Bauscia Cafè

Inter-Sassuolo, qualche valutazione

A un certo punto è uscita la sovrimpressione: Inter “tiri in porta” 8. E si stava sul 7-0…
Credo basti questo per certificare l’eccezionalità di una situazione in cui il portiere del Sassuolo ha compiuto due sole parate, su Icardi e su Dodò, e nelle stesse azioni ha comunque subito gol.
Non è mancata la fortuna: il gol che ha aperto la partita è venuto per un tiro di Kovacic trasformato in assist per Icardi, dalla deviazione di un difensore. Splendidi, invece, il 2-0 di Kovacic e il 5-0 di Icardi, su lancio dal croato. Aver visto Guarìn rinunciare a un tiro a porta spalancata, lascia il sospetto che il Sassuolo non è stato un test affidabile.
inter-sassuolo campionato calcio serie a 2014-2015
Non meno della bellezza tranciante di Kovacic e dell’arma letale Icardi mi ha entusiasmato Gary Medel, autore di una prestazione mostruosa (ha toccato, intercettato, smistato, sporcato 100 palloni, sbagliandone un paio).
L’asse Medel-Kovacic mi sembra fondamentale per il futuro dell’Inter.
Il cileno è stato spesso il quarto difensore, lo si è visto soprattutto in funzione di frangiflutti davanti alla difesa, dando vita a un inedito 3-1-4-2, con Dodò più efficace di Nagatomo e un Hernanes spaesato, a disagio, almeno finché non è uscito Kovacic. La loro convivenza mi sembra il primo problema.
Il secondo ha a che fare con le caratteristiche dei tre difensori, nessuno dei quali ha rapidità e tantomeno capacità di impostazione della manovra. Di domenica pomeriggio, non sottovaluto alcune avventurose soluzioni difensive (in un caso, sul 3-0, ci si è trovati in inferiorità numerica), e anche per questo l’apporto di Medel – che sa accorciare le distanze con i centrocampisti “creativi” – mi è parso degno di nota. In attesa di Vidic.
Non mi piacciono le goleade, se le vittime non sono Milan e Juve, e non mi illudo di trovare altre difese così grossolane e molli (incapaci persino di fare fallo, su Kovacic, Dodò e Icardi lanciati a rete). Ma è evidente che questa Inter sta trovando un assetto che vale una decina di punti in più rispetto al campionato scorso.

Avatar

Rudi

Rudi Ghedini, bolognese di provincia, interista dal gol sotto la pioggia di Jair al Benfica, di sinistra fin quando mi è parso ce ne fosse una.

12 commenti

MVP INTER – SPAL

Twitter

Archivio