Mateo Kovacic. Ovvero: da un’opportunità, creare un problema

No, vi tolgo subito tutte le paure: questo non vuole essere il millesimo post che esalta Kovacic, né il millesimo che lo condanna alla dannazione eterna. Ne avrete lette ormai di tutti i colori da fior fior di esperti con la verità in tasca e io non sono nessuno per smentirli. Non ho la sfera di cristallo né tantomeno certezze su un ragazzo che gioca con la 10 dell’Inter a una età in cui io dettavo legge a tressette all’università. Se Kovacic sarà the next big thing del calcio europeo o il nuovo Francisco Pavón io non lo so di certo.

E però non capisco. Giuro non capisco. Provo a guardarla da tutte le parti questa (possibile? probabile? certa? annunciata?) cessione di Kovacic e non riesco a trovarci una giustificazione logica. E continuo a non capire questa misteriosa e drammatica tendenza al masochismo che sembra imperare in questa società. Magari sbaglio eh, e ovviamente me lo auguro. Magari ho limitate, limitatissime informazioni. Magari i ragionamenti che faccio sono campati per aria e la realtà dei fatti si rivelerà essere un’altra. Magari.

1010

Però io credo che in questa rosa siano pochi, pochissimi i giocatori su cui si può pensare di impostare il futuro sia a breve che a medio termine. Mauro Icardi su tutti ovviamente, l’unico campione ormai consacrato sul quale rimane pochissimo da discutere. Shaqiri e Brozovic probabilmente insieme a un terzino -Santon- che male non fa. Hernanes, ma qui entriamo già nel campo degli “a patto che”: Hernanes, a patto che si confermi quello che si è visto sul finale di stagione. Chi altri? Mateo Kovacic, nessun altro. E leggeteli bene questi nomi, uno in fila all’altro. Sono tutti giocatori che sono passati o stanno passando sotto il “metodo-Mancini”: fiducia cieca all’inizio, ipersfruttamento a dispetto di ogni logica, poi inevitabile calo fisico e di prestazioni. Periodo in panchina più o meno lungo fra presunte punizioni e allenamenti mirati, e poi rientro in campo a livelli più alti di prima. Lo ha fatto Icardi, lo ha fatto Hernanes, lo stanno facendo Shaqiri, Brozovic e Santon. Lo ha fatto Kovacic, che non a caso è rientrato sul finale di stagione dopo un periodo fuori dai radar. Con ben altro piglio.

Il metodo-Mancini, appunto. L’allenatore che, piaccia o meno, ha provato a ridare certezze e dignità a una squadra che le aveva completamente perse. E forse possiamo anche azzardarci a dire che almeno in parte c’è riuscito. Da cosa è stata caratterizzata la sua Inter? Da una forte discontinuità sicuramente, da una parvenza di gioco, dalla voglia di costruire palla a terra, da una buona trama in mezzo al campo, da una discreta capacità offensiva, da disastri e svarioni uno via l’altro in difesa. E insomma, la quadratura in mezzo al campo pare che sia arrivata. Forse, anche in ottica mercato, il reparto su cui intervenire non è propriamente quello.

Certo c’è poi “l’impressione”. C’è l’immagine, c’è lo stereotipo, c’è quel maledetto bollino che appiccichiamo in faccia a un giocatore e non scolliamo più, per cui Kovacic è quello indolente, quello che si nasconde. Peggio ancora: quello che doveva risollevare le sorti della squadra da solo, quello che doveva trascinare Ranocchia, Juan Jesus e Nagatomo in Champions League. Oh, gente: quello è Maradona, non Kovacic. Kovacic è quello che in stagione ha messo in fila -in questa squadra qui, non dimentichiamolo mai- a 20 anni 44 presenze, 8 gol e 5 assist. Un certo Pogba, un anno più grande, ha fatto 2 gol in più giocando 400 minuti in più e in ben altro contesto. Il tutto senza neanche andare a scomodare paragoni con i vari Iniesta e Xavi che sì, indubbiamente lasciano il tempo che trovano ma almeno qualche tarlo in testa ce lo insinuano.

Mateo Kovacic è un fenomeno? No, assolutamente.
Mateo Kovacic è un problema per questa squadra? NO. Assolutamente.

Kovacic-2

E allora sì, va bene, vendiamolo pure. In un mondo in cui si favoleggiano 130 milioni per Pogba (poi un giorno qualcuno mi spiegherà perché tocca leggere di queste idiozie), in un mondo in cui Lallana è costato 31, in un mondo in cui per Kondogbia si parte da 30, noi prendiamoci pure questi 25 milioni per Mateo Kovacic.

Per farne che? Per sostituirlo con chi? Per migliorare la squadra in che modo?

Abbiamo un giocatore di 20 anni che in due anni e mezzo ha almeno raddoppiato il suo valore, crescendo in maniera evidente -anche se ancora non decisiva- sul campo. Se siete certi che a una cifra inferiore siete in grado di prendere uno più forte che riesca dove Kovacic pare abbia fallito, uno che trascini la squadra verso l’alto, che le faccia fare il salto di qualità, che ci svolti il campionato allora ben venga, fate pure, sarò il primo ad applaudire.

Se dobbiamo prendere i soldi e scappare però, se dobbiamo dare una maglia da titolare a Thiago Motta o Felipe Melo, fermi tutti. Liberissimi di farlo, ma non chiamatelo progetto e non raccontateci favole.

Sono i 20enni da 25 milioni e 8 gol a stagione quelli su cui si costruiscono i progetti.
Il resto è tirare a campare, nella mediocrità degli ultimi 5 anni.

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.

59 commenti

  1. Amen.
    #CroaziaNerazzurra

  2. Scusami Nkoso, ma io mi sono fermato al fatto che tu a 20 anni giocavi a tressette all’università, il resto è nebbia.

    Poi sarei io il vecchio della comitiva eh

  3. Tutti i tifosi siamo vittime della società che tifiamo. Se siamo riusciti a far cambiare idea sullo scambio (alla pari!!) guarin-vucinic stavolta la società non potrà di nuovo fare la stessa figuraccia anche in Europa. Ma la nostra si sa…è proprio una società piena di cose strane…
    P.s. Ho troppa rabbia per questa cessione. Meglio non scrivere troppo

  4. Disabiliterei i commenti. Post perfetto, non c’è nient’altro da aggiungere.
    Complimenti!

  5. Se ci arriviamo noi a capire che vendere kovacic, a quel prezzo poi, è un errore madornale, loro che sono i “professionisti” strapagati milionari, perche non ci arrivano!?

  6. “Forse, anche in ottica mercato, il reparto su cui intervenire non è propriamente quello.”

    Oh, m’è venuto duro. Rifacessero la difesa ed amen.

  7. Anticipo già la risposta a quelli che dicono, ma se non vendi lui come li tiri su 20 mln?
    Io dico che li tiri su vendendo a prezzo stracciato i 10.000 mezzi giocatori che abbiamo in rosa e in giro per la serie A, e risparmiando sui loro ingaggi.
    Abbiano 1000 primavera, 1000 argentini importati che non hanno mai giocato con la nostra maglia ma sono nostri, se si é deciso di non puntare su di loro, via a prezzo di saldo piuttosto che gratis.
    Schelotto, campagnaro, obi, kuzmanovic, laxalt, botta, i vari primavera in giro per la serie A. O ci puntiamo o tutti a fare in culo.
    Anche i pipponi come nagatomo, se riesci a vederli alla fine di questa stagione per 3 mln ben venga e poi spendi zero per donkor, che peggio di nagatomo non mi sembra.
    Senza contare la Bella impressione che mi aveva fatto gnokuri!!

  8. pur essendo uno che non ama aspettare in eterno i calciatori (chiunque sia) concordo nell’analisi nell’articolo: saranno pure balle di calciomerdato ma sembra che l’inter abbia fretta di (s)vendere kovacic

    se pogba (che ancora si caca addosso nei big match) vale un centinaio di milioni, il piccolo croato quota almeno una quarantina…

    P.S. il gobbo infiltrato (fassone) dice che resterà

  9. Ci vorrebbe una protesta! Solo la difesa deve essere venduta e poi solo grandi acquisti! E soprattutto dobbiamo sparare prezzi alti pure no..pogba 130 milioni, oggi allegri ha detto che morata vale 70 milioni..e allora Icardi ne vale 100! Kovacic almeno 50, minimo! Solo con una protesta in stile guarin si può dare una scossa!

  10. A me pensare di vendere Kovacic a 25 milioni mi fa venire i brividi… si vedono ogni estate cessioni milionarie di giocatori bravi, ma nè fenomeni nè giovani come Mateo e, finalmente ne abbiamo uno noi in rosa (insieme ad Icardi) e lo vendiamo alla prima offerta che riceviamo.
    Io di base non sono contrario alla cessione di Kovacic, ma solo se fatta ad una cifra importante, non 25 milioni quando Dybala ne costa 40, Iturbe 30 e così via…

  11. Di Marzio (a mio modesto parere uno dei più credibili rispetto a tanti ciarlatani e giornalai) ha appena scritto che l’intenzione della società è quella di tenere Kovacic, e che quello del Liverpool è poco più che un interessamento (ben diverso da “Kovacic virtualmente nuovo giocatore del Liverpool”). Io predicherei calma di fronte alle sparate giornalistiche quotidiane, che speculano velenosamente sui timori di noi tifosi – timori che il silenzio della società contribuisce ad alimentare -.
    L’articolo è condivisibile al 100%, ma si basa su un qualcosa che penso e spero sia più una costruzione giornalistica che altro.
    #amala

  12. Speriamo Benni. Effettivamente ci sta che i tifosi siano preoccupati, ancora nessun acquisto di spessore/prospettiva, siamo a metà giugno e già si parla di vendere uno dei due migliori in squadra.

    L’isterismo non mi piace ma lo capisco e stavolta un pochino lo condivido anche io.

  13. Anche fra le storie di persone, anche comuni, mai visto nessuno risollevare le proprie sorti svendendo la poca argenteria rimasta in casa….

    al massimo è servito solo a rimandare di qualche settimana la caduta nel baratro….

    speriamo rinsaviscano, perché ho un po’ di brividi

    Ps. se a questi livelli dipendi dai 25 mil di Kovacic, allora meglio smettere di fare dichiarazioni di CL e Scudetto, perché è finito tutto.

    Io non credo possa essere così, almeno che Thohir sia schizofrenico con sdoppiamenti di personalità… da un lato prende allenatori top, dall’altro è in crisi mistico-finanziaria…

    Penso invece che purtroppo la chiave di lettura sia una altra, cioè che semplicemente Mancini non vede Kovacic, nel senso che in quelle posizioni ne vuole uno più pronto e più forte…
    potrebbe essere… potrebbe essere, specie se ci si fossilizza su un modulo in cui c’è meno posto per Kovacic…

    che non è STRUTTURALMENTE Tourè… ma è proprio diverso, non è Thiago Motta, non è forte in attacco (su questo dai, al momento è così…)

    Temo il motivo sia solo questo, Kovacic si incastra peggio negli schemi e serve una cessione per il FFP

    OK, ci sta… ma deve essere chiaro che ALMENO MEDIATICAMENTE il prezzo parte da 40 ML…
    il solo lasciar sbandierare 20-25 ml è da depressi, da società senza amor proprio….

    Almeno 35 li porti a casa, sennò te lo tieni… e l’allenatore se ne farà una ragione…

  14. ditemi in che universo state per far paragoni fra kovacic e pobbà che voglio venirci anche io.

  15. Eddie:
    ditemi in che universo state per far paragoni fra kovacic e pobbà che voglio venirci anche io.

    Nello stesso universo in cui Cambiasso viene gettato dal Madrid o dalla Cataluna ti offrono 50M più Eto’o per Ibra.

    Secondo te ci sono 80 milioni di differenza tra i due?

  16. Ukyo The Vulture Beast

    vi prego, mettete st’articolo a 25 cm dalle pupille di ausilio!

  17. @ Eddie

    non mi risulta nessuno abbia infantilmente paragonato i due

    è solo che, come giustamente fa notare ‘Fabio’, in un mercato dove dybala (alla prima stagione in A) vale 40 non puoi quotare kovacic 20/25

    e non stiamo paragonando nessuno a nessuno, ma solo cercando di adeguare il prezzo dei nostri ai prezzi che vigono sul mercato, chiaro?

    io credo che la società debba intervenire con un comunicato ufficiale del tipo:
    ” le cifre paventate dai media sono ridicole” o una roba simile

  18. Vujen: Nello stesso universo in cui Cambiasso viene gettato dal Madrid o dalla Cataluna ti offrono 50M più Eto’o per Ibra.

    cioè mi stai confermano che il paragone è na stronzata?

    Secondo te ci sono 80 milioni di differenza tra i due?

    guarda, francamente faccio già fatica a credere che ci sia qualcuno che ce ne dà 25 per uno che, sbrodolamenti ciechi dei tifosi a parte, fin’ora non ha dimostrato assolutamente nulla se non essere una bella speranza.
    E infatti, boutade giornalettistiche a parte, non è che ci sia proprio la fila alla porta…

  19. A me pare che siano ridicole le cifre che girano in senso assoluto, mica solo quelle di Kovacic. Ora siccome il Real butta soldi a profusione non è che debba necessariamente diventare la norma. Perfino il Barça ha subito il blocco degli acquisti.
    Sarà il caso che qualcuno se ne renda conto prima o poi, altrimenti il giochino si romperà molto presto, ma questo con Kovacic non c’entra.

    Ad ogni buon conto fate bene a mettervi il cuore in pace perché almeno fino alla fine del 2016 Thohir non butterà soldi a caso dentro la società e questo a prescindere da quali siano i suoi obiettivi di medio-lungo periodo. La ragione è molto semplice e ha un nome e un cognome: Massimo Moratti

  20. Eddie, ti sto confermando il fatto che il valore di un giocatore dipende da molte concause, e tra tutte queste paradossalmente le più importanti non riguardano il valore intrinseco del giocatore.

    La forza della squadra, la forza economica della squadra, l’abilità del suo procuratore, il suo stipendio, sono tutti fattori che inficiano forse più di gol fatti e assist fatti, per calcolare il valore del player.
    Attenzione, non sto dicendo che sia giusto o sbagliato, semplicemente è così.

    Dybala, faccio un esempio – per me – non vale assolutamente 40M, ma viene da un’annata in cui ha fatto bene, in una squadra che s’è messa in mostra ed in cui è stato pompato, anche grazie al suo presidente.

    Kovacic viene dall’Inter più scarsa degli ultimi 10-15 anni, in un ambiente depresso e povero economicamente. Se tu prendessi l’annata di Kovacic (8 gol da centrocampista ragazzi, non due) e la traslassi precisa precisa in “kovacic alla juve”, il prezzo salirebbe ALMENO del 30%.

    Non è né giusto né sbagliato, semplicemente è così. La bravura di un DS sta nel calcolare queste cose e dare comunque il giusto valore al giocatore. Nel prendere i giocatori deprezzati, o nel tenere i giocatori quando sai che possono fruttarti di più se adeguatamente valorizzati. Prendere Ronaldo a 100 e passa milioni – per dire – non è azione da bravo DS, ma da DS che ha il portafogli gonfissimo.

  21. Nell’intervento di NK3 ci sono molte cose che condivido e altre che non condivido per niente.
    Intanto, qui non si tratta di valutare il ragazzo Kova accademicamente. E’ assolutamente lapalissiano che una squadra con un assetto societario economicamente stabile e un organico che ha dato negli ultimi anni risultati in linea con le aspettative non butta via i suoi soldi se scommette 40 o 50 milioni su di lui e, se lo ha, se lo tiene ben stretto.
    Ma, se non ho capito male, qui parliamo di una squadra che dal punto di vista finanziario ha già superato il fondo del barile e non si capisce bene se stia ancora scavando. E si parla di una squadra che con Ma1 ha messo in mostra il calcio più brutto del campionato senza neppure raggiungere risultati decenti e con Ma2 ha fatto un po’ meglio nell’estetica ma ha conseguito risultati assolutamente sconfortanti.
    Quindi sarebbe un grosso errore di prospettiva pensare che con un piccolo aggiustamento in difesa possiamo diventare all’improvviso competitivi, almeno in Italia. A mio modesto parere occorrerebbe una rivoluzione, non una piccola riforma. Un cambio significativo e drastico in almeno 3 giocatori, uno per settore, difesa, centrocampo e attacco.
    Se si parla di ‘buona trama in mezzo al campo’ io penso di aver visto delle altre partite e mi chiedo se stiamo parlando della stessa squadra (dell’Inter?). Io ho visto qualche giocatore coraggioso con i piedi di ghisa (Guarin, Medel. Kuz) cercare di suggerire gioco con risultati penosi. Ho visto chi avrebbe le qualità per innescare l’azione (Kova) demandare la responsabilità, con decine di palloni restituiti all’indietro, a J.J. o Ranocchia. La trama in mezzo al campo si è risolta troppe volte con una sterile ragnatela di dieci metri di diametro finchè non si innescava un sanguinoso contropiede. Quindi è fondamentale trovare qualcuno a centrocampo che abbia piedi buoni e coraggio e, se non ha ventun’anni, mi permetto di dire un bel chissenefrega.
    Kova oggi è una scommessa sul futuro che forse possiamo permetterci o forse no. Cerchiamo di essere realisti.
    Per il resto, d’accordo su tutto.

  22. Nk non ho mai troppo amato Kovacic pero’ devo dire che mi hai convinto.
    Se Pogba ne vale 125 a noi almeno 40 ne devono entrare.
    40 non uno di meno.
    Anche perchè quelli del Liverpool ci devono parte della plusvalenza realizzata con Coutinho. No?

  23. L.B. io sinceramente se dovessi cambiare solo 3/11 della squadra, li cambierei tutti in difesa. Oppure (ma sarebbe il mio piano B) 2 in difesa e 1 in attacco.

  24. L.b.:
    E’ assolutamente lapalissiano che una squadra con un assetto societario economicamente stabile e un organico che ha dato negli ultimi anni risultati in linea con le aspettative non butta via i suoi soldi se scommette 40 o 50 milioni su di lui e, se lo ha, se lo tiene ben stretto.

    infatti facciamo fatica a venderlo per la metà di quelle cifre…

  25. btw comunicato curva nord sulla contestazione:

    “Pur ben conoscendo le fantasie dei giornalisti sportivi che, ogni anno, con l’assenza del campionato cominciano a fomentare il tifosotto medio (che 9 volte su 10 non ha mai messo piede in uno stadio) con articoli e/o servizi deliranti che non meritano le nostre attenzioni, ci vediamo costretti a smentire categoricamente le totali invenzioni odierne della redazione di Sportmediaset riguardanti nostre ipotetiche contestazioni alla Festa della Nord 2015 che si terrà questo sabato 20 giugno allo stadio Meazza.

    La Festa della Nord è e sarà sempre un’occasione per festeggiare GLI INTERISTI. Quelli veri. Quelli che nel sole e nel vento, a prescindere da qualsiasi giocatore indossi la NOSTRA maglia, continuano a sottoscrivere abbonamenti. Quelli che donano amore incondizionato SEMPRE, COMUNQUE ED OVUNQUE. E visto che di questi tempi andare allo stadio tra tessere, divieti assurdi e costi faraonici è diventata un’impresa DA EROI, ci teniamo a festeggiare questi eroi di tutti i settori dello stadio e soprattutto quelle famiglie stoiche che alla faccia della carta stampata e dello stato italiano che cercano di allontanarli dagli impianti sportivi con ogni illazione sugli Ultras, continuano imperterriti a sbeffeggiarli con la loro presenza in tutti gli stadi italiani. Su questo siamo concentrati in questi giorni di preparativi. Su questo e soprattutto sul come rendere protagonisti i bambini di quella che sarà come sempre una vera e propria festa. PUNTO.

    Invece…

    Per quelli che fremono di notizie, vivono di calciomercato, sono tutte le sere attaccati ai canali regionali ad ascoltare le minchiate (scusate il termine, ma di questo si tratta) che dicono i vari ex-calciatori o chi s’improvvisa esperto di calcio, consigliamo di venire alla Festa di sabato per bersi una birretta in compagnia e rilassarsi. Lasciate lavorare chi deve farlo. FACCIAMO I TIFOSI. FATTI. VITA VERA. BASTA CAZZATE!!! FESTEGGIAMOCI INTERISTI!!! Vi aspettiamo sabato

    Curva Nord Milano 1969”

  26. Speriamo che sia una sparata giornalistica come dite voi….. ma io temo che stavolta Kovacic vada… non mi strappero’ i capelli (come non me ne sono strappato neppure uno per cutigno) ma la cosa non mi entusiasma, sopratutto perchè non ne capisco il motivo tecnico e manco quello economico (ha un ingaggio basso).
    Temo che succederà però.
    Perchè mentre per Icardi la società si è un sacco di volte espressa sull’incedibilità, qui parla solo quella merda di fassone….. che voleva regalare il guaro ai gobbi amici suoi!!!

    Vedremo….

  27. Quante magliette si vendono in Croazia? Invece vendere Nagatomo sarebbe un disastro!

  28. Se il ragionamento è “devi costruire una squadra forte per riuscire a prendere i soldi della Champion’s, ti servono soldi per costruire una squadra forte, dove li prendi i soldi se rinunci ai 25 milioni che ti offrono per il più appetibile?” vi dico da subito che non si va da nessuna parte. In campo non scendono gli assegni da 25 milioni o i bonifici ma i giocatori. Se devi costruire una squadra forte e INTANTO te ne togli uno futuribile perché ti servono i soldi, con quei soldi ci prendi uno che non vale il futuribile (sono pochi) e siamo punto e a capo, perché i soldi sono già finiti, sei senza Kovacic (e con Felipe Melo, orrore) e la squadra forte ancora non hai neanche cominciato a costruirla.
    Sono d’accordo con l’articolo, l’asse portante del futuro devono essere quei 6-7 nomi da Kovacic a Shaqiri ad Icardi eccetera, questi sono intoccabili. Il resto della squadra si costruisce dai soldi che si ottengono cedendo gli altri (il DS cosa lo paghiamo a fare se non riesce a cedere i giocatori in esubero???) e che escono dalla tasca del proprietario. Tertium non datur, altrimenti noi qualificazioni Champion’s non ne vedremo più.

  29. Non sto qui a fare il pistolotto sul fatto che non si debba vendere Kovacic perché esploderà o lo si debba vendere perché è un pippone. Non lo so, ma quello che mi spaventa e per prendere chi. Motta e Melo? Questi un minuto dopo non valgono più un centesimo, e chiedono pure 10 kili per Motta, autonomia 20 minuti ogni tanto a parte gli infortuni a catena. Ecco se fanno un operazione del genere ci sarebbe veramente da prendere il macete e tagliargli tutte due le braccia al gobbo e al pelatino.

  30. manager_cercasi

    Per me il discrimine è sulle motivazioni. Se vendi kova perchè sei convinto che rimarrà un’eterna promessa (non sarebbe il primo, nè l’ultimo), il cui valore alla fine galleggerà tra i 20/30 e che nella tua squadra non potrà avere un rendimento di rilievo, la scelta può essere accettata, fermo restando che in caso di errore qualcuno ci metta la faccia per prendersi del meritato pirla, visto che a lauti guadagni dovrebbero corrispondere adeguate competenze.
    Se invece la vendita ha quasi esclusivamente una motivazione economica (supportata da una qualche remora anche sul giocatore, ovvio), neanche significativa viste le cifre di cui si parla (tipo il costo di hernanes, per dire), c’è poco da aggiungere,…abiamo un problema un pò gravino.

  31. … che poi uno legge”Il PSG per la cessione di Thiago Motta chiede 10 milioni” e pensa “se lo fanno, li vado a prendere!” #elogiodellafollia

  32. manager_cercasi:
    Per me il discrimine è sulle motivazioni. Se vendi kova perchè sei convinto che rimarrà un’eterna promessa (non sarebbe il primo, nè l’ultimo), il cui valore alla fine galleggerà tra i 20/30 e che nella tua squadra non potrà avere un rendimento di rilievo, la scelta può essere accettata, fermo restando che in caso di errore qualcuno ci metta la faccia per prendersi del meritato pirla,

    ecco, questo è l’altro aspetto del problema. Cioè che quando si compiono queste meenkiate inenarrabili poi la massima conseguenza è che il responsabile si prende del pirla, invece di ritrovarsi i capi di una tifoseria seria a dormire minacciosamente sul suo pianerottolo.

  33. Ci sono troppi commenti che difendono il ragazzo.. Dio mio Tagnin dove sei???! :)

  34. Certe valutazioni sono assurde. Il vero problema non sono i venticinque milioni per Kovacic, quello che realmente è pazzesco sono i dieci chiesti per un Thiago Motta 33enne in scadenza nel 2016, oppure i ventidue per un mezzo giocatore come Imbula! Prezzi assurdi in un mercato falsissimo che sembra sempre di più assumere i connotati del vecchio Far West! Il regno dei Raiola, dei procuratori con contatti nei media, degli sponsor, un ambiente che è un troiaio di “amici degli amici”, vile denaro e in cui alla fine qualcuno DEVE necessariamente prenderlo in quel posto.

    Come venirne fuori in un mondo di questo tipo se non hai troppo danaro? O con una competenza fuori dal comune, o con contatti importanti, pelo al posto del cuore e tagliole nelle tasche.

    (…)

    Speriamo che Ausilio sia molto molto competente.

  35. Preciso: Thiago Motta ci farebbe comodo (come avevo detto precedentemente) e sono convinto del suo valore, ma immaginavo che si potesse prendere pagandolo di cartellino ZERO. Invece si parla di 10 milioni? FOLLIA pura. Lo abbiamo venduto ad undici tre anni e mezzo fa!

  36. Non è tempo di rivoluzioni.

    Vendere kovacic sarebbe un errore e la squadra non è’ così mediocre.

    La società dovrebbe fare, con le potenzialità che ha tre grandi acquisti .

    Di sicuro un difensore di spessore e che dia garanzie.
    Un centrocampista con gli attributi e di livello internazionale .
    Un attaccante veloce e duttile con fame, dico chicharrito hernandez.

    Vendere/ scambiare gente come kuz, jj, Obi ed il resto inutile

    Quanto potrà essere il saldo negativo poco importa, ma la squadra non vincerà lo scudetto ma di sicuro potrà dire la sua senza farci vergognare

    Altre soluzioni non ci sono

  37. Il_Casa:
    Preciso: Thiago Motta ci farebbe comodo (come avevo detto precedentemente) e sono convinto del suo valore, ma immaginavo che si potesse prendere pagandolo di cartellino ZERO. Invece si parla di 10 milioni? FOLLIA pura. Lo abbiamo venduto ad undici tre anni e mezzo fa!

    beh….intanto la prima cosa da fare sarebbe prendere a calci in culo tutti coloro 40 mesi fa lo stesso giocatore lo hanno venduto a 7 milioni ai francesi…..

    il punto è sempre quello:
    Avremo pur pochi soldi ma….. compriamo malissimo pagando troppo e scegliendo spesso profili errati….soprattutto NON SAPPIAMO VENDERE

  38. Sul Corriere (blog di Bocca) c’è questo interessante intervento.
    Devo preoccuarmi?

    ClaudeMilanese scrive:

    alle 05:38

    1) Thohir si é furbescamente fatto precedere da una campagna mediatica apposita che lo presentava come “magnate dei media”, addirittura fu creata una pagina su wiki Italiano in cui si favoleggiava che avesse un patrimonio di 25 miliardi di dollari (!!!), l’ignoranza e la conoscenza scolastica o nulla dell’Inglese del grosso della stampa Italiana ha fatto il resto.

    2) stampa e analisti USA sono anni che fanno le pulci al buon Thohir e famiglia da quando acquisí il 15% dei 76ers scontrandosi con una fitta nube di barriere e “scatole cinesi” tutte finalizzate ad occultare il patrimonio reale della famiglia Thohir, che é economicamente composta dal padre Teddy da Erik e dal fratello Garibaldi (esiste anche una sorella, Rika, ma é tenuta ai margini).

    3) per farla breve, tanto basta leggere i 3 articoli finanziari USA sull’argomento scritti tra il 2012 e Febbraio 2015 e ancora disponibili online, l’intera famiglia Thohir “pesa” circa 800 milioni di dollari col grosso nelle mani di Garibaldi (circa 600) ed il tutto é intessuto a tripla mandata con la famiglia Bakrie, quella si ricca e “pesante” essendo la terza piu ricca dell’Indonesia con interessi nel carbone e nel gas. Legato in qualche modo coi Bakrie é anche Soetedjo, l’altro socio, che rimesta dalle parti dei sindacati minerari (…). L’altro socio “saltato” Roeslani é invece un amico d’infanzia di Erik, guarda caso pure lui legato ai Bakrie (broker finanziario), che risulta ricercato dalla polizia Inglese su richiesta della London Stock Exchange Commission per un buco di 127 milioni di sterline.

    4) L’allegra banda, saputo che Moratti voleva vendere l’Inter (ed era disperato visto che sono anni che c’é dissidio tra il suo ramo di famiglia e quello di Letizia/Gianmarco avendo dilapidato nell’Inter un famoso fondo creato dal padre Angelo…ormai rimanevano solo debiti personali x circa 180 milioni di euro!), si é gettata sull’affare; hanno raggranellato 75 milioni di liquidità, Erik si é venduto praticamente tutto compresa la quota dei 76ers e un quarto di Mahaka Media (per la mirabolante cifra di 2,2 milioni di dollari…), e si sono presentati dal Moratti promettendo di acquisire il 70% dell’Inter in cambio appunto dei 75 milioni + il rilevare i debiti di Moratti (180 milioni).

    5) Moratti traccheggia ma pressato dai creditori (Unicredit, ad un certo punto della trattativa ricorderete che é comparso in tribuna a SanSiro pure Ghizzoni, AD della banca) alla fine firma e intasca i 75 cocuzzoni.
    Dopo 6 mesi scopre che i debiti personali non verranno affatto coperti da Erik, che non ha 180 milioni di dollari manco dipinto, ma coperti da un complicato prestito-capestro con Goldman Sachs, advisor Unicredit, pari a 240 milioni da ripagare in 3 anni grazie a mirabolanti e presunti aumenti di fatturato. Di anni ne sono passati già due e i risultati economici fanno pena, flop totale della orribile maglia/pigiama nera (in vendita su ebay a 16,50 euro già a Marzo 2015) e SanSiro quasi sempre mezzo vuoto, persino con la juve il terzo anello era deserto.

    6) messo alle strette cosa fa il buon Erik? Ma é storia di Aprile, poche settimane fa! Presta all’Inter (!!!) 20,4 milioni di dollari, in pratica gli ultimi spicci, al tasso dell’8% (incassando personalmente circa 180.000 euro al mese di interessi) ed emette tramite complicati giri finanziari un BOND da 280 milioni per coprie il prestito Goldman e avere i soldi per le spese ordinarie 2015-16 “coperto” da un mirabolante piano industriale presentato a Maggio 2015 che prevede aumenti fantascientifici di pubblicità del 500% in 7 anni (…). I Bond, per chi non lo sapesse, vanno ripagati alla scadenza per intero altrimenti scatta la BANCAROTTA automatica della società emettitirice.

    7) Le conclusioni, altro che mercato dei calciatori, le lascio al buon Bocca e hai lettori che son stati cosi pazienti da leggersi tutta sta pappardella noiosa.

    Forza Inter

  39. paolo:
    Sul Corriere (blog di Bocca) c’è questo interessante intervento.
    Devo preoccuarmi?

    ClaudeMilanese scrive:

    alle 05:38

    1) Thohir si é furbescamente fatto precedere da una campagna mediatica apposita che lo presentava come “magnate dei media”, addirittura fu creata una pagina su wiki Italiano in cui si favoleggiava che avesse un patrimonio di 25 miliardi di dollari (!!!), l’ignoranza e la conoscenza scolastica o nulla dell’Inglese del grosso della stampa Italiana ha fatto il resto.

    2) stampa e analisti USA sono anni che fanno le pulci al buon Thohir e famiglia da quando acquisí il 15% dei 76ers scontrandosi con una fitta nube di barriere e “scatole cinesi” tutte finalizzate ad occultare il patrimonio reale della famiglia Thohir, che é economicamente composta dal padre Teddy da Erik e dal fratello Garibaldi (esiste anche una sorella, Rika, ma é tenuta ai margini).

    3) per farla breve, tanto basta leggere i 3 articoli finanziari USA sull’argomento scritti tra il 2012 e Febbraio 2015 e ancora disponibili online, l’intera famiglia Thohir “pesa” circa 800 milioni di dollari col grosso nelle mani di Garibaldi (circa 600) ed il tutto é intessuto a tripla mandata con la famiglia Bakrie, quella si ricca e “pesante” essendo la terza piu ricca dell’Indonesia con interessi nel carbone e nel gas. Legato in qualche modo coi Bakrie é anche Soetedjo, l’altro socio, che rimesta dalle parti dei sindacati minerari (…). L’altro socio “saltato” Roeslani é invece un amico d’infanzia di Erik, guarda caso pure lui legato ai Bakrie (broker finanziario), che risulta ricercato dalla polizia Inglese su richiesta della London Stock Exchange Commission per un buco di 127 milioni di sterline.

    4) L’allegra banda, saputo che Moratti voleva vendere l’Inter (ed era disperato visto che sono anni che c’é dissidio tra il suo ramo di famiglia e quello di Letizia/Gianmarco avendo dilapidato nell’Inter un famoso fondo creato dal padre Angelo…ormai rimanevano solo debiti personali x circa 180 milioni di euro!), si é gettata sull’affare; hanno raggranellato 75 milioni di liquidità, Erik si é venduto praticamente tutto compresa la quota dei 76ers e un quarto di Mahaka Media (per la mirabolante cifra di 2,2 milioni di dollari…), e si sono presentati dal Moratti promettendo di acquisire il 70% dell’Inter in cambio appunto dei 75 milioni + il rilevare i debiti di Moratti (180 milioni).

    5) Moratti traccheggia ma pressato dai creditori (Unicredit, ad un certo punto della trattativa ricorderete che é comparso in tribuna a SanSiro pure Ghizzoni, AD della banca) alla fine firma e intasca i 75 cocuzzoni.Dopo 6 mesi scopre che i debiti personali non verranno affatto coperti da Erik, che non ha 180 milioni di dollari manco dipinto, ma coperti da un complicato prestito-capestro con Goldman Sachs, advisor Unicredit, pari a 240 milioni da ripagare in 3 anni grazie a mirabolanti e presunti aumenti di fatturato. Di anni ne sono passati già due e i risultati economici fanno pena, flop totale della orribile maglia/pigiama nera (in vendita su ebay a 16,50 euro già a Marzo 2015) e SanSiro quasi sempre mezzo vuoto, persino con la juve il terzo anello era deserto.

    6) messo alle strette cosa fa il buon Erik? Ma é storia di Aprile, poche settimane fa! Presta all’Inter (!!!) 20,4 milioni di dollari, in pratica gli ultimi spicci, al tasso dell’8% (incassando personalmente circa 180.000 euro al mese di interessi) ed emette tramite complicati giri finanziari un BOND da 280 milioni per coprie il prestito Goldman e avere i soldi per le spese ordinarie 2015-16 “coperto” da un mirabolante piano industriale presentato a Maggio 2015 che prevede aumenti fantascientifici di pubblicità del 500% in 7 anni (…). I Bond, per chi non lo sapesse, vanno ripagati alla scadenza per intero altrimenti scatta la BANCAROTTA automatica della società emettitirice.

    7) Le conclusioni, altro che mercato dei calciatori, le lascio al buon Bocca e hai lettori che son stati cosi pazienti da leggersi tutta sta pappardella noiosa.

    Forza Inter

    Thohir sembrerebbe la versione indonesiana di Massimo Moratti…

    finchè Gianmarco ha deciso di assecondare il fratello tutto è filato liscio o quasi, al contrario Garibaldi, non sembra, al momento, voler assecondare suo fratello Erick.

  40. messa così è brutta forte…

    vediamo, al limite falliremo… :-)

    e sarei curioso di una pari analisi su Mr Bee

    comunque, messa così è in effetti brutta forte e rischia di spiegare molte molte cose….

  41. mah, per esprimere un giudizio bisognerebbe leggere le fonti. Mi limito a fare le pulci ad alcuni punti:

    5) (a parte che la maglia nera IMHO non è affatto brutta) il fatturato è in aumento del -mi pare- 9% e francamente non capisco come si faccia a dire che i risultati economici fan pena.. ..si crede che gli incassi sarebbero raddoppiati nel giro di due anni (con la parte sportiva in crisi)? E se il piano economico è così inverosimile mi chiedo perchè le banche ci abbiano prestato i soldi, evidentemente sono stupide e vogliono rimetterci..
    Idem dicasi del pubblico (che rimane il terzo più numeroso della serie A), dopo che fino all’anno scorso era sempre stato il più numeroso da una decina d’anni.. ..forse la gente s’è semplicemente stufata di risultati non all’altezza, senza fare tanti catastrofismi.

    6) per quel che ne so il bond non è stato ancora emesso, ma anzi, al suo posto è stato appunto fatto il prestito famoso di cui abbiamo già parlato..

  42. e per quanto riguarda i debiti di moratti, dubito francamente che non si siano messi d’accordo prima (se coprire i debiti coi soldi o con prestiti dalle banche) e che nel caso non ci fossero clausole nei contratti. E cmq l’operazione è esattamente la stessa che ha fatto ad es. pallotta con la roma.

  43. Di Mr. Bee si parla con insistenza di un sotterfugio del Berlusca per far rientrare capitali dall’estero.

  44. handanovic rinnova:

    “Molto presto, probabilmente entro un paio di settimane, molto infatti dipenderà dagli impegni con la nazionale slovena, il portiere ex Udinese apporrà la sua firma sul contratto che sarà, dunque, esteso fino al giugno 2018, con possibile opzione filno al 2019 (l’attuale scadenza è ferma al giugno 2016, ndr) con un ingaggio che aumenterà dagli attuali 2 milioni di euro fino ai 2,7 milioni netti in parte fissa, con un’altra parte legata ai bonus, sia singoli che di squadra, e che porterà eventualmente l’ingaggio ai 3 milioni netti totali. Nel contratto, poi, secondo quanto raccolto, non sono previste clausole a favore di una eventuale partenza di Handanovic, nel caso in cui arrivassero offerte da club europei che disputano la Champions League.”

  45. Intanto Vucinic capocannoniere del campionato. 25 gol su 23 gare.
    Branca aveva ragione.

  46. @ paolo.
    Tanto per chiarire.
    Il blog di Bocca non è sul Corriere ma su Repubblica.
    Il blog suddetto è colonizzato da tifosi e pseudotifosi juventini che saltellano con disinvoltura da ju29ro agli altri blog che non richiedono credenziali o iscrizioni, come appunto quello di Bocca che fa una efficace censura solo su turpiloquio e insulti volgari.
    I nick sono cambiati a piacimento e ci sono personaggi arcinoti che partecipano con molti nick camuffandosi da tifosi di altre squadre per accreditare la propria imparzialità quando incensano la Juve o sputtanano altre squadre (di preferenza l’Inter). Una delle tecniche più seguite è quella di partire con l’incipit: “Da interista…” o finire con “Forza Inter”, tanto nessuno è in grado di controllarne l’autenticità.
    Per concludere: l’Inter ha già tanti guai, perchè prendere per oro colato tutte le bufale del web?
    Io sto con Umberto Eco.

  47. Se Ibra torna al Milan come purtroppo credo possiamo fare tutti i discordi che vogliamo tanto lo scudo
    lo vincono loro o i gobbi!!

  48. tranquillo che per vincere lo scudo il milan ne deve cambiare altri 10.

    willerneroblu:
    Se Ibra torna al Milan come purtroppo credo possiamo fare tutti i discordi che vogliamo tanto lo scudo
    lo vincono loro o i gobbi!!

    willerneroblu:
    Se Ibra torna al Milan come purtroppo credo possiamo fare tutti i discordi che vogliamo tanto lo scudo
    lo vincono loro o i gobbi!!

    willerneroblu:
    Se Ibra torna al Milan come purtroppo credo possiamo fare tutti i discordi che vogliamo tanto lo scudo
    lo vincono loro o i gobbi!!

  49. Sono d’accordo con l’articolo…..Mi piace solo ricordare la cessione di Pirlo quando era un Kovacic….

  50. L.b.:
    @ paolo.
    Tanto per chiarire.
    Il blog di Bocca non è sul Corriere ma su Repubblica.
    Il blog suddetto è colonizzato da tifosi e pseudotifosi juventini che saltellano con disinvoltura da ju29ro agli altri blog che non richiedono credenziali o iscrizioni, come appunto quello di Bocca che fa una efficace censura solo su turpiloquio e insulti volgari.
    I nick sono cambiati a piacimento e ci sono personaggi arcinoti che partecipano con molti nick camuffandosi da tifosi di altre squadre per accreditare la propria imparzialità quando incensano la Juve o sputtanano altre squadre (di preferenza l’Inter). Una delle tecniche più seguite è quella di partire con l’incipit: “Da interista…” o finire con “Forza Inter”, tanto nessuno è in grado di controllarne l’autenticità.
    Per concludere: l’Inter ha già tanti guai, perchè prendere per oro colato tutte le bufale del web?
    Io sto con Umberto Eco.

    Ti ringrazio L.b. perchè cominciavo a preoccuparmi.
    Comunque altri affermavano che questo tizio che l’ha scritto è un interista.
    Comunque pure Fabio che di finanza ci capisce sembra avere qualche dubbio sulla solidità di Thoir.
    Io resto ottimista. Sempre e comunque.
    Tra l’altro sullo stesso blog c’era un interessante analisi sul Milan. Il tizio che pure sembrava essere competente in materia di costruzioni finanziarie affermava che quelli attuali sono i botti finali e che se la scommessa non darà i suoi frutti tra due anni della società “cuggina” non resteranno che le macerie. Dice che sono comunque gli ultimi soldi che Berlusconi si puo’ permettere di investire (vabbè sintetizzo).

  51. A me può bastare il capocannoniere del campionato italiano rispetto a quello di Dubai.

    paolo:
    Intanto Vucinic capocannoniere del campionato. 25 gol su 23 gare.
    Branca aveva ragione.

  52. intanto ranocchia show con l’italia….ma noi rinnoviamo a tutti che va benissimo

  53. che hafatto?

  54. Eddie: che hafatto?

    errore in disimpegno di Ranocchia, palla che arriva a João Moutinho: botta sicura del portoghese ma troppo centrale, Sirigu blocca a terra

  55. Ma io vorrei dire:

    Gianmarco Letizia Filomena Moratti
    Garibaldi fu ferito Tohir
    Mago Merlino che dir si voglia……
    Non necessariamente bisogna buttare nel calcio 1000 milioni di euro per vincere 4 scudi in Italia in 15 anni…..
    Io non so quanto ci smena di perdite annue il presidente del Porto, quello dell’Atletico Madrid, Quello del Siviglia, del Valencia, dell’Ajax, del Benfica, o del Dortmund……
    Io dico solo che se ci sai fare, se ti circondi di persone competenti, se a ciascuno dai voce ed autonomia sulle competenze che devono mettere in gioco a secondo del ruolo…..e soprattutto sai vendere, comprare e valorizzare il tuo patrimonio…..non dico che guidando l’Inter ci guadagni soldi ma nemmeno ti devi rovinare!!!!!
    Da noi in questi ultimi 20 anni di Inter il problema non sono stati alcuni errori di valutazione o mosse rivelatesi sbagliate….il problema sono stati innumerevoli errori ripetutisi N volte sempre uguali con le stesse cause e le stesse conseguenze con danni economici e di immagine esponenzialmente sempre più pesanti per le nostre casse:

    Cause: improvvisazione, incompetenza, non rispetto dei ruoli, scelte di pancia o di culo.

    Conseguenze: costi alle stelle, immagine farlocca penalizzante poi in fase di trattative, indebitamento costantemente in aumento che può portare al dissesto.

  56. Cmq dicono che siamo vicino a Miranda…basta una mail all’Atletico per chiudere a 15 ml.

  57. Vidal arrestato, trovato DNA juventino nel sangue…

  58. Ennecoso, io faccio mie le conclusioni alle quali è giunto un nostro comune amico, che tanto sai dove andartele a leggere. Secondo me (e il nostro amico comune) Kovačić ha prima di tutto classe. Classe che esplicita con un ottimo cambio di passo, visione del gioco (che hanno anche altri) e la capacità di verticalizzare (che invece è di pochi) e, data l’età, una probabile propensione alla crescita. Concordo con l’amico comune, che lo vede regista moderno o di mezzala di manovra, con in canna il passaggio tagliadifese o il dribbling che regala la superiorità numerica nella trequarti avversaria. Sarà giovane, ma quando parliamo di esperienza internazionale, i numeri non sono mai stati così belli (cit.): 20 presenze in Champions League con la Dinamo Zagabria, 12 in Europa League con l’Inter e 21 con la Nazionale maggiore Croata (è stato, ovviamente, anche in Brasile), per un totale di 197 presenze tra club e Nazionali da professionista. Poi, lasciamo scrivere a chi viene pagato per farlo che “deve crescere”, “deve maturare”, “deve dare di più”. Consiglio: tenetelo. E pure stretto.