Le pagelle di Torino-Inter

Julio Cesar 7 – Vede per la prima volta il pallone al 25° della ripresa, ma nell’ultimo quarto d’ora la squadra smette di controllare e deve respingere gli assalti di Abbruscato e soci.

Maicon 7+ – Non c’è solo il bolide sotto la traversa che chiude una magnifica azione, ma un costante apporto sulla fascia, con la solita grinta e tecnica. Insostituibile.

Chivu 6+ – E’ al rientro dopo tanto tempo e si vede, ma nelle chiusure è puntuale. Non spinge adeguatamente come dovrebbe essendo fuori ruolo.

Materazzi 6+ – Domina sulle palle alte, lotta con ardore nel finale, lasciando un po’ troppo spazio agli arrembaggi di Bianchi e Abbruscato.

Burdisso 6+ – Come Materazzi. Fino a che la squadra controlla non commette sbavature.

Vieira 6.5 – Quando difendiamo e Cambiasso stringe sulla fascia è lui che deve coprire al centro. Lo fa e dominiamo nettamente, aggiungendo peso e qualità.

Cambiasso 6.5 – Da mediano è probabilmente sprecato, in quanto lascia una fase offensiva al collega Zanetti, certo meno dotato. Ma fa il suo e di più aggredendo e ripartendo subito.

Zanetti 6+ – Non è al top e si vede, ma fa il lavoro sporco. La posizione lo chiama a interpretare un ruolo di riproposizione che non è nelle sue corde.

Mancini 7 – Svaria su tutto il fronte d’attacco fornendo dribbling, assist e velocità. Ha un’intesa naturale con la squadra e molto entusiasmo.

Ibrahimovic 7.5 –  Protagonista come sempre: segna il terzo gol, fa partire l’azione del secondo con un aggancio al volo, presenza fissa che incute timore.

Adriano 7.5 – Non ha segnato, ma forse è il migliore in campo. Ci mette impegno, forza e qualità. E’ sempre nel vivo del gioco, gira intorno a Ibra coprendo bene in ogni settore e aprendo il gioco con naturalezza.

Quaresma 5.5 – Entra sul 3-0 quando la squadra decide di rilassarsi, ma non fa molto per farsi apprezzare. Perde palloni e gioca in modo approssimativo.

Balotelli 5.5 – L’inesperienza lo porta a perdere palloni in inutili giocate personali, quando sarebbe meglio controllare il gioco e tenere palla.

Cruz s.v. – Entra per pochi minuti, fa rifiatare Ibra e rialza il baricentro della squadra.

Mourinho 7 – Stavolta i cambi gli danno un po’ torto, ma sul 3-0 ci può stare. L’idea di mettere Adriano è ottima e la squadra mantiene corte le distanze, ripartendo in modo pazzesco con azioni da manuale. Comincia a vedersi la sua impronta.

Commenti (590)

About ex-collaboratori