La prima

Biraghi golDoveva essere un bagno di sangue quest’anno la Pirelli Cup per l’Inter: il Manchester City ha già giocato 4 partite, sono troppo avanti con la preparazione, due settimane in più sulle gambe si sentono in questa fase…le previsioni per la partita erano tutte di questo tenore. Il giorno dopo, invece, leggiamo di un’Inter che se la ride, con troppa grazia, che abbatte il City e stregata da Coutinho, per l’esaltazione di Benitez e Moratti.

Tutto vero? Possibile che il divario con il Manchester City -al netto delle assenze importanti in entrambi gli schieramenti- sia tanto ampio? Possibile che riesca ad oltrepassare anche gli svantaggi derivanti da due settimane di preparazione in meno? Sì e…no.

L’Inter vista domenica notte era una squadra decisamente impressionante per questo inizio di stagione: altissima, con tanto possesso palla e tantissima corsa, pressing costante e portato sin dalla trequarti avversaria. Il City è stato schiacciato nella propria metà campo sia in 10 contro 11 che in parità numerica, lasciando Castellazzi praticamente inoperoso. Impossibile tenere certi ritmi e surclassare in maniera così netta un avversario -che pure l’aveva messa sin da subito sul piano fisico- in questa fase della stagione, se non svolgendo una preparazione leggera, leggerissima.

E’ per questo che, con parecchia presunzione, cerchiamo di capire la strategia di Benitez per questa stagione: inizio a mille, con l’obiettivo dichiarato delle due Supercoppe di agosto. Poi un leggero fisiologico calo fra settembre ed ottobre, prima di riprendere a correre e farsi trovare pronti per il Mondiale a dicembre. A gennaio-febbraio -periodo in cui non c’è neanche la Champions- con ogni probabilità si pagherà tantissimo e si appesantirà la preparazione per poter arrivare pronti a quello che, si spera, dovrà essere lo sprint finale in primavera. Una strategia vincente? Per ottenere risultati subito, al netto dell’imprevedibilità della partita secca, di sicuro. Nel lungo periodo lascia invece qualche dubbio, ma qui bisogna intendersi su quali sono gli obiettivi che questa squadra deve raggiungere: la priorità va al sogno impossibile di completare l’anno perfetto, con sei Coppe alzate al cielo, o piuttosto a riconfermarsi per la sesta volta in Campionato arrivando dove mai nessuno è stato prima?

Oltre a questo, la prima amichevole stagionale ha dato anche delle indicazioni tattiche ben precise. Si è vista un’Inter decisamente diversa da quella che aveva chiuso la stagione scorsa, segno che la squadra sta cercando sin da subito di adattarsi alle richieste del nuovo tecnico. Il solco è il 4231 segnato da Mourinho, ma viene interpretato in maniera diversa: la difesa gioca decisamente più alta grazie a un pressing impostanto sul primo possesso degli avversari (e Benitez lo aveva detto, fra le perplessità di chi ascoltava), gli attaccanti esterni si accentrano spesso lasciando spazio ai terzini per favorire molto più gioco sulle fasce, i due centrocampisti centrali hanno compiti principalmente di rottura e partecipano al gioco offensivo con inserimenti piuttosto che con verticalizzazioni…e poi c’è Coutinho, che ha mostrato di intepretare il ruolo in maniera decisamente diversa da Sneijder (molto più in proiezione offensiva e con tantissimo possesso) e lascia ampi margini, di conseguenza, alla convivenza in campo con l’olandese.

I singoli infine, per quello che può contare (poco), hanno risposto mediamente bene. Sugli scudi Mariga, molto bene Pandev e benissimo praticamente tutti i giovani: Obi sembra poter mettere pressione sulle spalle di Biabiany, Natalino e Alibec hanno mostrato una buona personalità, Biraghi -gol capolavoro a parte- ha fatto capire quanto può essere importante un terzino capace di sovrapposizioni puntuali e cross precisi. L’attesissimo Coutinho, invece, pur non avendo mostrato le meraviglie che magari qualcuno si aspettava, sembra poter stare al passo dei “grandi” sia dal punto di vista mentale che, soprattutto, dal punto di vista tattico: movimenti precisi e priorità al gioco di squadra, nonostante le evidenti caratteristiche da “solista”, sembrano basi solide sulle quali costruire una stagione che potrebbe regalargli più spazi del previsto. Da rivedere, o magari da cedere direttamente, Mancini e Obinna. Quest’ultimo in particolare ha fatto una partita speculare a quella di Coutinho: tantissimo fumo grazie a due bei gol a nascondere il poco arrosto -bruciato- fatto di movimenti senza senso, stop sbagliati e tanta confusione al servizio del nulla.

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.