Senza categoria

Fine dei giochi

Bausciacafe

Alla fine ci sono riusciti. Non so ancora bene chi, ma ci sono riusciti. Se i giocatori, la società, chissà quale congiunzione astrale ma è così. Ci son riusciti, non ne ho più: di parole, voglia, pazienza. (sì ok, forse qualche parola, fra un tetris di blasfemie, c’è…altrimenti non sarei qui a prendermela con questi tasti) Siamo arrivati a tirare ... Continua a leggere »

Terrore sulla fascia

terrore

Salotto di Dick Vircibaldi, notissimo attore hollywoodiano. Vincent Tremayne, il suo agente, siede su una poltrona del lussuoso salotto, battendo nervosamente le dita della mano destra sul bracciolo. Nell’altra mano tiene un bicchiere di whisky, pieno per metà, e lo agita di tanto in tanto, senza mai portarlo alla bocca. Dick entra nella stanza con indosso una fragorosa vestaglia viola ... Continua a leggere »

Gli effetti del Leicester sulla gente

Ch_eHp1UgAAMaeX

Il Leicester City, come ribadito in queste settimane in ogni angolo del pianeta, ha compiuto un’impresa leggendaria. Se ne sente parlare ovunque: per strada, al bar, alla fermata dell’autobus, dentro l’autobus, dal fruttivendolo, alla lezione di aquagym per signore over 60, dappertutto. La straordinaria affermazione della squadra di Ranieri avrà necessariamente delle ripercussioni sulle prossime stagioni sportive e, anche, su ... Continua a leggere »

Psicologia del Fischietto (Come ti analizzo l’arbitro)

20160219012937

No, non sarà lo stupido post piangina su “quanto sono cattivoni quei tipi col fischietto in bocca che ci negano la possibilità di lottare per lo scudetto”. E no, non è neanche un post complottista, non lancia accuse, e non pretende di ergersi a depositario unico della Verità (con la V maiuscola, ovviamente). È solo una serie di considerazioni sparse, ... Continua a leggere »

Storie

Parigi, Place de la République, 15 Novembre 2015

C’è poco da dire, veramente pochissimo. Siamo rimasti in silenzio in questi giorni perché di parole non ne avevamo troppe e di voglia di scherzare ancora meno. Poi le parole le ha trovate Adriano, l’unico che poteva farlo, e noialtri lo ringraziamo. In questo post non si parlerà di Inter, va da sè. Stavolta è giusto così. Non so bene ... Continua a leggere »

Equivocando

100 di queste per ogni terzino nominato senza riflettere.

Con lo scialbo, mortifero zero a zero contro l’AEK abbiamo finalmente archiviato il nostro precampionato: un’estate fatta di nessun movimento senza palla, pochi gol segnati, giocatori affaticati, nuovi acquisti che stentano a dimostrare quello che valgono o dovrebbero valere. Mille giustificazioni, molte delle quali plausibili, ma anche una composta e legittima preoccupazione: quella di non avere, a 7 giorni dall’inizio ... Continua a leggere »

Il salumiere Manenti

mapi-group-sede

Giampietro Manenti, ieri, ha tenuto l’assemblea dei soci… da solo. Non c’era nessuno, tranne lui, nella sala delle riunioni del centro sportivo di Collecchio. “Mi sento accerchiato – ha detto – Ma io vado avanti”. Dopo aver promesso ancora una volta che lunedì pagherà tutti gli stipendi, se n’è andato da un’uscita secondaria a bordo di una Volvo bianca” (La Gazzetta ... Continua a leggere »

Esasperati

Bausciacafe

Ciao sono Python e probabilmente non capisco niente. Se capissi, come molti altri, come gli illuminati, la mia vita e il mio fegato, soprattutto dopo le partite sarebbe in condizioni decisamente migliori. Ora, io non ero presente allo stadio (perché sono un tifosotto divanato) ma ho parlato con persone presenti e tutti (o quasi) mi hanno detto la stessa cosa, ... Continua a leggere »

Juventus – Inter: l’attesa

Sia e Danny: cuori svedesi e neroblu.

Signore e Signori, dopo anni Sia ce l’ha fatta e domani sera sarà a Torino a vedere Juventus-Inter. Un sogno che inizia da lontano e che sicuramente non finisce qui, leggere per credere. Vai, Sia, urla ai gobbi le peggio cose anche da parte nostra! Quando sono stato a Milano per la partita contro Napoli sono stato con un grande ... Continua a leggere »

Psicanalisi

Cominciamo con il clonare le gonadi di quest'uomo qua trapiantandole a tutta la rosa.

Dopo il primo tempo di Inter-Udinese, giocato in modo ordinato e convincente dalla squadra, sembrava davvero la volta buona per i tre punti: vantaggio meritato, almeno altre due occasioni pulite (e puntualmente sprecate), pochissimi rischi difensivi, anche per gli enormi demeriti di una Udinese remissiva e confusa. Solitamente l’intervallo permette di riordinare le idee, fare il punto della situazione e ... Continua a leggere »