Bauscia Cafè
Julie Debever svetta di testa durante Inter Florentia San Gimignano di Serie A femminile

Una buona prestazione da cui ripartire

INTER – FLORENTIA SAN GIMIGNANO 0-0

INTER: Marchitelli 6; Merlo 6.5 (46’st Capucci sv), Auvinen 6, Debever 7, Bartonova 7.5; Brustia 6.5 (33’st Pandini 6), Nyman 6.5, Alborghetti 6.5, Marinelli 6; Tarenzi 6, Van Kerkhoven 5.5 (23’st Baresi 6).
A disposizione: Aprile, Quazzico, D’Adda, Goldoni, Pandini, Norton, Santi.
Allenatore: Attilio Sorbi
FLORENTIA S.G.: Schroffenegger 8.5, Ceci 6.5, Nocchi 6.5, Bursi 6.5, Re 6, Rodella 6.5, Vicchiarello 6.5, Dupuy 6 (33’st Lipman 6), Dongus 7, Imprezzabile 6.5, Roche 5.5 (13’st Martinovic 6).
A disposizione: Tampieri, Abati, Lotti, Leoni, Pirriatore, Toomey.
Allenatore: Stefano Carobbi

Arbitro: Cannata di Faenza 6
Ammonite: 17’st Re, 28’st Bartonova


Torna il campionato femminile al Chinetti di Solbiate con un incontro molto delicato per le nerazzurre. Dopo la settimana terribile contro Roma, Milan e Fiorentina con dodici reti subite e tre sconfitte, le ragazze di Mister Sorbi debbono affrontare una squadra molto insidiosa come la Florentia di San Gimignano, che è meritatamente meglio posizionata in classifica, ha battuto Roma e Milan, ed ha perso molto onorevolmente contro la Juventus.

Le neroverdi senesi si presentano con la nuova guida tecnica formata dal trio Carobbi-Domenichetti-Tona e prive della fuoriclasse statunitense Meagan Kelly rientrata in patria per convolare a nozze. L’Inter schiera nell’undici di partenza, finalmente recuperata da un lunghissimo infortunio, la ceca Eva Bartonova e la nuova arrivata, la centrocampista finlandese Linda Nyman; sacrificata Marta Pandini, viene avanzata la posizione a centrocampo di Lisa Alborghetti; il resto come di consueto, con Anna e Julie coppia centrale, Beatrice laterale basso, Martina a centrocampo con compiti di interdizione, Gloria ala con compiti offensivi e di copertura, Stefania ed Ella in attacco.

Il terreno di gioco si presenta, come spesso succede, non all’altezza; il pubblico, mediamente numeroso, è composto in maggioranza dalla tifoseria arrivata da San Gimignano con pullman ed auto private, il pomeriggio è freddo ma assolato.

Il primo tempo parte con le toscane che hanno il controllo della partita e che, giocando con manovre avvolgenti, confidando nel buon possesso palla, riescono per i primi 20 minuti a tenere le ragazze nerazzurre lontane dalla loro area di rigore; sembra però chiaro che la stabilità della difesa nerazzurra non è quella, precaria, vista in quasi tutte le partite precedenti: la nuova arrivata Linda Nyman prende in mano le redini del gioco in fase di impostazione, giocando un primo tempo in cui mette in mostra ottima tecnica, buona visione di gioco, geometrie solide, buon passo; da l’impressione di essere una buona organizzatrice del gioco che ha bisogno di essere sollecitata e cercata nella fase iniziale della manovra; considerando che forse aveva tre allenamenti con le sue nuove compagne, una bella sorpresa; un buon acquisto che cede sotto il profilo fisico, comprensibilmente, nel secondo tempo. 

Linda Nyman, appena arrivata ha preso subito le chiavi del centrocampo – FotoDeNa

Eva Bartonova conferma tutte le migliori intuizioni avute nell’unica amichevole giocata: si impone come laterale bassa, sbarra la fascia di competenza ai tentativi di Roche e Dupuy, si oppone alle sortite di Imprezzabile, garantisce copertura a Nyman, si propone in appoggio nei disimpegni della difesa, aiuta in fase di attacco.

Il reparto difensivo mostra una insolita solidità, pur alle prese con una buonissima coppia di attaccanti, Auvinen e Debever (anche la francese oggi sugli scudi) bloccano qualsiasi iniziativa tesa a sfondare centralmente, sull’altra fascia, Merlo, come suo solito, spadroneggia, riproponendosi spesso anche in fase offensiva.

Julie Debever, La Defense: svetta senza lassciare spazi alle attaccanti della Sangi – FotoDena

Lisa Alborghetti, finalmente ben posizionata dal Mister, gioca un primo tempo al livello che avevamo imparato ad apprezzare nel Brescia e nel Milan (da convocazione in Nazionale per intenderci…). Brustia, come suo solito, si applica giudiziosamente e con costrutto nel garantire gli equilibri tattici e si propone in aiuto alla nuova finlandese. Davanti Gloria Marinelli frizzante e slalomiera, supporta Tarenzi nel duro scontro contro la fortissima tedesca Dongus… Ella, purtroppo latita.

La tifoseria si stropiccia gli occhi, incredula… si sospetta che il duro lavoro fatto nella pausa natalizia (e qualche tardivo chiarimento negli spogliatoi), abbiano avuto l’effetto sperato…

Dopo un paio di conclusioni innocue della Florentia, che non impensieriscono minimamente l’infreddolita ed inoperosa Marchitelli, al 21’ c’è il primo squillo delle Nerazzurre: Alborghetti raccoglie un pallone vagante al limite dell’aria, si aggiusta elegantemente la sfera e lascia partire un missile ben angolato, prima paratona della ex della partita, Katja Schroffenegger (una “invincibile” della trionfale stagione passata), che strozza in gola l’urlo della tifoseria.

La ex Katja Schroffenegger scherza a fine partita con Beatrice Merlo

Il pericolo corso mette ancora più giudizio alle toscane, che serrano le fila a protezione della loro area, la partita si trasforma da gara di calcio a partita a scacchi, in una gara di pazienza a chi finisce il fiato prima… lo spettacolo ne risente.

Nel secondo tempo, Eva Bartonova sale ulteriormente in cattedra, costringe l’irlandese Roche (oggi evanescente) ad uscire, diventa centrocampista aggiunta ed attaccante di complemento: tecnica sopraffina, personalità, carattere da leader… viene il sospetto che la sua assenza nelle dieci partite precedenti sia costata diversi punti all’Inter…vengono create quattro occasioni da goal nitide, tutte neutralizzate dalla fenomenale Schroffenegger, che getta nella disperazione e nel rimpianto la tifoseria nerazzurra. Nonostante questo, la bella (e brava) Katja sarà premiata dai tifosi nerazzurri per l’eccellente stagione passata al termine dell’incontro. Il trio tecnico della Sangi corre ai ripari inserendo la temibilissima attaccante romana Melania Martinovic (già giustiziera della Roma), in previsione di probabili contropiede – odio il termine ripartenza…- risulterà anche lei neutralizzata dalla difesa interista, mai come oggi affidabile, precisa e “presente” mentalmente.

Eva Bartonova, quanto ci sei mancata – FotoDena

Intanto Tarenzi, con coraggio, ingaggia un match personale con la Dongus, che giganteggia in area, Regina Baresi (entrata al posto dell’inconcludente Ella) corre in aiuto dell’amica di scherzi, creando trappole e diversivi… si aprono così, mentre le squadre si allungano, spazi succulenti per Marinelli, Alborghetti e Bartonova, ma la maledetta palla non vuole entrare; anche Merlo e Debever (oggi regale nel suo incedere palla al piede) partecipano all’assalto; ma, fra la “Capitana di ventura” Dongus, “Schroffi The Wall”, ed una certa indecisione delle nerazzurre, la torre ghibellina non capitola…

È pareggio a reti bianche, ma questa volta non c’è nulla da rimproverare né alle Ragazze né al Mister… che ha ben neutralizzato la pericolosità della squadra toscana e ben operato con i cambi; nel finale esordio in Serie A per la giovane Laura Capucci (un’altra “invincibile” e Campione d’Italia Primavera) “Steelgirl” si fa notare per i due anticipi (secchi e puliti) sulle attaccanti neroverdi… un’altra risorsa da utilizzare senza timore.

Buono l’inserimento di Linda, buonissimo, diremmo eccellente, l’esordio di Eva, complimenti alla Società che sembra avere ripreso il controllo della situazione, anche per gli investimenti fatti nel mercato di riparazione.

Merlo in azione, finalmente aiutata sulla fascia opposta dalla Bartonova – FotoDena

Si sussurra sia in arrivo in settimana, dalla Colombia, il Capitano della Nazionale sudamericana, mezzapunta di classe cristallina con grossa esperienza internazionale, Yoreli Rincòn, già vincitrice della Copa Libertadores femminile, e con positive esperienze ai Mondiali ed alle Olimpiadi. 

Prossima partita all’Olivieri (antistadio Bentegodi) di Verona contro l’Hellas, una gara assolutamente da vincere per continuare il percorso positivo e per presentarsi nelle migliori condizioni psicologiche al match delicatissimo contro le ragazze empolesi (domenica scorsa corsare a Monza contro le diavolette rossonere…)

Katja Schroffenegger premiata dai tifosi nerazzurri a fine partita – Foto BiaPri

Prossimi incontri dell’Inter Squadra Femminile: 

  • sabato 18 Gennaio ore 12:00, Stadio Olivieri a Verona: HELLAS VERONA – FC INTER
  • domenica 26 Gennaio ore 14:30, Stadio Chinetti a Solbiate Arno (VA): FC INTER – FC EMPOLI
  • (*) sabato 1 Febbraio ore 14:30, Stadio Brianteo a Monza: AC MILAN – FC INTER
  • (*) sabato 8 Febbraio ore 14:30, Vinovo Sporting Center a Torino: FC JUVENTUS – FC INTER
    (*) date, orari e campi di gioco da confermare per ragioni televisive

RISULTATI GIOVANILI FEMMINILI
PRIMAVERA UNDER 19 – All. Sebastian de La Fuente
10^ giornata (recupero) – INTER-JUVENTUS 1-1
Marcatrice: 41′ Elisa Mariani
12^ giornata –  INTER-HELLAS VERONA 3-0
Marcatrici: 9′ Elisa Mariani, 80′ Anna Catelli, 90′ Angelica Poli

Piccola nota: a Sesto San Giovanni davanti a un pubblico da tutto esaurito e contro la Juventus che veniva da 11 vittorie consecutive con 90 gol fatti e 3 subiti le nostre Ragazzine (Campionesse d’Italia in carica) hanno fatto un partitone e pareggiato per 1-1 con molta sfortuna. Nelle immagini l’esultanza dopo il gol e il Capitano Lucia Pastrenge (sullo sfondo Sofia Colombo)

ALLIEVE UNDER 17 – All. Stefano Torriani
14^ giornata (recupero) – COLOGNO-INTER 0-10
Marcatrici: 3′ Contena, 19′ e 36′ Demaio, 25′ e 29′ Santoro, 41′ e 61′ Baruffaldi, 48′ 67′ e 74′ Lonati

GIOVANISSIME UNDER 15 – All. Roberto Casucci
14^ giornata – riposo


NAZIONALE UNDER17
Il Tecnico Federale, Nazzarena Grilli, ha convocato le nostre Valentina Gallazzi, Astrid Gilardi, Arianna Marengoni, Elisa Mariani, Sofia Panetta, Matilde Pavan e Chiara Robustellini per le amichevoli che l’Italia U17 disputerà contro le pari età della Norvegia in preparazione al Campionato Europeo di questa estate. Le nerazzurre saranno impegnate a Salerno dal 19 al 23 gennaio.

NAZIONALE UNDER16
È iniziato a Coverciano il primo raduno del 2020 della Nazionale femminile Under 16; il Tecnico Federale Jacopo Leandri ha convocato le nostre Anita Maria Cochis, Laura Maria Congiunti, Gaia Lonati e Sofia Pulacini. Le nerazzurre saranno impegnate a Coverciano dal 12 al 15 gennaio.

ZioPino62

ZioPino62

Tifoso dell’Inter dal 1970; segue con passione da quasi 30 anni il calcio femminile.

MVP LECCE – INTER

Twitter

Archivio