Quiero verte otra vez

È una milonga, è un tango, è un passo argentino, che lega Buenos Aires a Milano!
Francesco Repice, 22/05/2010

Svegliarsi di soprassalto sei anni dopo, e scoprirsi improvvisamente più soli.

Le ‘solite’ celebrazioni per la Giornata della Gloria Interista, quest’anno, hanno avuto un sapore completamente diverso. Più triste, ma allo stesso tempo più orgoglioso. Ero andato a letto la sera prima con immagini provenienti dall’altra parte del mondo, da Avellaneda per la precisione. Allo stadio Juan Domingo Perón -el Cilindro- il Racing celebrava l’ultima partita del “gran capitán“: el Principe de Bernal, Diego Alberto Milito, ha dato l’addio al calcio.

Milito

Come si fa a spiegare chi è stato Diego Milito? A chi lo ha vissuto di più, a chi meno, a chi ricorda ogni gol e a chi -dopo sei anni- ha visto solo i video, come si fa? Da dove si inizia, dove si trovano le parole?

Forse parole non ce ne sono. Diego Milito è stato, semplicemente, il più decisivo attaccante della storia dell’Inter. Sicuramente non il più forte, forse non il più vincente, di certo non il più amato o il più ammirato o il più attaccato alla maglia. Ma il più decisivo, quello sì, senza nessun dubbio.

Roma 5 maggio, Siena 16 maggio, Madrid 22 maggio: nel 2010, 18 giorni che hanno squarciato la storia del calcio italiano. 18 giorni da leggenda, 18 giorni che mai nessuno prima o dopo ha vissuto. Tre finali, tre titoli in bilico fino all’ultimo secondo, tre partite decisive. Potevamo essere tutto o niente. Tre volte la firma di Diego Alberto Milito, e siamo stati tutto.

Anzi quattro volte, perché non poteva essere tutto così lineare, perché il 22 maggio lui, l’eterno 22, doveva metterla 2 volte.

Arrivato esattamente un anno prima dal Genoa, il 20 maggio 2009 l’annuncio di Preziosi, aveva già 30 anni Milito: una carriera inspiegabilmente da sottovalutato. Il debutto a casa sua, nel Racing, poi due anni in Serie B a Genova dove finisce secondo nella classifica cannonieri dietro Gionatha Spinesi (!). La retrocessione in C1 del Genoa lo porta in Spagna al Real Saragozza, che Milito con i suoi gol trascina prima in finale di Coppa del Re eliminando Barcellona e Real Madrid (segnando 4 gol in una partita al Real) e poi alla qualificazione in Coppa UEFA, finendo ancora secondo nella classifica marcatori, stavolta dietro Van Nistelrooy. A quel punto il Genoa ritorna in Serie A e va di nuovo a prendersi Milito, perché lui è così: magari da lontano sembra avere un profilo basso, ma chi l’ha visto da vicino non vuole lasciarselo più scappare. Torna in Italia e, manco a dirlo, finisce di nuovo secondo per gol segnati: stavolta davanti a lui c’è Zlatan Ibrahimovic.

Racing Club, Genoa, Real Saragozza, ancora Genoa, 30 anni: bravo, certo. Ma voi davvero investireste su uno così?

L’Inter sì. Si muove in anticipo, larghissimo anticipo, e prima che finisca maggio annuncia già i primi due acquisti: dal Genoa arrivano Thiago Motta e, appunto, Diego Milito. 25 gol Ibrahimovic, 24 lui, sulla carta una coppia da sogno. “All’Inter serve una punta più mobile”, “Ibrahimovic dovrà sacrificarsi per Milito”. Forse era vero, forse no: non lo sapremo mai, perché lo svedese quello stesso anno fa le valigie per andare a vincere la Champions (cit) a Barcellona, e con Milito non giocherà mai. Al suo posto, la “punta mobile”: Samuel Eto’o. Si compone una coppia che devasterà le difese d’Italia e d’Europa, anche se ci metterà un po’ ad ingranare.

Il primo gol di Milito, insieme a due assist, arriva il 29 agosto alla terza partita ufficiale in uno bugiardo 0-4 contro il Milan. Bugiardo nel senso che potevamo fargliene serenamente il doppio.

Ma è in Champions che il Principe, chiamato così da sempre per la pazzesca somiglianza con Francescoli, deve scrivere la storia, ed è in Champions che mette in chiaro come staranno le cose.

Dopo 3 pareggi nelle prime 3 partite, all’85’ della quarta giornata l’Inter è sotto di un gol a Kiev. Ultima nel girone e con la prospettiva di una partita ancora da giocare con il Barcellona: virtualmente fuori da tutto. Ancora un assalto mancato all’Europa che conta, è già quello il pensiero di tutti e il titolo del giorno dopo su ogni giornale. All’86’ però suona la carica il Principe, e all’89’ Sneijder porta a casa i tre punti.

Sarà questa la nostra Champions: una missione impossibile davanti e un gol del Principe a sistemare le cose, una missione impossibile davanti e un gol del Principe a sistemare le cose. Tocca a tutti: il Chelsea di Ancelotti agli ottavi, il CSKA Mosca ai quarti, ancora il Barcellona in semifinale, infine il Bayern, due volte, in finale. Nessuno passa indenne davanti a Diego Milito. Una sola finta, sempre la stessa, con la quale potrebbe andare avanti all’infinito e continuare a superare qualsiasi difensore gli si pari di fronte. Una sola conclusione, sempre la stessa: in rete.

Potrebbe andare avanti così per decenni: lui che fa questa finta, e i difensori che lo perdono. Tutti.

Potrebbe andare avanti così per decenni: lui che fa questa finta, e i difensori che lo perdono. Tutti.

Eppure ci ha provato Diego, lui ci ha provato davvero, me lo ricordo, a far segnare qualcun altro in quella finale: ci ha provato con Sneijder, ci ha provato con Pandev, ma niente niente niente. Niente e nessuno poteva scrivere la storia di quella partita se non lui, niente e nessuno doveva timbrare quei trionfi se non lui. Era arrivato da buon giocatore, fa una stagione da fenomeno assoluto ed è tutto e solo merito suo, della sua intelligenza tattica, dei suoi piedi, delle sue finte.

Che sia Inter, Saragozza o Genoa per lui non cambia, siano la Champions, la Liga o la Serie B non fa differenza: Diego Milito c’è sempre, con lui gioca meglio chiunque, dare la palla a lui è come metterla in rete. Come si fa a spiegare chi era Milito, come si fa a raccontare cosa voleva dire vedere la palla tra i suoi piedi, fosse anche sulla trequarti da solo con cinque avversari intorno?

Il Principe è eleganza e semplicità messe su un campo di calcio, lui è un professore del football, non c’è un altro modo per definirlo: sempre il movimento giusto, sempre al posto giusto, sempre col tempo giusto. Non sbaglia mai un passo, e per quelli come lui l’età non conta. Le stagioni successive passano quasi in sordina, quasi vengono nascoste dall’abbagliante 2010. “Ha avuto tanti infortuni” sentirete dire in giro. Ed è vero, è verissimo, al punto che contro il Cluj in Europa League si teme addirittura per la sua carriera. Ma oltre agli infortuni, cosa c’è stato?

Dei soli 8 gol realizzati nel 2010/11, se ne registrano uno nella semifinale della Coppa del Mondo per Club e uno nella finale di Coppa Italia vinta a Roma contro il Palermo, tanto per non perdere l’abitudine alle sfide decisive. La stagione successiva è quella del record personale in nerazzurro: 24 gol in campionato tra i quali spiccano i 4 gol in una sola partita, contro il Palermo, e la tripletta al Milan, terzo giocatore nella storia a fare una tripletta nel derby (tutti interisti gli altri: Amadei e Nyers). Poi iniziano gli infortuni, sì, ma non prima di diventare il primo a segnare una doppietta allo Juventus Stadium e, con quella, a siglare la prima sconfitta della Juventus nel nuovo stadio. Gol leggeri mai, al Principe non sono mai piaciuti, lui si scomoda solo quando c’è da scrivere la storia.

Ah già, a proposito di storia: torna a casa, al Racing, e porta l’Academia a vincere il campionato dopo un’attesa lunga 13 anni. L’ultima vittoria? Nel 2001. Indovinate chi c’era al centro dell’attacco anche in quella stagione?

Troppo facile la risposta, sì. Con Diego Milito è sempre tutto troppo facile, lui è una scommessa sicura. Non è mai stato interista, no, queste frottole non fanno per lui: si è sentito amato ed ha amato questi colori, ha dato tutto per noi, ricorda con orgoglio e con amore i nostri trionfi insieme a lui. Ma la sua casa è sempre stata Avellaneda e non ne ha mai fatto mistero. Ed è l’Academia che lo ha trattato come un Re stavolta, nell’ultimo giorno della sua carriera. Un rigore segnato per mettere dentro il gol numero 22, una ovazione al minuto 22, una festa infinita e le inevitabili lacrime finali. I suoi tifosi sono impazziti: “non lasciarci ancora Diego, non siamo pronti”.

Nessuno è mai stato pronto a salutarlo, è questa la verità. L’unico pronto al momento giusto è sempre stato lui.

Milito-17-630x415

E’ la notte del 21 maggio 2016, il Principe di Bernal appende gli scarpini al chiodo e torna a casa dalla sua famiglia e da Morena, l’ultima nata solo pochissime ore prima. Si mette a dormire con i ricordi freschissimi della serata in cui è stato celebrato come merita, e il giorno dopo si sveglia. E’ la mattina del 22 maggio 2016.

Sei anni dopo, Principe, noi continuiamo a ricordarti con un enorme nodo in gola. Continuiamo a rivedere i tuoi gol e a sentire i racconti di quel giorno. Continuiamo a rivivere ogni minuto trascorso insieme a te.

E’ stato un onore immenso, Diego.
Stai pur certo che non ti dimenticheremo mai.

Gracias, Diego Milito.

File 23-05-16, 00 27 11

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.

75 commenti

  1. Sto piangendo come un bambino, lacrime di gioia per tutto quello che è stato per un interista questo giocatore.
    Grazie Diego, la tua maglia numero 22 occuperà sempre un posto speciale nel mio cuore.

  2. Da me sicuramente è stato l’attaccante più amato, perfino di più di Hernan “Sansone” Crespo, e quando in tanti lo criticavano dopo il 2010 per le parole dopo la finale e il rendimento che non era più lo stesso di quell’anno di grazia, io lo ho sempre aspettato e lui non mi ha mai deluso.

    Non sono mai riuscito a comprare la sua maglia, quasi volessi esorcizzare ed allontanare il momento del suo inevitabile distacco.

    Ieri, mentre rivedevo i video della finale e pensavo alla perfetta coincidenza dell’anniversario di quella partita e del suo numero a stento ho trattenuto la commozione, sentimento a me piuttosto alieno. Mi sento un po’ più vecchio oggi, sapendo che racconterò agli Interisti di domani la Leggenda di Diego Milito, uomo e campione, come a me fu un tempo raccontata quella della Grande Inter e di Giacinto Facchetti.

  3. Io l’avrei preso già subito dopo la retrocessione del Genoa. Mi faceva impazzire già allora….

    Muchas gratis, Diego….

  4. Grazie, Principe.

  5. Caro Sandrex, fai la pace col cervello : se ti chiedo se il trenza non ti basta più dimmi : no non mi basta più perché l’anno scorso ha fatto ben 8 gol e quest’anno 3 o 4. Per me è opinabile che la scorsa stagione di Palacio sia stata positiva come ri-asserisci ora ma rientra nel dibattito. Se mi dici che ti confondo (un’altra volta) con qualcun altro sembreresti un po’ rinco.

  6. “Come si fa a spiegare chi è stato Diego Milito? Da dove si inizia, dove si trovano le parole?
    Forse parole non ce ne sono. Diego Milito è stato, semplicemente, il più decisivo attaccante della storia dell’Inter. Sicuramente non il più forte, forse non il più vincente, di certo non il più amato o il più ammirato o il più attaccato alla maglia. Ma il più decisivo, quello sì, senza nessun dubbio.”

    articolo spettacolare….pelle d’oca!!

    Grazie Principe per quei 18 giorni da leggenda che rimarranno per sempre nella storia dell’Inter e nei ricordi deglii Interisti!

  7. ZeMario:
    Caro Sandrex, fai la pace col cervello : se ti chiedo se il trenza non ti basta più dimmi : no non mi basta più perché l’anno scorso ha fatto ben 8 gol e quest’anno 3 o 4. Per me è opinabile che la scorsa stagione di Palaciosia stata positiva come ri-asserisci ora ma rientra nel dibattito. Se mi dici che ti confondo (un’altra volta)con qualcun altro sembreresti un po’ rinco.

    Il tuo è solo un problema di lingua italiana. Se mi chiedi “palacio non ti basta PIU?”, presuppone che io abbia detto – chissà quando – che non servivano altri attaccanti perchè abbiamo giá lui.
    E questo non è mai successo,salvo che mi provi il contrario.
    Altro discorso è citare un discorso di un anno fa dove,sì,difendevo un giocatore da 12 gol in 4 mesi contro gli ingenuotti che pretendevano in campo Puscas e Bonazzoli (attuali riserve di Bari e Lanciano,in b).
    Ora dimmi pure cosa non ti è chiaro e cosa avrei rinnegato (?)

  8. Fabio1971: Se pensi questo, mi sa proprio che tu e Thohir avete un grosso problema in comune, cioè non avete capito assolutamente nulla di cosa è l’Inter…

    Può essere, però almeno sappiamo far di conto.

    Moratti ha venduto una Società a 5 minuti dal portare i libri in tribunale: capire che non sta scritto da nessuna parte che una Società di calcio debba essere un vuoto a perdere non è un concetto difficile da capire.

    Per cui la prima parola che la nuova dirigenza ha fatto non è stata “investimento”, ma “risanamento”. Operazione di per sé non semplice nel contesto italico, a maggior ragione se dalla Uefa si mettono pure a romperti i coglioni.

    Chiarito questo, credo che ci sia accorti tutti che non siamo stati comprati da Abrhamovic o da uno sceicco, per cui non è nostro caso quello di andare a firmare assegni in bianco per Di Maria o Aguero. Si fa quel che si può con quello che si riesce. Nessun presidente o quasi al mondo investe sulla base delle proprie disponibilità, altrimenti Carlos Lim, proprietario dell’Oviedo (!!!) potrebbe comprarsi Ibra, Messi e Cr7 e tenerseli in giardino.

    Inoltre, se poi si va a guardare bene, quando a Torino, per 40 milioni, si prende Dybala, mentre a Milano, per la stessa cifra, si prendono Kondogbia e Medel (!!!!) bisognerebbe farsi delle domande. Domande condite dagli ingaggi di Felipe Melo e dal perseverare su Nagatomo.

    Allora io penso che fare i fantamanager sia un giochino divertente, ma fine a se stesso se non si è abituati a ragionare sui bilanci cercando di far quadrare i conti. Sono anni che ripetiamo ormai che la Champions League è vitale sul piano delle entrate. Sia l’anno scorso che soprattutto quest’anno c’erano tutte le condizioni ideali per centrare l’obiettivo, se non lo si è raggiunto si deve citofonare a casa Mancini e giocatori prima che a casa Thohir.

    Infine, se in nome di “io ho capito cosa è l’Inter” si chiedono i fuoriclasse – almeno tre leggo (!!!) – benissimo, mi si faccia vedere con che moneta li si paga in modo da passare dal morattese “il problema non è che costano tanto, ma proprio che costano” al thohiriano “se ci saranno le condizioni sicuramente faremo qualcosa”.

    Tre fuoriclasse, ad oggi, tra cartellini e ingaggi comportano una spesa superiore ai 100 milioni. Dove siano questi soldi non si è ancora capito. Se si pensa che Thohir li vada a tirare fuori dal proprio salvadanaio o che chieda un prestito al ricchissimo papi non si è capito nulla, trattativa con i cinesi annessa.

  9. mattoinh7: Tre fuoriclasse, ad oggi, tra cartellini e ingaggi comportano una spesa superiore ai 100 milioni. Dove siano questi soldi non si è ancora capito. Se si pensa che Thohir li vada a tirare fuori dal proprio salvadanaio o che chieda un prestito al ricchissimo papi non si è capito nulla, trattativa con i cinesi annessa.

    Spiace di nuovo contraddirti…

    ma se vuoi comprare una Ferrari anche usata e d’annata come noi, poi non puoi girare con la bottiglia d’acqua da riempire al distributore, devi girare con il pieno di benzina sempre…

    fuori di metafora, se Thohir non voleva spendere, comprava il Bologna

    non può prendere un club come l’Inter e non dotare la parte sportiva dei fondi che servono

    ti dirò di più, ogni azienda che non sia sufficientemente dotata di liquidità è destinata a fallire gli obiettivi – se non fallire direttamente

    me se dobbiamo star a discutere di questo…

    troppo facile trovare il cappio espiatorio nell’allenatore…

    che poi anche lì.. prendi un allenatore che notoriamente DEVE lavorare con i campioni ( no.. gestirli non è da tutti, chiedere ad es. a Mazzarri) per ottenere risultati, e di nuovo non doti la squadra di campioni… dai

    Non capisco poi perché questa fama di INDISCUTIBILE di Thohir.. uno che ci ha comprato a prezzo di ultimo giorno di saldo, ha semplicemente ristrutturato bancariamente il debito e ha speso 80 ml in tutto…

    per l’inter…

    e poi, oh.. meraviglia delle meraviglie.. non si ottengono i risultati sportivi.. strano non me ne capacito, che fessi gli altri a prendere i giocatori da 40 – 50 ml in su…

    e poi devo ancora capire perché vi roda tanto il fegato se Mancini lo stressa per avere i campioni in rosa… ,i sembra l’unico che faccia concretamente l’interesse dell’Inter e dei tifosi, anche se lo facesse per un proprio tornaconto

    siete incredibili….. ma davvero

  10. Vendereste Icardi per poi andare a prendere Morata che a quanto pare rientra solo temporaneamente al Real? Magari guadagnandoci qualcosina..
    Transfmarket ad esempio valuta icardi 35-40 e morata 25-30 ( anche se queste valutazioni lasciano il tempo che trovano)

  11. Zio rufus:
    Vendereste Icardi per poi andare a prendere Morata che a quanto pare rientra solo temporaneamente al Real? Magari guadagnandoci qualcosina..
    Transfmarket ad esempio valuta icardi 35-40 e morata 25-30 ( anche se queste valutazioni lasciano il tempo che trovano)

    no, mai

  12. per quanto riguarda Banega mi sembra un colpaccio averlo preso a zero…. ho visto qualche partita da quando si vocifera del suo acquisto e mi sembra utile alla causa, ma prima di tutto vorrei vedere l’annuncio ufficiale sul sito!
    Poi bisognerà attenderlo alla prova del campo, ma così su due piedi direi che un acquisto del genere a zero è grasso che cola.

    Anch’io lo vedrei bene in mezzo a Brozovic e Kondo, peccato che il primo sarà probabilmente il salvadanaio per finanziare il mercato ed il secondo è ancora pericoloso per la quantità di palloni che continua a perdere.
    Nel Siviglia è vero che viene schierato più avanti, ma spesso e volentieri arretra per far partire l’azione…speriamo in bene

    PS : Morata al posto di Icardi è fantacalcio puro

  13. Pezzo da pelle d’oca.
    Ho portato mio figlio (un anno e mezzo) in Duomo per lo scudetto del triplete e gli ho comprato la maglietta di Milito.
    Ero consapevole che non avrebbe saputo di chi fosse quel numero 22, che per allora il Principe sarebbe stato ormai lontano dall’Inter. Ma volevo che riguardando quelle foto un giorno mi chiedesse: “Papà, ma chi era questo Milito?”.
    Ora credo che gli leggerò questo articolo.
    Grazie

  14. Adoro il cappio espiatorio.

    Fabio1971: e poi, oh.. meraviglia delle meraviglie.. non si ottengono i risultati sportivi.. strano non me ne capacito, che fessi gli altri a prendere i giocatori da 40 – 50 ml in su…

    Io l’ho preso il giocatore da 35 milioni, ma mi ha reso sul campo come uno che ne valeva almeno 20 di meno. Che si fa? Vogliamo star qui a negare pure l’evidenza?
    Tira e molla, tira e molla, tira e molla su Perisic a 20 milioni e si è conto solo ad Aprile di dove doveva schierarlo per farlo rendere al meglio. Colpa di Thohir? Colpa mia?
    Gli anni scorsi levate di scudi incredibili a difesa di Kovacic bistrattato dal buttero, arriva Mancini e Kovacic viene venduto. Poi vediamo che al suo posto arriva Felipe Melo richiestissimo dl tecnico e fin dalla prima di campionato ci si rende conto che tra Medel, Melo e Kondogbia non si fa una seconda media in tre. Colpa mia? Jovetic a 18 milioni: panchina. Ljaijc a 14 milioni: panchina. Prima ancora Shaqiri, 15 milioni: panchina e poi via. Abbiamo i terzini più netti di tutta la A: colpa mia?

    Mancini può stressare Thohir quanto gli pare, ma deve capire che non è più al City dove poteva dire “prendimi David Silva, prendimi Aguero, mi serve un centrocampista prendimi Yaya Tourè”. La realtà è diversa. Non siamo noi ad essere incredibili, siamo semplicemente coscienti della situazione.

    Cosa cazzo vuol dire “poteva comprarsi il Bologna”? E a noi chi ci comprava visto che i primi cinesi con cui abbiamo parlato erano fasulli e nessun petroliere russo o arabo si è mai fatto avanti con un’offerta? La compravi tu l’Inter? la compravo io? Mettevamo tutti 100 euro e ce la compravamo assieme? Noi saremo anche incredibili, ma quelli come te fanno discorsi fuori dalla realtà.

    Se io ti mando a fare la spesa con 5 euro tu non torni a casa con aragosta e champagne, ma con un tramezzino tonno e olive e una lattina di Chinotto sempre che tu non sia un coglione e con quei cinque euro vada a comprarti le paglie.

    Moratti ha lasciato un Inter che era un vuoto a perdere, per cui la prima cosa che Thohir ha fatto è stata fermare l’emorragia; non appena si è reso conto che le condizioni per competere realmente non erano sufficienti (al netto di una gestione tecnica fallimentare) ha subito detto (è presidente da quanto, poco più di due anni?) che cercava un partner economico che desse solidità cioè denaro cosa che appunto sta avvenendo in questi giorni.

    Tu vieni qui a dire “Thohir pidocchioso, Thohir indiscutibile, se non hai 100 e passa milioni per comprare tre fuoriclasse potevi comprarti il Bologna”. Ti chiedo, ma stante quella che era ed è la situazione finanziaria dell’Inter ti pare che abbia un senso il tuo discorso?

  15. mattoinh7:
    Adoro il cappio espiatorio.

    Io l’ho preso il giocatore da 35 milioni, ma mi ha reso sul campo come uno che ne valeva almeno 20 di meno. Che si fa? Vogliamo star qui a negare pure l’evidenza?
    Tira e molla, tira e molla, tira e molla su Perisic a 20 milioni e si è conto solo ad Aprile di dove doveva schierarlo per farlo rendere al meglio. Colpa di Thohir? Colpa mia?
    Gli anni scorsi levate di scudi incredibili a difesa di Kovacic bistrattato dal buttero, arriva Mancini e Kovacic viene venduto. Poi vediamo che al suo posto arriva Felipe Melo richiestissimo dl tecnico e fin dalla prima di campionato ci si rende conto che tra Medel, Melo e Kondogbia non si fa una seconda media in tre. Colpa mia? Jovetic a 18 milioni: panchina. Ljaijc a 14 milioni: panchina. Prima ancora Shaqiri, 15 milioni: panchina e poi via. Abbiamo i terzini più netti di tutta la A: colpa mia?

    Mancini può stressare Thohir quanto gli pare, ma deve capire che non è più al City dove poteva dire “prendimi David Silva, prendimi Aguero, mi serve un centrocampista prendimi Yaya Tourè”. La realtà è diversa. Non siamo noi ad essere incredibili, siamo semplicemente coscienti della situazione.

    Cosa cazzo vuol dire “poteva comprarsi il Bologna”? E a noi chi ci comprava visto che i primi cinesi con cui abbiamo parlato erano fasulli e nessun petroliere russo o arabo si è mai fatto avanti con un’offerta? La compravi tu l’Inter? la compravo io? Mettevamo tutti 100 euro e ce la compravamo assieme? Noi saremo anche incredibili, ma quelli come te fanno discorsi fuori dalla realtà.

    Se io ti mando a fare la spesa con 5 euro tu non torni a casa con aragosta e champagne, ma con untramezzino tonno e olive e una lattina di Chinotto sempre che tu non sia un coglione e con quei cinque euro vada a comprarti le paglie.

    Moratti ha lasciato un Inter che era un vuoto a perdere, per cui la prima cosa che Thohir ha fatto è stata fermare l’emorragia; non appena si è reso conto che le condizioni per competere realmente non erano sufficienti (al netto di una gestione tecnica fallimentare) ha subito detto (è presidente da quanto, poco più di due anni?) che cercava un partner economico che desse solidità cioè denaro cosa che appunto sta avvenendo in questi giorni.

    Tu vieni qui a dire “Thohir pidocchioso, Thohir indiscutibile, se non hai 100 e passa milioni per comprare tre fuoriclasse potevi comprarti il Bologna”. Ti chiedo, ma stante quella che era ed è la situazione finanziaria dell’Inter ti pare che abbia un senso il tuo discorso?

    Discorso perfetto. Quoto in toto.

  16. mattoinh7: Tu vieni qui a dire “Thohir pidocchioso, Thohir indiscutibile, se non hai 100 e passa milioni per comprare tre fuoriclasse potevi comprarti il Bologna”. Ti chiedo, ma stante quella che era ed è la situazione finanziaria dell’Inter ti pare che abbia un senso il tuo discorso?

    ti ripeto che allora non puoi fare i proclami tipo “obiettivo è far tornare Inter in top 10 mondiale”

    si .. ma in quanti decenni?

    perché per ora hai Squinzi che ti prende per il didietro e ti dà del pezzente perché non hai i soldi da spendere per un Berardi

    Thohir sapeva cosa comprava, non è che MM gli ha nascosto i debiti

    problema suo (ed ahimè nostro) se non ha valutato bene le potenzialità economiche dell’Inter e del mercato italiano e adesso ha 5 milioni di maglie di Nagatomo e D’Ambrosio invendute

    Non ha messo la sufficiente liquidità per la parte sportiva. Poche storie
    E adesso è anche in difficoltà.. e secondo me se trova la maniera di rientrarci, al Suning vende tutto, altroché

    e speriamo

  17. Ss61: Discorso perfetto. Quoto in toto.

    allora però non vi lamentiate se siamo arrivati quarti con la prospettiva esaltante il prossimo anno di arrivare quarti

  18. Certo che mi lamento.

    Mi lamento soprattutto se sono primo a +15 e poi finisco quarto a -24. Perché se la squadra che guardavo dall’alto mi recupera 39 punti in una stagione senza coppe e senza infortuni vuol dire che l’attenzione va spostata da ” prendi tre fuoriclasse” a “intanto impara a gestire quelli che hai e a fare il tuo mestiere”.

    L’Inter quest’anno ha mancato un obiettivo possibile soprattutto è prima di tutto per un’errata gestione tecnica. Ergo, cominciare con l’autocritica, cosa ardua per l’elegante ciuffolo.

    Una volta capito cosa fare e come farlo, ovviamente qui speriamo tutti che arrivino quei soldi che consentano di vedere più Icardi è meno Nagatomo. Li vogliamo tutti i campioni, ma siccome non siamo al Monopoli, prima pagare moneta poi vedere cammello. Io la moneta non l’ho vista, per cui non ho visto nemmeno il cammello.

  19. Fabio1971: allora però non vi lamentiate se siamo arrivati quarti con la prospettiva esaltante il prossimo anno di arrivare quarti

    Il prossimo anno con la coppa non arriveremo nemmeno quarti, a meno di suicidi di qualcuno. Il manager non e’ riuscito a gestire la rosa per una partita a settimana figuriamoci dopo aver giocato in tagikistan al giovedi’. L’anno di rientro in cl era questo.

  20. Io non mi fascerei la testa a maggio, per dire.
    L’unico che ad oggi non stipendiamo più è l’unico che non è stato nominato dalla fine del campionato ad oggi, ossia Walter Mazzarri. Nulla di tutto il resto è ufficiale, da Brozovic a Icardi. Ne vedremo di giocatori che “vogliono solo la Juve”, si parlerà di rivoluzioni, di baratri e mancanza di prospettive per 3 mesi prima che ricominci il campionato, è il lavoro dei servi della stampa. Tutto ciò che è Juve è oro, non andrà mai via, anche se offrono fantomatici 80 milioni per Lemina (che ad oggi ha dimostrato meno di Gnokouri) e 260 per Bobbà. Noi siamo merda, tutti vanno via dopo una stagione in cui ok, potevamo fare di più, ma numeri alla mano è la migliore delle ultime 5.
    Sono altri che devono rifondare.
    Sono altre le squadre senza prospettiva. Nella stessa città della nostra squadra, peraltro.
    Noi, per una buona volta, la base ce l’abbiamo. Al massimo dovremmo dare via un croato che tira fuori l’europeo della vita. O fare Handanovic-Sirigu. Il resto deve essere un rinforzare là dove abbiamo lacune. I terzini non costano 30 milioni. E Banega è costato 0.
    Rifondare un cazzo.
    P.S. Squinzi farebbe meglio a stare zitto. Non vedo l’ora di vedere le ridicole condizioni con cui venderà il sopra citato Berardi ai suoi padroni ovini, tipo prestito annuale con riscatto a 5 milioni in cambio dei cartellini di Padoin e due sconosciuti totali della primavera. Che se esplodono riprenderanno con la stessa formula, e così via.

  21. Walterone:
    Pezzo da pelle d’oca.
    Ho portato mio figlio (un anno e mezzo) in Duomo per lo scudetto del triplete e gli ho comprato la maglietta di Milito.
    Ero consapevole che non avrebbe saputo di chi fosse quel numero 22, che per allora il Principe sarebbe stato ormai lontano dall’Inter. Ma volevo che riguardando quelle foto un giorno mi chiedesse: “Papà, ma chi era questo Milito?”.
    Ora credo che gli leggerò questo articolo.
    Grazie

    Oh mammamia…grazie a te

  22. SilverTuft:
    Io non mi fascerei la testa a maggio, per dire.
    L’unico che ad oggi non stipendiamo più è l’unico che non è stato nominato dalla fine del campionato ad oggi, ossia Walter Mazzarri. Nulla di tutto il resto è ufficiale, da Brozovic a Icardi. Ne vedremo di giocatori che “vogliono solo la Juve”, si parlerà di rivoluzioni, di baratri e mancanza di prospettive per 3 mesi prima che ricominci il campionato, è il lavoro dei servi della stampa. Tutto ciò che è Juve è oro, non andrà mai via, anche se offrono fantomatici 80 milioni per Lemina (che ad oggi ha dimostrato meno di Gnokouri) e 260 per Bobbà. Noi siamo merda, tutti vanno via dopo una stagione in cui ok, potevamo fare di più, ma numeri alla mano è la migliore delle ultime 5.
    Sono altri che devono rifondare.
    Sono altre le squadre senza prospettiva. Nella stessa città della nostra squadra, peraltro.
    Noi, per una buona volta, la base ce l’abbiamo. Al massimo dovremmo dare via un croato che tira fuori l’europeo della vita. O fare Handanovic-Sirigu. Il resto deve essere un rinforzare là dove abbiamo lacune. I terzini non costano 30 milioni. E Banega è costato 0.
    Rifondare un cazzo.
    P.S. Squinzi farebbe meglio a stare zitto. Non vedo l’ora di vedere le ridicole condizioni con cui venderà il sopra citato Berardi ai suoi padroni ovini, tipo prestito annuale con riscatto a 5 milioni in cambio dei cartellini di Padoin e due sconosciuti totali della primavera. Che se esplodono riprenderanno con la stessa formula, e così via.

    Grande…
    non iniziamo a sclerare per ogni cazzata tipo “Icardi alla Roma per Dzeko” altrimenti 3 mesi di sto passo e scoppia il fegato.
    condivido tutto!

  23. milito….milito…milito contro van buyten…milito…grande milito! (Finta Maestosa) milito milito…………..MILITOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!! Fantastico Milito….è DOPPIETTA!!!!

    Ricordo ancora il cronista impazzire urlare e io impazzivo nel frattempo.. col tavolino del bar ormai ricoperto di birra…un gol magnifico , da far rivedere alle scuole calcio tipo arancia meccanica perché c’è tutto l’ A,B,C dell’attaccante: la sicurezza , il controllo nello stretto, la lucidità nel tiro, la precisione…..la fame del campione!

    è il mio gol preferito. Il più bello perché ci mette al sicuro ma è bello proprio tutto….

    sanò le mie ferite mai rimarginate del tutto del 5 Maggio

    Scandaloso non dargli il pallone d’oro quell’anno ( oppure a snajdy)

    lo amato tanto….. perché in campo con lui eravamo spietati. Finalizzava tutto. Mi sentivo sempre tranquillo con lui in campo perché sapevo che in un modo o nell’altro segnava o faceva segnare(altro pregio). Segnava ovunque (gol a freddo al chelsea sul palo del portiere pazzesco) ed era freddo come un attaccante deve saper essere. Mi ricordo anche come difendeva a casa del barcellona in 10……….

    Un fuoriclasse…un campione in poche parole…. Il principe dei principi che a suon di gol ci ha inebriati e trascinati insieme con gli altri lassù dove nessuna squadra italiana era mai arrivata.

    inutile tirare sempre fuori la storia della frase detta in finale: i cavalieri senza macchia esistono solo nei sogni di noi tifosi e noi possiamo solo essergli riconoscente per sempre per quello che ci ha regalato.

    Vittorie tante vittorie e le più importanti di sempre. come fai a non amare uno cosi’ che poi contro le merde e i gonzi era ancora più goloso?????

    Vedere quell’Inter con lui in campo fa male, ho smesso di guardare quei video..troppi ricordi…tutto troppo bello: squadra tosta con la bava alla bocca, fisicamente straripante e con la giusta dose di tecnica…..dei corsari del pallone e difensori indomiti ( che sconfitta epica col barca)

    Non li guardo più quei video perchè adesso non c’è nulla di tutto questo. nessun condottiero in panca, nessun gladiatore che piuttosto che accettare la sconfitta combatte fino alla fine…….non c’è più nulla.

    vedo lui ritirarsi e vedo la nostra squadra a cui manca la scintilla, la fame e l’orgoglio della grande squadra perchè una partita di coppa italia giocata bene non cambia la solfa. i nostri rivali sono tornati più forti che mai e noi non abbiamo più la forza necessaria per sconfiggerli……un incubo…….

    possiamo solo rimanere in attesa ed aspettare che sorgano altri campioni come Milito che ci trascinino nuovamente lassù in quel cielo notturno stellato dove ci spetta per diritto di nascita restare.

    Ciao Campione

  24. Beh, allora partiamo con ordine.

    Non capisco proprio come si faccia a designare Thohir come “pidocchioso”. E poco mi interessa cosa dice Squinzi da tifoso del Milan dopo averne presi 14 di gol in 2 partite, se è un ignorante e ancor di più se queste sono le dichiarazioni che fanno presa sul letame che chiamiamo carta stampata di questo paese.

    Thohir ha portato programmazione. Io sono sinceramente ENTUSIASTA di quello che ha fatto. Abbiamo eliminato un modus operandi che con Moratti rasentava la conduzione familiare.
    Abbiamo speso 90 Milioni nello scorso mercato, e ne abbiamo incassati altrettanti cedendo dei giocatori che erano vere e proprie controversie (Kovacic, Hernanes).
    Del mercato scorso un buon 50% è da confermare e un altro 20% tornerà ai rispettivi club perché non ha dimostrato nulla. In più resta Kondogbia ed Eder da cui ci si può ancora aspettare molto. (Poco? in realtà abbiamo ricominciato ad avere peso sul mercato. L’operazione Kondogbia è stato un successo anche per questo)
    Aver preso Banega per me è una dimostrazione di forza non indifferente.

    Spendere 90 Milioni in un anno per voi è poco?? Siete dei folli.
    Non avete nessun contatto con la realtà. Non vi rendete conto che, ad oggi, chi spende di più ha entrate 3-4 volte superiore alle nostre.
    Se noi spendessimo di più saremmo pesantemente puniti dalla FIFA. E vi dirò di più, a chi dice che la strada per vincere e sopravvivere come club è spendere rispondo che quella non è una strada, è un azzardo. La strada per vincere e poter spendere è essere un club sano, come quell’Atletico che tanto magnificate.
    Ma 90 Mln sono un enormità.

    Quanto a chi critica Mancini, sono ancora una volta in disaccordo.
    Abbiamo iniziato a vedere un gioco, e siamo dove a valori assoluti dobbiamo stare.
    Se il motivo per criticare Mancini è: La Juve ci ha ripreso 30 punti…
    Beh allora anche voi siete orbi.

    Sicuramente Mancio poteva fare di più.
    Ma l’anomalia erano i primi mesi: il nostro andamento sopra le righe e quello deludente di Roma e Juve.
    Ma poi vogliamo raccontarci che fosse possibile competere o anche solo avvicinarsi all’andamento delle 2 sopra citate? Una media da Record da parte di entrambe.
    Era possibile per una squadra in costruzione, che doveva trovare il suo gioco, fiducia, e la quadratura, e con una rosa sotto le dirette avversarie, competere con un filotto di sole vittorie da novembre in poi?

    Mancio poteva fare di più, certo, e questo (il di più che doveva fare) non sarebbe bastato comunque a raggiungere il 3 posto.

    Allora visto che si parla di programmazione sarà bene che tutti capiscano che la vera programmazione significa continuare anche quando le cose migliorano ma non accadono i miracoli. Perché centrare il terzo posto con quei terzini, senza un regista e con così pochi gol in rosa sarebbe stato un miracolo.
    Perché se un nuotatore professionista a livello nazionale parte anche con 3-4 secondi di vantaggio su Phelps alla fine la gara la vince lo statunitense se fa una vasca da record.
    Noi stiamo parlando di una squadra ahimè la Juve che anno scorso era in finale di Champions, che macina record su record da anni, e di una Roma che con media Spalletti avrebbe vinto il campionato davanti a quella Juve, e stiamo parlando di un Napoli che aveva un attaccante che ha macinato Record su record, e ci lamentiamo così aspramente consapevoli di essere inferiori a tutte e tre?
    (allora potete dirmi che la Juve è da prendere a esempio a livello societario, ma pure loro hanno comprato i loro Hernanes, Martinez e compagnia bella. Semplicemente quando le cose girano tutto è più facile, e quando vanno male tutto più difficile.)

    E soprattutto non c’è mai un solo capro espiatorio. Anzi direi che tutti hanno lavorato con unità di intenti che semplicemente le cose ancora non sono mature per i risultati che vogliamo.

  25. Spendere altri 100 milioni (e per 3 Top come vorreste voi ne spenderesti anche 150-170) in fase di mercato vuol dire FALLIRE.
    Se non lo credete probabilmente vivete nel mondo del Monopoli.

  26. Nic!: Se il motivo per criticare Mancini è: La Juve ci ha ripreso 30 punti…
    Beh allora anche voi siete orbi.

    Sicuramente Mancio poteva fare di più.
    Ma l’anomalia erano i primi mesi: il nostro andamento sopra le righe e quello deludente di Roma e Juve.
    Ma poi vogliamo raccontarci che fosse possibile competere o anche solo avvicinarsi all’andamento delle 2 sopra citate? Una media da Record da parte di entrambe.
    Era possibile per una squadra in costruzione, che doveva trovare il suo gioco, fiducia, e la quadratura, e con una rosa sotto le dirette avversarie, competere con un filotto di sole vittorie da novembre in poi?

    Mancio poteva fare di più, certo, e questo (il di più che doveva fare) non sarebbe bastato comunque a raggiungere il 3 posto.

    questa è assolutamente la realtà delle cose

    così semplice da capire che qualcuno non ce la fa ad accettarla

    semplicemente Juve e Roma hanno cominciato a vincerle tutte.
    il Napoli grazie a Higuain si è mantenuto costante

    l’unica posizione raggiungibile, era la quarta e lo abbiamo fatto in scioltezza

    CHIUNQUE sarebbe arrivato quarto, se le prime due vincono sempre e la terza è più forte

    sul resto non sono d’accordo neanche su una riga

  27. Nic!:
    Spendere altri 100 milioni (e per 3 Top come vorreste voi ne spenderesti anche 150-170) in fase di mercato vuol dire FALLIRE.
    Se non lo credete probabilmente vivete nel mondo del Monopoli.

    ti ripeto, altri lo fanno, evidentemente è possibile e non fallisce proprio nessuno

    ciò che è possibile per altri, evidentemente può esserlo anche per noi…

    solo che magari a noi non ci riesce, tutto qui… ma dubito sia anche questa una colpa di Mancini, semmai di Thohir… che ha valutato male…. no?

    Al limite può essere un problema strutturale che il calcio italiano non è competitivo con Spagna e UK, ma Thohir questo immagino lo avesse intuito, no

    La forte iniezione di liquidità serviva SUBITO per la parte sportiva, altrimenti non riesci a metter in moto quel meccanismo virtuoso che ti porta ad avere maggiori introiti per la presenza constante in CL, per gli sponsor che puoi attirare, per le partnership ecce cc

    ma se una società sportiva non la rendi competitiva sul lato sportivo, come mai pensi si ottenere entrate dal marketing, seriamente, con la maglia di Nagatomo?

    Ti faccio notare che quando abbiamo speso pesante e bene (ad es Mourino) i soldi poi sono rientrati (persino quelli della clausola per farlo andare al Real)

    Quando abbiamo speso a (mettici l’insulto che preferisci) tipo come con Mazzarri e situazioni analoghe lato giocatori, i risultati si sono visti…

    con gli stipendi di Ranocchia, Jesus e D’Ambrosio ci paghi quasi quello di Ibrahimovic e la resa sarebbe totalmente diversa

  28. Milito. Che dire… non ci sono parole per un giocatore che ha legato indissolubilmente il suo nome ad una delle imprese sportive migliori di tutti i tempi.

  29. La realtà delle cose così semplice da capire e così difficile da accettare è anche quella che dice che alla fine del girone di andata eravamo a -2 dal Napoli, a pari merito con la Juve e a +5 sulla Roma (di Garcia, vale la pena ricordarlo). Se poi, nelle successive 17 partite, senza coppe né infortuni, si finisce a -24 dalla Juve, a -15 dal Napoli e a -13 dalla Roma bisognerebbe fare qualche considerazione diversa da “hanno cominciato a vincerle tutte” , “Higuain è rimasto costante”. Sempre che per ciuffolo non sia troppo disturbo.

    Anche perché c’è una differenza tra il non essere, sulla carta, da terzo posto e lavorare per poterci arrivare lo stesso. Perché se il calcio fosse solo una questione di rose auguri, state pure lì ad aspettare un’altra Calciopoli se volete vincere qualcosa.

  30. Nic!:
    Ma poi vogliamo raccontarci che fosse possibile competere o anche solo avvicinarsi all’andamento delle 2 sopra citate? Una media da Record da parte di entrambe.
    Era possibile per una squadra in costruzione, che doveva trovare il suo gioco, fiducia, e la quadratura, e con una rosa sotto le dirette avversarie, competere con un filotto di sole vittorie da novembre in poi?

    Mancio poteva fare di più, certo, e questo (il di più che doveva fare) non sarebbe bastato comunque a raggiungere il 3 posto.

    Allora visto che si parla di programmazione sarà bene che tutti capiscano che la vera programmazione significa continuare anche quando le cose migliorano ma non accadono i miracoli. Perché centrare il terzo posto con quei terzini, senza un regista e con così pochi gol in rosa sarebbe stato un miracolo.

    “E soprattutto non c’è mai un solo capro espiatorio. Anzi direi che tutti hanno lavorato con unità di intenti che semplicemente le cose ancora non sono mature per i risultati che vogliamo”

    A me sembrano cose davvero elementari da comprendere….sparare a zero su questa stagione e su una rosa che finalmente inizia ad aumentare di livello è assurdo, soprattutto dopo le ultime stagioni dove a Maggio era tutto da buttare.

    Su Thohir e Moratti ci sono 2 cose da considerare :

    1- Moratti non aveva TEMPO… con quel tipo di gestione non saremmo più riusciti a vivacchiare altre 2-3 stagioni in attesa dello sceicco (che in Italia mai sarebbe arrivato)… il rischio di sbragare era concreto ed all’orizzonte non c’era la fila per subentrare ai nostri debiti, quindi una volta appurato che con i cinesi non se ne sarebbe fatto nulla, ha chiuso con Thohir!

    2- Ogni valutazione sull’operato di Thohir non può’ non tenere conto dell’enorme passivo col quale ci ha presi, con l’aggravante di avere già i conti sotto osservazione dall’Uefa per via di un FPF che proprio la NOSTRA società aveva caldamente sponsorizzato all’epoca di Paolillo!!!! Non dimentichiamocelo MAI…il FPF non è un’invenzione di Thohir per non cacciare il grano, ma è una realtà con la quale si è dovuto scontrare e che la precedente gestione aveva anche sciaguratamente appoggiato!
    Inoltre non è proprio così semplice come lo si vuole far credere iniettare denaro in una società per mezzo delle sponsorizzazioni… gli sceicchi del PSG e del City non sono esempi credibili anche perchè sono dei casi parecchio rari ed abbiamo capito che in Italia non ci vengono.
    Appurato questo, esistono società come Barca, Real, Man Utd, Arsenal, Bayern e purtroppo ormai anche i gobbi, che spendono e spandono forti di introiti importanti, sono tutte società che camminano con le proprie gambe (lasciamo perdere il passato dei gobbi, ma ora con stadio e champions in pianta stabile è così).
    Tutti vorremmo la bacchetta magica e tornare in un colpo solo dove meriteremmo di stare, ma tutto sommato da quando Thohir è arrivato, ha ristabilito dei ruoli in una società che viaggiava appunto quasi come una gestione familiare, si sta graualmente allineando alle richieste dell’Uefa che ci pressa per via di buchi che NON ha creato lui, si è mosso sulla questione stadio (che se non fosse stato per la retromarcia dei gonzi avrebbe già pianificato) e finalmente dallo scorso anno ha ricominciato anche a migliorare la squadra in modo concreto. Anch’io all’inizio avevo molti dubbii, ma alla lunga un miglioramento si sta vedendo.
    Io non lo so perchè sia venuto a prendere proprio noi, ma quello che è certo è che il giorno che se ne andrà, consegnerà nelle mani del prossimo una società sana o comunque sulla retta via del risanamento, con un valore aumentato e si spera anche di nuovo competitiva sul lato sportivo….senza mai dimenticarsi che fino a soli 3 anni fa eravamo allo sbando e senza prospettive.

    Io non voglio addossare tutte le colpe a Moratti… ci ha regalato tanto mettendoci l’anima, ma credo sia stato lui stesso vittima dell’evoluzione del calcio moderno, fatto di squadre che sono diventate delle vere e proprie aziende che producono introiti da urlo…. la via del romanticismo e della gratitudine ci ha fatto passare dal tetto del mondo al baratro nel giro di poco più di 2 anni…perchè la situazione gli è evidentemente sfuggita di mano.
    Io ho la sensazione che ad oggi il momento peggiore sia alle spalle…. mentre ad esempio i gonzi sono ancora in attesa di guadare il fiume (e delle sanzioni dell’Uefa!!)

  31. chi critica Milito per quello che ha detto,chi pensa che sia rimasto qua a rubare lo stipendio,prima di vergognarsi rifletta seriamente sull’opportunità di trovarsi un altro passatempo,chè col calcio gli è andata decisamente male

  32. Dio Santo.
    Criticare Mancini dalla mattina alla sera e non fare un minimo cenno ai giocatori che alle volte si sono resi di un comportamento a dir poco indegno è da veri incompetenti.

    Considerazioni sparse:
    Da Thoir mi sarei aspettato qualcosa in più sul fronte dei ricavi e magari anche sul fronte stadio, per quanto sia difficile l’ultima questione. Dal punto di vista sportivo, si sta cercando letteralmente di far le nozze coi fichi secchi. Basti pensare al fatto che abbiamo chiuso quasi tutti i mercati, estivi e invernali, in pareggio fra entrate e uscite. Il discorso di Nic dei 90 milioni è fasullo perchè ai 90 milioni circa spesi sono corrisposti 90 milioni in entrata.
    Inoltre, discorso strettamente correlato, se vogliamo che i nostri giocatori sentano il cosiddetto senso di appartenenza, non è più possibile puntare solo sui prestiti. Prestiti che consentono ai giocatori di vivacchiare, vivere alla giornata, fregarsene di me, di noi e di questa società.

    Quindi sì, chiedo più impegno, ma soprattutto più certezze e più liquidità quest’estate in sede di mercato.

  33. Giulio19: Dal punto di vista sportivo, si sta cercando letteralmente di far le nozze coi fichi secchi. Basti pensare al fatto che abbiamo chiuso quasi tutti i mercati, estivi e invernali, in pareggio fra entrate e uscite. Il discorso di Nic dei 90 milioni è fasullo perchè ai 90 milioni circa spesi sono corrisposti 90 milioni in entrata.
    Inoltre, discorso strettamente correlato, se vogliamo che i nostri giocatori sentano il cosiddetto senso di appartenenza, non è più possibile puntare solo sui prestiti. Prestiti che consentono ai giocatori di vivacchiare, vivere alla giornata, fregarsene di me, di noi e di questa società.

    Quindi sì, chiedo più impegno, ma soprattutto più certezze e più liquidità quest’estate in sede di mercato.

    oh.. finalmente qualcuno che vede le cose… pensavo di essere finito in un universo parallelo :-)

    che poi vi voglio proprio vedere se i cinesi comprano anche il Milan, arrivano e mettono 200 ml per il mercato..
    e questo succederà…

    vi voglio proprio vedere allora farfugliare di FFP :-)

  34. io vorrei capire su che basi dovremmo aver fiducia in mancini

    lo teniamo solo perché abbiamo paura che il successore sia peggio?

    non si va lontano con questi ragionamenti,e nemmeno con le arrampicate sugli specchi per difendere una mera suggestione della propaganda societaria

  35. a Thohir rimprovero il ritardo di un anno nel cominciare con il proprio progetto… iniziare la seconda stagione con Mazzarri e quelle premesse è stato come andare incontro ad un muro senza freni

    Con Mancini o con chi voleva luii, questa cosa andava fatta alla fine del primo anno di Mazzarri…PUNTO…non è stata sfruttata la scorsa stagione dove c’è stato un suicidio di massa e sarebbe stata l’occasionissima per centrare l’obiettivo e rilanciarsi…mentre per questa stagione oltre a noi hanno deciso di investire anche le altre rendendo tutto più complicato.

    PS : io il Mi**n voglio prima vederlo con i miei occhi in mano a cinesi che spendono e spandono….perchè ovviamente loro troveranno subito il cinese buono mentre noi polli abbiamo beccato quello fasullo…così come per loro il FPF finanziario non esisterà e tutto il resto.

    Vi ricordo solo la situazione a Giugno 2015 :
    Mr Bee – Ancelotti – Ibrahimovic – Jackson Martinez – Kondogbia

    Settembre
    Mr Beeeee – Mihajlovic – Bacca – Kucka – Romagnoli – Bertolacci……eeee Balotelli!!

    nel frattempo si sono già portati avanti rinnovando Mortolivo, Antonelli e delirando sull’ipotesi di lasciare Brocchi in panchina….
    quindi calma, molta calma….

  36. mattoinh7: ). Se poi, nelle successive 17 partite, senza coppe né infortuni, si finisce a -24 dalla Juve, a -15 dal Napoli e a -13 dalla Roma bisognerebbe fare qualche considerazione diversa da “hanno cominciato a vincerle tutte” , “Higuain è rimasto costante”. Sempre che per ciuffolo non sia troppo disturbo.
    Anche perché c’è una differenza tra il non essere, sulla carta, da terzo posto e lavorare per poterci arrivare lo stesso. Perché se il calcio fosse solo una questione di rose auguri, state pure lì ad aspettare un’altra Calciopoli se volete vincere qualcosa.

    esatto……questo discorso mi piace assai: per arrivare terzi secondo me bastava cercare di mantenere il trend prima della partita della lazio invece che beccarsi pisellate in faccia da tutti…..bastava proprio poco

  37. Giulio io ho detto che ne sono entrati 90 in cassa, e propri alla luce di questo sono super felice.
    Ma hai presente chi abbiamo ceduto per incassare tale cifra? Hernanes, peggiore in campo tutte le partite alla Juve incassando con bonus 15 Mln.
    Kovacic, che finche ce l’avevo in squadra lo sostenevo, ma mi pare che il problema ad esplodere fosse il suo e non dell’inter visto come è andato a Madrid, e abbiamo incassato 30 Mln.
    Dei capolavori.

    Se ho capito bene voi pretendereste che Thohir tirasse fuori dei soldi di tasca sua come fanno altre squadre.
    Lui ha detto che sarà possibile spendere senza incassare una volta che le entrate saranno assestate sui 230 Mln annui. Siamo a 190 circa.
    Bene le società di cui parlate come esempi hanno entrate superiori ai 400 Mln. Va da se capire da dove vengano i 200 Mln che vanno sul mercato OGNI ANNO.
    Non li mettono gli sceicchi di tasca propria, sono i ricavati delle Società.
    E’ CRISTALLINO, non capisco come si faccia a non vederlo.

    Poi Fabio mi dici che l’anno di Mou i soldi spesi sono rientrati, ma paradossalmente mi citi l’unico anno della gestione Moratti in cui grazie alla cessione di Ibra (50 e passa Mln più Eto’o) siamo stati Virtuosi e in pari.
    Vallo a dire a Moratti che a spendere poi si rientra.. Vallo a dire ai Miliardi spesi fino al 2006 (calciopoli a parte erano soldi spesi Male e SENZA LA MINIMA PROGRAMMAZIONE)

  38. D’accordissimo con Johnny sulla situazione in casa Milan. Vi ricordo che sono 3 anni che si sente parlare di Cinesi fantomatici, nel frattempo solo mille delusioni sportive, poca programmazione e convocazione dalla FIFA.

    Tangin, Matto o chiunque voglia cambiare Mancini.
    Una società solida programma e ha anche pazienza.
    Non si rinnovi Mancini, e si dia tempo sino alla fine del contratto.
    Se tra un anno non saremo in Champions ognuno per la sua strada e se sarà stato fatto quello che è stato fatto quest’anno (nel peggiore dei casi) avremo 7-8 giocatori da considerare CERTEZZE.

    Ma cambiare ora, per un sostituto da eliminare poi con la stessa mancanza di pazienza non è seconda me sintomo di programmazione e di una società vincente.

  39. Io non voglio cambiare Mancini anche perché non si capisce chi sia disponibile sul mercato e rappresenti un upgrade.

    L’ho specificato più e più volte; prendo atto della sua riconferma e spero che capisca dove e come migliorare.

    Dico solo che secondo me il fallimento di questa squadra è stato ed è prevalentemente tecnico, solo dopo imperfetto a livello gestionale.

    Se non si vogliono leggere i numeri, se non si vuole ragionare su quello che ha detto il campo, amen, non è un problema mio.

    Va benissimo se Società e allenatore viaggiano assieme sullo stesso binario, però a mio avviso prima di tutto l’allenatore deve fare autocritica, capire gli errori e puntare a qualcosa di diverso da “Thohir comprami i FUORICLASSE”.

    A far giocare Ibra con cui partire da 1-0 siamo bravi tutti. È quando Ibra non ce l’hai che devi mostrare sul campo perché ti danno 4,5 milioni di stipendio.

    Io ho fiducia per il prossimo anno, ma spero non venga tacciata per incompetenza la speranza di vedere, guardando l’Inter, un qualcosa che vada alla voce gioco del calcio.

  40. Nefario: esatto……questo discorso mi piace assai: per arrivare terzi secondo me bastava cercare di mantenere il trend prima della partita della lazio invece che beccarsi pisellate in faccia da tutti…..bastava proprio poco

    hai contato il numero di punti fatti nel solo girone di ritorno da Juve e Roma, senza neanche star a vedere da quando è iniziata la serie di vittorie consecutive della Juve..?

    per mantenere il vantaggio, avremo dovuto fare più o meno la stessa cosa, il che ERA CHIARAMENTE fuori dalle nostre possibilità

    Juve e Roma da un certo punto in poi hanno dato una ventina di punti a TUTTI, non solo a noi

  41. Napoli compreso che ha mantenuto il secondo posto per un pelo…

  42. Nic!: Lui ha detto che sarà possibile spendere senza incassare una volta che le entrate saranno assestate sui 230 Mln annui. Siamo a 190 circa.
    Bene le società di cui parlate come esempi hanno entrate superiori ai 400 Mln. Va da se capire da dove vengano i 200 Mln che vanno sul mercato OGNI ANNO.
    Non li mettono gli sceicchi di tasca propria, sono i ricavati delle Società.
    E’ CRISTALLINO, non capisco come si faccia a non vederlo.

    no

    è l’esatto contrario

    proprio SUBITO appena entrato Thohir doveva mettere TANTA ma proprio TANTA liquidità per la parte sportiva

    la metteva subito e in una volta sola per far partire la gestione

    era un costo che doveva calcolare insieme a quello dell’acquisto

    era fra l’altro la cosa che Moratti si aspettava e sulla quale è rimasto scornato

    acquisto che è avvenuto a prezzo STRACCIATO per i debiti

    debiti che Thohir non ha saldato, ma semplicemente rinegoziato con le banche con un piano a lungo termine dando l’Inter come garanzia

    dai….

    che poi

    1) i giocatori sono delle pippe degli smidollati, sarebbe tutta colpa loro se non fosse che:
    2) Mancini è il male assoluto
    3) Thohir invece è un santo

    misteri

  43. mattoinh7: A far giocare Ibra con cui partire da 1-0 siamo bravi tutti. È quando Ibra non ce l’hai che devi mostrare sul campo perché ti danno 4,5 milioni di stipendio.

    e ci risiamo

    ma perché debba essere considerata una colpa proprio non lo capisco

    quindi per voi lo scenario ideale sarebbe vincere cercando ostinatamente di NON AVERE in squadra i giocatori che ti possono far vincere, così l’allenatore deve dimostrare di meritare lo stipendio

    una follia, praticamente

    .
    Invece la proprietà che NON CI METTE UN EURO (NB Controllare il saldo dei vari mercati fin qui fatti) va bene, è vero che promette di entrare nei TOP 10 mondiali (è vero che aveva anche promesso di giocare la finale CL di Milano :-) ) ma vuoi mettere il gusto di farlo senza investire e sfruttando le doti nascoste di Nagatomo e D’Ambrosio.. sai che mossa di marketing…

    ma ovviamente è tutta colpa di Mancini… sia chiaro

  44. Fabio1971: Non li mettono gli sceicchi di tasca propria, sono i ricavati delle Società.

    :-) ma quando mai… inizialmente hanno tirato fuori una valanga di euro, hanno avviato un meccanismo per cui sono stabili nei quarti di CL e adesso si possono utilizzare le entrate per gestire la parte sportiva.. ma l’investimento iniziale grosso nella parte sportiva c’è stato ECCOME… altrimenti il PSG figurati se poteva avere IBRA…

  45. Non ci si puo’ nascondere sul fatto che ” gli altri hanno cominciato a vincerle tutte”, senza tener conto che la tua squadra non ne ha azzeccata piu’ una , giocando da cani, fino all’ultimo. La certezza che resta e’ che Mancini non ci abbia capito un tubo, e decisamente contribuito sul deludente risultato finale. Come anche su diverse scelte di giocatori che altro non erano che inutili doppioni . Ma la vera perla e’ stata , che con una vagonata di attaccanti , va a prendere Eder, invece di un centrocampista o qualcosaltro.

  46. Ok Mattoinh7, capisco il tuo discorso e lo accetto, ma appurato questo, che si poteva fare di più e che Mancini può aver fatto degli errori allora se siamo d’accordo non vada cambiato possiamo archiviare questo discorso giusto?

    Nefario, mantenere il trend dell’andata purtroppo non sarebbe bastato per arrivare 3°.
    anche se indubbiamente avrebbe restituito l’immagine di una squadra più solida.

    Fabio1971. Prima di tutto non mettermi in bocca parole che non dico, perché io non scarico la colpa su tecnico o altre branchie della società. Semplicemente lascio tempo a un progetto partito, ahimè con colpevole ritardo (non per via di Thohir), da un anno e mezzo.

    Ma tu fai considerazioni sbagliate.
    Nessuno sceicco si è insediato DOPO l’entrata in vigore del FPF e nessuno l’ha fatto in una società INDEBITATA MARCIA. Anzi hanno rilevato formazioni che avevano introiti della Premier (dove l’ultima ha incassi superiori del Napoli), o nel caso del PSG la Champions assicurata dall’anno successivo giocando in un campionato farsa.

    Se Thohir avesse immesso quantità di denaro rilevante (a parte che avrebbe esaudito i desideri di Mazzarri quindi sarebbero arrivati Aronica e Maggio molto probabilmente) sarebbe stato subito punito dalla Fifa con l’Eslusione dalle Coppe, e tutto il circolo virtuoso sarebbe andato a puttane.

    Quello che chiedi tu è impraticabile. Basta vedere la sorte toccata al Malaga. Squadra acquisita negli stessi anni della nostra cessione e messa in mano a una gestione “da sceicco”.
    E’ stata punita con l’esclusione dall’europa e ridimensionata.

    Quello che vorresti fosse stato fatto tu, era possibile negli anni pre FPF. nel 2008-2009-2010.
    Ma in quegli anni eravamo impegnati a vincere.

  47. Il FFP è stato la risposta proprio agli sceicchi, quindi nessuno di loro si è insediato dopo la sua attuazione.
    Malaga a parte.

  48. Nic!: Il FFP è stato la risposta proprio agli sceicchi, quindi nessuno di loro si è insediato dopo la sua attuazione.
    Malaga a parte.

    molto efficace, davvero come risposta agli sceicchi, vedo.. stanno ancora letteralmente tremando

    Il Psg che questa estate compra Cristiano Ronaldo come lo collochi uni questo scenario

    io non ti ho messo, almeno volutamente, alcuna parola in bocca.

    Mettiamola così allora, sono io che le visioni, Thohir invece muore dalla voglia di investire in campioni, ma poverino, è l’unico sotto la ghigliottina del FFP, che ci può fare lui se non glieli lasciano comprare…

    E’ solo l’unico in tutto il globo a trovare insormontabile l’ostacolo del FFP (bella scusa, eh… saranno 6 anni che casualmente si cita il FFP per giustificare tutto, mentre gli altri investono…)

    Io invece direi che dopo questi anni qualche conclusione si possa anche trarre, su Thohir, e cioè che la parte sportiva è nettamente secondaria a quella organizzativa e societaria, nella speranza di fare il massimo dell’investimento non appena ci saranno le condizioni per vendere con profitto. Altro non c’è.

    Una sorta di curatore fallimentare, mi pratica

    Ma che non so perché, gode di una incredibile buona fama e stampa persino fra i tifosi, che invece per spingere per acquisiti top (sono tifosi, mica ragionieri) sono contenti che sia rispettato alla lettera il FFP, fantastico…

    tanto c’è sempre un allenatore su cui riversare frustrazione e bile, il che è anche probabilmente il motivo per cui vengono pagati tanto…

    Però, vi avviso, amanti del FFP, che, parole di Zanetti, lo scenario che ci aspetta è questo:

    ““Dobbiamo essere intelligenti, rispettare il fpf e stare in quei parametri. Dobbiamo capire cosa possiamo prendere per rinforzare la squadra. A chi non rinuncerei? Vogliamo costruire una base e mettere qualche innesto. Speriamo che non ci sia bisogno di vendere ma è molto complicato e molto difficile. Dobbiamo rispettare il fps e dovranno esserci sacrifici”.

    ve lo stanno dicendo in anticipo :-( eh..

    ma tanto per voi è normale che una società come l’Inter abbia alla data di oggi, prima delle cessioni, cioè, ZERO, dico ZERO euro come budget per il mercato

    alla faccia della programmazione, come se comprassi un industria e poi dentro non ci metto i macchinari e neppure gli operai..

    per cui firmerei già adesso per il 4° posto il prossimo anno

  49. A me sembra che tu aggiri le mie parole per continuare a capire quello che vuoi capire.
    Io non ho mai detto che il FPF sia giusto.
    Non ho mai nemmeno riversato le mie frustrazioni e bile sull’allenatore (come dici tu) come fa qualcuno, ne sulla società come fai tu.

    Se dovessimo vendere uno tra Miranda, Brozo, Perisic, Icardi sarei molto amareggiato e se non dovessimo sostituirli adeguatamente anche io muoverei qualche critica alla società. Gli altri giocatori li considero normali mestieranti, possono partire.

    Tu dici che solo noi facciamo i conti con il FPF.
    Non mi pare che nemmeno la Juve con stadio di propietà e la Champions in saccoccia ogni anno abbia la forza delle big Europee.
    La Roma al nostro pari è stata convocata dalla Fifa e ti dirò di più, ha ceduto solo per citarne qualcuno Osvaldo a 20 Mln, Lamela a 35 Mln, Marquinhos a 35 Mln, Benatia a 40 Mln e adesso si parla di altre cessioni eccellenti. (Addirittura potrebbe partire Pjanic alla diretta concorrente)
    Il Milan è stato convocato dalla Fifa dopo un mercato veramente da Idioti. (ma forse tu avresti apprezzato visto che hanno speso 90 Mln senza uno straccio di entrata. Segno che spendere non vuol dire essere sicuri di qualificarsi in CL)
    Malaga e Galatasaray e Fenerbahce sono state escluse dalla CL.
    Il Marsiglia ogni anno cede per far cassa, il Monaco ha fatto lo stesso.
    I proprietari stranieri che hanno preso Leicester e mi pare West Ham e Valencia non hanno potuto fare spese folli.

    Tu dirai nessuno di questi Club ha il blasone dell’Inter.
    Sono d’accordo, ma nessuno di questi Club versava nelle condizioni disastrose in cui versavamo noi.

    Ora dimmi se almeno queste evidenze le vedi o se vuoi continuare a guardare alle big di Premier che intascano 400 Mln annui, o alle Big spagnole che ne incassano 600. O ancora al PSG che vince il campionato ogni anno e ha ottimi introiti.

    Certo che City e PSG non sarebbero nel novero delle Big se la regolamentazione fosse partita nel 2005. Ma così non è e sceicchi o chi per loro ha potuto sistemare i conti anche in maniera losca negli anni prima del FPF.

    Però se preferisci addossare le colpe a chi ci ha trasformato da una famiglia che rischiava di fallire in una impresa che cerca di essere competitiva senza rischiare di fallire non so che dirti.

  50. @Nic!

    Sul concetto di aggirare le parole qui sono bravissimi. Ad esempio io scrivo testualmente questo:

    mattoinh7: Dico solo che secondo me il fallimento di questa squadra è stato ed è prevalentemente tecnico, solo dopo imperfetto a livello gestionale.

    (pregasi notare l’uso di quel DOPO, avverbio che funge da congiunzione temporale e quindi dovrebbe far capire che non sto considerando solo un aspetto) e per risposta mi trovo scritto:

    Fabio1971: ma ovviamente è tutta colpa di Mancini… sia chiaro

    dove puoi notare l’suo di quel TUTTA.

    Ergo, amen.

  51. D’altronde è pieno di interisti che se arrivassero Lewandosky, Hummels, Modric li andrebbero ad accogliere a Malpensa al grido di: “tornatevene a casa vostra, noi vogliamo Nagatomo e Bonazzoli e vogliamo rispettare il FPF!!!!!!”….

    Capire che non stiamo difendendo Thohir in maniera cieca, ma siamo solo coscienti della situazione finanziaria della Società Inter è un concetto evidentemente molto difficile.

    Così come è difficile prendere atto che né sceicchi né petrolieri russi hanno mai fatto un’offerta di acquisto per l’Inter (chissà come mai) e che quindi ha poco senso logico rammaricarsi della mancanza di una potenza economica di cui non si dispone.

  52. Nic!: A me sembra che tu aggiri le mie parole per continuare a capire quello che vuoi capire.
    Io non ho mai detto che il FPF sia giusto.
    Non ho mai nemmeno riversato le mie frustrazioni e bile sull’allenatore (come dici tu) come fa qualcuno, ne sulla società come fai tu.

    si

    apprezzo il resto del tuo discorso, anche se non la penso affatto come te

    ma non pensare neanche che tutto quello che scrivo sia una critica o sia rivolto a te, il mio è un discorso più generale, per quel che ho sempre letto, fra l’altro, non ti ho mai visto usare toni isterici nei confronti di Mancini

    tutto qui, giusto per non creare equivoci :-)

  53. mattoinh7: @Nic!

    Sul concetto di aggirare le parole qui sono bravissimi. Ad esempio io scrivo testualmente questo:

    mattoinh7: Dico solo che secondo me il fallimento di questa squadra è stato ed è prevalentemente tecnico, solo dopo imperfetto a livello gestionale.

    e a mio giudizio dici una castroneria, almeno non puoi equivocare e rigirare le parole :-) ho dato esattamente quello che leggi

    perché? perché anche se avessimo fatto meglio, saremmo comunque arrivati terzi.

    conta i punti fatti da un certo punto da Juve e Roma e fatti due conti…

    persino il Napoli ha rischiato di perdere il secondo posto.

    L’errore di cui accuso la società, lo scrivo per l’ennesima volta, non riguarda questa singola stagione, riguarda persone stagioni in cui Mancini non c’era, per cui il tuo discorso non ha basi, tu stai parlando di questa stagione, io di altro, dell’intera gestione societaria dal momento in cui Thohir ha messo la prima firma e non ha capitalizzato adeguatamente la società, lasciando il budget per la parte sportiva sostanzialmente a ZERO…

  54. mattoinh7: Così come è difficile prendere atto che né sceicchi né petrolieri russi hanno mai fatto un’offerta di acquisto per l’Inter (chissà come mai) e che quindi ha poco senso logico rammaricarsi della mancanza di una potenza economica di cui non si dispone.

    Come mai però per un Milan messo molto ma molto peggio di noi, invece l’interesse c’è, proprio dei cinesi e prima o poi si concretizzerà e a quel punto diventeremo stabili la 5° forza del campionato, dato che la prima cosa che faranno sarà rinforzare la rosa, molto banalmente?

  55. Fabio1971: hai contato il numero di punti fatti nel solo girone di ritorno da Juve e Roma, senza neanche star a vedere da quando è iniziata la serie di vittorie consecutive della Juve..?

    per mantenere il vantaggio, avremo dovuto fare più o meno la stessa cosa, il che ERA CHIARAMENTE fuori dalle nostre possibilità

    Juve e Roma da un certo punto in poi hanno dato una ventina di punti a TUTTI, non solo a noi

    secondo me no.

    molte sconfitte erano evitabili cosi’ come gli scontri diretti. abbiamo perso un sacco di punti in partite che avremmo potuto e dovuto vincere in scioltezza.

    avremmo anche potuto centrare la finale di coppa italia con cui leccarci le ferite di questa stagione, ma loro ( i gicatori) hanno aperto le chiappe hai gobbi dicendo:servitevi pure. bastava non prendere 3 pere.

    le sconfitta col milan poi….lasciamo perdere

    il punto è che si poteva fare di più…molto di più.

    non ci sono state partite per cui abbiamo perso per manifesta superiorità dell’avversario per cui dici…ok troppo forti loro…

    per cui ripeto…..si poteva fare il terzo posto, bastava solo essere più convinti dei propri mezzi.

    la squadra non ha dato tutto in campo se non in alcune partite

  56. Pacific: Non ci si puo’ nascondere sul fatto che ” gli altri hanno cominciato a vincerle tutte”, senza tener conto che la tua squadra non ne ha azzeccata piu’ una

    amen.

  57. Fabio1971: perché? perché anche se avessimo fatto meglio, saremmo comunque arrivati terzi.

    NON saremmo

  58. Nic!: Nefario, mantenere il trend dell’andata purtroppo non sarebbe bastato per arrivare 3°.
    anche se indubbiamente avrebbe restituito l’immagine di una squadra più solida.

    si capisco il tuo e il punto di vista di alcuni di voi.

    ma in fin dei conti molti dei punti che ci mancano non ci sono per demeriti nostri evidenti, tipo torino, Milan lazio, sassuolo, genoa,

    15 punti ( non conto i gobbi)

    pari con l’atalanta, pari con il carpi ( mi viene da ridere/piangere), pari con l’hellas (ignobile)

    6 punti

    Totale = – 21 punti che potevano essere tranquillamente presi

    eccoli qui i punti che ci servivano per il terzo posto.

    erano più forti di noi? direi di no

  59. Fabio1971: Come mai però per un Milan messo molto ma molto peggio di noi, invece l’interesse c’è, proprio dei cinesi e prima o poi si concretizzerà e a quel punto diventeremo stabili la 5° forza del campionato, dato che la prima cosa che faranno sarà rinforzare la rosa, molto banalmente?

    E io o chi per me cosa ci possiamo fare? Evidentemente il Milan ha, per i cinesi, un appeal maggiore del nostro.
    Devo venirti io a dire perché i cinesi si vogliono prendere il Milan e non l’Inter?

    Perché lo sceicco si è preso il PSG e non il Lione? Perché l’altro sceicco si è preso il City e non il Newcastle? Perché Abramovic si è preso il Chelsea e non il Tottenham? Perché quell’altro sceicco si era preso il Malaga e non il Valencia? Ma che cazzo ne so io? Evidentemente ci sono logiche di mercato in base alle quali chi compra vede margini di crescita e guadagno. Se mai nessuno di veramente ricco si è preso la briga di fare offerte per l’Inter bisognerebbe chiedersi in che condizioni l’Inter stessa era stata messa in vendita e soprattutto in base a quali prospettive di risanamento un compratore avrebbe dovuto affrontare.

    Se arrivano i cinesi e buttano sul mercato 200 milioni per il Milan amen, non so che farci. Il mio presidente non lo può fare e, evidentemente, quello di prima ha venduto al mangiariso sbagliato. Si chiama senso della realtà, se ne sei sprovvisto è un problema tuo, non mio.

    Su quest’altro aspetto:

    Fabio1971: e a mio giudizio dici una castroneria, almeno non puoi equivocare e rigirare le parole ho dato esattamente quello che leggi

    perché? perché anche se avessimo fatto meglio, saremmo comunque arrivati terzi.

    conta i punti fatti da un certo punto da Juve e Roma e fatti due conti…

    persino il Napoli ha rischiato di perdere il secondo posto.

    può anche essere che io dica una castroneria, però quoto anch’io che:

    Pacific: Non ci si puo’ nascondere sul fatto che ” gli altri hanno cominciato a vincerle tutte”, senza tener conto che la tua squadra non ne ha azzeccata piu’ una , giocando da cani, fino all’ultimo.

    Se poi tu vuoi negare quello che ha detto il campo e combattere con i numeri amen, problema tuo anche questo.

    Nessuno qui è venuto a contestare, nemmeno per un secondo, quanto fatto d Juve, Roma e Napoli, ma, semplicemente, si è fatto notare come ci fossero tutte le condizioni per quantomeno lottare e provarci. Lo ripeto: se una squadra, alla fine del girone di andata, è a -2 dal Napoli, a pari merito con la Juve e a +5 sulla Roma e alla fine prende 24 punti dalla Juve, 15 dal Napoli e 13 dalla Roma, a mio avviso bisognerebbe fare altre considerazioni diverse da “sono stati troppo bravi gli altri” specialmente se detto da uno che quando l’Inter era prima veniva qui a scrivere “io voglio lo scudetto”.

  60. Nefario: si capisco il tuo e il punto di vista di alcuni di voi.

    ma in fin dei conti molti dei punti che ci mancano non ci sono per demeriti nostri evidenti, tipo torino, Milan lazio, sassuolo, genoa,

    15 punti ( non conto i gobbi)

    pari con l’atalanta, pari con il carpi ( mi viene da ridere/piangere), pari con l’hellas (ignobile)

    6 punti

    Totale = – 21 punti che potevano essere tranquillamente presi

    eccoli qui i punti che ci servivano per il terzo posto.

    erano più forti di noi? direi di no

    Ecco, appunto.

    Solo non dirglielo troppo forte, che per battere il Carpi servono tre fuoriclasse.

  61. Nefario: secondo me no.

    molte sconfitte erano evitabili cosi’ come gli scontri diretti. abbiamo perso un sacco di punti in partite che avremmo potuto e dovuto vincere in scioltezza.

    avremmo anche potuto centrare la finale di coppa italia con cui leccarci le ferite di questa stagione, ma loro ( i gicatori) hanno aperto le chiappe hai gobbi dicendo:servitevi pure. bastava non prendere 3 pere.

    le sconfitta col milan poi….lasciamo perdere

    il punto è che si poteva fare di più…molto di più.

    non ci sono state partite per cui abbiamo perso per manifesta superiorità dell’avversario per cui dici…ok troppo forti loro…

    per cui ripeto…..si poteva fare il terzo posto, bastava solo essere più convinti dei propri mezzi.

    la squadra non ha dato tutto in campo se non in alcune partite

    dici?

    per me no

    avremmo DOVUTO e POTUTO fare meglio, ma questo è talmente evidente che non occorre neanche dirlo

    detto questo, saremmo comunque arrivati quarti

    perché?

    !) La Juventus nelle ultime 18 partite di campionato ha ottenuto 52 punti sui 54 disponibili
    Nel 2016 la Juventus ha ottenuto 31 punti, più di ogni altra squadra:

    !!) La Roma ha fatto 48 punti nel girone di ritorno, frutto di 15 vittorie e 3 pareggi, con la sconfitta solo contro la Juventus. Una proiezione superiore rispetto a quella degli stessi bianconeri, pur reduci da una stagione da record.
    Fra l’altro, nell’intera stagione hanno segnato 83 gol, mai così tanti negli ultimi 70 anni di storia giallorossa.

    forse avremmo potuto fare qualcosa per agganciare il Napoli al terzo posto, ma Higuain ha fatto 36 reti eh…

    però questi sono NUMERI, non impressioni, e ben contestualizzati… poi noi abbiamo atto male dalla Lazio in poi.. ed è il problema che riguarda NOI, sul resto, che avremmo potuto fare?

  62. Io credo che avremmo potuto fare meglio. Analizzando il lato sportivo è evidente che si potessero fare più punti e che ci siano stati degli errori. Vedo un upgrade tecnico – tuttavia – significativo rispetto all’anno passato: 12 pti in più (e sarebbero potuti essere di più – come detto) è sinonimo di crescitato sotto il profilo qualitativo. Innegabile – a prescindere da quanto fatto notare circa le nostre lacune e gli errori commessi. Oggi – nonostante il sottoscritto tendenzialmente prenda con le molle le dichiarazioni interne alla società – effettivamente (lato sportivo) c’è una base tecnica e l’inserimento di Banega arricchisce questo gruppo. Questi sono i fatti: il resto lascia un po’ il tempo che trova.

    Si può ragionare sulle prospettive (es. che mercato sarà?), su quello che si sarebbe dovuto fare (es. Thohir avrebbe dovuto investire a suo tempo/Mancini ha commesso errori) e si possono avere posizioni differenti: legittimo.

    Io spero che la squadra possa crescere ulteriormente in questo mercato – a fronte delle entrate e delle uscite – non so se sarà possibile, ma spero che ci riescano (come fatto l’anno passato): spero che il livello complessivo della rosa salga e ritengo che la modalità attraverso cui si ha maggiori possibilità di realizzare questo sia (a fronte di quello che sappiamo) dare continuità al progetto.

    Spero che la società e il tecnico riescano a individuare i profili che – in linea con le nostre possibilità – possano migliorarci: in questo senso spero che la società appoggi il tecnico, ma che allo stesso tempo si dimostri forte e non vada a seguirlo ciecamente.

    Se la richiesta è Yaya Toure – per esempio – come società ho il dovere di non dare l’assenso, ma posso appoggiare alla grande il mio allenatore portandogli Biglia, per intenderci: ognuno ha le proprie responsabilità, che non vanno delegate ad altri. Forse in molti ricorderanno come Sneijder – ad esempio – non fosse la prima scelta di Mourinho in quell’estate del 2009 (voleva Deco), discorso analogo per Lucio (voleva Carvalho): è la società in ultimo a dover decidere chi comprare.

    In ragione di questo il sottoscritto ritiene che le colpe di acquisti come Felipe Melo non siano da ascrivere in toto al tecnico, ma parimenti (se non di più) alla società che ha avallato l’operazione. Il tecnico ha il diritto/dovere di indicare profili specifici, anche di impuntarsi su certi nomi, ma in ultimo è la società che deve prendere le decisioni e che è responsabile.

    Mi crea più fastidio/preoccupazione il fatto individuato da Zanetti oggi – che avevo percepito anch’io – e che ritroviamo in questa dichiarazione:

    “Cosa c’era in quella squadra (2010) che non c’è in questa? L’attaccamento alla maglia, l’idea di giocare in un gruppo e non singolarmente. Non c’è bisogno che io faccia nomi, ognuno sa come si è comportato nel corso della stagione, non occorre che glielo ricordi Zanetti. Il problema principale sono i nuovi arrivati, perché chi viene a giocare nell’Inter deve come prima cosa rispettare la maglia. Questo è il primo passo per entrare nel cuore dei tifosi, il modo più semplice per mostrare rispetto.”

    Si può poi discutere su quanto la nostra società sia valida (a tutti i livelli: dirigenza, allenatore, gruppo storico?) nel trasmettere questa identità. Perchè finchè siamo in un clima di grandi vittorie con l’allenatore che si chiama Mourinho ed in squadra ci sono uomini come Materazzi, Samuel, Cambiasso, Zanetti e Stankovic è facile creare questo sentimento di appartenenza ed onore, quando le cose vanno meno bene e non ci sono questi interpreti serve che la cosa si sviluppi dall’alto. L’identità è un qualcosa che si può costruire, ma che in linea di principio proviene dall’alto: poi si può trasmettere. Il Milan per esempio l’ha persa negli anni proprio perchè – persi certi interpreti – è mancata la società a monte: i risultati sono evidenti.

  63. D’accordo con il Casa vi do la buonanotte, felice di aver fatto “pace” e aver esposto le mie idee sia con Mattoinh7, che con Fabio1971 e di essere stato ascoltato!

    E speriamo che società e tecnico ci sorprendano. Vi lovvo.

  64. Nefario: amen.

    Avete colto nel segno…ci si sofferma spesso sul fatto che il nostro quarto posto rispecchi il nostro giusto valore e che tenere il passo di Roma e Juve negli ultimi mesi fosse impossibile…questo è indubitabilmente VERO, ma io ME NE FOTTO, perchè c’è modo e modo di raggiungere una stessa posizione e i fatti dicono che nel girone di ritorno abbiamo giocato di merda e soprattutto che abbiamo totalizzato la bellezza di 28 punti, gli stessi del Carpi (!!!!)…se avessimo giocato meglio e magari avessimo totalizzato una decina di punti in più saremmo arrivati quarti lo stesso? Probabilmente si, ma lo si sarebbe fatto in un modo più dignitoso e brillante, e non solo facendo tesoro del suicidio della fiorentina, si sarebbe forse raggiunta una maggiore fiducia e autoconsapevolezza nei propri mezzi per essere ormai arrivati a distanza ravvicinatissima dal podio, si sarebbe resa più credibile la prosecuzione e il completamento di un progetto tecnico tattico con cui si era giunti ad un soffio dalla zona champions, apportando i giusti ritocchi e ripartendo da base più solide, quelle che adesso sembrano mancare, tanto a livello di singoli giocatori quanto e soprattutto di sistema di gioco e organizzazione tattica

  65. Nic!:
    D’accordo con il Casa vi do la buonanotte, felice di aver fatto “pace” e aver esposto le mie idee sia con Mattoinh7, che con Fabio1971 e di essere stato ascoltato!

    E speriamo che società e tecnico ci sorprendano. Vi lovvo.

    figurati, è stato un piacere, finito di lavorare, me ne vado finalmente a dormire :-)

    grazie della compagnia

  66. Vi prego basta toure. ….ditelo al nostro super allenatore spelacchiato

  67. Fabio1971: Come mai però per un Milan messo molto ma molto peggio di noi, invece l’interesse c’è, proprio dei cinesi e prima o poi si concretizzerà e a quel punto diventeremo stabili la 5° forza del campionato, dato che la prima cosa che faranno sarà rinforzare la rosa, molto banalmente?

    Ecco, proprio di questo vorrei discutere.
    Cosa ti fa essere così sicuro di questo?

    Secondo me il nano sta continuando con la messa in scena iniziata già un anno fa con Mr Bee…. perchè non esiste al mondo che guardacaso tutti quelli che vogliono acquistare il Mi**n, non si sa chi siano e da quale settore provengano!
    A mio avviso è solo una strategia per far credere che il prodotto interessa, mirato a stanare un eventuale interessato che ancora non si è fatto avanti.

    …e per notare l’anomalia basterebbe guardare i precedenti…. quando il Bologna era in vendita si sapeva che si stava trattando con Tacopina/Saputo, idem la Roma con Pallotta e soprattutto l’Inter…. vi ricordate l’annuncio con tanto di foto di Moratti insieme ai 2 cinesi della China Railways per il 15%? Poi la cosa non andò in porto (principalmente per la questione stadio) e si iniziò a sentir parlare di Thohir, ed anche lì la cosa andò avanti un bel po’.

    Tra i principali motivi che possono spingere un ricco industriale a comprarsi una società di calcio c’è sicuramente la ricerca di visibilità internazionale….e come caxxo è che con il Mi**n si sente parlare solo di intermediari, cordate, Mr Bee, Me Lee, ma non si capisce mai di chi si tratta realmente o dell’azienda che rappresentano?

    Ora Thohir tratta con il gruppo Suning per il 20%… quindi sappiamo di nuovo di cosa stiamo parlando, basta fare una ricerchina!
    Dall’altra parte si susseguono trattative con non meglio precisati “cinesi”… che ovviamente vengono spacciati come i “musigialli” giusti e con tanti soldi……mica come noi che abbiam beccato il “musogiallo” col braccino che vuole solo “speculare” sull’Inter…. come se loro avessero trovato il più ricco di tutta la Cina che viene qui solo per amore del Mi**n!

    Neanche un bambino avrebbe creduto alla favola di Mr.Bee che veniva a mettere MEZZO MILIARDO di euro per meno della metà di un Mi**n derelitto, indebitato e senza uno stadio di proprietà….eppure tv e giornali gli hanno tenuto il giochino raccontandoci cazzate per un anno….e quasi nessuno si è fatto delle domande!
    Per non parlare dell’apice del ridicolo che hanno toccato la scorsa estate quando da un giorno all’altro sembrava che avessero già venduto, ricapitalizzato e ciliegina sulla torta il famoso viaggio di Galliani che sarebbe dovuto tornare con il si di Ancelotti (ahahah), Jackson Martinez, Kondogbia e Ibra….

    Se poi davvero sarà così bravo a trovare i mangiariso giusti, buon per lui e per i BBilanisti, ma ad oggi mi sembra solo di assistere all’ennesima pagliacciata finalizzata a prendere ancora del tempo

  68. Johnny®: Se poi davvero sarà così bravo a trovare i mangiariso giusti, buon per lui e per i BBilanisti, ma ad oggi mi sembra solo di assistere all’ennesima pagliacciata finalizzata a prendere ancora del tempo

    Non saprei, ovviamente con certezza

    ma credo che sia più o meno inevitabile che accada, fosse solo per una questione anagrafica di Berlusconi e della volontà di vendere dei suoi figli…

    insomma, su chi siano i cinesi del Milan, non c’è poi tutto questo mistero, per quanto le cose con Berlusconi non siano mai trasparenti…

    sono una cordata fra i principali imprenditori cinesi, per non dire ricchi, che fanno di fatto da tramite per lo Stato Cinese… che deve avallare, ma di fatto usa, gli investimenti esteri degli imprenditori cinesi…

    Il problema sembra più che altro essere la testardaggine di Berlusconi di non volere farsi da parte “Mi vogliono cacciare…” perché pretenderebbe di stare tre anni ancora in carica popola cessione…

    se fai un giro sul sito milanista -anti societario – Milan Night è spiegato abbastanza chiaramente

    succederà… a meno di colpi di teatro / follia di Berlusconi, ma poi lì c’è lo sprofondo totale

    brutta cosa la vecchiaia :-(
    Se

  69. Ancora una volta in accordo con Johnny (marchio-registrato) 😉

  70. Johnny®: Ora Thohir tratta con il gruppo Suning per il 20%… quindi sappiamo di nuovo di cosa stiamo parlando, basta fare una ricerchina!

    Anche lì. dipende.
    perché per molti il mandato a Goldman Sachs è esteso anche alla vendita dell’intero pacchetto di maggioranza…
    ma lì, la problematica, forse positiva, è il 29% di Moratti, cha a novembre dovrà essere ridefinito in base agli accordi presi alleato della vendita

  71. certo, tutto vero, ma stiamo parlando di numeri e dati di fatto concreti…a questo punto non potremmo nemmeno escludere di finire anche noi nelle mani di “quelli giusti”…non è scontato che la ricerca di un nuovo partner o acquirente sia necessariamente una cosa negativa, Goldman Sachs ha come unico scopo quello di rientrare del grano, quindi è anche nel loro interesse cercare qualcuno affidabile e col portafogli pieno

    Comunque occhio che la trattative del nano non riguardano esclusivamente il Mi**n…. ed occhio anche che quando si parlava di Mr Bee è saltato fuori che in fondo in fondo c’era la possibilità che quell’operazione potesse essere solo una montatura per far rientrare in Italia dei suoi stessi capitali imboscati all’estero (che spiegherebbe anche il perchè di una valutazione così alta e priva di senso)…..e se non gli è andata bene la prima volta, non escludo che possa riprovarci

  72. Forte il nano. Vuole vendere a peso d’oro e restare a comandare con i soldi degli altri. Un po come aveva cercato di fare moratti all’inizio prima di vendere a Thoir, pensano che i gialli siano degli idioti. Poi ti sbattono in faccia la realta’ e ti devi accontentare. Sono d’accordo che la faccenda della vendita del bilan sia strana, non si capisce chi c’e’ dietro, tutto fumoso, come fumoso e losco era l’affare con mister bee, per un miliardo di euro per una squadra ridicola in un campionato ridicolo. Si rasenta la follia.

  73. Io non penso che Thohir tratti per vendere la maggioranza.
    L’ha smentito più e più volte.

    Mi pare un altra notizia confezionata ad arte per togliergli credibilità.

  74. Nic!:
    Io non penso che Thohir tratti per vendere la maggioranza.
    L’ha smentito più e più volte.

    Mi pare un altra notizia confezionata ad arte per togliergli credibilità.

    +1

  75. Omaggio al Principe. Il micro-movimento con cui mette fuori causa il portiere del Bayern e poi segna facile il primo gol della finale Champions è da antologia