A volte ritornano… o forse non se ne sono mai andati!

28 Maggio 2009 – Antonello Valentini, attuale capo ufficio stampa e relazioni esterne della Figc, e’ stato nominato all’unanimita’ dal Consiglio Federale su proposta del presidente Federale Direttore Generale della Federcalcio. Lo ha annunciato il presidente della Figc, Giancarlo Abete.
Confermato alla carica di Segretario Federale Antonio di Sebastiano.
Antonello Valentini ha 57 anni, e’ laureato in Giurisprudenza ed e’ giornalista professionista dal 1976. Dopo gli esordi all’Agenzia Italia, e’ passato al Corriere della Sera, prima in cronaca e poi nella redazione economico-sindacale. Alla Rai ha svolto funzioni di conduttore e di telecronista sportivo. Nel 1987 e’ stato nominato Capo Ufficio stampa della Figc e dal 1995 ha assunto anche l’incarico di Responsabile delle Relazioni esterne. In questa duplice veste ha gestito i rapporti con la stampa italiana ed estera, partecipando con la Nazionale a 5 edizioni dei Campionati del mondo, da Italia ’90 alla vittoria di Germania 2006; e ha fatto parte delle Delegazione della Figc in 4 Europei e 3 Olimpiadi. Dal 1987 e’ stato al fianco di 7 Commissari tecnici: Vicini, Sacchi, Maldini, Zoff, Trapattoni, Donadoni e Lippi. Come Capo ufficio stampa della Figc ha lavorato in questi anni con quattro Presidenti federali (Matarrese, Nizzola, Carraro, Abete) e con altrettanti Commissari straordinari della Figc (Petrucci, Pagnozzi, Rossi e Pancalli).

Fonte: asca.it

A questo punto vi chiederete: cosa c’è di strano? Come dicevano un tempo a Sky,  giudicate voi.

19 luglio 2007 – Nella tarda mattinata di oggi è stata ufficializzata dal presidente dell’Aia la nomina dell’ex miglior direttore di gara del mondo: “Non sarò il designatore, ma anche l’allenatore e il preparatore della squadra arbitrale”. Prenderà 500 mila euro lordi. Una volata lunga sette mesi. Vincente. Come nelle sue abitudini. Pierluigi Collina ha ricevuto nella tarda mattinata di oggi il testimone dal presidente dell’Associazione italiana arbitri (Aia) Cesare Gussoni, diventando il nuovo designatore di A e B. L’uomo giusto al momento giusto, verrebbe da dire. Perché il prossimo campionato dovrebbe essere il più bello di tutti (la super serie A) e, soprattutto, gli arbitri dovranno scrollarsi di dosso le ombre e il profilo ingombrante di Luciano Moggi. E allora, l’avvento di Collina (che farà da tecnico, consulente, docente e comunicatore) dovrebbe garantire autonomia, professionalità e trasparenza al gruppo (giovane) dei direttori di gara. I primi che in questi sette mesi hanno fatto il tifo per avere Collina designatore.

Fonte: la gazzetta dello sport

E stavolta, letto e sentito quanto riportato sopra,  magari la cosa vi sembrerà un’pò meno strana. Comunque,  giudicate sempre voi.  Sia qua che qua!

Questo per rinfrescare la memoria a qualcuno, nonostante si cerchi sistematicamente di negare l’evidenza, affermando che certe cose non sono mai successe.  E, alla luce di quanto accaduto ultimamente, a voi il compito di tirare le somme.

About SNIS