La sconfitta più bella della Galassia

Oggi non vi proponiamo un post, ma un quiz. Sì, proprio così: un quiz. Avete presente, no? Uno di quelli con tante domande a risposta multipla, nel quale si deve dire -tipicamente- se la risposta corretta è “la a, la b o la c”. Ecco, quello: un quiz. Un quiz su Milan-Barcellona, per la precisione. Trovate le soluzioni in fondo.

Rimettiamo Pirlo al posto di Van Bommel e vediamo come va a finire“. Questa frase l’ha detta:
a) uno sfegatato tifoso del Milan
b) il vicedirettore della Gazzetta dello Sport
c) Flavia Vento

Se il Milan avesse avuto Messi al posto di Robinho avrebbe vinto“. Questa frase l’ha detta:
a) uno degli ultras della curva rossonera
b) l’editorialista sportivo di punta del Corriere della Sera
c) Paris Hilton

Al Barça manca Iniesta, però al Milan manca Gattuso“. Questa frase l’ha detta:
a) un tifoso milanista poco competente
b) un telecronista RAI
c) Francesca Cipriani

Dopo questa partita, il Milan ha capito che può battere chiunque“. Questa frase l’ha detta:
a) un abbonato decennale alle partite casalinghe del Milan
b) un telecronista di Sky
c) Britney Spears

Il Milan si conferma la squadra italiana più forte a questi livelli“. Questa frase l’ha detta:
a) un tifoso milanista che non ha visto la partita
b) un giornalista di Sport Mediaset
c) Cristina Del Basso

Loro hanno perso con noi la semifinale di due anni fa a San Siro, da quel momento in poi ci sono state 21 partite di Champions senza sconfitte. Qualcosa vorrà pur dire“. Questa frase l’ha detta:
a) Massimo Moratti
b) Adriano Galliani
c) Andreagnelli

La risposta esatta, per tutte le domande, è la B. E ci tengo a precisare che è un fatto del tutto casuale che nulla ha a che vedere con certi trascorsi calcistici del Milan.
Umberto Zapelloni, Mario Sconcerti, Gianni Cerqueti, Massimo Marianella, Andrea Saronni. E, naturalmente, Adriano Galliani subito dopo la sconfitta subita dall’Inter per mano del Manchester United nella Champions League 2008/09.

Ora…a noi va bene tutto, per carità. Fino a quando si ride, si scherza e si fa cabaret possiamo dire quello che ci pare. Anche paragonare Gattuso ad Iniesta, o mettersi a fare fantamercato come nel più classico dei bar sport (a proposito Zapelloni: con Pirlo al posto di Van Bommel ne avrebbero presi 6 anzichè 3). Però, ecco, insomma…non è che dite sul serio?

E’ imbarazzante scrivere queste righe, questa “seconda parte” del post. Voglio dire…qui bene o male siamo abituati a leggere Bauscia Cafè, Fabbrica Inter, Interistiorg: la firma è già nel nome, chi legge sa già cosa aspettarsi. C’è un’onestà di fondo, insomma. Non ci chiamiamo mica Sport Cafè, Fabbrica Sport o Sportiviorg. Siamo interisti e ce ne vantiamo, e non abbiamo bisogno di nasconderlo per mendicare una credibilità che preferiamo conquistarci sul campo. Ecco: che ne direste di cambiare i vostri nomi in -suggerisco, eh- “La Gazzetta del Milanista” o “Il Milanista quotidiano” o “RAM – Radio Televisione Milanista” o “Sport Medias…” ah, no, quello va bene già così. Oh, cambiate “milanista” con quello che vi pare, eh. Ma lo sport è un’altra cosa. Il giornalismo -soprattutto- è un’altra cosa.

Andiamo, su: vi sembra serio tutto questo? Vi sembra corretto, giusto, rispettoso della vostra professionalità descrivere la partita di mercoledì sera nel vergognoso modo in cui ce l’avete proposta? “Se ci fosse stato Pirlo al posto di Van Bommel“? Zapelloni, ma sei serio? Ma cosa vuol dire? Pensa allora se ci fosse stato Messi al posto di Robinho…ah, no, ci ha già pensato Sconcerti! “Il Milan può battere chiunque“. Indubbiamente: in 90 minuti a calcio qualsiasi squadra può batterne un’altra. Ma lo abbiamo visto solo noi il Barcellona schierato con un improbabilissimo 334 con UN difesore di ruolo e senza Dani Alves, Piquè e Iniesta passeggiare a San Siro? Lo abbiamo visto solo noi il Barcellona giochicchiare, accelerando a piacimento solo nel momento in cui aveva la necessità di passare in vantaggio? E le occasioni clamorose gettate al vento? E Abbiati migliore in campo? E gli ZERO tiri in porta del Milan nell’ultima mezz’ora? “La squadra italiana più forte a questi livelli“? Quella che ha vinto sei -no, dico: SEI- delle ultime VENTUNO partite giocate in Champions? La squadra italiana più forte a questi livelli non riesce a vincere neanche una partita ogni tre? Però…

Dispiace inserire anche Andrea Saronni in tutto questo, in un contesto che assolutamente non gli appartiene, ma è proprio la sua presenza che ha fatto scattare il campanello d’allarme, che ha fatto scattare la domanda delle domande: perchè? Perchè questa distorsione della realtà, perchè questa necessità di gonfiare oltre ogni misura -e oltre ogni decenza- una partita che poteva essere tranquillamente archiviata come una inevitabile sconfitta? Gli avversari sono più forti, s’è perso, si volta pagina. Punto. E invece no: devono per forza parlarci di un Milan fantascientifico, di una partita strepitosa, bellissima, decisa dai singoli o addirittura dagli episodi, in cui il Barcellona quasi quasi ha rubacchiato. Di un Milan che “ha ridotto il gap col Barcellona” che “è ormai ad un passo dai Campioni d’Europa”. Ma perchè?

Poi per fortuna ci sono anche le voci fuori dal coro, c’è uno Zazzaroni che dichiara “io ho visto un’altra partita” e un Bocca che scrive della superiorità del Barcellona e che ci fanno sentire meno soli, meno pazzi. Ci tolgono, insomma, il dubbio di essere noi quelli prevenuti. E rendono ancora più pesante la domanda di fondo: perchè? Non può essere solo una questione di tifo, che gente come Sconcerti non ha mai nascosto. Non può essere solo una questione di stipendio (tiriamo in ballo di nuovo Andrea Saronni, che in altri campi non è che sia sempre stato troppo accondiscendente con il presidente del Milan)…cos’è allora?

Pura incompetenza calcistica? Chi lo sa: d’altra parte i peana alzati a Messi e il silenzio assordante sulla maestosa prestazione di Xavi rafforzerebbero non poco questa ipotesi.

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.