AC Milan: la forza della tradizione

Premessa doverosa: nonostante mi sia limitato all’elenco dei Presidenti del Milan dal secondo dopoguerra ad oggi, questo post non ha pretesa di essere esaustivo.
Tanti, sicuramente, mi saranno sfuggiti.

1954-1963 – Andrea Rizzoli: muore di infarto a seguito dell’arresto di entrambi i figli, accusati di bancarotta fraudolenta.

1963-1965 – Felice Riva: condannato per bancarotta fraudolenta, fugge in Libano per evitare il carcere. La sua gestione dissennata porta al fallimento del gruppo tessile di famiglia, con conseguente chiusura degli stabilimenti e perdita di ottomila posti di lavoro. Il tutto viene inizialmente tenuto nascosto falsificando i bilanci.

1967-1971 – Franco Carraro: condannato in via definitiva per lo scandalo di Calciopoli. Assolto in sede penale da ripetute accuse di frode sportiva, abuso d’ufficio, minacce a corpi giudiziari dello Stato.

1972-1975 – Albino Buticchi: giocatore d’azzardo incallito, tenta il suicidio due volte a causa dei debiti di gioco.

1977-1980 – Felice Colombo: coinvolto nello scandalo del Totonero, inibito a vita da qualsiasi carica sportiva.

1980-1982 – Gaetano Morazzoni: condannato per falsa testimonianza nelle inchieste di Tangentopoli.

1982-1986 – Giuseppe Farina: condannato per falso in bilancio e evasione fiscale. Ipse dixit: “se ora fossi il presidente di una squadra di serie A, non avrei tanti problemi come allora. Non foss’altro perché adesso il reato di falso in bilancio non esiste più

1986-2013 – Silvio Berlusconi: da ieri nel solco della tradizione. Condannato in via definitiva per frode fiscale, falso in bilancio, appropriazione indebita, creazione di fondi neri.

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.