Bauscia Cafè

Le Paggelle de Romolete: Inter Parma 2-2

Disclamescion:
Queste sò e paggelle de Romolete er più famoso tifoso dell’Inter che porta er latte ai bar de Testaccio. Sò scritte ‘ndialetto romanesco indi per cui poscia sò bai definiscion political scorrect. Romolete Scrive quello che pensa e nun je rompete li cojoni che pe’ lui, romano de roma, li froci, i negri e i fijidenamignotta sò tutti amici, perché come diceva Metastasio dumila anni fa: “Roma è madre comune d’ogni persona, razza e religione e nel suo grembo accoglie ognun che brama farsi parte di lei.” Qui dentro nun ce trovate solo e paggelle, trovate de tutto, citazioni, proverbi, frasi famose e detti romani. Leggete piano che sennò ve s’encastra a lingua e nun ce capite ‘ncazzo!

Premessa

Er carcio è ‘no sport pe’ tutti ma solo i coraggiosi vincono perché ar core vile a forza nun basta! Pe’ sto motivo mezzo punto ‘nmeno a tutta la squadra!

Handanovic: 5,5 – Sì sì i gol nun sò corpa tua ma famo a capisse Handà, quann’ero rigazzino c’era ‘nportiere che se chiamava Schmaikol. Sto Schmaikol giocava ner Manchester e naa Danimarca più che ‘nportiere era ‘npazzo.

Devi sapè Handà che quanno vedeva li compagni sua girà a voto li pijava pe’ le recchie e li scartava come le Rossana. Poi si seguivano a fa li stronzi li pijava a pizze a due a due finché le pizze diventavano dispari. TWITTALO

Com’è che invece nun te vedo pialli a carci in culo i nostri? Perché a fà li stronzi li vedemo tutti che lo stanno affà, che a me fanno ride quelli che dicheno che sò stanchi, se giri ‘ndietro ‘npallone senza guardà nun sei stanco sei stronzo. Handà ennamo su sei er capitano te lo ridico n’artra vorta quello de svejà li compagni è un compito tuo! URLA!

Skriniar: 5,5 – A Biondo dopo na partita così oggi volano paduli ad artezza culo pe tutti e de comprensione nun ce n’è per nessuno. Ora me devi spiegà ner seconno go der parma che movimento hai fatto a karamò quanno ha passato la palla a bobmarley? Lì le cose sò due o te fionni su karamò e nun je permetti de passà la palla a nessuno, oppure rinculi e te metti in modo de contrastà bobmarley quanno j’arriva er pallone. Ma che ‘n’era giornata s’è visto subito quanno bobmarley te se ne è annato via come ‘nvespino modificato ar primo tempo. Ner seconno tempo, e questo vale pe’ tutti e tre i centrali, ve siete sperticati a portà palloni avanti, per poi però dalli ar vicino o a quello dietro, a biondo così so capaci tutti a giocà a pallone. Nun dico de arivà in porta ma provacce a sartà ‘ncentrocampista na vorta ogni tanto mica ve cascava er cazzo! A fortuna aiuta i coraggiosi e sputa ‘nfaccia ai timorosi!

Godin: 5 – Com’era quello spettacolo teatrale dell’ala inglese Beckham, no Buckingam, ah si Beckett Aspettanno Godin! Ecco amico mio noi t’aspettamo pure, perché la prima partita ce sembravi Ciarlis Teròn e anche se mo sembri più la Litizzetto la tua storia dice che sei ‘ncavallo de razza. Però sivvoi giocà titolare nell’Inter i gol li devì sarvà non li devi guardà e nun t’encazzà se er Mister te sostituisce se vai a dormì cor culo che te rode, te sveji cor dito che te puzza

Bastoni: 5,5 – ner seconno go stai fori posizione come un Puffo nella festa dei Marvel. Karamò nun è de certo er fregna portoghese e quanno t’ha fatto er tunnel, l’azione dopo lo devi sbranà pe faje capì che nun ce deve più provà! Ragazzì a serie A nun è solo chiacchiere e distintivo, ma anche e soprattutto rabbia e cattiveria, tirala fori sinnò te rimettemo dentro l’ovetto Kinder e te mannamo agiocà coi bambini…

Candreva: 6 – a Roma se dice che quanno te dice culo, poi buttatte pure d’an palazzo escheno fori i traslocatori cor materazzo. Er gol ‘nfonno nun è n’autogol e a Romolote nun ce lo freghi mica, che mica so cojone io, quello era il più classico dei tuoi cross solo che se li fai dar fonno sbatteno sur culo der difensore e vanno ‘ncarcio d’angolo se li fai dar limite dell’area sbatteno sempre sur culo der difensore e vanno ‘nporta. Comunque a te nun te posso dì ‘ncazzo er tuo l’hai fatto e pure ‘ngol, continua così

Gagliardini: 5,5 – pronti via triangolo co Lautaro e tiri ‘nporta, nun me sembrava vero de vedette così pimpante, poi però ner primo tempo nun sei riuscito a prenne ‘nmano er centrocampo pe’ dà ‘na mano a Brozo. Nun sei stato er peggio ma io nun riesco a capì ‘na cosa, perché ogni vorta che te danno a palla nun riesci a giratte subito? Prima de giratte stoppi er pallone, te lo vai a ripijà perché stoppi demmerda, poi te guardi ‘ntorno, poi riguardi ‘ndosta er pallone, poi si vedi che nun ce sta nessuno ner giro de dieci metri vai avanti e poi nove vorte su dieci alla fine, ridai er pallone indietro. Io davero divento matto a vedette fà sta cosa. Er carcio de oggi è velocità, tempi de reazione, intuizione, te porcaccio er monno c’hai er motore de ‘na ferari e vai sulla corsia delle panda in seconda e metti sta terza che nun sbatti mica!

Brozovic: 4,5 – l’ho già scritto e lo riscrivo, dà quella palla indietro senza guardà e dopo liscià quer pallone de testa a centrocampo, ‘npratica da urtimo omo, nun è roba de stanchezza fisica e mentale. Quella è roba da Alonzo. E chi è Alonzo me chiederete voi? Alonzo è n’amico mio der lavoro che quanno nun j’annava de fà le cose le faceva male e da stronzo. Allora Brozo ieri era giornata da Alonzo e dopo due stagioni e ‘npezzo ce sta pure che toppi ‘na partita. Er seconno tempo nun lo vojo neanche considerà che i Parmalesi se so accontentati der pareggio e Kulusesco t’ha mollato pure la museruola, ma anche lì nun hai fatto gnente de clamoroso. Triste pè noi è er fatto che se ‘no stronzo d’allenatore avversario decide de sacrificà uno quarsiasi dei suoi undici a far er cane da guardia da Brozo diventi Alonzo e a livello de gioco, senza Sensi, è finita l’Inter.

Barella: 6 – Co’ te se va sulle montagne russe, a vorte se vola a vorte se rallenta, certe vorte metti n’intensità che neanche si raccogli tutte le mignotte de Tor de Quinto, fai eccità così tanto li tifosi, poi però quanno nun concludi tutto er bono che fai sembra quanno te rendi conto che le mignotte de Tor de Quinto so tutte vecchie e babbione e te s’ammoscia tutto. Ma ce lo sò che nun sei te che devi costruì inventà e segnà tutt’insieme. Er tuo ruolo è er guastatore e quello lo fai da Dio, però ce lo sai che diceva er più grande negro de sempre, Nelson Mandela “Un Vincitore è un sognatore che non si è mai arreso.” tu de sicuro nun t’arendi, prova a sognà ogni tanto!

Biraghi: 5 – A Birà io nun vojo esse transcian, ma come diceva er grande allenatore Gino Cadrega: “due partite consecutive demmerda nun sono n’indizio ma sanno de sega”. Ora io nun faccio l’allenatore e nun sò nessuno, ma quello è popo er ruolo tuo, c’hai er fisico possente e sei giovane e forte come ‘na kossovara ingrifata. Tu su quella fascia devi fa er diavolo, te li devi magnà l’avversari, io te vojo vedè cor cazzo de fori che cerchi de dallo ‘ntesta a chiunque te s’avvicina! Vojo vedè er male ‘npersona! ‘nvece vedo ‘npischello intimorito che c’ha paura a fa ‘ndribling. Male male Birà così nun se fa strada, ner carcio ce vole coraggio! Ricordete sempre che mejo fasse ricordà come n’eroe morto ‘nguera che fasse vedè come ‘ncodardo a fà la spesa! …e ner carcio nun more nessuno!  

Lautaro: 5,5 – Ragazzì tu stai la pe’ fa go! Sillo fai, hai fatto er tuo si nun lo fai, manca quarcosa. Se te fanno fallo da rigore tu nun te fermà mai, perché questa è la serie A e l’AIA Associazione Italiana Anfamoni a noi nun ce regala ‘ncazzo. In tutto er monno è rigore quanno c’è fallo contro l’attaccante. Contro l’Inter è rigore solo se l’attaccante more durante er fallo. Tu quindi va sempre avanti cerca sempre er gol o l’assist e nun buttatte mai anche se hai ricevuto fallo. L’hai visto Sanchez? Rischi che oltre ar danno te danno pure er giallo.  

Lukaku: 5,5 – fossi io l’allenatore tu il resto degli allenamenti fino a fine staggione li passavi a fà li stop. Io nun bestemmio mai dalle 18:00 alle 20:00 di sabato, ma tu dopo ‘sta partita me fai annà a trovà San Pietro co’ la fedina penale de totòrriina, limortaccitua! Oh nun stamo a parlà de fà a rovesciata de Giorkaef, stamo a parlà de fermà ‘npallone de cuoio che pe’ come è fatto e quanto costa, se ferma da solo e te che chiede pure come stai! Arilimortaccitua! Daje Negrò questa nun è roba de maldeschiena questa è roba de cattiveria e nun è possibile che tu nun ce l’hai a cattiveria, nun è possibile e nun ce credo che er Mister prima de mannatte ‘ncampo te dice “me raccomanno Romelu nun prenne freddo, copriti a schiena ed evita de da’ na capocciata ar primo stronzo che cerca de levatte er pallone”. Anche perché er tifoso interista è stronzo, nun vede c’hai fatto 6 go in 9 partite e ar primo stop sbajato te fischia lo stesso!

Politano: 4,5 – Partiamo dar fatto che co’ te ammetto de esse limitato, ner senso che mi limiterò a mannatte affanculo. Er motivo è sempre quello, si giochi pe’ la squadra, poi fa settordicimila cazzate io ti sosterrò sempre come la mejo fregna der villaggio. Si giochi pe’ vince a partita da solo poi pijà l’autostrada delimejomortaccitua e metti pure er turbo che tanto te spengo tutti l’autovelox. Se poi ortre alla tattica ce mettemo pure che hai toccato dieci palloni, de cui cinque te l’hanno levati e l’artri cinque l’hai tirati sui piedi dei difensori potemo dì che er tuo apporto alla partita è stato come er Triaca nella Medicina. (questa ve la dovete gugolà da soli). Polità da retta a Romolete torna ma solo si giochi per la squadra sinnò sò solo vaffanculo come quelli già mannati a Candreva e Perisic all’epoca.

Esposito: 6 – Bambì j’hai levato quella palla de testa ar negro che t’avrei smontato le braccia e te c’avrei preso a pizze! Ma tu sei e fai esattamente quello che me piacerebbe facessero Biraghi e Bastoni. Si entrava quer tiro ar volo annavo a sonà le campane de San Pietro e svejavo er Santo Padre anche perché co l’urlo che m’hai fatto fà avevo già svejato tutta Testaccio. E ricorda sempre nun è importante si segni o sbagli è importante che ce provi perché tu er coraggio ce l’hai nelle mutanne e la prossima vorta nun annà dar Mister a dije si poi tirà er carcio de punizione, vai dar Polinano, daje na ginocchiata sui cojoni e pijate quer pallone e se te dice quarcose dije che sta cosa te l’ha insegnata Boninsegna. CBCPR (questa è pe’ pochi)

DeVrij: 6 – DeStima

Er Mister: 5,5 – A parlà dopo so boni tutti e se er mejo giocatore tuo te fa du’ cazzate enormi c’è poco da condannatte, ma anche tu la cazzata grossa l’hai fatta cor cambio de Politano pe’ Gagliardini. Va bene fa entrà Politano (Dio me furmini che l’ho scritto) ma che senso ha toglie Gagliardini, pe’ mette er nano sulla stessa fascia de Candreva? Leva a sarma de Biraghi e metti una delle du’ ali a sinistra no? Poi ascorta Romolete quanno finisce a partita fa come dicheno a Roma si nun c’hai ‘ncazzo da dì nun dì ‘ncazzo che fai più bella figura e rimboccate le maniche che cent’anni de pianti, nun pagheno un sòrdo de debiti. Un’urtima cosa Mister è giunta l’ora all’Inter che l’allenatore dice a li giocatori sui carci da fermo chi deve da tirà. Perché a me sta cosa che er carcio de punizione dar limite o tira chi subisce fallo me fa ‘ncazzà peggio de uno che guida ‘mbriaco. Voi tirà a punizione? Ok a tiri tu, ma se sbaji te strappo li cojoni li attacco a ‘nfilo e ce gioco alle palline clic clac. Che se vado a vedé quanti go su punizione diretta sò stati segnati nell’urtimi cinquant’anni e levi Platini Maradona Messi e la fregna portoghese lo dovrebbero vietà pe’ legge de tirà ‘nporta su punizione.

Bonus track.

L’Anfame: 0 – Dentro a ‘n firm de Liucbessò ce stavi perfetto come Victor l’eliminatore! Dopo er pari dei gobbidemmerda te c’hanno mannato cor silenziatore a ammazzacce. Tre rigori così netti che pure rocchi ha rosicato pe’ quanto sei stato ‘nfijodenamignotta. Manco lui era arivato a tanto. Er primo go der Parma co’ Bobmarley in forigioco, Er go de Lukaku cinque minuti solo pe’ cercà de trovà ancora Maicon ‘nforigioco a Siena, l’ammonizione a Barella pe’ svenimento del parmaleso, più tutta ‘na serie de porcate che hai fatto sbroccà no uno ma tutteddue li Mister. Nun c’è che dire davero ‘na prestazione de gran classe Anfamale. Io nun toccherei nessuno manco con un fiore ma se te pijavo dopo a partita t’avrei dato ‘n cazzotto ‘n petto che te mettevo li pormoni a tracolla e te ce scrivevo invicta!

Kulusesco: 7 – Er carcio umile, ma tanta tanta roba. Ausì consiglio d’amico, vedi de annà a trovallo a casa questo che è bono come er pane.

Avatar

Oldman

Il Maestro: a sei anni si è perso nel parterre di San Siro in un Inter-juve, a dodici la madre lo sventola vestito di nerazzurro in Curva Sud, a trenta va in metro a Roma vestito da Ronaldo, quello vero, a quaranta fa caroselli seminudo a Piazza del Popolo, a cinquanta guarda di nascosto l'Inter nel reparto di terapia intensiva cardiologica, da ricoverato. A sessanta conta di perdersi ancora, nel nuovo stadio di Milano.

MVP INTER – HELLAS VERONA

Twitter

Archivio