Esonerato Gasperini

F.C. Internazionale comunica che stamane, al centro sportivo di Appiano Gentile, l’allenamento della prima squadra è stato diretto da Daniele Bernazzani e Giuseppe Baresi. La Società ringrazia Gian Piero Gasperini per l’impegno dimostrato nello svolgimento dell’incarico, manifestando il proprio rammarico per l’interruzione del rapporto tecnico.
F.C. Internazionale
Finisce così l’avventura di Mister Gasperini sulla panchina nerazzurra. Un’avventura tra le più corte della storia interista, costituita da solamente cinque partite ufficiali, in cui si è raccolto un misero pareggio, oltre a quattro pesantissime sconfitte (per l’importanza delle varie partite o per la forza degli avversari incontrati) tra campionato, supercoppa italiana e Champions League.Il tecnico piemontese lascia così l’Inter Mercoledì 21 settembre 2011. In circa tre mesi la sua panchina non è mai sembrata solidissima, ed ancora prima dell’inizio del campionato venivano messe in discussione dall’alto le sue scelte tattiche, scelte ben definite e che ad onor del vero hanno sempre caratterizzato il mister di Grugliasco. Impensabile pensare che in società non sapessero le caratteristiche del nuovo allenatore della prima squadra, impensabile che in società non si siano resi conto di un mercato palesemente incompatibile con le caratteristiche tattiche che hanno reso piacevole e conosciuto ai più il gioco del Mister, ai tempi di Crotone e Genoa.
In questo fallimento (perchè di vero e proprio fallimento, su tutta la linea, dobbiamo parlare) le colpe non sono da additare esclusivamente al tecnico (per quanto il vero e proprio seppuku a cui abbiamo assisitito ieri sera dia un’idea chiara sulla condizione tecnico tattica e morale in cui il Mister si è ritrovato nelle ultime settimane), ma vanno equalmente spartite tra staff tecnico (inclusi i giocatori che non hanno mai digerito del tutto le scelte e le impostazioni tattiche che Gasperini ha voluto dare alla propria squadra) ed alti organismi societari, che hanno delegittimato e screditato in vari modi ed in varie occasioni il tecnico ancor prima di poter esprimere le qualità per le quali è stato scelto e remunerato.

Diamo dunque un grande “in bocca al lupo” per il suo futuro professionale a Gian Piero Gasperini, consci del fatto di non aver purtroppo mai visto in questi mesi la sua ottima preparazione tattica, e auguriamo, vista la sgradevole situazione attuale, al prossimo allenatore nerazzurro di non diventare, anche lui come i suoi predecessori, carne da macello ad alto prezzo e bassa digeribilità.

NOTA DELLA REDAZIONE: ci scusiamo con tutti gli utenti per l’impossibilità di lasciare commenti a causa di alcuni problemi tecnici. Stiamo lavorando insieme al service provider per risolvere tutto nel più breve tempo possibile.

About Vujen

Classe '85, marchigiano, ex-petroliere in carriera e musicista fallito. Appassionato di fotografia, Balcani e di calcio straniero, specialmente francese. Non ha mai visto l'Inter vincere al Meazza. I suoi pupilli sono Walter Samuel e l'indimenticabile Youri Djorkaeff.