un progetto triennale. Comunque basta. Testa al Verona.

  • Salcedo è ancora nostro?
    Perché Juric dice che si è comportato male quando era da noi ?

MVP INTER – MILAN

Twitter

Archivio