Non ho nessun rispetto per la Juventus

Passata la tempesta, come diceva il poeta, è forse arrivato il momento di fissare qualche punto sul nuovo allenatore dell’Inter.
Lo juventino Antonio Conte. L’affronto alla storia e ai valori dell’Inter.
Sì, è decisamente il momento.

Attenzione, sgombriamo subito il campo da qualsiasi equivoco, che già vi vedo lì pronti col ditino puntato: no, non sarà un post di esaltazione per questa mossa della Società (che, in ogni caso, resta la Squadra che amo e per cui faccio disperatamente il tifo); no, non sono una groupie di Conte; sì, ho delle preoccupazioni e delle riserve in merito; no, non penso che moriremo tutti.

–PRIMA PARTE: ANTONIO CONTE JUVENTINO–

Bello il titolo del post, vero? A effetto, una bomba.
Devo ammettere, però, che non sono parole mie. Le ho prese in prestito dal nostro nuovo allenatore che le ha pronunciate da tecnico dell’Arezzo esattamente 12 anni fa.

Ma come? Ma non era juventino?
Eh.

Il punto è che la frase qui sopra ha un significato. Un significato molto preciso nella storia di Antonio Conte e del suo profilo professionale, un significato che va molto al di là della delusione per una retrocessione appena ottenuta. E un significato che non si può ignorare, nel momento in cui si sistema Antonio Conte sulla panchina dell’Inter. Non si capisce, non è abbastanza chiaro?

Proviamo con un altro esempio allora. In piena polemica personale -molto personale- con quel galantuomo di Fabio Capello, che per attaccare Conte aveva parlato del gioco della sua squadra, Conte risponde: “Non mi sembra che con lui ci fosse un grande gioco, di lui mi ricordo solo per i due scudetti revocati“.

Apriti cielo, per carità, come può l’allenatore della Juve dire una cosa del genere? Si scalda Lucianone Moggi, punto sul vivo (“quella era una grande squadra, Conte con me non avrebbe neanche parlato“), si muovono i mammasantissima gobbi, al punto che poche ore dopo lo stesso Conte è costretto a una parziale retromarcia al ritmo di “non fraintendiamo“, “hanno meritato” e bla bla bla.
Già, fatto sta che molti juventini iniziano ad avere più di un dubbio sul capitano simbolo dell’EPOpea agricola.

Ma era stato un fraintendimento davvero, quella frase sugli scudetti? L’occasione per chiarirlo si presenta prestissimo, il giorno in cui Conte diventa CT dell’Italia e puntuale arriva la domanda (quando ancora i giornalisti facevano domande) sul numero di scudetti della Juventus. Attenzione eh, perché è l’esempio finale per capire cosa significhi tutto questo per Conte e come si colloca all’interno del suo percorso professionale. Pronti? Allora, quanti scudetti ha la Juve?Per me gli scudetti più importanti sono stati quelli che ho vinto io, che sono otto: 5 da calciatore e 3 da tecnico“.

L’ho messo anche in grassetto: per ME. Quelli che ho vinto IO.
E’ più chiaro adesso?

Antonio Conte è un leccese che ha allenato il Bari. Uno che ha messo sempre -sempre- il suo successo personale davanti a qualsiasi altra cosa, uno che in piena conferenza stampa a Vinovo -ripeto, in piena conferenza stampa a Vinovo e con il logo dei gdm ben stampato sulla giacca- ha scanditodovessi allenare l’Inter diventerei il primo tifoso dell’Inter. Questo dev’essere chiaro a tutti“. Vi sembra un’affermazione banale, in quel contesto?

Non c’è NIENTE che venga prima del suo successo per Conte, tanto meno la Juventus. E lo ha dimostrato ben prima di prendere un aereo per Milano. Anzi, azzardo di più: Conte non vede l’ora di staccarsi definitivamente da quella parte della sua carriera, e di affermarsi come professionista vincente a tutto tondo. E l’Inter è il punto esclamativo più forte che potesse mettere su questa sua volontà.

Antonio Conte è stato un simbolo della Juventus? Assolutamente sì.
Antonio Conte è juventino? Assolutamente no.
Per  questo il problema è -coerentemente- tutto il loro, che oggi infatti starnazzano per togliere dal Conad la stella sbagliata. E’ lo stesso equivoco di chi pensa che Mourinho sia interista, né più né meno.

408239

–SECONDA PARTE: L’AFFRONTO ALLA STORIA E AI VALORI DELL’INTER–

C’è poi un altro aspetto da tenere in considerazione in questa vicenda, ed è la rivolta di un gruppo di tifosi interisti che vedono minacciati i valori in cui hanno sempre creduto e -addirittura- la storia stessa della nostra Società.

Devo ammettere che questo è l’aspetto che mi fa sorridere di più fra tutti quelli sentiti in questi giorni. Ma come? 111 anni a straparlare di orgoglio, di differenze, di DNA, di noinonsiamoquellarobalà, di iononruboilcampionato…e poi? Basta un Antonio Conte da Lecce a far svanire il tutto?

A sentire le cronache giudiziarie io ero rimasto al fatto che la triade fosse Moggi-Giraudo-Bettega, oggi pare invece sia e sia sempre stata Marotta-Conte-Asamoah. Può essere eh, per carità, magari sono io che mi sono confuso negli anni. E’ che fa sorridere, davvero, ripensare a tutta quella solidità di valori tanto sbandierata e poi calare le braghe così, in un secondo, davanti a…nulla. Davanti a un allenatore.

Addirittura arrivare all’equazione “Conte allenatore=ruberemo le partite” (così, dalla sera alla mattina?) o alla certificazione del fatto che dalla scorsa settimana in rosa sono tutti dopati. Scusate, sommessamente: ma che cazzo dite?

Antonio Conte è l’allenatore dell’Inter. Punto. E in quanto tale si calerà -sarà obbligato a calarsi- nell’ambiente che lo circonda, esattamente come tutti quelli prima di lui. O forse Spalletti ha continuato a buttare veleno sulle nostre vittorie, anche quando sedeva ad Appiano?

Che poi, se davvero ci dovesse essere questa paura, il ritorno di Oriali dovrebbe ben mitigarla no? O il ragionamento vale come al solito solo in negativo, e i valori possono solo essere messi in crisi e mai esaltati? Arriva una bandiera dell’Inter, anzi ritorna una bandiera dell’Inter, e fa francamente ridere pensare che i suoi valori e quelli di tutti i componenti della Società che erano a Milano fino alla settimana scorsa e ci saranno anche dalla prossima, vengano semplicemente rasi al suolo e dimenticati perché…è cambiato l’allenatore. Basta barzellette, davvero.

Ah, a proposito di Oriali: lui è anche la prova del fatto che le rimostranze contro il passato giudiziario di Conte siano un discorso strumentale per cercare un’oggettività al suo essere fuori luogo, più che altro. Lele Oriali ha avuto problemi con la giustizia in passato, addirittura Sabatini è stato radiato dalla giustizia sportiva per poi essere riammesso grazie ad alcuni problemi procedurali: ricordate proteste di piazza e sommosse quando arrivò all’Inter Sabatini? Ricordate capelli strappati e dilaniamenti al grido di una storia irrimediabilmente macchiata? Io no.

Perché quello che conta nella storia dell’Inter è, appunto, la storia dell’Inter. Il suo susseguirsi, il suo riaffermarsi, i valori che l’Inter porta avanti giorno dopo giorno. Altrimenti quella stessa storia sarebbe già stata macchiata da Sabatini, o da Lippi, o da Peruzzi, o da Ibrahimovic o da chissà chi altri prima di loro: e invece non è successo niente di tutto questo. Perché l’Inter è l’Inter.

Se e quando succederà ne riparleremo, e i responsabili o la Società tutta saranno messi alla gogna come PRETENDIAMO che sia.
Se, e quando. Non oggi, e non per un allenatore.

1467195118715.JPG--lele_oriali___conte__lo_chiamavano_bulldozer_____

–TERZA PARTE: UNA PICCOLA OSSERVAZIONE–

C’è poi un fatto che sembra abbondantemente passato in secondo piano, in tutto questo. Un fatto oggettivo, reale.

Brutalmente: oggi sulla panchina dell’Inter siede il quinto allenatore più pagato al mondo.

Simeone, Guardiola, Valverde, Zidane. E subito dopo l’allenatore dell’Inter. Ora che sia il quinto, il sesto o il settimo e che si chiami Conte, Mourinho o Ancelotti non è quello che mi interessa sottolineare. Il punto, enorme, è che l’Inter può permettereselo. Ed è il primo segno di dove si voglia andare.

Perché, diciamocelo serenamente: se durante le presentazioni di Wallace e Taider, durante le scorribande di Jonathan e Rocchi, durante i provini a Carew e le urla di Stramaccioni (vi ricordate quando sognavamo Devis Mangia come allenatore?) ci avessero detto che saremmo stati in grado di pagare il quinto allenatore nel mercato dei Guardiola e dei Simeone, avremmo firmato col sangue. Se anche solo un anno fa ci avessero detto che avremmo potuto fare offerte credibili e portare a casa un allenatore da 10 milioni l’anno avremmo probabilmente risposto con un sorriso amareggiato.

E invece l’Inter c’è e, con Conte in panchina, ha deciso quale strada imboccare al bivio di cui parlavamo un mesetto fa.

Che riesca a percorrerla fino in fondo, che risulti vincente, che ci porti dove speriamo non lo sappiamo oggi e non lo sapremo a breve, ma la strada è tracciata.

Io la seguo, al fianco dell’Inter.
Voi fate un po’ quel che vi pare.

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.

2.240 commenti

  1. Roba da matti

    Lautaro a 21 anni non va bene perché non è titolare. Addirittura non sarebbe più nemmeno giovane.

    L’altro invece, che a 21 anni faceva 8 gol in una Sampdoria da ridere con gli stessi gol e gli stessi minuti di Lautaro, è un fenomeno. Peccato che ce l’abbia messo in culo a metà annata……e quindi società di idioti.

    Dzeko a 33 anni, integro e una media di 20 gol a stagione non va bene, è un cesso perché vecchio ……..e noi abbiamo una società di idioti.

    Barella se viene comprato a 40 tra cash e bambini non va bene perché non è nessuno e non aggiunge nulla.

    Lo stesso Barella se lo si comprasse a 50 saremmo pirla.

    Se non valutandolo oltre 40 ci si ritira……saremmo una società di idioti e incapaci.

    Ma se lo comprasse la concorrenza a 50 saremmo pirla e anche idioti oltre che tirchi.

    Questo il riassunto della giornata.

    Si annuncia una estate frizzante.

    A domani

  2. dopo 5 anni 5 anni un utente ha capito il senso di un mio post…mi viene quasi da piangere, grazie @gatina.

  3. Wolf tail: Mi sembra di aver detto come prima cosa che la reazione è stata ingiustificabile, quindi non capisco il tuo appunto.

    Semplicemente ragionavo sul fatto che sarebbe bello conoscere l’azione che l’ ha generata.

    Non solo per amor di verità, ma anche e soprattutto per evitare di tenersi in casa chi spacca gli spogliatoi, magari pure con la convinzione di essercene sbarazzati con la partenza del nove

    Sarebbe bello anche beccare 5 milioni l’anno e cazzeggiare due mesi ricattando la qualunque.

    Delle motivazioni alla base non mi frega nulla, a me interessa che si sudi lo stipendio.
    Non mi sembra che l’omuncolo l’abbia fatto.

    Icardi via, possibilmente insieme all’ignavo Perisic.

    P.S. A proposito di Giulini. Avessi mai sentito un presidente di serie A parlare in maniera così perentoria di un’offerta dell’avvocato..

  4. @Michele i gonzi hanno preso oggi krunic…per carità un signor nessuno credo.. ma ci hanno messo 3 giorni….si discute questo, il carpe diem.

  5. Michele69: Il bila n non ha preso propri o nessuno.

    Il Serbo, mi sfugge il nome x 8 MILIONI con l’intercessione di Boban.

  6. gatina
    Conte a parte, ma lo sai che non c’è nessuno ancora di definito ?
    Solo promesse o pre-contratti ?
    Anche Godin ?

    Beh sarebbe piuttosto strano il contrario, dato che al momento il calciomercato è ufficialmente chiuso.

    Mi immagino quanti contratti sono stati depositati dalle altre squadre, eh

    Che poi parlate in molti come se aveste le chiavi della cassaforte di Marotta, quella in cui magari sono custoditi i documenti dei vari accordi…

    Anche di Conte non doveva essere vero, e poi al momento giusto è diventato ufficiale

    Trasmettete ANSIA

  7. @Ciun-Li Chung…mi consenta, io l ho già letto da qualche parte.. lei era molto spiritoso davvero…pungente è intelligente…piacere, sono santa Maria Goretti.

  8. Rade Krunič …, ecco appunto il carpe diem.
    @pearl, mi hai preceduta mentre ero andato su Wiki …

  9. Non frequento Wikipedia…a volte spesso sbaglio ma tendo a fare lavorare la memoria…da memorizzo @gatina

  10. Fabio1971: Anche di Conte non doveva essere vero, e poi al momento giusto è diventato ufficiale

    Trasmettete ANSIA

    Certi Youtubers, di Conte, lo stavano dicendo (DEFINITO)da marzo.
    Lo so che non si può depositare nulla, ma si può definire(definitivamente ogni cosa,stop!).
    I Nostri sono sempre vaghi …, rinnovi a parte, dove precorrono i tempi !

  11. 30 post di media al giorno fanno 10000 post all’anno × 5 anni = 50.000

    1700 utenti del blog in questi 5 anni………

    Uno di questi 50.000 post è stato capito da un solo utente.

    Minchia.

    Siamo a livello del codice da Vinci.

    Se io fossi lo scrivente però …….di questo evento non me ne vanterei tanto…..

    Detto ciò…….va bene così.

  12. ti adoro…come ti ritorci su te stesso è una cosa adorabile.. ti prego non tornare più nella jungla…slupp.

  13. C’è da dire che nonostante questi fantasmagorici gioiellini l’empoli a marzo era già in B (poi è rientrato in gioco per un genoa indegno)

  14. Maigob: Uno di questi 50.000 post è stato capito da un solo utente.

    Minchia.

    Siamo a livello del codice da Vinci.

    Rispondo o non …
    RISPONDO:
    Il senso Maigog … IL SENSO …, ovverosia:
    il concetto, la conoscenza, l’archetipo o …, cosa cazzo voleva
    in cul carVi che poi era facile, facile …, da capire !

    Dài che l’avevi capita ?
    Eh !

  15. Wolf tail: Mi sembra di aver detto come prima cosa che la reazione è stata ingiustificabile, quindi non capisco il tuo appunto.

    Semplicemente ragionavo sul fatto che sarebbe bello conoscere l’azione che l’ ha generata.

    Non solo per amor di verità, ma anche e soprattutto per evitare di tenersi in casa chi spacca gli spogliatoi, magari pure con la convinzione di essercene sbarazzati con la partenza del nove

    Su questo sono d’accordo. Sono altrettanto curioso

  16. Maigob:
    Roba da matti

    Lautaro a 21 anni non va bene perché non è titolare. Addirittura non sarebbe più nemmeno giovane.

    L’altro invece, che a 21 anni faceva 8 gol in una Sampdoria da ridere con gli stessi gol e gli stessi minuti di Lautaro, è un fenomeno. Peccato che ce l’abbia messo in culo a metà annata……e quindi società di idioti.

    Dzeko a 33 anni, integroe una media di 20 gol a stagione non va bene, è un cesso perché vecchio ……..e noi abbiamo una società di idioti.

    Barella se viene comprato a 40 tra cash e bambini non va bene perché non è nessuno e non aggiunge nulla.

    Lo stesso Barella se lo si comprasse a 50 saremmo pirla.

    Se non valutandolo oltre 40 ci si ritira……saremmo una società di idioti e incapaci.

    Ma se lo comprasse la concorrenza a 50 saremmo pirla e anche idioti oltre che tirchi.

    Questo il riassunto della giornata.

    Si annuncia una estate frizzante.

    A domani

    +1
    non c’è niente da fare. come distruggi una persona tu non lo fa nessuno.

  17. Krunic? leggo 5g +6a x 33p……vale 8M pagato 8M……boh
    Non lo conosco, credo peró che l’ offerta al Cagliari é reale ma per un portiere,
    Barella si é promesso a “C”, “M” dorme sonni tranquilli, si vede che non ha mai
    visto ZAV incazzato nero alle 3AM….. io no ci dormirei sopra,,,,
    Barella bravo, ma piú di 40 non so, mi associo all´opinione di difesa per Esposito,
    ma anche Bastoni e Dimarco li manderei tutti in rosa, Eder invece volentieri gli pago
    lo stipendio con vista mare….a Cagliari.
    A proposito azz centra con il progetto uno come Candreva?
    che a gennaio anca lu mandava gli sms sibillini? Dambreous é un altro discorso mi é simpatico
    e fa gol e salvataggi importanti..ma Candreva? mistero della fede
    Socc’mel

  18. Sento dire che vendiamo Zinho ed Emmers…

  19. Beh questo dovrebbe portarti a farti qualche domanda no?

  20. Tiziano:
    Beh questo dovrebbe portarti a farti qualche domanda no?

    Dici a me?

  21. Edoardo: Ho quotato a caso …
    Presidenteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    edoardo, te ne devo raccontare una bellissima.
    una domenica ero ad hanoi, uscito dalla foresta, in gita premio. sai che ad hanoi c’è una cattedrale che è una copia di notre dame. allora vado lì e comincio a passeggiare intorno, alla ricerca di un ristorantino di cucina tipica viet. sono su un marciapiede, e sento una voce chiamare: “mao vieni qui!” in italiano!!!
    una folgorazione. mi volto, e sul marciapiede vedo il presidente. lui in persona. allora mi avvicino e gli dico: “buongiorno presidente”. al che si volta, mi dà la mano, mi stringe, mi abbraccia e mi dice: “si, sono ancora il tuo presidente”. ci scambiamo i numeri di telefono, poi ci lasciamo con una stretta di mano che non finiva mai. avrei voluto dirgli tante cose, alcune belle e tante brutte, non gli ho detto niente. mentre andavo via per il mio marciapiede, sento da dietro: “mao vieni qui”.

  22. Bello vedere tifosi interisti esaltare i gonzi perché hanno preso krunic in tre giorni,quasi quanto ,l’anno scorso,esaltavano il mercato sontuoso bilanista,e due anni fa pure,pronosticando vittorie e piazzamenti Champions ormai sicuri. Poi in due anni,ridicolizzati in tutti e 4 i derby,con una impressione di superiorità nettissima. Persino la primavera gli abbiamo fatto retrocedere,perdendo l’ultima inutile partita col Palermo. Ma prego,se uno preferisce prendere ad esempio i cuginastri,vada pure che c’è posto..ah ah ah ah!

  23. pearl:
    ti adoro…come ti ritorci su te stesso è una cosa adorabile.. ti prego non tornare più nella jungla…slupp.

    slupp sarebbe un bacio bagnato?
    cazzo maigob, non ti smentisci mai

  24. Nic!

    Le punte segnano, ma il segnare è solo il concretizzarsi di un lavoro di 11 persone.
    Anche di più se non si riduce tutto ai 90 minuti

    Ammiro sinceramente la perseveranza con la quale cerchi di spiegare il gioco del calcio, anche concetti apparentemente ovvi come il fatto che quando un centravanti segna fa semplicemente il suo dovere, così come fa il difensore Skriniar quando vince un contrasto difensivo o il centrocampista Brozovic quando cerca il passaggio tra le linee. Il contributo alla vittoria è di tutta la squadra e la finalizzazione è solo uno dei tanti compiti egualmente importanti.

    Quando vedremo un qualsiasi numero 9 (e ripeto qualsiasi, Lautaro, Dzeko, Lukaku) segnare più di venti gol a stagione per l’Inter forse il concetto sarà più chiaro. Per adesso ci tocca ancora sentire “se non c’era LUI….”

  25. Fabio1971: Trasmettete ANSIA

    +1
    bellissima

  26. il Milan dovrà accontentarsi di krunic e altri come lui che non spostano certo gli equilibri. Come noi fino a 12 mesi fa, il Milan avrà per qualche anno il 4° posto come obiettivo più ambizioso. Hanno comunque una dirigenza seria e un nuovo DS giovane ma serio e preparato, vedrete che faranno bene compatibilmente con le loro limitate possibilità.

  27. Giannando:
    il Milan dovrà accontentarsi di krunic e altri come lui che non spostano certo gli equilibri. Come noi fino a 12 mesi fa, il Milan avrà per qualche anno il 4° posto come obiettivo più ambizioso. Hanno comunque una dirigenza seria e un nuovo DS giovane ma serio e preparato, vedrete che faranno bene compatibilmente con le loro limitate possibilità.

    Chi è il Ds che io non l’ho mica capito?

  28. emmers e vanetcettera, 25mln…direi che il piano non si basa più sulla vendita di Icardi, saggiamente.
    mi pare un buon affare.

  29. Giacomo: Chi è il Ds che io non l’ho mica capito?

    Frederic Massara, scuola Sabatini

  30. pearl:
    @Michele i gonzi hanno preso oggi krunic…per carità un signor nessuno credo.. ma ci hanno messo 3 giorni….si discute questo, il carpe diem.

    Magari è più facile chiudere operazioni da 8m con nessuna concorrenza piùttosto che quelle da 50? No xché qui scopriamo che con un cc Compost o da uno che ha preso il Bilan l altro che ha preso la gobba ed il terzo che magari lo prende il Napoli, l Empoli è retrocesso Eh?

  31. Krunic …cioè Suning cazzari e merda Marotta x Krunic. Anni 26 (!) che gioca ancora ad Empoli. A 26 anni. Avessero preso almeno Traore che è giovsne vero di 19 anni….Krunic. mah. Io non vi capisco a volte. Scommettiamo che se l Inter cercasse Missiroli (tsnto x fare 1 nome) la chiude in 1 Ora? Altro che 2 giorni.

  32. Michele69:
    Krunic …cioè Suning cazzari e merda Marotta x Krunic. Anni 26 (!) che gioca ancora ad Empoli. A 26 anni. Avessero preso almeno Traore che è giovsne vero di 19 anni….Krunic.mah. Io non vi capisco a volte. Scommettiamo che se l Inter cercasse Missiroli (tsnto x fare 1 nome) la chiude in 1 Ora? Altro che 2 giorni.

    E…..ma c’era gran fila per Krunic………….tantissime squadre, quasi come le pretendenti per Icardii………………comunque a parte scherzi e questa sera Sky, unica fonte quasi attendibile, dice che ormai sono vicinissimi Barella e Lazaro…..vedremo…………….infine enorme plusvalenza con i due giovani Emmers e Vanqualcosa……per il primo mi dispiace…secondo me è bravo, molto.

  33. Giannando: Ammiro sinceramente la perseveranza con la quale cerchi di spiegare il gioco del calcio, anche concetti apparentemente ovvi come il fatto che quando un centravanti segna fa semplicemente il suo dovere, così come fa il difensore Skriniar quando vince un contrasto difensivo o il centrocampista Brozovic quando cerca il passaggio tra le linee. Il contributo alla vittoria è di tutta la squadra e la finalizzazione è solo uno dei tanti compiti egualmente importanti.

    Quando vedremo un qualsiasi numero 9 (e ripeto qualsiasi, Lautaro, Dzeko, Lukaku) segnare più di venti gol a stagione per l’Inter forse il concetto sarà più chiaro. Per adesso ci tocca ancora sentire “se non c’era LUI….”

    Infatti è notorio che chiunque giochi in attacchi segni 25 gol a stagione.
    Proprio così.

  34. No Giacomo figurati, non era assolutamente rivolto a te, è arrivato in ritardo ed era per un altro post.
    Comunque se avessimo preso noi ‘sto krunic (boh?) da una squadra retrocessa…
    Va beh.
    Stavolta però su Emmers e Vanheusden mi sa che non hanno sbagliato. Van purtroppo, è la sua storia, tende ad infortunarsi, e non cose lievi. E da noi sarebbe stato minimo il quinto..
    Su Emmers.. Ammetto che speravo meglio. In questo anno ha giocato ma non ha spaccato. E se davvero si deve essere stabilmente nelle prime 8-10 in Europa, un altro Duncan non è sufficiente. Non mi pare abbia fatto una grande stagione neanche Karamoh. Dubito resti.
    Mentre se veramente si sta studiando il doppio pivot, per me è interessante. Oltre ad allungare la carriera a Dzeko, che giocherebbe alla totti (i piedi li ha) ma con Lukaku davanti, uno in po’ più sulla destra del centro area e uno un po’ più sulla sinistra, uno 6-7 metri più avanti e uno 6_7 metri indietro.
    Sarei MOLTO curioso

  35. Wolf tail: Infatti è notorio che chiunque giochi in attacchi segni 25 gol a stagione.
    Proprio così.

    Gli attaccanti di Inter, Rube, Milan, Roma, Lazio di solito lo fanno

    Perché hanno attaccanti di qualità, quale che sia il loro nome, e come squadre essendo fra le prime segnano e vincono molto…

    Oppure, anche gli attaccanti di squadre mediocri, ma che giocano completamente per far segnare il loro attaccante, come unico terminale di un gioco altrimenti sterile.

    ops.. in questa ultima categoria temo ci siamo stati di recente anche noi…

  36. Wolf tail: Infatti è notorio che chiunque giochi in attacchi segni 25 gol a stagione.
    Proprio così.

    si vedrà quest’anno, ammesso che riescano a cacciare il paracarro

  37. Mi domando perché le punte che segnano costino 100 milioni.

    Mi domando perché sbattersi a cercare un lukaku

    Quando pare basterebbe avere un qualsiasi attaccante per beneficiare di 25 gol a stagione

  38. Giannando: si vedrà quest’anno, ammesso che riescano a cacciare il paracarro

    Proprio paracarro non lo definirei Icardi
    Criticare il suo comportamento a gennaio-Maggio 2019 è inevitabile, definirlo paracarro no

  39. un saluto a Emmers e Vanheusen che se ne vanno. a me dispiace, nella rosa li avrei visti volentieri.
    auguro loro una bella carriera.

  40. Pierocic: Proprio paracarro non lo definirei Icardi
    Criticare il suo comportamento a gennaio-Maggio 2019 è inevitabile, definirlo paracarro no

    leggo che la coppia neo-bianconera sarebbe disposta a citare in causa l’inter per mobbing. spero per loro che sia una bufala dei giornali, non sanno a cosa andrebbero incontro. lui comincia davvero a farmi pena, povr’om.

  41. Il problema fu Icardi e sempre stato quello di muoversi poco dall’area, e c’era anche da capirlo visto che è il suo habitat naturale. Ma come è sempre accaduto, le volte che non segnava giocavi in 10.. Sempre ammesso DA TUTTI gli addetti e non ai lavori. L’ultimo anno SEMBRAVA che il lavoro fatto dal perdente iniziasse a dare frutti, aveva fatto qualche partita giocando, bene, in modo diverso. Poi la sua natura ha ripreso il sopravvento e si sono aggiunte le note problematiche, che sintetizzerei in “a tirare troppo la corda..”
    Ma negli ultimi tempi, 7 anni, in Quagkiarekka avrebbe segnato come e più di Icardi. Per dire uno molto bravo ma che aveva un costo inferiore ai 30 milioni. Con buona pace di chi crede che senza la coppia Giuda & Iscariota avremmo rischiato la B

  42. modd:
    un saluto a Emmers e Vanheusen che se ne vanno. a me dispiace, nella rosa li avrei visti volentieri.
    auguro loro una bella carriera.

    Purtroppo entro il 30 giugno servono 40 ml di plusvalenze.

    Cessioni necessarie, visto che Icardi non se vuole andare, considerando anche il fatto che al momento non c’è tutta questa calca per accaparrarsi i suoi servigi.

  43. modd: leggo che la coppia neo-bianconera sarebbe disposta a citare in causa l’inter per mobbing. spero per loro che sia una bufala dei giornali, non sanno a cosa andrebbero incontro.

    Di miniere, in Cina, ce ne sono molte.

  44. pearl:
    @Michele i gonzi hanno preso oggi krunic…per carità un signor nessuno credo.. ma ci hanno messo 3 giorni….si discute questo, il carpe diem.

    Godin lo abbiamo preso a gennaio…

  45. Fabio 1971: Gli attaccanti di Inter, Rube, Milan, Roma, Lazio di solito lo fanno

    Perché hanno attaccanti di qualità, quale che sia il loro nome, e come squadre essendo fra le prime segnano e vincono molto…

    Oppure, anche gli attaccanti di squadre mediocri, ma che giocano completamente per far segnare il loro attaccante, come unico terminale di un gioco altrimenti sterile.

    ops.. in questa ultima categoria temo ci siamo stati di recente anche noi…

    Anche quelli di Samp ed Udinese…aggiungerei.

  46. modd:
    un saluto a Emmers e Vanheusen che se ne vanno. a me dispiace, nella rosa li avrei visti volentieri.
    auguro loro una bella carriera.

    Tra i 2 quello con più qualità da top e Zinho. Il problema è che a 19 anni s è già rotto i legamenti dello stesso ginocchio 2 volte. Emmers buono. Ma non so se sarà mai da Inter.

  47. Tiziano:
    Il problema fu Icardi e sempre stato quello di muoversi poco dall’area, e c’era anche da capirlo visto che è il suo habitat naturale. Ma come è sempre accaduto, le volte che non segnava giocavi in 10.. Sempre ammesso DA TUTTI gli addetti e non ai lavori. L’ultimo anno SEMBRAVA che il lavoro fatto dal perdente iniziasse a dare frutti, aveva fatto qualche partita giocando, bene, in modo diverso. Poi la sua natura ha ripreso il sopravvento e si sono aggiunte le note problematiche, che sintetizzerei in “a tirare troppo la corda..”
    Ma negli ultimi tempi, 7 anni, in Quagkiarekka avrebbe segnato come e più di Icardi. Per dire uno molto bravo ma che aveva un costo inferiore ai 30 milioni. Con buona pace di chi crede che senza la coppia Giuda & Iscariota avremmo rischiato la B

    Quoto

  48. Wolf tail:
    Mi domando perché le punte che segnano costino 100 milioni.

    Mi domando perché sbattersi a cercare un lukaku

    Quando pare basterebbe avere un qualsiasi attaccante per beneficiare di 25 gol a stagione

    Van Dijk 86, Jovic 60.
    Direi che chi costa sono gli esterni tecnicissimi che riescono a saltare l’uomo: Neymar, Hazard, Mbappe…

    Ma poi Wolf, nessuno mette in dubbio le qualità di finalizzatore di Icardi.
    Ma non so cosa dirti, io non lo vivo così indispensabile… Chi dice che “ha tenuto a galla l’Inter” penso abbia una visione un po’ semplicistica del calcio.
    Ciro Immobile ha segnato altrettanto in questo trofeo, ma nessuno gli affibbia la nomea di Top Player, nonostante dialoghi molto meglio con la squadra. Eppure negli ultimi 3 anni Immobile ha segnato 14 gol più di Icardi.

    Per me l’equivoco di Icardi è sempre stato bello grosso.
    Lo si tiene perché segna caterve di gol o lo si cede perché sia in costruzione che in fase di non possesso è un uomo in meno?
    Quanto potrebbe produrre la squadra con un attaccante che partecipa alla manovra?
    E’ oggettivo che Icardi abbia grosse difficoltà a saltare l’uomo, ancora di più a far salire la squadra giocando spalle alla porta, magari addomesticando rinvii o lanci di disimpegno. E’ palese che non riesca a conquistarsi falli e punizioni. Non ha i piedi educati per svariare e imbeccare i compagni.
    Ma segna tantissimo. Ha una finalizzazione e un istinto killer che non ha nessun altro in giro. E’ freddo e determinante.

    Per un Inter che voglia essere di nuovo protagonista, si può lavorare con o senza Icardi.
    Con un Icardi alla Trezeguet, o alla Pippo Inzaghi, o senza di lui con una punta di altro genere.
    Ma visto che Icardi si è comportato in maniera poco professionale, visto che non ti assicura di poter essere parte di uno spogliatoio, visto che non si sa quando si rifiuterà di giocare la prossima volta…
    …perchè dovrei chiudere gli occhi sul fatto che sia un giocatore con dei punti di forza eccezionali ma anche immensi limiti?

  49. Nic!: Van Dijk 86, Jovic 60.
    Direi che chi costa sono gli esterni tecnicissimi che riescono a saltare l’uomo: Neymar, Hazard, Mbappe…

    Ma poi Wolf, nessuno mette in dubbio le qualità di finalizzatore di Icardi.
    Ma non so cosa dirti, io non lo vivo così indispensabile… Chi dice che “ha tenuto a galla l’Inter” penso abbia una visione un po’ semplicistica del calcio.
    Ciro Immobile ha segnato altrettanto in questo trofeo, ma nessuno gli affibbia la nomea di Top Player, nonostante dialoghi molto meglio con la squadra. Eppure negli ultimi 3 anni Immobile ha segnato 14 gol più di Icardi.

    Per me l’equivoco di Icardi è sempre stato bello grosso.
    Lo si tiene perché segna caterve di gol o lo si cede perché sia in costruzione che in fase di non possesso è un uomo in meno?
    Quanto potrebbe produrre la squadra con un attaccante che partecipa alla manovra?
    E’ oggettivo che Icardi abbia grosse difficoltà a saltare l’uomo, ancora di più a far salire la squadra giocando spalle alla porta, magari addomesticando rinvii o lanci di disimpegno. E’ palese che non riesca a conquistarsi falli e punizioni. Non ha i piedi educati per svariare e imbeccare i compagni.
    Ma segna tantissimo. Ha una finalizzazione e un istinto killer che non ha nessun altro in giro. E’ freddo e determinante.

    Per un Inter che voglia essere di nuovo protagonista, si può lavorare con o senza Icardi.
    Con un Icardi alla Trezeguet, o alla Pippo Inzaghi, o senza di lui con una punta di altro genere.
    Ma visto che Icardi si è comportato in maniera poco professionale, visto che non ti assicura di poter essere parte di uno spogliatoio, visto che non si sa quando si rifiuterà di giocare la prossima volta…
    …perchè dovrei chiudere gli occhi sul fatto che sia un giocatore con dei punti di forza eccezionali ma anche immensi limiti?

    Icardi ad Inzaghi porta gli scarpini. Inzaghi tecnicamente era mediocre. Ma oltre ai gol teneva su la squadra. A lui facevano tantissimi falli a partita. Anteponeva il corpo tra palla e difensore e s attaccava alla maglia del centrale. E poi si buttava. Ed era sempre fallo a suo favore. Sempre. Uno dei più grandi centravanti degli ultimi 20 anni.

  50. Pierocic: Proprio paracarro non lo definirei Icardi
    Criticare il suo comportamento a gennaio-Maggio 2019 è inevitabile, definirlo paracarro no

    ok Icardi non è un paracarro. E’ semplicemente uno che non sa difendere la palla, con i suoi 181 cm ha limiti fisici evidenti, è regolarmente sovrastato dal Gastaldello di turno (non dico Van Dijk), non prende falli, non fa salire la squadra, non lotta, gli unici gialli che prende sono per rarissime proteste, non crea spazi per gli inserimenti, tocca si e no 10 palloni a partita di cui 8 persi e pretende di essere il dio in terra, nessuno in squadra lo sopporta più per i suoi atteggiamenti, in nazionale (l’Argentina) non lo vogliono vedere nemmeno con il binocolo, ha rovinato le relazioni con tutti i suoi teorici colleghi, argentini compresi ecc.. ecc.. , va meglio cosi?