L’arte della destabilizzazione

A 270 minuti dalla fine di un campionato che ci vede matematicamente in pole position per raggiungere per il secondo anno consecutivo la qualificazione in Champions League, qualificazione da certificare con due vittorie casalinghe contro squadre oggettivamente meno forti della nostra; a 270 minuti dalla fine di un campionato che ci ha visto fluttuare sistematicamente tra il secondo posto nel momento di grassa, ed il quarto in quello di magra; a 270 minuti dalla fine di un campionato che i più ricorderanno come quello della querelle-capitano e dell’ammutinamento reciproco e sequenziale di parti dello spogliatoio in lotta tra di loro, a 270 minuti dalla fine di tutto questo non posso fare a meno di dire la mia su tutto ciò che sta gravitando da giorni, mesi, settimane intorno all’universo nerazzurro:

Avete rotto il cazzo, tutti.

Non è possibile che ci sia sempre un motivo per provare ad affondare questa barca, non è possibile che la dirigenza non sia in grado di rendere questa società non dico solida, ma nemmeno schizofrenica, non è possibile che nessuno prenda mai posizione contro le insinuazioni e le destabilizzazioni programmate da parte della stampa sportiva.

luciano-spalletti-inter-roma-serie-a_rg6w5ka6gvg21hivjtqc8f1yu

Lasciamo stare il caso dell’ex capitano, che nemmeno nominerà in questo post – troppa grazia.

Ma io me li ricordo i titoli pre-derby, l’ennesimo derby in cui abbiamo asfaltato i cugini coccolati di Milano. “Ultima spiaggia” leggevo, “L’ultima possibilità per l’Inter di andare in Champions”. “La certificazione di un fallimento”. “Ennesima annata deludente”.
Eccetera eccetera eccetera.

In questa annata “fallimentare”, come la chiamano gli espertoni che riempiono i salotti televisivi e gli uffici dei quotidiani sportivi, gli espertoni che fanno della destabilizzazione programmata un’arte, che guadagnano lo stipendio, che pagano l’università ai figli e la settimana bianca grazie ai titoli sensazionalistici per vendere più copie od avere più click nei loro siti web scialbissimi e scevri di contenuto, dicevo in questa annata fallimentare si è stati in linea con i risultati prefissati ad inizio stagione, con picchi positivi e negativi, come in tutte le stagioni. Si è scesi dal secondo al quarto posto – per una settimana! – e sicuramente si sarebbe potuto essere più vicini al Napoli, se non superarlo addirittura. Ma sarebbe cambiato poco o nulla nell’economia di una stagione che ci ha visto uscire con rammarico dalla Coppa Italia (e alla fine anche sticazzi, scusate il francesismo) e con l’amaro in bocca dalla Champions, in un girone in cui avevamo tra le altre cose il Barcellona di Messi, semifinalista, e la finalista di Champions League.
L’Europa League ce la siamo fagocitata perché arrivata nel momento di maggior entropia all’interno di uno spogliatoio in quel momento polveriere assoluta, con una rosa che contava in media 14 individui della prima squadra. Con Ranocchia seconda scelta in attacco. Non è una giustificazione, si poteva sicuramente far meglio, ma va contestualizzato il perché di una eliminazione sicuramente prematura.

Ora, siamo soddisfatti? Io in termini assoluti non posso dire di esserlo, perché la sensazione di harakiri c’è, in termini relativi non posso lamentarmi. Perché – vincendo stasera – si tornerebbe ad essere terzi a due partite dalla fine in un’annata in cui si poteva tranquillamente svaccare e stare a giocarsela per l’accesso ell’Europa League. E’ capitato spesso in passato, sapete tutti che sarebbe tranquillamente potuto succedere anche quest’anno. Parliamoci chiaro una volta per tutte: la stagione fallimentare è quella dei nostri cugini e delle centinaia di milioni buttati letteralmente nel cesso, dei ricatti di Raiola alla società, dei fondi strani che arrivano e poi compaiono; è quella della Lazio mai competitiva; quella della Maggica di un direttore sportivo che a metà stagione ha preferito tornarsene in Andalucia dopo nemmeno due anni. Non la nostra. Che sia chiaro, lo ripeto.

panoramawebfrit_2019020109071084-1030x615

Per me è inaccettabile quindi, a 270 minuti dalla fine, che si tenti l’ennesima carta della destabilizzazione con annunci sensazionalistici di un Luciano Spalletti che deve portare la squadra in Champions e “guadagnare” 50 milioni per poi donarli al Magnifico Antonio Conte da Lecce. Non ha alcun senso logico, non aiuta in nessun modo non smentire categoricamente queste voci, se non per nutrire un ego autolesionista che molti, sicuramente troppi, hanno dato in dono a questa società in passato, e che evidentemente ad alcuni fa comodo rimanga tale.

Io non sto qui a dire se sia meglio Conte o Spalletti (anzi, lo faccio: sto tutta la vita con Spalletti che ci sta portando per il secondo anno consecutivo in Europa, con una rosa che ogni anno sappiamo essere corta e inadatta in alcuni ruoli, e che poi facciamo finta di dimenticare essere tale. Con una rosa costituita da personaggi egoisti e mai attenti al loro ruolo all’interno dello spogliatoio. Sto tutta la vita con Spalletti perché spendere 8M l’anno – netti – per un altro allenatore e spenderne svariati altri per Godin e Dzeko che in due sfiorano i 70 anni di età, in un momento storico in cui – Liverpool, Ajax, Tottenham insegnano – conta mai come prima l’organizzazione di gioco, la freschezza atletica e sopratutto il perseguire con l’idea, con un progetto ben definito, con calma e razionalità. Sto con Spalletti perché non voglio buttare all’aria altri due anni in cui se non altro si è vista una squadra ed un allenatore che ci ha sempre messo la faccia con tranquillità e schiettezza), voglio solo dire come sono stufo, stufo marcio di come si faccia di tutto per essere condizionati in negativo da fattori esterni e da come si abbia sempre quella sensazione dell’essere in balìa degli eventi.

Basta, per favore. Stasera c’è una partita importante, ed io sto con il Mister, con la squadra, sono concentrato sul qui ed ora, hic et nunc, l’unica cosa che serve. Conta solo quello.
Per il resto, basta.

About Vujen

Classe '85, marchigiano, ex-petroliere in carriera e musicista fallito. Appassionato di fotografia, Balcani e di calcio straniero, specialmente francese. Non ha mai visto l'Inter vincere al Meazza. I suoi pupilli sono Walter Samuel e l'indimenticabile Youri Djorkaeff.

1.820 commenti

  1. modd: ma voi…dareste via i 4 migliori primavera ( incluso pompetti) per andare a prendere chiesa?

    SI

  2. Se scambio dev’essere, El Gordo, cancello e il puffo col cazzo. Pijanic e si inizia a ragionare

  3. 29 anni e tira (bene) le punizioni. Che Lautaro e Politano si procurano

  4. Ma se al posto di Gonde virassimo su Sarri?

  5. il magico mondo delle favole….e perché non dare i ns migliori 4 primavera all’ Atletico per Griezmann? ahahahahahahhhh…..

  6. seriamente le contropartite tecniche funzionano solo nel ns meraviglioso mercato interno….ma no per i giocatori dal valore reale o presunto dai 50 milioni in su….la mortuaria vuole cash il cagliari idem.

  7. Nella parossistica caccia al bollito a parametro zero, non poteva mancare il trentasettenne zoppo De Rossi, proveniente dalle solite catacombe capitoline. Incapaci di costruire in casa propria i leader dello spogliatoio, si importano ex giocatori dai piedi di marmo e con la pancia piena, già prossimi all’opinionismo televisivo. Capitan Passato Remoto.
    PS Invece del Mandingo dello United o il Mario Gomez giallorosso, nella svendita di Icardi, non sarebbe meglio almeno Griezmann ?

  8. vero!!! minchia ho letto anch io la new che l Inter ci sta facendo un pensierino per la ddr….o il ddr?…ahahahahahhhhhh….i bookmakers lo danno a 10…non male la quota corro a scommettere.

  9. Grizmman per Icardi no?

  10. Sarri no, vi prego, un altro perdente di successo che darebbe di matto dopo due mesi.

  11. Simone:
    Grizmman per Icardi no?

    Icardi vale il tallone destro del cane di Griezmann

  12. Ho letto che Pjanic andrebbe bene per battere le punizioni, procurate da Lautaro e Politano.
    Io sarei anche d’accordo, ma affinché Lautaro e Politano possano subire falli, dovrebbero prima toccare la palla.
    Ecco i dati (a mio avviso, fondamentali) su Inter-Chievo:
    Palle giocate
    1 B. VALERO INT 94
    2 MIRANDA INT 89
    3 M. SKRINIAR INT 81
    4 K. ASAMOAH INT 79
    5 CÉDRIC INT 77
    Ergo: noi giocavamo con l’obbligo assoluto di vittoria, contro l’ultimissimissima in classifica in disarmo totale… e i primi 5 nelle palle giocate risultano un centrocampista che ha fatto il passaggio più lungo a 4 metri (e all’indietro, peraltro 😀 )… e poi TUTTA LA DIFESA, IN BLOCCO !!!!
    Pazzesco, questo non è gioco… è un tiro continuo alle gonadi di noi poveri spettatori, prima sgomenti, poi annoiati, infine appisolati di fronte a cotanta assenza di idee.
    Il tutto, fra l’altro, non avviene nemmeno con lo scopo di “muovere la difesa”, come si suol dire: siamo stati molto più lenti del Chievo (6,3 km/h di media, contro 6,7): no, è proprio cronica mancanza di schemi validi.
    E meno male che quel maledetto slavo perdigiorno a nome Perisic (è ironia, mi raccomando…) ha fatto un megapartitone, almeno nelle cifre, se no chi sa come andava a finire.
    Il prossimo allenatore sarà quello col gatto in testa? E sia, io non posso impedirlo: ma mi aspetto perlomeno di vedere un’Inter viva e che arriva al tiro con 3 passaggi, porca di quella miseria.

    P.S. Un ringraziamento a MarcoS per avermi fatto scoprire il sito understat.com: è una meravigliosa miniera di numeri, e soprattutto ho finalmente capito cosa sono gli Expected Goals! 😀

  13. Nic!: Icardi vale il tallone destro del cane di Griezmann

    Uscirono voci settimane fa…. ma, appunto, voci.

    È come dice Nic!

    Dovremmo dare Icardi, Lautaro e non so chi, oltre a molti soldi ancora per fare uno scambio con Griezmann.

    Che non accetterebbe comunque, dato che ha Barça e PSG disposte a pagare la clausola piuttosto ridicola, dato che a 125 ml è quasi un affare….

    Fine della breve storia triste.
    Non avremo Griezmann e la sua clausola anzi mette fuori mercato Icardi, ormai noto ammutinato dal carattere e dal contorno problematico,

  14. Ma secondo voi, Griezman, che ha gia un accondo col Barca. , perch quale motivo dovrebbe virare sull’Inter????
    Su questa Inter incasinata???????

  15. Chi dice che l’Inter non ha un gioco, e che non è cresciuta e non possa crescere ancora con Spalletti, capisce di calcio quanto io capisco di pesca.
    Cioè un cazzo.

    Non pretendo di avere la verità in tasca, infatti non mi metterò qui a dare lezioni.
    Ci vorrebbe qualcuno come il Casa o chi per lui, qualcuno più paziente, più preparato e più “tecnico” del settore di me.

    Tuttavia, a chi vada oltre alla lettura di una partita che viene dalla pancia, è chiaro come se c’è una cosa che ci tiene a galla, in tutti i nostri “casi”, nel tiro al bersaglio che ci vede bersaglio preferito, è proprio il fatto che alla base c’è un gioco, calibrato sulle banali capacità dei nostri calciatori.

    Se vuoi velocità e precisione negli ultimi 30 metri, ahimè, servono prima caratteristiche tecniche, non un allenatore che entra in spogliatoio e urla “siate veloci”.
    Tutte le premesse per avere il gioco più bello del mondo ci sono già, se utilizzassimo in budget del Man City non ci vorrebbe nulla a trasformare le premesse in quel gioco, servono quei piedi negli spazi stretti.

  16. E chi ha detto che viene?

    Ps comunque il prossimo anno potremmo essere molto meno incasinati e più appetibili, eh

    Per me i tre anni saranno i Griezmann a voler venire da noi e noi a decidere se e chi volere.

    Lo credo fermamente, basta guardare la curva dell’aumento del fatturato… la competenza sportiva de non la so ha, la su compra

  17. Pacific:
    Ma secondo voi, Griezman, che ha gia un accondo col Barca., perch quale motivo dovrebbe virare sull’Inter????
    Su questa Inter incasinata???????

    Che poi per caratteristiche sembra perfetto per formare un tridente con messi e suarez e tornare ad essere quella macchina da goal che non si vedeva dalla partenza di neymar.

    Mi sembra una mossa vantaggiosa sia per il barca, che per il giocatore. Meno per l’Atletico naturalmente

  18. Io spero ancora, anche se non c’è nessuna fonte, nel PSG e..si, in Cavani. Magari alla signora piacerebbe la città….e il super stipendio di Cavani sarebbe più che ripagato..inoltre il feeling con Neymar è pure quel che è…io spero, le condizioni ci sono.

  19. Jules:
    Io spero ancora, anche se non c’è nessuna fonte, nel PSG e..si, in Cavani. Magari alla signora piacerebbe la città….e il super stipendio di Cavani sarebbe più cheripagato..inoltre il feeling con Neymar è pure quel che è…io spero, le condizioni ci sono.

    Tra i PRO ci metterei la Garra che ci mette su ogni palla. Cosa perfetta per il gioco di conte.

    Certo che ingaggio e qualche infortunio di troppo vanno nei CONTRO.

  20. Nemmeno io capisco una cippa di pesca, ma il calcio l’o’ giocato e seguito per una sessantina di anni e ne hio visto di tutti i colori. Quello che attualmente fa l’ Inter, che tu chiami gioco, col calcio non ha niente da spartire.
    Puo’ servire solo come sonnifero , a bruciare fegati per sopportarlo.

  21. il 9 a meno di una offerta vantaggiosa per le sue di tasche e da un club importante non intende muoversi da Milano…tutto il suo entourage lo ha ribadito più volte quindi senza i soldi dell’ argentino è molto probabile che il mercato dell Inter non decolli come prospettato…e lo sa anche il nuovo ad…che nervosamente potrebbe rimanere con un bel cerino in mano…certe volte entrare in casa altrui con un caterpillar non rende.

  22. Pacific:
    Nemmeno io capisco una cippa di pesca, ma il calciol’o’ giocato e seguito per una sessantina di anni e ne hio visto di tutti i colori.Quello che attualmente fa l’ Inter, che tu chiami gioco, col calcio non ha niente da spartire.
    Puo’ servire solo come sonnifero , a bruciare fegati per sopportarlo.

    Applausi, come fa nic! A dire che l’inter ha un gioco è un mistero buffo.. Ma lui di calcio capisce e molti di noi no.. Per capire di calcio basta giocare a calcetto come fa lui mentre chi ha giocato 50 anni non capisce di calcio e quindi lui ci illumina con santa pazienza… Ammesso e non concesso che abbia ragione lui io ribadisco l’inter fa prima cacare e poi dormire…

  23. Nic!:
    Chi dice che l’Inter non ha un gioco, e che non è cresciuta e non possa crescere ancora con Spalletti, capisce di calcio quanto io capisco di pesca.
    Cioè un cazzo.

    Non pretendo di avere la verità in tasca, infatti non mi metterò qui a dare lezioni.
    Ci vorrebbe qualcuno come il Casa o chi per lui, qualcuno più paziente, più preparato e più “tecnico” del settore di me.

    Tuttavia, a chi vada oltre alla lettura di una partita che viene dalla pancia, è chiaro come se c’è una cosa che ci tiene a galla, in tutti i nostri “casi”, nel tiro al bersaglio che ci vede bersaglio preferito, è proprio il fatto che alla base c’è un gioco, calibrato sulle banali capacità dei nostri calciatori.

    Se vuoi velocità e precisione negli ultimi 30 metri, ahimè, servono prima caratteristiche tecniche, non un allenatore che entra in spogliatoio e urla “siate veloci”.
    Tutte le premesse per avere il gioco più bello del mondo ci sono già, se utilizzassimo in budget del Man City non ci vorrebbe nulla a trasformare le premesse in quel gioco, servono quei piedi negli spazi stretti.

    Quindi ci stai dicendo che avremmo un bellissimo gioco, tecnicamente, di cui però non ci rendiamo conto, dato che gli interpreti attuali non sono adatti a questo gioco.

    Non mi sembra granché come cosa, però, te lo dico seriamente e senza intento di prendere in giro o essere semplicemente ironico… te lo dico semmai piuttosto preoccupato, ammettendo che in effetti possa essere come dici tu.

    Dico solo che se questi interpreti non sono adatti a questo gioco, un allenatore allora cambia gioco, dato che non può cambiare i giocatori.

    Non credo siano del tutto inadatti a qualsiasi tipo di gioco… magari a questo….

    Guarda che dal mio punto di vista non stai facendo un complimento a Spalletti, eh, gli stai piuttosto scavando la fossa.

    E in effetti se devo essere sincero riconosco molto della tua analisi in quel che si vede in campo, ma non è un bel vedere, questo te lo posso dire io semplicemente da tifoso che non ha alcuna competenza tecnica, ma ha semplicemente gli occhi.

    Ti dico anche che in qualsiasi lavoro che presenti ad un pubblico, quel che conta è UNICAMENTE quel che vedi ad un primo livello, quel che va in scena, quel che vedi accadere, quel che tutti possono apprezzare senza dover essere esperti.

    Il pubblico è questo, è uno spettacolo popolare, per menti semplici o anche intelligenti ma che in quel momento vogliono solo evadere, godersi lo spettacolo, provare un po’ di passione, avere delle scariche di adrenalina.

    Come si arrivi tecnicamente a quello che vedi in scena non è compito dello spettatore valutarlo.

    Vale un po’ per tutto il mondo dell’intrattenuamento, di cui anche lo sport fa parte.

    Ad es se tifassi Ferrari non me ne fregherebbe nulla del perché ingegneristicamente siano indietro agli avversari, mi interesserebbe solo il fatto che sono dietro, vanno più piano e perdono.

    Poi all’aerodinamica e all’alettone ci pensi chi deve, io valuto solo se la macchina va forte e come arriva al traguardo

    È normale

    È normalissimo che chiunque veda l’Inter degli ultimi mesi non sia soddisfatto e veda solo confusione e non il gioco, che sicuramente è come dici tu, ad un livello sottostante esiste ed è organizzato, ma al livello dello spettatore proprio non appare e non sembra esserci.

    Pareri, eh

  24. In un altro campionario la Lazio sarebbe già in 9.
    Ilicic picchiato sistematicamente

  25. pearl:
    il 9 a meno di una offerta vantaggiosa per le sue di tasche e da un club importante non intende muoversi da Milano…tutto il suo entourage lo ha ribadito più volte quindi senza i soldi dell’ argentino è molto probabile che il mercato dell Inter non decolli come prospettato…e lo sa anche il nuovo ad…che nervosamente potrebbe rimanere con un bel cerino in mano…certe volte entrare in casa altrui con un caterpillar non rende.

    sembri quasi contenta della prospettiva

    perché no, in effetti…

    godere a veder sfasciata l’Inter, per difendere un polentone gestito da una soubrette, uno che la cosa più notevole che ha fatto in questi mesi è assenteismo, insubordinazione, finto infortunio e assenza nei momenti che contavano.. quando eravamo senza punte

    aah già non segna da una vita, in più

    In effetti, come darti torto

  26. @Fabio ha sbagliato e il suo comportamento di dopo non è accettabile….ma io mi riferivo al prima e sicuramente nel prima qualcuno ha sbagliato tanto quanto lui….ma prima o dopo sapremo….ohhh sicuramente sapremo….chi ha volontariamente sabotato l Inter, prima.

  27. A forza di tirare la corda, questa prima o poi si spezza, ed il signorino potrebbe rotrovarsi a fare 2 anni di tribuna.
    E poi vada in giro a chiedere 10-20 M. di sipendio.

  28. pearl:
    @Fabio ha sbagliato e il suo comportamento di dopo non è accettabile….ma io mi riferivo al prima e sicuramente nel prima qualcuno ha sbagliato tanto quanto lui….ma prima o dopo sapremo….ohhh sicuramente sapremo….chi ha volontariamente sabotato l Inter, prima.

    Su questo sono d’accordo.

    Infatti, via TUTTI

  29. Di tutti quelli che hanno ,o meno sbagliato, tutti sono tornati a fare il loro lavoro, tranne uno.

  30. L’unica squadra che vuole icardi è solo la Juve ma solo ed esclusivamente per veder soffrire i tifosi interisti.
    E di questo Marotta non c’entra. Uno così con la palla al piede che si ritrova non lo,piglia nessuno.
    Dovrebbero solo metterlo fuori rosa e farlo giocare solo,in primavera e fra 2 anni ADDIO

  31. …e bello riempirsi la bocca di luoghi comuni….tuonare in tribuna per 2 anni….ma sappiamo tutti che la società non può permettersi tecnicamente ne sopratutto economicamente di lasciare in tribuna l argentino…spiace svegliare le coscienze pure di qualche interista ad orologeria ma mi permetto di fare notare che il coltello dalla parte del manico in questo momento lo ha il giocatore.

  32. questa società aveva tutti gli strumenti legali per punire il giocatore tribunandolo e decurtandogli lo stipendio…ha deciso di non decidere….forse si è troppo autostimata non considerando che ad una azione corrisponde sempre una reazione.

  33. E perché non può permetterselo? Fra gabigol e Joao Mario ha speso quanto vale icardi e in pieno fpf.
    E poi uno se è Bravo si fa notare anche in primavera. Voglio vedere la Wanda andare a tiki taka e parlare male di Esposito che non da i palloni giusti al suo bel maritino.

  34. Chi se ne frega di Icardi

    Io sono un tifosotto e adesso voglio a tutti i costi Milinkovic-Savic che la ha appena messa di testa

    Un centrocampista fisicamente devastante, oltre che tecnico

  35. E voglio pure Correa

  36. Che vi avevo appena detto?

  37. Quando si dice indirizzare una partita.
    Che schifo

  38. Ah Gasperini fa 30 ma non 31

    Proprio il caso, di invocarlo sulla panchina dell’Inter.

    Questa c’è la sulla coscienza, si vedeva nettamente che l’inerzia della gara era passata a favore della Lazio da un bel po’

    Zero cambi

    Per poi doverne fare tre insieme appena preso il goal ormai oltre l’80imo

    Adesso finisce che non vanno neanche in CL

  39. Fabio, ma se la Lazio doveva finire il primo tempo in 9 dai…
    Gasperini mi sta sul culo ma la partita è stata chiaramente indirizzata dall arbitro. Alla Lazio hanno riservato il trattamento juve. Lei va fallosissimo. Ilicic pestato dal primo secondo….

  40. …e non va neppure in Champions…ciaone berghem.

  41. Mauro l importante è crederci….ma non si era giocato definitivamente la nazionale? ah no.

  42. Infatti è diventato una colonna portante della albiceleste…

  43. no io ho scritto altro, ho riportato le convinzioni di molti interisti di questo blog….convinzioni come quelle della tribuna per 2 anni.

  44. Tribuna no. Primavera. E se lamenta dolori immaginari controllo medico.se è abile gioca.

  45. certo, come hanno puntualmente fatto quando andava realmente fatto…decidendo di non convocarlo di non punirlo e di lasciarsi far passare per dei fessi.

  46. Fabio1971:
    Ah Gasperini fa 30 ma non 31

    Proprio il caso, di invocarlo sulla panchina dell’Inter.

    Questa c’è la sulla coscienza, si vedeva nettamente che l’inerzia della gara era passata a favore della Lazio da un bel po’

    Zero cambi

    Per poi doverne fare tre insieme appena preso il goal ormai oltre l’80imo

    Adesso finisce che non vanno neanche in CL

    Uguale uguale a quello che ha fatto l’anno scorso contro il Dortmund.

  47. Purtroppo icardi rimarrà, come ripeto da mesi, per il semplice fatto che nessuno lo vuole. E nessuno lo vuole non a causa della pienotta procuratrice, la quale molto presto sarà incinta per la 6a volta e passerà la procura a qualche professionista, risolvendo il disastro relazionale che la coppia ha costruito. Il cecchino Icardi non lo vogliono per limiti tecnici, tattici e fisici che fanno di lui un attaccante da Sampdoria, Fiorentina o al massimo Lazio o Roma. Altro che Barcellona, Bayern o Real.

    L’unica mia remota speranza è che arrivi qualche offerta demenziale dalla Cina o dall’Arabia e che lui vada a proseguire la sua carriera molto virtuale laddove avrebbe folle sterminate di incompetenti ammiratrici in visibilio per i meravigliosi tatuaggi.

  48. Probabilmente hanno pensato che cui ha sempre proclamato di amare l’Inter e ha sempre detto di aver dato tutto per l’Inter, e di giocare anche se infortunato andasse lasciato cuocere nel suo brodo…..sbagliando ma col senno di poi.
    Una volta mi freghi la seconda no.
    Col cazzo che vai alla juve . Rimani all inter? Ti alleni come Dio comanda tutti i giorni ma il campo non lo,vedi mai.
    Se non frequenti la prima squadra a tiki taka la Wanda mica la vogliono

  49. Giannando cosa vuoi ognuno ha le sue disgrazie…e ce ne faremo una ragione, tra 2 anni gli scade il contratto e rimarrà un solo pallido ricordo.

  50. mah….non mi sembra che in 6 anni di Inter abbia mai saltato un allenamento…primo ad arrivare e ultimo ad andare….prima del caterpillar.