Bauscia Cafè

C’è tempo

Eccoci arrivare al giro di boa del secondo ciclo di sette partite in ventuno giorni. Quella di stasera sarà la prima di tre trasferte consecutive (Brescia e Bologna in Campionato e Dortmund in Champions) che affronteremo in questa settimana. 

Dicono che c’è un tempo per seminare 
e uno che hai voglia ad aspettare,
un tempo sognato che viene di notte 
e un altro di giorno teso 
come un lino a sventolare

Come arriviamo al secondo turno infrasettimanale di Campionato? Siamo nel momento in cui ci si guarda indietro, in uno di quei momenti in cui si fanno i conti con sé stessi, in cui si guardano i distacchi e si ripensa a come tante volte sia semplice complicarsi la vita. Ecco nell’ultimo turno casalingo contro il Parma ci siamo complicati la vita (non una novità per chi segue questi colori) ma siamo comunque riusciti a portare a casa un pareggio, nonostante la stanchezza manifestata nelle gambe e nella testa dei nostri. E se ci fermiamo un attimo per avere un momento in cui “noi due era meglio parlarci” scopriamo come le cose sono più semplici di quanto le immaginassimo. Facendo un primo bilancio vediamo come in queste nove giornate la squadra ha avuto tale ruolino di marcia (7V, 1N, 1P) andando, forse, oltre le aspettative di una buona parte di tifosi.

C’è un tempo negato e uno segreto,
un tempo distante che è roba degli altri,
un momento che era meglio partire 
e quella volta che noi due era meglio parlarci

Altri tifosi e la maggior parte della stampa, invece, vedono il passo falso contro il Parma come un’occasione di crescita persa, da non imputare alle fatiche europee. Soprattutto per loro questo deve essere il tempo del silenzio, nel quale riscoprire il valore stesso del silenzio e l’importanza di fermarsi e guardare le cose intorno. Vorrei ricordare a tal signori che non potendo vincere tutte le partite, è normale che squadre che girano attorno a 14/15 giocatori (alcuni dei quali fermi per infortunio) pecchino di lucidità in seguito ad impegni prolungati. Basti vedere come delle quattro italiane impegnate in Champions solo una sia riuscita a portare a casa la vittoria in Campionato, mentre le altre tre (quelle che in Europa hanno speso di più per portare a casa i 3 punti) si sono dovute accontentare di un pareggio.

C’è un tempo perfetto per fare silenzio
guardare il passaggio del sole d’estate
e saper raccontare ai nostri bambini quando
è l’ora muta delle fate

Per la quarta partita di fila dovrebbero scendere in campo gli stessi tredici/quattordici giocatori, i quali dovranno essere bravi a ritrovare quella lucidità venuta a mancare sabato pomeriggio. Non sarà facile poiché molti sono già a un livello notevole di “spremitura”. Handanovic e Skriniar sono gli stakanovisti del gruppo, non avendo saltato nemmeno un minuto (1080) tra Campionato e Champions; Brozovic è già a 1061 e, complice l’infortunio di Sensi, non ha ancora riposato in Campionato. Sopra i 700 minuti d’impiego troviamo anche Lukaku, De Vrij (il quale ha rifiatato un po’ contro il Parma dopo undici partite di fila), Asamoah (reduce da due panchine in Campionato dopo 800 minuti giocati in nove partite), Lautaro e Barella.

C’è un giorno che ci siamo perduti
come smarrire un anello in un prato
e c’era tutto un programma futuro
che non abbiamo avverato.
È tempo che sfugge, niente paura
che prima o poi ci riprende
perché c’è tempo, c’è tempo c’è tempo, c’è tempo
per questo mare infinito di gente

Ecco che allora sarà importante l’apporto delle cosiddette seconde linee. Fra tutti vorrei concentrare l’attenzione su Matteo Politano il quale, se chiamato in causa, dovrà dare delle risposte ben diverse da quelle date contro il Parma. Complice il sorpasso subito nelle gerarchie da parte di Esposito, il buon Matteo contro i ducali è sceso in campo con frenesia e con l’atteggiamento di chi pensa solo a sé stesso, portando così troppo nervosismo in campo. Dovesse ripetere questi comportamenti dubito che rivedrà il campo in futuro. Quindi caro Politano, testa bassa e pedalare.

Dio, è proprio tanto che piove
e da un anno non torno,
da mezz’ora sono qui arruffato
dentro una sala d’aspetto
di un tram che non viene;
non essere gelosa di me,
della mia vita,
non essere gelosa di me,
non essere mai gelosa di me

Chi invece pare essere ancora più staccato e ha necessità di pedalare per ridurre il gap con “il gruppo di testa” è Valentino Lazaro. Siamo ancora tutti in attesa di “qualcosa di buono” da parte dell’austriaco, il quale dovrà dimostrare il suo valore. Fosse anche soltanto per un attimo, ma che deve essere vissuto fino in fondo, senza pensare alla giocata successiva, seppure con la coscienza che ci saranno altri tempi duri, da voler dimenticare. 

C’è un tempo d’aspetto, come dicevo,
qualcosa di buono che verrà
un attimo fotografato, dipinto, segnato
e quello dopo perduto via
senza nemmeno voler sapere come sarebbe stata
la sua fotografia

Stasera è tempo in cui far tornare tutto al suo giusto posto, è tempo di tornare ai 3 punti e di portare a casa la 5ª vittoria esterna consecutiva. Ed un tempo così sarà “benedetto da molto lontano”. Ci troveremo di fronte un Brescia (reduce dalla sconfitta di Genova) che finora in casa ha raccolto un solo punto nelle tre partite giocate, quindi voglioso di regalare la prima gioia casalinga ai propri tifosi. Non sarà facile, ma è un compito alla nostra portata.

C’è un tempo bellissimo tutto sudato,
una stagione ribelle,
l’istante in cui scocca l’unica freccia
che arriva alla volta celeste
e trafigge le stelle,
è un giorno che tutta la gente
si tende la mano,
è il medesimo istante per tutti
che sarà benedetto, io credo
da molto lontano
è il tempo che è finalmente
o quando ci si capisce
un tempo in cui mi vedrai
accanto a te nuovamente
mano alla mano
che buffi saremo
se non ci avranno nemmeno
avvisato

L’attesa per il ritorno alla vittoria può trovare una risposta soltanto dove quella risposta si desideri e il desiderio, che è “l’unico motore che muove il mondo”, dovrà essere il sentimento portante con i quali i nostri dovranno scendere in campo. Perché è tramite il desiderio che avranno la certezza di quella benedizione di cui hanno bisogno per far fronte alle prime fatiche stagionali.

Dicono che c’è un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare, io dico che c’era un tempo sognato che bisognava sognare. twittalo

C’è tempo 
Ivano Fossati 
Lampo viaggiatore, 2003

Avatar

El Giuanín

Sono il Chief Games Officer di Bauscia Café. La prima partita vista dal vivo è stata un Perugia-Inter 2-1 del 1999 e da quel giorno ho capito che l’Inter andava piano, ma lontano. Walter Samuel e Maicon mi hanno lasciato un vuoto incolmabile.

120 commenti

  • Per me Conte ha ragione nella pratica, le sue richieste sono centrate.

    Solo mi stride il confronto col suo predecessore che con quello che gli davi faceva, ed aveva una rosa con mille problemi in più e molto meno qualitativa, e si intascava 7 milioni in meno all’anno.

    Chiedere rinforzi a fine Ottobre è da paraculo, soprattutto se lo fai davanti alla stampa, e non in sede privata.

    Ma si sa il calcio ed i tifosi premiano i paraculi.
    Ripeto nei fatti, se sa che c’è margine, ha anche ragione.

    • Francamente non ho capito dove stia il problema, dato che dice cose che bene o male le pensiamo tutti…

      “Mi è difficile – ammette – parlare della partita, che era la quarta in 9 giorni giocata praticamente dagli stessi. In questo modo aumenta il rischio di farsi male e sono preoccupato. Prendiamoci i tre punti e del resto non mi interessa. In certe partite bisogna vincere con la sofferenza.”

      • La rosa è stata considerata completa a inizio anno?
        Dipende dall’obiettivo.
        Ma mi pareva di si.

          • Ma per carità. Fa bene a pretendere.
            E noi facciamo bene a ricordarci che era quello che è impazzito perché non gli hanno preso Iturbe.

            Ma che senso ha, in emergenza tagliare completamente Politano, Lazaro, Valero e tanti altri? Ad Ottobre.
            Non a fine Dicembre a 2 settimane dal mercato.

    • Rispetto all’anno scorso è cambiato il contesto. Non c’è più il GA e il FPF è meno stringente.
      Non c’è dubbio che ieri sera abbia bocciato la panchina dopo che in quattro mesi di permanenza ha capito “certe situazioni “ che non poteva conoscere bene prima.
      Inoltre, se vuoi portare a casa dei risultati a gennaio è bene muoversi per tempo.

      • “Dopo 4 mesi ha capito la situazione”, per me, più che altro, di 4 mesi in 4 mesi chiederà sempre di più in fase di mercato.
        E da tifoso mi può anche andare bene.

        Ma allora non serviva un Conte sulla nostra panchina.
        Inoltre avrà anche capito la situazione dopo 4 mesi, ma nel frattempo ne ha potati mezza decina.

    • L’unico discrimine forse è che Conte sembri puntare al colpaccio già quest’anno

        • Il Napoli pare involuto, la Juve con Sarri puó essere un’incognita Nel lungo termine in quando “obbligata” a giocarsi tutti gli obbiettivi (pur dimostratasi superiore nel confronto diretto)..secondo me al campionato ci sta davvero pensando

          • Aggiungi Cristiano Ronaldo che va in ferie perché non gli va di sbattersi in viaggio fino a Lecce e commenta con “se fosse per me giocherei solo in Champions e con il Portogallo”.

            Non capisco la critica mossa a Conte: non è che siccome avevamo una rosa di merda l’anno scorso allora deve averla anche lui per punizione, eh

      • in questo caso allora lo capirei già di più.
        Ma se non parla chiaro, è paraculaggine.

  • A me sembra tutto abbastanza limpido: partendo da una situazione tecnicamente drammatica, abbiamo speso un 200 milioni per rifare discretamente l’11 iniziale. E quelli abbiamo oggi: 12-13 giocatori di buon livello.

    Il prossimo passo sarà allungare la rosa con pari livello, quello dopo ancora aggiungere dei campioni tra i titolari.

    Se qualcuno la vedeva diversamente, o si è convinto che fossimo una squadra già pronta al 100%, si è fatto fregare da certa retorica.

    “Non abbiamo aggiunto, abbiamo sostituito”. Lo si va dicendo da mesi. Questo è. Un passo alla volta

  • Non mi piace come il mister sta gestendo la cosa a livello mediatico. Esaltare troppo l’eroismo di chi va in campo porta come conseguenza l’umiliazione di chi sta in panchina giudicato evidentemente inadatto, e questo non va bene.
    Poi, da dietro le quinte è evidente che qualcosa che non va in parte della panchina ci deve essere, lo stesso Conte ha utilizzato alcuni giocatori con una certa continuita come alternative, Biraghi, Bastoni e ultimamente Esposito, non mi sembra che sia un pazzo che dice no a prescindere, ce li ha sotto il naso tutti i giorni e qualcosa non va in alcuni.
    Detto questo, ripeto, ripetere alle telecamere ogni santa volta che poveri 11 giocano sempre loro non fa che accanire commenti negativi da parte di tutta la stampa.

  • Concludendo? no, iniziando,
    che poi in vetta si sta bene, bella vista e ci si può anche riestare!
    Un invitino per per chi risica e rosica (-0,98%). 🥃 😁
    Buonanotte da (25)000 Ft.
    https://youtu.be/1Cde-99GoZ8

  • Vittoria importantissima, ma che lascia più preoccupazioni che altro. Sembra più una boccata d’ossigeno. La squadra è stremata e sulle corde, non ce la fa, e non si potrà andare avanti così, con Bologna e Dortmund alle porte. L’unico fresco sembra Candreva, ma se continua così non può durare. Onestamente non ho idea di come si possa andare avanti, il primo pensiero a fine partita è stato “la sosta è lontanissima”, cosa che non avrei mai pensato di pensare (chiedo venia per la ripetizione).
    Conte deve inserire le riserve, non si può fuggire.

    • Hai sentito la intervista post partita?

      4 partite in 9 giorni, e giocano sempre gli stessi.

      Non mi sembra abbia lasciato molto spazio per le interpretazioni.

      Credo lo abbia ripetuto tipo 15 volte, un paio ancora prima di salutare all’inizio gli intervistatori 🙂

      A gennaio altro repulisti, perché ha dichiarato che adesso che sono 4 mesi che allena e gli sono chiare, dall’interno, quelle situazioni che a giugno non poteva conoscere…

      Per me ne arrivano 4 (altra punta, altro esterno, un paio di centrocampisti) e se ne vanno in tanti, da Politano in giù, quelli che non vede proprio.

      Chi rimarrà di questi, di fatto comunque non esisterà.

      Penso verrà accontentato, specie se saremo ancora in gioco per qualcosa.

      • E io che ho detto? Non sto criticando la prestazione, sto esprimendo preoccupazione per il futuro. Non ho sentito l’intervista, la sto leggiucchiando. Ma non doveva essere Conte a dirmi che le riserve manco le vede. Lazaro, Borja, Politano, Vecino quando tornerà e tutti gli altri, devono giocare. Oggi DUE cambi, all’OTTANTESIMO suonato, con la squadra che non ha fiato. Non so come si possa andare avanti così, la prossima partita non è fra un mese, è fra 5 giorni (che sono oro), e poi c’è il Dortmund.

  • Su una cosa , non si puo’ che essere daccordo, il calendario riservato all’Inter dalla lega e’ “Infame’. Costretta agiocare 4 partite in 9 giorni , e 7 in 20.

  • Ma voo ricordate quando si diceva che l’inter queste squadre le doveva battere con le mani in tasca e le riserve?
    E che se non le batteva la colpa era dell’allenatore?
    Ecco, qualcuno sta dicendo di no.
    Quel qualcuno è l’attuale allenatore.

    • In serie A non puoi battere nessuno con le mani in tasca, specie se giochi ogni 3 giorni.
      L’anno scorso queste partite le perdevamo.

          • Ma dai su.
            Stiamo facendo una fatica del demonio, ed il mister che ha molta più qualita in rosa, ne chiede ancora ed ancora. La nostra Champions è la medesima. Conte ieri ha detto a gran voce, “queste partite le perderemo se non mi comprate altra qualità”. Fare il paragone con anno scorso in questi termini è disonesto. Perché allora guarda 2 anni fa e ti accorgi che potremo parlare solo a Marzo.

      • L’anno scorso queste partite le perdevamo.

        Perdonami ma frasi come queste, specialmente dopo una vittoria, dicono zero.
        Il senso del mio discorso era un altro.

    • Quindi sta confermando che se la squadra fa schifo la colpa non era di Spalletti? Breaking news.

  • Io sottolinerei che Lukaku ha fatto una gran partita, fa tutto cio’ per cui Conte lo ha voluto. E che gol ragazzi miei!

  • intanto siamo primi, leggendo i commenti…come deve fare l allenatore? come fanno tutti, ho sentito le parole di devrai a domanda come state, io sto bene, ci divertiamo e stimolante giocare, e per chi ha fatto calcio sa che sono sante parole veritiere…le segone mentali per me se le fanno i tifosi non certo i giocatori, notte buona.

  • Dato per scontato che il problema è fisico e non tecnico e che,di conseguenza, con il calcio di oggi non ti puoi permettere un calo fisico dopo 50 minuti altrimenti ti mette sotto anche il monza, mi sembra che la questione riguardi conte: è evidente che nn consideri i vari biraghi borja ranocchia lazaro di marco etc come giocatori a disposizione. Forse solo bastoni. Per forza la panchIna poi è corta se 4 sono fuori e gli altri nn esistono…

    • Onestamente, non riesco a dargli torto.

      Se preferisce spremere i soliti, piuttosto che usare “i vari biraghi borja ranocchia lazaro di marco”

      Non saremo oprimi altrimenti.

      Altro rischio che sollevava, se devo far giocare sempre i soliti, i soliti diventano ad alto rischio di infortunio e quindi si aggrava di più la situazione.

      Ha parlato esplicitamente di macchina portata molto a lungo oltre i giri massimi…

    • Biraghi gioca, anche da titolare.
      Dambrosio e Sensi, che erano 2 titolari (o co-titolari) sono i veri assenti, nelle rotazioni.
      Oltre a Sanchez, che cominciava a trovare spazio.
      Politano è stato “retrocesso”, Borja non c’è mai stato, Vecino è una riserva quanto Gagliardini, servirebbe per ruotare un po’.

    • ecco questa è una osservazione interessante, compreso Valentino Lazaro.

  • Vittoria ruvida e preziosa, gran pera di Romelu, bene cosi’, ma a Bologna
    questa partita non bastera’ per passare…

  • Non capisco questo improvviso ostracismo verso Politano, negli ultimi 20 minuti lo metterei sempre e comunque, e magari gli altri si riposerebbero un po’.
    Per il resto incasso i tre punti e faccio poco lo schizzinoso.
    Romelu gran gol, grazie.

    • No meglio Esposito. Ha più margini di crescita e questi spezzoni servono proprio a quello. In più, se c’è da battere una punizione, fa SICURAMENTE meglio. Di Sensi no ma di Politano si

      • Non so, Politano fino a poche gare portava freschezza e fantasia. Può fare più ruoli, specie negli spezzoni finali/
        Esposito lo aspetto con curiosità, il talento si intravede.

  • sei in vantaggio nel primo tempo e direi meritatamente, il Brescia è un cadavere che deambula, logico che ci sono anche i cadaveri che giocano in casa e logico mettere in preventivo, pronti e via, 10 minuti di pressione e tieni botta, così fan tutti, poi vai sul 2 a zero, fine delle trasmissioni, e invece no..rinculi, rinculano tutti, dagli attaccanti ai difensori, perdi palla, stop questi sconosciuti, e gli concedi metri e spazio…e andata bene, stasera.

    • Ohe’, hanno segnato su autogol di ginocchio eh, se no erano a zero reti. E tanto per ricordare, i gobbi hanno patito quanto noi ma con zero km nel motore

      • noi il primo gol come lo abbiamo segnato? no, chiedo.. Non sto parlando di segnature, sto parlando di atteggiamento.

        • Tirando in porta.
          Si narra che sia necessario, non sempre hai il culo che una respinta del portiere colpisce il ginocchio di un Tuo giocatore. E va nella tua porta. Perché il tiro di Lautaro senza deviazione era diretto comunque in porta. Poi forse lo parava. Ma in porta era. Senza il rimpallo COL CAZZO che quel pallone entrava nella nostra porta. Ma le partite le vedi alla tele o alla radio?

          • anche quello del Brescia era un tiro in porta, dai Tiziano che hai capito quello che ho scritto, il risultato ci premia ma c è molto da rivedere, risparmiati le polemiche, vedo la partita come la vedi tu.

            • No. Il tiro di Bisoli è PRATO da Handa che respinge. Il pallone colpisce il ginocchio di Skriniar se no COL CAZZO che entrava in porta. Il tiro di Lautaro era nello specchio. Così è, che ti piaccia o no. E fuori casa NESSUNA squadra, neanche i gobbi, impone il gioco per tutta la partita. Nessuna. Neanche il Liverpool contro l’ultima in classifica, per citare il calcio inglese. È sempre così. È il bello del calcio

              • calmati, io non ho mai scritto che l Inter debba imporre il gioco per 90 minuti, non sono matta, ho scritto che se sei 2 a zero con il Brescia per me sono finite le trasmissioni…le partite vanno anche gestite, i momenti pure, la squadra deve imparare in primis questo per andare avanti.

  • A me sembra che tutti ci si stracci le vesti perché manca SS12, giustamente per carità perché si è dimostrato un grande, ma il problema principale per il quale ultimamente prendiamo PARECCHI gol in più rispetto a prima ha un nome. D’Ambrosio. Perché la tenuta della difesa a 3 si basa sull’ecletticita’ degli esterni e quando mancano Asa o Danilo, o peggio ancora tutti e due, vedi come ballano la giga i tre di mezzo. Ma tanti si sono fissati che Dambro è scarso.
    Certo.
    Trovatene uno in serie A che se la barra con lui.
    Se penso che al suo posto poteva esserci l’erede di Roberto Carlos, col cazzo che saremmo arrivati in CL!
    Speriamo piuttosto che rientri alla svelta, dato che è l’ UNICO che, quando c’è da dare un colpo dato bene, lo sa fare

    • siamo arrivati in champions…abbiamo 3 centrali che giocherebbe titolari in qualsiasi squadra europea, ci mancano gli equilibri? li cambi gli equilibri, se manca d ambrosio? vabbè opinioni rispettabili ma sempre opinioni.

    • Mi sbaglio, vado a memoria, ma le cose anche a livello di risultati e di goal subite, sono peggiorate nettamente PROPRIO da quando si è fatto male?
      Per quanto non sia il mio idolo, mi sa che ha un peso specifico molto importante nei nostri equilibri.

      • sicuramente un paio di respinte sulla linea le avrebbe fatte!
        Scherzi a parte, ci rendiamo conto di quanto sia importante la sua diligenza tattica

      • ecco forse dipende dal gioco che è costretto a fare, si muove sembra di gesso, non è certo bello da vedere, magari utile ma non certo bello.

    • Eh si tutti geni a scrivere. Tutti con due palloni d’oro in bacheca. Bravo Luca ogni tanto va ricordato

  • Va bene così. Non è vero che siamo fortunati, se fossimo fortunati non dovremmo correre dietro gli avversari fino al 94esimo perché un autogol di ginocchio lì rimette in corsa e ridà fiato a loro (che han giocato 7gg fa) e ne leva a noi (che già ne abbiamo poco).
    Poi il Brescia non ha rubato nulla e nel secondo tempo se l’è giocata, ma fortunati è un’altra cosa.

    • Hanno giocato sabato come noi, e siamo stati estremamente fortunati, per tutti i 94 minuti

      • Ah si per sabato hai ragione, per la fortuna la vediamo troppo diversamente, non importa.

  • Mah… sofferenza fino a certo punto… io ero piuttosto tranquillo sul divano…

    Invece ho visto piuttosto agitati e sofferenti i telecronisti, con picchi di pathos e di vocine acute le rare volte in cui il Brescia ha fatto qualcosa di vagamente pericoloso…
    Dispiace per loro, ma invece no 🙂

    Nessun reale enorme rischio, nessun pareggio del Brescia. Ritentare.

    Più che sofferta, direi dispendiosa, come partita e vittoria,

    • I telecronisti italiani non lo so, ho smesso da anni con il calcio a pagamento (pubblicità progresso)…Sul dispendio concordo: non sappiamo gestire le gare. O si corre a tutta o si corre a tutta. Appena stacchiamo addio. Così a primavera non ci arriviamo.

  • Biraghi, Esposito, più che dei cambi un messaggio a Marotta. Brozo ha la lingua di fuori, non è una bella notizia a fine Ottobre. Per la fase difensiva, più che Dambro manca Sensi, che non siamo minimamente in grado di gestire le fasi della gara con un possesso di qualità. Dopodichè, tre punti e provvisoriamente in testa al torneo, stiamoci che c’è di peggio.

  • Sofferenza è già stato detto? 😀
    Le partite ogni tre giorni stanno prosciugando le energie della squadra.
    Vecino e sensi Tornate o sarà il dramma

  • che sofferenza, il secondo tempo in completa balia del Brescia, non del Barca, del Brescia. Tanta ma tanta fortuna per questi 3 punti

  • Mamma che sofferenza. Ora un giorno in più di riposo con la speranza che sabato possa rientrare qualcuno.

      • Hai fatto bene. Ti sei risparmiato il fegato… per lui in diretta ci saranno stati almeno 4 rigori contro. Tocca di mano godin.. mano di gagliardini… mano… mano… Per me era avvolto da una bandiera del brescia… o meglio ha tutte le bandiere di quelli che giocano contro di noi. Mi fa schifo

        • Dopo il mondiale del 2006 si è autoconvinto di essere Nando Martellini e invece è diventato la caricatura di se stesso.
          Imbarazzante!

  • statico, na roba brutta, una carriera buttata nel water come tutti i pupilli del raiola, Ibra a parte ma altra testa, bene così, senza farsi prendere dall’ ansia, forza ragazzi.

  • Ogni tanto una botta di culo ,mannaggia se Lautaro riuscisse a gestire l’impeto che spesso lo porta a commettere fallo

  • mamma mia che brutta partita, come si sente la mancanza la davanti di un fraseggio veloce negli spazi stretti, quello che ne Gaglia ne Lukaku sono in grado di fare

  • Partita scomoda, qui la rube e’ passata a fatica e di misura, fondamentale avere l’olandese (per cui stravedo)… goal di Mario scontato…

  • Brozo vs Tonali questa sera.
    Il presente che incontra il futuro?

    Per Marietto un pò mi dispiace, a Milano si giocava scudetti e Champions.
    Ora a Brescia lotta per non retrocedere.
    Una carriera al contrario.

    • Io,Mario,lo chiamo “mezzocervello”!
      Che carriera buttata nel cesso!
      Ma stasera una la mette😉

    • Lotta… Mario che a Brescia lotta… me lo immagino…
      C’è. tutto qui.

      Ah, e stasera dobbiamo farne 4, tanto non vuoi che almeno due non li metta, Mario, contro di noi? Non è nemmeno quotato, immagino.

  • A quanto lo mettono il ritorno al gol in serie A di Mario? Perché succederà, lo sappiamo…

  • errata corrige, 6 centrocampisti ho dimenticato il valero, che magari una 50 minuti di autonomia li avrebbe anche.

  • scusate, noi abbiamo una rosa di 23 giocatori portieri esclusi, 5 difensori centrali 6 esterni 5 centrocampisti e 6 attaccanti se consideriamo politano una punta…e’ vero oggi abbiamo qualche defezione ma a parte sanchez nessun infortunio grave e a breve rientreranno tutti quindi non vedo emergenze insormontabili….poi se parliamo di assoluta qualità e chiaro che non sono tutti e 23 dello stesso livello ma l allenatore ne era consapevole.. e i nuovi, tutti a parte barella che era già in programma, sono arrivati grazie al suo assenso.. Non si muove foglia ad Appiano che l allenatore non voglia.

    • Sono d’accordo, Gagliardini, Vecino e Valero sono più o meno delle merde ma non si scopre mica oggi, e per battere il Parma/Brescia/Bologna di turno dovrebbero bastare, se Conte voleva qualcos’altro ci doveva pensare prima.
      Però apprezzo il fatto che siano girate molto le balle dopo la partita di sabato, le sue parole in conferenza mi sembrano dettate dalla rabbia. E se poi servono per avere qualche rinforzo a gennaio ancora meglio.
      Certo, gennaio è ancora lontano.

      • io penso che a gennaio sia più difficile muovere i giocatori, quelli che fanno la differenza, quindi per prendere tanto per fare numero ma anche no…a meno che non si sia agli ottavi champions…allora un investimento pesante va fatto..a tutti i costi.

        • Il mercato di gennaio è più arido, come ha detto Marotta, ma per me qualche esubero da una big si trova

          • si ma li paghi di più proprio perché è gennaio e si chiama mercato di riparazione…se non passiamo il turno meglio che i soldi vadano investiti in estate.

            • Beh, ma puoi beccare qualche prestito, qualche occasione, qualcuno scontento e fuori rosa..

              • 2 sono gli “scontenti” che poi ci credo poco…i nomi che circolano rakitic e vidal…e tutti e 2 si lamentano di non giocare, indi verrebbero a fare i titolari…chi togli oggi? sensi e barella sono intoccabili, resta brozo…se si accontenta della panca per più partite allora ben venga rakitic, per me.

  • Stasera è tosta, ci vorrà l’elmetto e tanta ma tanta pazienza.

    Spero nella voglia di rivalsa di Brozo

  • Questo format musicale è intrigante, potreste essere costretti a riproporlo ogni volta, vi state mettendo nei guai, sappiatelo!
    Piccola nota: ma il desiderio di portare a casa i 3 punti, non scaturisce anche da una sanissma rabbia derivata dal pareggio di sabato? Sì, perché c’è tempo, è vero, ma sapete che è successo al signor Tranquillo…

    • E pensare che con Python non ci siamo nemmeno messi d’accordo per farlo. Son venuti e basta. Sono lieto che ti sia garbato!

  • “…è normale che squadre che girano attorno a 14/15 giocatori (alcuni dei
    quali fermi per infortunio) pecchino di lucidità in seguito ad impegni
    prolungati.” La mia modestissima critica sta proprio qui. E’ possibile avere una panchina cosi corta dopo una campagna acquisti da 200 milioni? Non sarà che le tanto osannate cessioni in prestito gratuito dei tre fuori progetto siano state un grave errore?

    • Non solo è possibile, ma è inevitabile. Per due motivi molto semplici che, appena abbandoniamo la retorica da “una campagna acquisti da 200 milioni” diventano chiarissimi a chiunque:
      1) 200 milioni nel mercato di oggi sono una cifra che porta all’arrivo di 4 o al massimo 5 buoni giocatori, non di una rosa intera né di fuoriclasse assoluti
      2) Se la base di partenza è composta da onesti mestieranti e poco altro, la conseguenza del punto 1 è -appunto- una panchina corta

      A questo aggiungo che i tre erano fuori progetto per ragioni ben precise, non perché erano stati sorteggiati col bussolotto. E di questi tre, peraltro, due hanno ammesso candidamente che il loro tempo qui era finito.
      Un altro invece ha alzato il circo, e continua ancora oggi a fare danni generando pensieri come questo

      • Aggiungo che “le tanto osannate cessioni in prestito gratuito dei tre fuori progetto” (osannate da chi poi mi chiedo), hanno liberato a bilancio una ventina di milioni.
        Soldi che di fatto hanno finanziato parte del mercato.

      • Aggiungo che “le tanto osannate cessioni in prestito gratuito dei tre fuori progetto” (osannate da chi poi mi chiedo), hanno liberato a bilancio una ventina di milioni.
        Soldi che di fatto hanno finanziato parte del mercato.

        • in generale la tifoseria le ha accolte con entusiasmo. se 200 milioni non sono tanti, 20 sono una miseria.

          • Questo perchè probabilmente non hai idea della differenza che c’è tra campagna acquisti (200milioni) e peso a bilancio di determinate voci (20milioni).

            I 20 milioni risparmiati in questo bilancio per i mancati pagamenti degli stipendi lordi di icardi perisic e in parte del ninja hanno finanziato buona parte del mercato.

            Per fare due esempi:
            Barella è costato 40 milioni, ma a bilancio vanno 13milioni.
            Sensi è costato 25 milioni. A bilancio 9 milioni.

            Di fatto per tenere tre giocatori mal sopportati e fuori dal progetto avremmo dovuto rinunciare ai due fuoriclasse italiani.

  • bel post ma continuo a pensare che la stanchezza c entri poco e pure il fatto che giochino gli stessi…non siamo a marzo e tutto sommato le squadre incontrate ad oggi non erano impossibili in campionato…le 2 che hanno giocato la el se la sono cavata bene direi e una delle 2 ha 12 titolari ai box…a mio avviso con il Parma ci sono stati errori tattici, cmq si dice anche chi ha tempo non aspetti tempo, forza INTER.

    • Beh bene…la Lazio l’ha vinta per un errore arbitrale di segno opposto a quelli subiti da noi, la Roma giocava contro una squadra di livello più basso di Parma e Fiorentina (e comunque non aveva vinto in EL, seppure anche lì per uno scandalo). Così come l’Atalanta, che in CL non ha avuto certamente la partita avuta dalle altre tre.

      Poi che ci siano stati errori con il Parma è chiaro, ma io continuo a pensare a un secondo tempo dominato e un primo giocato maluccio ma subendo gol su due tiri arrivati da due errori tecnici.

      • si ma il mio concetto verteva sulla stanchezza e appunto una squadra stanca o sulle gambe non corre meglio nel secondo tempo, poi posso credere ad una stanchezza mentale ma questo è un altro fattore e sopratutto credo all’ ansia di prestazione, keep calm.

MVP LUDOGORETS – INTER

Twitter

Archivio