Che cos’è un Capitano?

E insomma…una bella partitina di Europa League, eliminazione diretta, ci si gioca l’accesso agli ottavi di finale, avversario da rispettare ma non da temere, tutti incollati alla tv, forza Inter, viva l’Inter. No?

No eh? Sarà dura trattenere gli insulti in questo post, ve lo anticipo. Però due paroline da dire probabilmente ci sono.

Ieri sera Vujen parlando di tutto questo all’improvviso mi fa “ma che cos’è per te un Capitano?”. E io in un primo tempo ce l’avevo chiaro, chiarissimo eh. Poi però ho iniziato a pensarci, e il significato sembrava sfuggirmi dalle mani ogni secondo di più.

Fino a due giorni fa probabilmente avrei saputo rispondere senza difficoltà: lo so -lo sapevo- che cos’era un Capitano, e Mauro Icardi con tutti i suoi pro e i suoi contro incarnava abbastanza bene il concetto. Guardandola da fuori -perché dentro lo spogliatoio non ci sono io, né voi, né i giornalisti con cui qualcuno continua a parlare troppo- e facendo la tara a tutto il circo messo quotidianamente in piedi dal suo procuratore, era abbastanza pacifico che Mauro Icardi potesse senz’altro essere un Capitano: innamoratissimo e fedelissimo all’Inter (non accetto discussioni su questo, vi sfido a trovare una sola uscita fuori posto dalla viva voce di Icardi in questi anni, o un solo comportamento non professionale), aveva rinunciato più volte a offerte più o meno vantaggiose per restare qui, portavoce e portabandiera pubblico e di determinati valori propri della Società, miglior giocatore della squadra (non che ci volesse chissà cosa, ok), trascinatore della carretta nei momenti più bui, in continua ascesa tra i goleador all-time della Serie A e indiscutibilmente uno dei migliori attaccanti al mondo. Cosa gli mancava? Certo non era Zanetti o Maldini, ma sicuramente neanche Bonucci o Nagatomo.

Poi però da ieri sera, da quella domanda di Vujen, mi sono reso conto di non saper più rispondere. E oggi forse mi verrebbe più facile dire che cosa non è un Capitano. Un Capitano non è uno che ha questo titolo in forza o in virtù di una fascia sul braccio, tanto per cominciare. E un Capitano non è uno che si rifiuta di scendere in campo per la sua Squadra -perché un Capitano “Squadra” lo dice con la maiuscola- e tantomeno di accompagnarla in una trasferta importantissima per la stagione in corso. Un Capitano trascina i suoi compagni, in qualsiasi situazione, sul campo e fuori. Di più: un Capitano non permette a nessuno, a NESSUNO, di parlare male della sua Squadra e dei suoi Compagni. A nessuno. Un Capitano è una cosa unica con i valori della sua Squadra, e non è disposto a negoziarli: al punto di diventare una guida morale, oltre che tecnica e disciplinare. Un Capitano non manda nessuno a parlare per lui, e quando parla lo fa con i valori di cui dicevo un secondo fa: perché li sente suoi, perché ce li ha dentro. Un Capitano non dice le cose tanto per dire, e non parla per frasi fatte. Un Capitano è pronto ad amarla quando perde, per poi onorarla quando vince. Lui per primo e sul campo, non su Instagram.

164555158-560a1f85-bd7d-47b3-b7ff-00fd78d18eb2

Detto questo, poi è liberissimo di avere il procuratore che vuole, la famiglia che vuole, gli aumenti di stipendio che vuole, l’esposizione mediatica che vuole: non è mai stato e non sarà mai questo il problema, per me. Ma tutto quello che un Capitano non deve essere, a quanto pare, Mauro Icardi lo è stato. Al punto da perdere la fascia “per il bene dell’Inter”.

Poi il resto è tutto discutibile, ma proprio tutto.

E’ discutibile un allenatore che, per l’ennesima volta, mette tutto in piazza senza filtro (ieri pomeriggio Icardi era fuori rosa, ieri sera aveva rifiutato lui, oggi è infortunato: almeno decidetene una prima) e che non esita a lanciare frecciatine qua e là ad ogni conferenza stampa, da un mese a questa parte.

Sono discutibili dei compagni che pubblicamente -esattamente come Wanda Nara, né più né meno- non nascondono la gioia per il cambio di Capitano invadendo il web di like e i giornali di indiscrezioni. Dei compagni che nulla fanno da par loro per tenere unito uno spogliatoio e impegnarsi quantomeno a far finta di giocare a calcio, cosa che hanno smesso di fare da un mesetto a questa parte.

Sono discutibili dei dirigenti e una società che sembra abbiano deciso di sguazzare in questo clima di follia, mettendo fuori rosa in rapida successione Nainggolan, Perisic e Icardi (ovvero tre dei pochissimi giocatori di calcio presenti in rosa. Quanti saranno in tutto, 5? 6?). Completamente incapaci di gestire qualsiasi cosa: da un giocatore che chiede un rinnovo a un procuratore più sopra le righe, dal solito middle management che passa le giornate al telefono con i soliti giornalisti -che gli si secchino la lingua agli uni e le dita agli altri- all’incapacità di inseguire un obiettivo tanto semplice quanto banale: far sì che una squadra di calcio, giochi a calcio.

Sconvolgente, vero? Rivoluzionario.

Eppure questo vi stiamo chiedendo, solo questo da otto cazzo di anni: giocare a calcio. E’ così difficile?
Cosa serve affinché una cazzo di squadra di calcio riesca a giocare a calcio per…toh, mica un anno intero eh? 10 mesi bastano. 10 mesi di fila.
Si può fare? O è troppo difficile a causa -che so- della latitudine di Appiano Gentile, del colore dei muri di San Siro, dell’asfalto che c’è su Viale Caprilli? Perché solo queste sono le cose rimaste uguali da otto anni a questa parte. Le altre -proprietà, top management, allenatori e giocatori- sono cambiate tutte. Solo queste, e alcuni manager. E i risultati.

Quindi, per cortesia, o riasfaltiamo Viale Caprilli o facciamo tabula rasa di tutte le mele marce che ammorbano questo ambiente da troppo tempo.
Altrimenti smettetela di prenderci per il culo.

Tutti, da Capitan Handanovic in giù.

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.

2.341 commenti

  1. Questa partita ci presenta un problema molto serio:
    Tutte le situazioni riviste al monitor erano semplici da valutare;
    Il risultato DOVEVA essere 2-3;
    Senza il var l’arbitro avrebbe fatto perdere l’inter 4-2.

    Sono riusciti a incularcela lo stesso.

  2. tu non tieni per l’inter. avrai una poltroncina gratis perché conoscerai qualcuno. stai avvelenando il blog.

  3. @Roberto questo lo abbiamo visto tutti dopo, anche tu, io durante il live non lo avevo visto.

  4. Son d’accordo!!!
    Imprendibile

  5. Prendiamo quello che manipolava gli arbitri alla Rube e questo è il risultato, viene da ridere, meglio che piangere, per quello ci sarà ancora tempo.

  6. Si se era chiellini potevano cambiare tutte le regole di questo mondo col cazzo che lo fischiavano dai!

  7. Un motivo in piu per revocare il rigore….semplicepuntoit

  8. il fallo sul loro gol annullato si è visto bene in diretta

  9. Ok. Ma intanto due punti ce li hanno ciullati

  10. Sbagli, io tengo all’Inter da tre generazioni ma a quella vera non questo ridicolo tarocco cinese.

  11. Si, da adesso si faranno allenamenti intensivi di tiro al braccio avversario in area di rigore!

  12. Non meriti risposte.
    Non siamo più al contraddittorio.
    Continua pure i monologhi.

  13. e da stasera dico avanti con spalletti, se non si puo’ simeone……conte mai…

  14. nuovo post, caldo caldo.

  15. Continua…….su continua.
    Bravo.

  16. Abisso.nel nome il suo destino

  17. Purtroppo il valore é superiore,
    ma noi ci siamo e faremo la nostra parte
    fino in fondo,

  18. Politano mi ha fatto veramente godere con un gol bellissimo e Lautaro con il colpo di tacco e giravolta mi ha fatto stropicciare gli occhi.

  19. ohhhh! ero in pub mica a casetta mia eh!!! ho visto quello che si poteva umanamente vedere ma sul presunto rigore ho voluto dare una chiave di lettura..non ululare sempre al gombloddo.

  20. bellazzi danilo

    è vero, conviene di più che tirare in porta.

  21. ah ma allora sei vecchio . non ti vergognare a dire la tua età

  22. Una squadra 10ima in classifica priva dei loro migliori difensori Pezzella per infortunio e Milenkovic per la semifinale di mercoledì e senza Muriel per buona parte di partita . Anch e qui x la semifinale . Pensiamo ai nostri errori o rischiamo la crisi isterica. Es allora lì si che sarebbero cazzi .

  23. siccome anch’io sono un sognatore, godo della prima e anche della seconda vittoria di bautista in superbike. debuttante sulla ducati naturalmente.

  24. Ma se non contano un cazzo nemmeno per la loro prima squadra in Cina, dove peraltro vendono quasi tutti i loro sbattiuova elettrci.

  25. Credo che l’arbitro non fosse in buona fede. Troppo lungo il recupero per favorire chi doveva recuperare e decisione del rigore contro ogni ragionevole dubbio. Chi ha dato l’ordine di danneggiarci? Dov’è Moggi adesso?

  26. Bravo!
    Erano situazioni SEMPLICI da valutare. In particolare l’ultima…

  27. Magari non c’è alcun nemico.

    Ma non serve una proprietà potente per evitare di farsi inculare

    Basterebbe applicare le regole dello sport che si sta praticando.

  28. Stasera nessun complotto pro Milan (non lo applichi al 102esimo. E se non entrano in area come nei 5 minuti precedenti?)
    C’ Un errore sesquipedale dell’arbitro in evidente malafede

    Io spero che la società valutino la possibilità di un ricorso
    È una delle cose più schifose che ho mai visto
    Forse la peggiore
    E ne ho viste

  29. alessandro grassi

    Macché malafede, semplice inadeguatezza a prendere una decisione (facile), in un momento difficile, in un ambiente difficile: senza palle, gli si leggeva la paura negli occhi; un perfetto arbitro italiano.
    Adda veni’ baffo ! Arriverà il giorno in cui saranno sostituiti completamente dalle macchine

  30. Fatti furba sorellina. Fossi in te richiederei un interventivo. Così rimani a casa tranquilla e stipendiata per 4-5 mesi

  31. Bene Siamo cazzuti.

    Complimenti alla viola, tatticamente ci hanno messo seriamente in difficoltà. Dobbiamo migliorare il filtro a centrocampo, loro tra le linee si trovano con troppa felicità.

    Molto bene Lautaro, un combattente vero. Un paio di assist intelligenti.

  32. E quella merdaccia è stato il primo ad urlare…
    Asamoah, giustamente, gliel’aveva promessa all’andata, e ha fatto quello che doveva.

  33. 7 minuti di recupero.
    7.

  34. rigore contro di petto al Var; questa ci mancava

  35. Petto pieno ma non avuto il coraggio di non darlo!!!
    Fiorentini di merda!!!!

  36. assolutamente si. e ti dirò: arriverà a contare anche più della punto e della virgola. anche più della tua zebra

  37. E del gobbo silente già in seno oltre a svendere il centravanti cosa possiamo fare ?

  38. Non c’è nessun nemico, solo una proprietà di mezze cartucce.

  39. Ripeto : se la proprietà si ritiene defraudata mi aspetto una forte presa di posizione pubblica da parte di FC Internazionale e non unicamente i soliti piagnistei del tecnico. Ma con l’ex gobbo in casa effettivamente mi sentirei in imbarazzo e farei fatica a trovare un messaggio credibile da parte sua.

  40. Ho letto le dichiarazioni di Marotta,solite frasi di circostanza troppo poco dopo il danno che abbiamo subito ieri perché non ci sono dubbi sulla volontà dell’arbitro di danneggiare l’Inter