#Cotoletta14 – Fratelli del mondo (prima parte)

Tutto è iniziato a ottobre 2012 con la leggendaria e bagnatissima #operazionetagliatella. Poi ci fu #operazionecacioepepe e a fine stagione, in occasione dell’ultima partita dei nostri, l’#operazionecotoletta. Il sempre maggior numero di partecipanti conferma che la passione per il calcio, per i colori nerazzurri unisce le persone oltre il semplice tifo. Quest’anno abbiamo voluto esagerare e in occasione di Inter – Lazio e del saluto di Capitan Zanetti ecco la nuova #operazionecotoletta con addirittura 5 squadre iscritte e un classico girone all’italiana. Luogo dell’incontro il Lido di Milano in piazzale Lotto. Abbiamo chiesto a tutte le squadre partecipanti di lasciare un commento per le partite disputate e ne abbiamo fatto un doppio post. Tenete libera l’agenda per l’ultima partita a San Siro dell’anno prossimo se, leggendo, vi verrà voglia di partecipare.

Le squadre

Pro Secco: dal marcato accento veneto, ma non solo, composta da membri di spicco delle pagine Facebook “Se rinasco voglio essere interista…” ed “Internati.wordpress.com” con un paio di rinforzi twitteriani, rigorosamente neroblu. Ben 3 Andrea (Big Mama, Sarasa e Xaiz), 2 Stefano (Teto-Divino2 e Donato), Gaetano, Vasco e LAST-BUT-FIRST (Lady) Marianna, unica donna giocante del torneo. La squadra può vantare un portiere di assoluto livello (Andrea Big), ma tutti gli altri componenti sono punte o esterni: l’assenza di un centrale difensivo vero e proprio, alla lunga, si paga. E noi non abbiamo nemmeno aspettato questa famosa lunga.

DopoLavoroInter: 1 JulianRoss; 25 AngelOne; 9 Pollofifo; 5 Matteo79; 32 Mitch_FCIM; 18 Giggioneggio; Allenatore: Defilato all’ala; Addetto relazioni arbitrali: Il Val; Dirigenti accompagnatori: Nuanda77, Gdb e Perplessa. Tutti e 11 rigorosamente interisti… (e chi ha orecchie per intendere, intenda…)

Belli de Roma: squadra in rappresentanza dell’omonimo InterClub della Capitale. Per l’occasione la squadra è stata accompagnata nella trasferta milanese da una forte rappresentanza societaria costituita dal Presidente Fedele, dalla segretaria Lucia, dalla tesoriera Valeria e dal consigliere Danilo (mancava all’appello soltanto l’altro consigliere del Club, il Maestro Oldman, assente giustificato) e dai soci Luca, Sandro, (don)Diego e Sara, quest’ultima della neosezione distaccata dei BdR “Sabina Nerazzurra”. La formazione, allenata magistralmente dall’ex esterno d’attacco Sergio, soprannominato “Jair”, era composta dal portiere Davide, detto “Robin”, dal fluidificante Roberto,” il Capitano” (o “RC50”, il numero è anagraficamente esplicativo), dal centromediano metodista Alessandro, per gli amici “Falstaff”, dal difensore Andrea “118”, dalla mezzala Umberto “DJ”, dal centravanti Marco “Joe Cocker” e dal jolly Stefano” Mr. Fubles”.

Bausciacafè: fratelli del mondo, con lo scopo di diffondere l’interismo anche tra chi ha sbagliato fede alla nascita, i bauscia schierano i 2 oriundi Fra e Tony, oltre ai reduci della passata edizione sgrigna e iperappa. L’importante esclusione di Grappaevinci per non aver rispettato il codice etico è rimpiazzata da Nk e NicolinoBerti. Il punto di forza della squadra è il rientro di Iltorto dopo il prestito gratuito a DopoLavoroInter della passata stagione.

InteristiSvedesi: dalla Svezia scendono Sia, Jacob, Carl, Lukas, Danny, Anders, Ben e Mark in rappresentanza dell’Inter club Interisti Svedesi e anche del blog sempreinter.com

 

Girone all’italiana

Prima giornata – riposa Bellideroma

DopoLavoroInter – Bausciacafè 2 – 3

DL – Nella sfida inaugurale del #cotoletta14 si sfidano le due formazioni meno accreditate secondo i bookmakers (che dimostrano, come sempre, di non capire una mazza di calcio), Bauscia e DopoLavoroInter. Partita tiratissima che vede i blu di DLI passare in vantaggio nei primi minuti per essere poi rimontati e sorpassati grazie ad un tiraccio da fuori di Tony Balbi che trovava il portiere JulianRoss in versione divano e copertina di lana. 3-2 per Bauscia il risultato finale e sconfitta immeritata per DLI che, tuttavia, riuscirà a rifarsi nelle partite successive.

BC – Subito il match clou, gli arcinemici, la partita che può salvare la stagione. Iltorto con le polveri bagnate sembra smanioso di non farsi rimpiangere dagli ex compagni mentre è l’oriundo chef Tony a fare a fettine la difesa avversaria con due gol e un assist.  Il forcing finale e la polemica per la partita terminata qualche secondo prima (dopolavoro lo volete il recupero?) non bastano a rimontare i Bauscioni.

Interistisvedesi – Prosecco 5 – 3

IS – Un minuto prima della partita avevamo fame e volevamo bere. Una birra e un panino dopo eravamo pronti. 5 Svedesi, due inglesi pronti alla battaglia. Un buon inizio ci fa prendere l’avantaggio con Sia che va in gol. La squadra domina ed è solo il portiere di Prosecco che ci blocca. Facciamo un po’ di cambi e Prosecco che non aveva tirato una minchia quando vedono Sia in porta crescono. Poi il caldo, la birra e il panino si fa ricordare e subiamo 3 gol incredibili. Sia esce dalla porta e gli Interisti Svedesi con quasi nessuno in gol iniziano a cercare la rimonta che viene. Il fenomenino Jacob, i giovani e gli inglesi fanno 4 gol in 3 minuti per una rimonta incredibile che ci fa vincere 3 punti ma che ci punisce per il resto del torneo.

PS – inizio in salita per la squadra ad alto tasso tecnico ma soprattutto alcolico, contro i più accreditati amici Svedesi, che dopo pochi minuti si portano in vantaggio; un paio di salvataggi del portierone Andrea A. tengono viva la squadra.Due sorsi a testa consentono l’importante reazione dei Lombardo-Veneti, con 3 goal sviluppatisi sull’asse Teto-Vasco-Xaiz. La partita sembra in cassaforte, ma i nostri eccedono in sobrietà, e nei due minuti finali riescono nell’impresa di subire 4 (QUATTRO!) reti, l’ultima delle quali sfortunatissima, con salvataggio sulla linea di Gaetano che rinvia addosso a Sarasa, per un classico autogoal Materazziano.

Seconda giornata – riposa Bausciacafè

Interistisvedesi – DopoLavoroInter 3 – 6

IS – Avevo detto punisce? Entriamo in campo FINITI. Non abituati al caldo, che non si vede in scandinavia/inghilterra prima di agosto, soffrivamo. DLI giocano veramente bene e crolla tutto. La freschezza e la classe del giovane Jacob, la voglia e la corsa degli Inglesi, la cattiveria del resto della squadra non c’è e subiamo tre gol.Poi iniziamo la rimonta due gol veloci e bel gioco, che poi va punito dopo il kick-off, 4-2, partita finita mentalmente e a casa. Complimenti a DLI che hanno giocato una partita bellissima.

DL – Già partita da dentro o fuori per gli uomini di Mister Defilato all’ala, autore di una sonora strigliata (fortunatamente le telecamere di Inter Channel non registravano l’audio) dopo la prima sconfitta. Nonostante la prestanza fisica dei giovinotti svedesi, DLI si portava rapidamente in vantaggio di 3 reti (da segnalare il 3 a 0 di Mitch_FCIM in versione Palacio con tocchetto a scavalcare il portiere svedese in uscita dopo sontuoso filtrante di Matteo79-Kovacic). Tenuta a bada la veemente reazione degli Interisti Svedesi che si riportavano sul 3-2, la partita si concludeva con un tennistico 6-3 per DLI.

Prosecco – Bellideroma 2 – 2 (7 – 8 dcr)

PS – la comitiva romana si presenta con circa 120 elementi, ed appare fresca e riposata, vuoi per l’abitudine al caldo torrido, vuoi perchè per loro era la prima partita. La Pro Secco regge abbastanza bene, recuperando il doppio svantaggio grazie ai goal di Teto e Vasco. La partita si segnala anche per l’esordio nel torneo di Laura, super tifosa super assetata, che dalla panchina motiva la squadra ma inizia a far calare precipitosamente le riserve alcoliche.Ai rigori, ad oltranza, passano i Belli De Roma, al termine di una partita combattuta ma equilibrata.

BdR – La squadra della Capitale ha iniziato alla grande il torneo non mostrando l’emozione tipica delle gare d’esordio ed è andata rapidamente sul punteggio di 2-0 con gol in contropiede del velocissimo Roberto e con raddoppio su di un’azione confusa da calcio d’angolo di Alessandro “Falstaff”. La squadra si è però cullata un po’ troppo  sugli allori e nella seconda parte ha dovuto subire la lenta ma inesorabile rimonta della compagine veneta, cui il caldo dell’afosa giornata ed i vapori etilici provenienti da bordo campo non avevano ancora annebbiato le idee. Nella lotteria dei calci di rigore il mister “Jair” sostituiva il giovane portiere “Robin” con il più esperto “Capitano”. La scelta si rivelava vincente: Roberto infatti parava 3 rigori, compreso l’ultimo tirato dalla prosecchese Marianna che si faceva ingannare dalle finte del fascinoso “Bello” de Roma sulla linea di porta.

(foto gentilmente offerta da Diego Sgambati)

(foto gentilmente offerta da Diego Sgambati)

About Bauscia Cafè

Il blog che ha servito sempre e solo l'Inter