Il Film di Steven Zhang

Riduttivo definirlo ‘video di presentazione’, video è il mezzo, il nome giusto è “il FILM di Steven Zhang”.  

Si, un film, con una idea, un messaggio e una caratura artistica che raramente si vede nella comunicazione del mondo del calcio che, in genere, si limita a filmare cose, situazioni o o accadimenti con racconti lineari, quasi mai a creando storie.

LA SCELTA

La scelta comunicativa è interessante e deriva da una logica che definirei vincente in origine, ovvero la creazione della Inter Media House. 

Una entità ‘parte di’ ma diversamente ‘destinata a’ che formalmente slega le attività di calcio da quelle di comunicazione comportandosi come una produzione vera e propria (come una Warner Bros interna), motivo per il quale oggi possiamo dire “Inter Media House presenta il film di Steven Zhang”.

Sottigliezze, dettagli, linguaggio…ma in realtà fattori determinanti per cogliere la prospettiva e l’approccio con cui l’Inter intende la comunicazione da 15 mesi a questa parte. 

Abituati a figure presidenziali accentratrici e che hanno lavorato per far coincidere la squadra, la società, i trofei con la loro immagine (anche a scopo commerciale, politico e pubblicitario) fa strano vedere una presentazione che, pur celebrando il personaggio, conservi separate l’entità: la grande società storica e il nuovo giovane Presidente, ognuno nella sua natura senza sovrapposizione. Un segnale di rispetto, di dovuta cura nei confronti della storia espressa anche dalle parole dello stesso SZ.

Il film non è finzione, racconta davvero un atteggiamento reale con cui SZ ha vissuto l’Inter. Una fase di studio iniziale, la scelta di vivere la città in prima persona, di vivere la storia, le emozioni, i luoghi prima di prendere le redini. Il film è il mezzo con cui vengono esposte la vision e la mission della nuova presidenza, ed è qui il gioiello di comunicazione: niente foto banali, niente scrittoio o pulpito delle promesse, nessun comunicato da fiumi di banalità, ma un essenziale e impattante film.

IL BACKGROUND

Altra cosa interessante: il linguaggio, la patina e la sintassi del video sono una novità per il mondo del calcio e sono presi in prestito del mondo della comunicazione legato alla moda. Lo dico perché ci ho vissuto dentro negli anni del boom video, e tutto quello che vedo in questo film è maledettamente familiare.

La traccia dell’uomo che ragiona tra sé e sé compiendo gesti comuni, con gestualità fluida e lenta, che al termine della narrazione sfonda la quarta parete parlando direttamente con lo spettatore è molto comune nel teatro, nel cinema, ma se parliamo di film promozionali il riferimento di qualità è appunto la moda del lustro 2013-18. Eccone uno dei tantissimi esempi, Gucci.

La metafora, l’allegoria della pittura presente nel video mi è parsa familiare, quantomeno visivamente e come ritmo. Mi ha ricordato un film di Canali 1934 di qualche anno fa.

Anche se, in realtà, istintivamente ho pensato a questo altro video epocale.

IL FILM – l’analisi 

Il film è la narrazione del Pensiero di SZ, in un luogo preciso. In questa narrazione si aprono altri due scenari: Flash Back e Allegoria che si alternano e sovrappongono alla narrazione principale.

Scena A – Il Pensiero

Scena principale del film è il pensiero di SZ che si conclude, come già detto, abbattendo la 4a parete e chiedendo allo spettatore “io sono pronto, e voi?”.

Questa è la scena principale, ovvero SZ (del quale sentiamo i pensieri inizialmente) che sta parlando con noi, nel tempo principale presente (adesso) e nel luogo principale (qui), ovvero la terrazza del Samsung District in Viale Liberazione (in realtà è via Mike Bongiorno), di fronte alla futura sede dell’Inter*.

Non so perché ma nel film il frame dedicato alla futura sede è specchiato, qui sotto lo trovate con l’orientamento corretto, riga 1 n.3. 

1_pensiero

location_1

SCENA B – Flash back

Subito all’inizio del film entrano in gioco i flash back (per comodità raggruppiamo in unica scena, ma sono momenti e lunghi differenti): la narrazione visiva fa dei passi indietro rispetto al momento e al luogo principale iniziando un percorso geografico, temporale e culturale. SZ cammina nei luoghi dell’Inter a Milano.

Il primo flash mostra il Duomo visto dalla galleria Vittorio Emanuele, lato Nord, come la parte di San Siro dedicata ai colori nerazzuri. 

d

Il secondo flash riguarda il retro della cattedrale: SZ cammina tra Arcivescovado e Palazzo Orologio guardando alla sua destra, ovvero verso quello che fu il ristorante L’Orologio dove l’Inter nacque il 9 Marzo 1908. (il passato)

ert

Il terzo è un frame che mostra la fontana di Piazza Castello.

dd

Il quarto è SZ in piazza Liberty che guarda verso l’alto sulla sua destra, ovvero in direzione delle finestre delle sale della attuale sede dell’Inter. (il presente)

dddd

Il quinto flash è sotto il Bosco Verticale e sul passaggio pedonale di piazza Gae Aulenti, simbolo della Milano post Expo, della modernità. Qui si vede SZ che incrocia lo sguardo con 3 giovanissimi milanesi, il futuro di Milano e il futuro dell’Inter. 

hjkl

SCENA C – Allegoria

In parallelo tutto ciò, c’è la scena allegorica della pittura: un artista dipinge con una scopa di saggina e pennellesse la parola Inter con i colori sociali e con movimenti simili ad un danza, un tono orientale ed una attività che richiama l’atto di creazione (leggendario*) dello stemma da parte di G. Muggiani che dipinse lo stemma dell’Inter in quella serata del 9 marzo.

*La tradizione vuole che Muggiani, al momento di realizzare lo stemma del club, scelse i colori nerazzurri perché in quei giorni erano gli unici a sua disposizione sulla tavolozza.

rty

34_Il controllo e la qualità della propria immagine

Altro aspetto interessate riguarda il controllo del messaggio. Con la creazione di un contenuto video di questo livello e con il servizio fotografico annesso (degno di un catalogo di Zegna o di un editoriale su Robb Report) l’Inter ha imposto un standard comunicativo di qualità molto alto ma soprattutto inconfondibile. Mi spiego: senza questi materiali un direttorino qualunque di testata avrebbe fatto la corsa (e qualcuno lo ha fatto – come con ET) alla ricerca della peggiore foto di stock con smorfia di SZ o qualche foto di archivio che avrebbe creato un muro di immagini poco credibili e sconnesse a descrivere un momento importante. Con questo tipo di contenuti è stata invece impressa una immagine al momento, chiunque e qualunque media ne abbia scritto o parlato con materiali differenti da questi è risultato non credibile perché per il pubblico l’immagine del presidente è e rimarrà quella del Film per parecchio,  sarà l’immagine residua di una intera epoca.

ghConclusione

Queste sono alcune chiavi di lettura di un prodotto che risulta unico nel panorama del calcio, soprattutto per quanto riguarda il lato aziendale delle società. C’è chi cambia tre presidenti in tre stagioni, chi non conosce nulla del proprio presidente, chi ha ben chiaro che il presidente vuole solo fare cemento e poi telare, c’è chi i presidenti li rincorre o li vede in tribunale, poi c’è l’Inter che il suo Presidente lo presenta così a tutto il mondo come nessuno mai…esponendo la Vision e la Mission aziendale con un artificio narrativo e un monologo tanto semplice quanto profondo.

Menzione speciale per Alkemy, il partner che ha seguito questo progetto in collaborazione con Inter Media House.

Specifico che tutti questi elementi di analisi sono frutto solo di una lettura esterna, non mi è dato conoscere le vere dinamiche di progetto o lo script del film, sono per lo più deduzioni o interpretazioni di cose per me evidenti. Non tutti i fratelli del mondo sono cresciuti a pane, piazza Duomo, Luini e Hoepli, ecco perché mi è sembrato giusto condividere con tutti quel che ho avuto il pacere di cogliere.

About rupertalbe

#InterDesigner Vagavo nel buio in balìa di un sistema che via via cercava di farmi subire la mia fede interista, convincendomi di meritarmelo e a scannarmi con i miei simili a causa dell'insovvertibile potenza ladra che tutto torbido rendeva…un giorno comparve la luce Mourinhana, fulminato, impugnai le mie armi (immagini&grafica) per combattere la Prostituzione Intellettuale, senza pietà.

2.966 commenti

  1. lassa sta DiMaria Goretti… lassa sta…

  2. @Maigob
    E’ un problema di tempo, di abitudine e di crescita.
    Ma non invoco rivoluzioni.

    E’ palese che alcuni giocatori non siano proprio adatti, mentre altri, tipo Politano, hanno buone capacità tecniche ma non sono decisivi. Politano è bravo, ma da qui ad essere decisivo in partite di cartello passerà un sacco di tempo. Lo stesso dicasi per Lautaro, Keita.

    Per me noi dovremmo prendere giocatori, a seconda di cosa offre il mercato, che portino upgrade nel ruolo e che ti facciano crescere i giocatori. I campioni a quello servono.
    Quanto è cambiata l’Inter con Nainggolan?
    Quanto è cambiata la juve con CR7?
    Sempre la juve, quanto cambiò quando prese Pirlo e poi Tevez?

    A noi servono giocatori così. Anche a parametro zero o a mezzo servizio. Per questo, per rispolverare un antico discorso, io un Robben a zero, o un Di Maria, li prenderei ieri.

    Per concludere, Spalletti è un allenatore di costruzione. Ha portato l’Udinese in Champion’s League. Ha portato la Roma in Champion’s League e a battersi per gli scudetti. Ha vinto con lo Zenit. Ha fatto bene con la Roma in una stagione e mezza, lasciandosi una squadra più forte di quella che aveva trovato. Diamogli tempo e giocatori, ci porterà in alto. Poi quando saremo in alto si vedrà.
    (impensabile, per me, non concedergli un altro anno dopo questo)

  3. modd:
    lassa sta DiMaria Goretti… lassa sta…

    Ma infatti.
    Io non vorrei il nome giusto perché ha un nome ma va a sprazzi.
    Vorrei un campione che trascina per novanta minuti e vorrei alcuni buoni giocatori che mettono in crisi gli attuali titolari spingendoli a dare il loro 100% e che quando entrano loro si sentano.

    Ma vorrei anche un mister che li faccia giocare più di 10 minuti. E che i cambi non li faccia solo in funzione del risultato del momento.

  4. L’improvvida sostituzione di Politano non è stato solo un errore fine a se stesso ma ha avuto tre gravi conseguenze.
    Ha privato l’attacco del giocatore più vitale ed efficace, ha liberato Cancelo da una marcatura fastidiosa lasciandolo libero di scorrazzare in lungo e in largo lungo la fascia come predilige fare e, soprattutto, ha suonato l’ormai consueto e triste segnale di ritirata.
    Certo non è colpa di Spalletti se J. Mario dopo il miracolo fasullo è tornato quello che tutta Europa conosce, se nonno Valero sembra un turacciolo nella tempesta in mezzo ai giganti della Juve, se Perisic ha già fatto le valigie e Gaglia cicca anche le palle più invitanti.
    Così come non è colpa di Spalletti se Handa guarda sfilare il pallonetto liftato di Cancelo che gli passa a un palmo dal naso senza fare una piega.
    Ma di sicuro per sognare in grande ci vuole un altro condottiero.

  5. Giacomo
    Tutto vero.
    Ma il cambio di ieri è imbarazzante.

    Ci poteva stare quando in panca si girava e vedeva Eder Pinamonti e Karamoh inesperto……

    Anzi……Non ci stava ugualmente.

  6. Per me ci manca fosforo a centrocampo (un Eriksen sarebbe manna) ed una punta forte da affiancare ad Icardi sarebbero già due up-grade notevoli. Se poi trovassimo anche un terzino sx, di ruolo e tosto, la torta avrebbe la sua ciliegina.

  7. Maigob:
    Giacomo
    Tutto vero.
    Ma il cambio di ieri è imbarazzante.

    Ci poteva stare quando in panca si girava e vedeva Eder Pinamonti e Karamoh inesperto……

    Anzi……Non ci stava ugualmente.

    Mia personalissima opinione: proprio ieri il cambio non mi è sembrato terribile come dite. Quelli di Londra erano una merda.

    Ieri anche io, dal divano, invocavo Borja Valero perché la squadra si stava sfaldando e c’era bisogno di lui. Politano aveva staccato la spina. Qualcuno dice che bisognava mettere Keita per Politano, ma poi Keita è entrato e non ha combinato nulla manco lui. I giocatori quelli sono, il cambio poteva non essere granché ma secondo me a compromettere la partita sono state quelle 3 occasioni da gol non capitalizzate nel primo tempo. La partita è finita lì.

  8. al di là di tutte le considerazioni tecniche sulla rosa io noto una cosa, l applicazione costante si vede quello che non si vede è che questi giocatori non siano disposti a “morire” sul campo per il proprio allenatore, manca il pathos, manca il furore agonistico e quello non lo acquisisci solo acquistando ad esempio un eriksenn.

  9. La partita di ieri lascia l’amaro in bocca. Perché ce la siamo giocata.

    Lo scorso anno tutti i big match ci hanno portato punti (ad esclusione del furto delle merde a fine stagione) ma se ricordiamo bene lo facevamo attraverso una fase difensiva oculata a discapito del gioco.

    Quest’anno proviamo a imporre il NOSTRO calcio con chiunque, spesso e volentieri riuscendoci, come accaduto ieri.

    La strada è lunga, bisogna aggiungere pedine di qualità alla rosa, bisogna crescere in esperienza, nella capacità di leggere la partita.

    Ma rimango convinto che la strada sia quella giusta.

    Mi auguro che la società sia capace, abbia la disponibilità e la fortuna di poter inserire due giocatori funzionali già nella prossima finestra di mercato.

    Per il resto confidiamo nel recupero fisico del ninja e in quello psicologico di Perisic nella speranza di preservare questi brozovic e scrigno (ieri da standing ovation).

    Ora testa a martedì, sfida tosta contro un psv che sta vivendo un buon momento. Ma la cornice al Meazza sarà quella delle grandi occasioni. E se arriveranno buone notizie dalla catalonia il nostro stadio si trasformerà in una bolgia.

    Non vedo l’ora di gustarmi questa partita, dal divano di casa mia, purtroppo.

  10. e non sono d accordo, lo scorso anno eravamo più propositivi e più presenti in area avversaria e da questo punto di vista noto una recessione, imporre il proprio gioco comporta anche un diverso atteggiamento di schieramento in campo dei giocatori, sono disposti male e il più delle volte schierati per me fuori ruolo, c è una voragine tra cc e attacco metri di campo che non vengono coperti, in area non ci va nessuno a parte Icardi e gagliardini si è trovato li casualmente, no questa non la chiamo crescita ma recessione.

  11. Giacomo
    Il problema non è BV che tra l’altro ha giocato 3 ottime partite.
    Il problema è mettere un CC per un’ala.
    E l’interno che adatti ala è morto.

    Ti giuro che queste trovate non si vedono nemmeno negli amatori.

    In ogni sport vige una regola: la gente nel proprio ruolo e al proprio posto.

  12. Io concordo con Giacomo.
    La partita la perdi nel momento in cui ti capitano 3 occasioni davvero ghiotte e le sciupi, a Torino.
    A Torino.
    A Torino abbiamo vinto 11 volte in 110 anni di storia. Una volta ogni dieci anni.

    Il cambio non era così malvagio come lo dipingete voi, anche se io avrei fatto altre scelte.
    L’ha preparata bene, l’abbiamo giocata bene, li abbiamo messi in difficoltà e abbiamo sciupato tutto.
    Cosa diavolo volete da Spalletti questa volta?

  13. Maigob:
    Giacomo
    Il problema non è BV che tra l’altro ha giocato 3 ottime partite.
    Il problema è mettere un CC per un’ala.
    E l’interno che adatti ala è morto.

    Ti giuro che queste trovate non si vedono nemmeno negli amatori.

    In ogni sport vige una regola:la gente nel proprio ruolo e al proprio posto.

    Si ma se quell’ala è Keita… che cos’ha fatto Keita più di Joao Mario?
    Cosa avrebbe fatto Keita diversamente da Joao Mario, in quei 15′?

    Perché poi può essere stata una mossa sbagliata, non voglio dire che sia giusta, ci mancherebbe altro, ma nemmeno così distruttiva come la descrivete.

  14. Sparatemi pure ma sapete cosa penso? che Spalletti sia bravo quanto Mazzarri; solo che é più simpatico o meno antipatico…………….dipende dai punti di vista….. e poi davvero sta storia della crescita graduale inizia a far ridere……………siamo una squadra di calcio che ha un certo blasone ed é giusto ricordarlo ogni tanto e ricordarcelo tra noi…….il discorso di Giulio19 sul fatto che stiamo iniziando ad accettare la sconfitta con i gobbi senza fare una piega in una sorta di rassegnazione alla mediocrità non fa una piega. E’ triste ma é così; l’Inter deve tornare grande, i tifosi debbono ricordarlo continuamente e non fornire alibi a proprietà, allenatore e giocatori come si sta facendo ultimamente-

  15. …..tu chiamala come vuoi.
    Ma almeno chiamala regressione.
    La recessione si applica ai contratti.

  16. mattia: anche perchè è uscito al 57°

    cmq qui Spalletti lo spiega, condivisibile o meno la scelta

    Quindi,mi si sta dicendo che un ragazzo dell’eta di Politano non è in grado di giocare 2 partite distanti 4 giorni l’una dall’altra…
    E quindi lo si fa uscire a minuto 57 ( dico 57)!!!
    Ma se è stato quello che ha messo più in difficoltà la difesa dei ladri!!!
    Eeee “ma le occasioni le avevamo già avute e quindi non si poteva pretendere che ne avessimo altre…”
    Ma davvero? Ma davvero, davvero ???
    Lo ammetto, sono tardo e non ci capisco una mazza!

  17. Giulio19:
    Io concordo con Giacomo.
    La partita la perdi nel momento in cui ti capitano 3 occasioni davvero ghiotte e le sciupi, a Torino.
    A Torino.
    A Torino abbiamo vinto 11 volte in 110 anni di storia. Una volta ogni dieci anni.

    Il cambio non era così malvagio come lo dipingete voi, anche se io avrei fatto altre scelte.
    L’ha preparata bene, l’abbiamo giocata bene, li abbiamo messi in difficoltà e abbiamo sciupato tutto.
    Cosa diavolo volete da Spalletti questa volta?

    Rettifico autocitandomi.
    Le merde sono state in B.
    11 Vittorie in 109 anni. Passo e chiudo.

  18. Giacomo.
    Il.punto non è cosa avrebbe fatto Keita ma cosa può darti JM che è un interno e ha 60 minuti sul groppone.

    Poi aggiungo: hai voluto ad agosto la rosa con 4 ali (forti o scarse che siano??????) Tu se cambi un ala metti un ala.

    Altrimenti il mercato serve zero.

  19. Maigob:
    Ho letto tanti spunti e tutti molto intelligenti, e credo molto azzeccati.

    Una cosa che non condivido è l’enfasi con elogi mirabolanti e sperticaticon cui viene dipinta laprestazione di Consuelo.

    Il gol è ridicolo (purtroppo per noi non il primo che subiamo cosi). Un avversario che crossa dal fondo a sx di interno una palla alta che cade sul secondo palo. Son si segna nemmeno in terza categoria. Ai nostri azioni simili ne avrò viste fare 200 in 5 anni……mai un gol…….o la trend e il portiere alta oppure il difensore la mette in Angolo.Handa sbaglia (legge sempre male queste cose) perché si appiccica al palo di destra ispiegabilmente e dopo deve correre per rientrare ed è in ritardo, Asa sbaglia perché non chiude la porrà.

    È voi per una cosa del genere, per un cross del genere (che Va dreva così ne avrà fatti 70 in 2 anni e lo avete chiamato testa bassa) dite che Consuelo è il migliore in campo.

    Consuelo, il peggiore dei loro dietro, butta due palloni in area……..e per qualcuno si avvicina ad un Maicon…….andate a vedere chi era Maicon.

    Invidiamo i campioni, sono d’accordo, ma se vogliamo tornare a vincere, invidiamo i campioni veri…..va la……altrimenti se si parte dal presupposto che solo perché vestono altre maglie sono più forti dei nostri……va a finire che quando giocano da noi ci guastiamo solo il fegato.

    Non dare libere interpretazioni a ciò che scrivono gli altri :io ho detto che è stato il nostro miglior terzino dai tempi di Maicon non lo ho minimamente avvicinato a Maicon, ma lo considero più forte di Santon, Dannosio, Nagatopo, Pereira, Jonathan, Dalbert e tutte le innumerevoli seghe che ci hanno rifilato negli ultimi anni. Altro terzino decente Telles :pure lui stranamente meteora coi nostri colori. Appena ne trovano uno decente se ne pentono subito,per non parlare di quelli decenti che ti crescono in casa e manco te ne accorgi tipo Biraghi che non sarà Maicon manco lui ma almeno non ti sarebbe costato lo sproposito che ci son costate a noi delle seghe mostruose. E tu li a parlare della fase difensiva di Cancelo : ma l’hai vista la fase difensiva di D’Ambrosio & Co. In questi anni? Cancelo da noi faceva l’ala e il regista aggiunto a centrocampo, ti pare poco? Abbiamo da anni gente che oltre a non saper difendere non fa manco quello. Se poi mi dici che Candreva fa tutti sti cross al bacio alzo le mani.

  20. Per me, provando a leggere il cambio, Spalletti ha tenuto Joao Mario e messo Borja perché voleva riprendersi la palla. Ci stavamo sfilacciando, la partita stava perdendo l’equilibrio. Spalletti voleva il controllo. Ha tenuto Joao Mario in campo perché è bravo a palleggiare e perché da ala contro il Genoa ha fatto bene.

    Ieri non ha fatto bene, ma il cambio aveva una sua logica. Mettere dentro BV era sacrosanto. Io non l’ho vista così terribile. Poi secondo me il discorso del mercato lascia il tempo che trova. In partita te ne freghi di chi hai voluto o non voluto, provi la mossa più adatta al momento.

  21. Se Mario
    Più forte (verissimo) non significa che si debba pagare 40 milioni.

    Perché se vuoi l’inter vincente e inizi a dare 40 milioni per un cancelo……..auguri.

    La Gobba 40 milioni non li spese per Pirlo Vidal e Vucinic…….e con questi si vinse uno scudo

  22. In ogni sport vige una regola:la gente nel proprio ruolo e al proprio posto.

    e già…..questa regola è fondamentale; come é fondamentale cercare di applicare un modulo in base alle caratteristiche dei giocatori e non adattare i giocatori al modulo. Limite grandissimo di Spalletti

  23. Per una maggio comprensione tra noi sarebbe sempre meglio contestualizzare le affermazioni proprie e degli altri… .

  24. Maigob:
    Se Mario
    Più forte (verissimo) non significa che si debba pagare 40 milioni.

    Perché se vuoi l’inter vincente e inizi a dare 40 milioni per un cancelo……..auguri.

    La Gobba 40 milioni non li spese per Pirlo Vidal e Vucinic…….e con questi si vinse uno scudo

    Ho l’impressione che tu debba rivedere le quotazioni dei calciatori, guarda un po’ che la stessa società così virtuosa che compra Vidal & Co. a meno di 40 Oggi ne spende 40 per il solo Cancelo. Ti sei risposto da solo.
    Poi ci facciamo tanti problemi per Cancelo a 40 (ma anche Telles a 15) quando sono anni che ci dissanguiamo in gente come Dodopereiradalbert, ecco con sti 3 sei già andato oltre i 40. Più che virtuosi cojoni direi.

  25. Maigob:
    Se Mario
    Più forte (verissimo) non significa che si debba pagare 40 milioni.

    Perché se vuoi l’inter vincente e inizi a dare 40 milioni per un cancelo……..auguri.

    La Gobba 40 milioni non li spese per Pirlo Vidal e Vucinic…….e con questi si vinse uno scudo

    Però hai dato 40 milioni per Naingolann che tutto fa fuorché giocare per l’Inter…allora sì che si vince! Per favore siate seri…Cancelo non ha rivali nel suo ruolo e abbiamo fatto in modo che andasse alla Juve…e ieri la Juve ha vinto grazie a Cancelo e non grazie a cr7! Ammettetelo: i cinesi hanno fatto una gran cazzata perché di calcio non capiscono una cippa!

  26. La partita di ieri per me ci ha fatto capire che non siamo ancora competitivi con i ladri che, oltre ad avere una rosa qualitativamente superiore, potevano anche schierare almeno 5 giocatori in condizioni fisiche umanamente assurde o, per meglio dire, “stupefacenti” (Cancelo, Chiellini, Bentancourt, Matuidi e Mandzukic). Lo so non ci sono le prove.. Certe volte sono tentato di dire che LS è rimasto ancora un po’ l’allenatore dell’Empoli e che con lui non vinceremo forse mai, tuttavia, a mente fredda, dico che è inutile criticarlo ora. Io punterei tutto su un top coach per l’anno prossimo (ove mai fossero raggiungibili un Guardiola, un Conte e non me ne vengono altri), ma oramai quest’anno ci dobbiamo tenere (e sostenere) LS. I capi di accusa sono:1) il modulo con un attaccante e due spreconi sulle ali, 2) insistere su Perisic, 3) essere entrato in un loop mentale che gli impedisce di modificare la sua impostazione nonostante le musate prese, 4) la gestione di Lautaro che, come Karamoh, se non si ravvede finiremo per cedere in prestito senza sapere quanto vale realmente. L’attenuante, grossa come una casa, è che finora il nostro top player Nainggollan, non l’abbiamo mai visto, e lui è stato il picco della nostra campagna acquisti. Anche questa attenuante, ma solo a fine anno, potrà eventualmente rovesciarsi su LS e determinarne la cacciata.

  27. Volendo avere un orizzonte più ampio della gara di ieri sto notando che il nostro gioco offensivo è molto farraginoso e poco fluido, mi sembra che siamo poco veloci e che spesso facciamo uno due tocchi in più….. Ieri sera ho visto contropiedi gestiti malissimo e finiti senza neanche un tentativo di conclusione … Questa squadra zeppa di centrocampisti è sicuramente solida ( abbiamo ottimi difensori ) ma non cambia mai ritmo e alle volte mi sembra che gli manchi quella cattiveria sportiva che spesso fa la differenza .. Vedasi occasione di Politano …… Ditemi la vostra please .

  28. Simone:
    Sparatemi pure ma sapete cosa penso? che Spalletti sia bravo quanto Mazzarri; solo che é più simpatico o meno antipatico…………….dipende dai punti di vista…..e poi davvero sta storia della crescita graduale inizia a far ridere……………siamo una squadra di calcio che ha un certo blasone ed é giusto ricordarlo ogni tantoe ricordarcelo tra noi…….il discorso di Giulio19 sul fatto che stiamo iniziando ad accettare la sconfitta con i gobbi senza fare una piega in una sorta di rassegnazione alla mediocrità non fa una piega. E’ triste ma é così; l’Inter deve tornare grande, i tifosi debbono ricordarlo continuamente e non fornire alibi a proprietà, allenatore e giocatori come si sta facendo ultimamente-

    Ecco bravo!

  29. ORIZZONTI DI GLORIA (per come la vedo io che non sono un tecnico)
    Premessa :
    Il Campionato Italiano , dominato dalle merde , da tempo non lascia spazio alle concorrenti : le squadre un po’ più ambiziose della media , tra le quali ovviamente l’Inter, giocano per un piazzamento CL che accontenta solo i più … realisti (tra noi) e le finanze societarie.
    Vengo a quello che più mi preme cioè l’INTER
    Pearl/Interella ha stra-ragione quando ci riporta ai nostri fasti anche recenti, e propongo di bannare chi d’ora in avanti ricorrerà alla frase inaccettabile per l’INTER (e contro qualunque squadra si giochi ) ” … perdere ci può stare” : è una frase che non ha senso e che porta all’alibi costante e quasi sempre ingiustificato per degli atleti professionisti.
    E’ una questione di mentalità e finchè non assimileremo bene questo resteremo alla premessa o tra le eterne seconde , terze, quarte …
    Allenatore : per coerenza con quanto sopra mi affiderei ad una “tipologia” alla Gonde ,alla Allegri o anche alla Ancelotti (gli stranieri non li conosco , a parte UNO ) in poche parole “vincenti” .
    So bene che poi in campo ci vanno i giocatori , ma mi premeva sottoporvi queste mie riflessioni personali INDIPENDENTEMENTE dai nomi dei calciatori che volutamente non ho citato e sono grato a chi vorrà farmi conoscere la sua opinione.
    Morale conclusiva : Marotta subito con l’auspicio che … resti

  30. Edoardo:
    Vengo a quello che più mi preme cioè l’INTER
    Pearl/Interella ha stra-ragione quando ci riporta ai nostri fasti anche recenti, e propongo di bannare chi d’ora in avanti ricorrerà alla frase inaccettabile per l’INTER (e contro qualunque squadra si giochi ) ” … perdere ci può stare” : è una frase che non ha senso e che porta all’alibi costante e quasi sempre ingiustificato per degli atleti professionisti.
    E’ una questione di mentalità e finchè non assimileremo bene questo resteremo alla premessa o tra le eterne seconde , terze, quarte …

    Finalmente!

  31. Forzaneroblu: Finalmente!

    Grato … ma è spesso faticoso farsi capire

  32. Edoardo:
    Vengo a quello che più mi preme cioè l’INTER
    Pearl/Interella ha stra-ragione quando ci riporta ai nostri fasti anche recenti, e propongo di bannare chi d’ora in avanti ricorrerà alla frase inaccettabile per l’INTER (e contro qualunque squadra si giochi ) ” … perdere ci può stare” : è una frase che non ha senso e che porta all’alibi costante e quasi sempre ingiustificato per degli atleti professionisti.
    E’ una questione di mentalità e finchè non assimileremo bene questo resteremo alla premessa o tra le eterne seconde , terze, quarte …

    Giustissimo……………è ora di finirla di accontentarsi…….ricordiamolo almeno noi tifosi.

  33. Pastorius:
    La partita di ieri per me ci ha fatto capire che non siamo ancora competitivi con i ladri che, oltre ad avere una rosa qualitativamente superiore, potevano anche schierare almeno 5 giocatori in condizioni fisiche umanamente assurde o, per meglio dire, “stupefacenti” (Cancelo, Chiellini, Bentancourt, Matuidi e Mandzukic). Lo so non ci sono le prove.. Certe volte sono tentato di dire che LS è rimasto ancora un po’ l’allenatore dell’Empoli e che con lui non vinceremo forse mai, tuttavia, a mente fredda, dico che è inutile criticarlo ora. Io punterei tutto su un top coach per l’anno prossimo (ove mai fossero raggiungibili un Guardiola, un Conte e non me ne vengono altri), ma oramai quest’anno ci dobbiamo tenere (e sostenere) LS. I capi di accusa sono:1) il modulo con un attaccante e due spreconi sulle ali, 2) insistere su Perisic, 3) essere entrato in un loop mentale che gli impedisce di modificare la sua impostazione nonostante le musate prese, 4) la gestione di Lautaro che, come Karamoh, se non si ravvede finiremo per cedere in prestito senza sapere quanto vale realmente. L’attenuante, grossa come una casa, è che finora il nostro top player Nainggollan, non l’abbiamo mai visto, e lui è stato il picco della nostra campagna acquisti. Anche questa attenuante, ma solo a fine anno, potrà eventualmente rovesciarsi su LS e determinarne la cacciata.

    Ottima analisi, salvo che quella di Nainngolan per me è un’aggravante non un’attenuante. Si è impuntato con sto qua e gli hanno dato retta al costo di sacrificare un pacco di milioni e molti giocatori da Zaniolo e almeno uno a scelta tra Cancelo e Rafinha (a proposito gli auguro il meglio dopo il brutto infortunio) a Modric col risultato che il top del nostro mercato, colui che doveva farci fare il salto di qualità e stato praticamente assente nella fase decisiva di questo anno sportivo. Il problema però non è Spalletti ma quello di una società che non si impone a sti bimbi viziati analizzando seriamente la variabile rischio e quella economicità che hai quando prendi un trentenne e avanti con gli Hernanes, i Candreva e non ultimo i ninja.

  34. Comunque i migliori per me sono quelli che Lautaro gioca dieci minuti ogni morte di papa ed è subito “avete visto? Anche con lui non riusciamo a fare goal!!”

    Grazie Simone per l’appoggio. Condivido alla grande.

  35. Forzaneroblu: Però hai dato 40 milioni per Naingolann che tutto fa fuorché giocare per l’Inter…allora sì che si vince! Per favore siate seri…Cancelo non ha rivali nel suo ruolo e abbiamo fatto in modo che andasse alla Juve…e ieri la Juve ha vinto grazie a Cancelo e non grazie a cr7! Ammettetelo: i cinesi hanno fatto una gran cazzata perché di calcio non capiscono una cippa!

    Col senno di poi avete ragione.
    Ma a giugno noi necessitavamo di un forte CC di personalità palle e tiro da fuori.
    E 40 milioni lo abbiamo messi li.
    Col senno di poi………è più facile.

    Ma facciamo un gioco.
    Ieri sera schierate Cancelo da noi e Versaliko da loro.
    Sicuri sicuri che vinciamo noi?????

    No perché se secondo voi chi fa spostare l’ago pro Giuve è Cancelo……

    Allora vale tutto.

  36. Giulio19:
    Comunque i migliori per me sono quelli che Lautaro gioca dieci minuti ogni morte di papa ed è subito “avete visto? Anche con lui non riusciamo a fare goal!!”

    Grazie Simone per l’appoggio. Condivido alla grande.

    Invece per me i migliori sono quelli che “beh ma cos’ha fatto ieri Icardi che Lautaro non avrebbe fatto?”

  37. @andrea galli. La tua disamina dice che a questa squadra manca il fosforo. Appunto.

  38. Che poi per dirla tutta; ma poi se passi il turno e vai agli ottavi di CL sapendo che comunque non competi per vincere la Coppa…………..se lotti per arrivare nelle 4 perché almeno arrivi in coppa…………………perché almeno incassi…………………..ma a me tifoso cosa me ne viene? Io voglio una squadra che lotti per vincere……. diamine…………che di fare il tifoso con la calcolatrice ne avrei le palle piene….

  39. “Comunque i migliori per me sono quelli che Lautaro gioca dieci minuti ogni morte di papa ed è subito “avete visto? Anche con lui non riusciamo a fare goal!

    ”…….Invece per me i migliori sono quelli che “beh ma cos’ha fatto ieri Icardi che Lautaro non avrebbe fatto?”

    Dai facciamo che i migliori sono quelli che dicono “….e ma poi se giocano insieme non possiamo fare quel modulo, non vi é equilibrio……….” sono quelli di Certaldo i migliori…………ma che vada ad allenare la Roma, quella é la sua dimensione…….la dimensione di chi non vincerà mai nulla….

  40. In molti stanno cadendo nell’equivoco. I gobbi non hanno vinto perché ci sono stati tecnicamente superiori, anche se lo sono. Trovo improprie tutte le geremiadi del tipo c’è un abisso fra noi e loro in quanto questo abisso non lo ha visto nessuno. Hanno vinto per la solita cazzata difensiva che ormai ammazzerebbe anche un bue. È hanno vinto perché loro hanno figure caratterialmente dominanti, e quando hanno fatto sul serio ci hanno ridotto come bambocci. È questo stato di inferiorità lo hanno soprattutto patito le punte anche se può sembrare paradossale. Che poi la squadra sia peggio di quella dell’anno scorso sono mesi che lo dico.

  41. Maigob: Col senno di poi avete ragione.
    Ma a giugno noi necessitavamo di un forte CC di personalità palle e tiro da fuori.
    E 40 milioni lo abbiamo messi li.
    Col senno di poi………è più facile.

    Ma facciamo un gioco.
    Ieri sera schierate Cancelo da noi e Versaliko da loro.
    Sicuri sicuri che vinciamo noi?????

    No perché se secondo voi chi fa spostare l’ago pro Giuve è Cancelo……

    Allora vale tutto.

    Ma che senno di poi, io e tanti altri sapevamo già che non riscattare Cancelo a 38 milioni (e si sapeva che c’era la Juve su di lui) sarebbe stato da coglioni (leggi i tanti commenti di fine stagione scorsa). Altro che senno di poi! Il centrocampista potevamo comprarlo anche dopo, a luglio o agosto!
    Ripeto ieri la Juve ha vinto grazie a Cancelo, se poi pensi che avrebbe vinto anche con Versaljko invece di Cancelo, allora facciamo che non vale nessun ragionamento.
    Mi sa che ancora per tanti anni vedremo la società festeggiare per mesi una qualificazione alla Champions all’ultimo minuto, e con loro anche molti di noi in cui si è inculcata la mentalità da provinciali!

  42. Sará ma tutto sto casino, non lo vedo, ieri ,Roma,Spurs, sono state partite molto tattiche e studiate meglio
    di una tesi, su questo il Mister é il meglio, il problema arriva quando ad un certo punto tutti si domandano.
    che facciamo? taacc…. non succede niente nel 60% dei casi, nel senso che ho si aspetta o se si prende un gol
    cade il castello di carte. nel 75% sbaglia i cambi perché non cambia modulo, (ieri 3 fuori posizione) é quindi rimane vittima della sua fissa tattica e simildettaglista, é troppo rigido, non si adatta al avversario, pensa di vincere perché é il piú forte, se non succede, la colpa é degli attori non del regista. Adesso, visto che siamo a Dicembre, sappiamo cosa é successo la scorsa stagione, sarebbe meglio che cominci a venire giú dal pero, capire tutte le stronzate fatte fin quá, e si porti a termine una stagione all’ alteza delle aspettative su tutti i fronti. visto che, la nostra é una squadra da secondo posto in A, ottavi di CL e finale di CI, punto, Ieri si giocava male e non si vinceva, ogii si gioca bene fino alla metá e non si vince, caro Mister, lascia da parte tutti sti dettagli che con sostanza e cervello si puó arrivare lontano.
    Forza Ragazzi e Forza Inter!!

    PS: Il caso “M” deve ancora cominciare e qualcuno parla anche di “C”??? ma cosa volete? che diventiamo una colonia FCA? si va avanti cosí, ma si va avanti!!

  43. si regressione ma intendevo quello, però è troppo facile sostenere con il senno di poi è mi riferisco al radia, perché qui ci sono interisti che lo avevano scritto con il senno di prima, perché per quanto sia considerato scarso da molti di voi il monchi non si sarebbe mai privato di un cc se non avesse saputo che la parabola discende e inevitabile era iniziata, poi mi auguro che possa fare ancora delle partite da protagonista ma fare una specie di all in sacrificando tanto e troppo per me non ne valeva la pena.

  44. e di Cancelo non intendo più parlarne, perché lo sostengo da sempre l affaire non ce l hanno raccontato giusto, perché ballano ancora quei 31 milioni inseriti nello stesso esercizio di mercato, quelli di bastoni e vale sempre la profonda e sincera incazzatura di sabatini e nemmeno a lui gliela avevano raccontata correttamente.

  45. pearl:
    si regressione ma intendevo quello, però è troppo facile sostenere con il senno di poi è mi riferisco al radia, perché qui ci sono interisti che lo avevano scritto con il senno di prima, perché per quanto sia considerato scarso da molti di voi il monchi non si sarebbe mai privato di un cc se non avesse saputo che la parabola discende e inevitabile era iniziata, poi mi auguro che possa fare ancora delle partite da protagonista ma fare una specie di all in sacrificando tanto e troppo per me non ne valeva la pena.

    Tu col senno di prima avevi scritto che avevamo comprato 6 merde.
    Che cercare Modric era da sfigati, cercarlo e manco prenderlo era da sfigati scemi e cazzari.
    Che chi ci dirige è un’idiota ma che se poi prendiamo chi ha diretto chi vince per 7 anni siamo gobbi,ladri, merdosi e infami.

    In pratica il tuo senno di prima mi fa perdere la voglia anche di partecipare o di sognare.

    Ovvio che il tuo senno di prima, a meno che non si vinca, alla fine trionfi…….ma a me non importa nulla.

    Perché io a casa mia il disfattismo e lo sputarsi in faccia da soli lo chiamo……interesse di CAZZETTO.

  46. Maigob: Col senno di poi avete ragione.
    Ma a giugno noi necessitavamo di un forte CC di personalità palle e tiro da fuori.
    E 40 milioni lo abbiamo messi li.
    Col senno di poi………è più facile.

    Ma facciamo un gioco.
    Ieri sera schierate Cancelo da noi e Versaliko da loro.
    Sicuri sicuri che vinciamo noi?????

    No perché se secondo voi chi fa spostare l’ago pro Giuve è Cancelo……

    Allora vale tutto.

    No, non solo Cancelo, un allenatore che azzecca i cambi Vs uno che si caga sotto, una squadra che schiera sempre il giocatore top del mercato Vs una che il giocatore del mercato le partite le vede dalla tribuna, una società di gente affamata Vs una dove l’allenatore non si sente obbligato a vincere a Roma perché l’anno scorso hanno finito con 10 punti in più e gli stessi tifosi ti dicono eh, ci sta perdere quando nel primo tempo hai avuto 3 nitide occasioni da gol ma poi per sicurezza levi il protagonista di dette occasioni perché poverino al 60’era tanto stanco.

  47. Che dire di Dybala che non ha toccato palla e di CR7 che tolta qualche mezza finta non è andato. Ma quale superiorità tecnica, che pure esiste. Ma Betancourt che si mangia JM in quell’anticipo nel secondo tempo, la partita è tutta lì, nella determinazione feroce dell’avversario davanti ai nostri tremebondi. Poi come al solito, arriva il ko con le papere in condominio (ma Handa c’è sempre di mezzo) e non c’è la testa per rimediare.

  48. Una domanda , specie per Nic & IlCasa che giocano.
    Ma che cacchio di preparazione fisica si fa in Italia per il calcio?????
    Ma come e’ possibile che dal 2011 l’Inter non riesce a reggere oltre 12-13 partite , per poi scoppiare , ed arrancare per il resto della stagione??????????????? E non e’ che giochino a ritmi vertiginosi, ma vanno a passo pedonale.
    Personalmente credo che la lentezza sia fisica, che mentale, sia il problema principale della prevedibilita’ che mette in grande difficolta’ la squadra. A queste vi aggiungo la mancanza di fame, rabbia agonistica e generalmenteil viziaccio di accontentarsi del poco che si produce invece di provare lo strappo e cercare di andare oltre.
    Finche’ regha questa mentalita’ , non cambiera’ mai niente.

  49. Simone: Che poi per dirla tutta; ma poi se passi il turno e vai agli ottavi di CL sapendo che comunque non competi per vincere la Coppa…………..se lotti per arrivare nelle 4 perché almeno arrivi in coppa…………………perché almeno incassi…………………..ma a me tifoso cosa me ne viene? Io voglio una squadra che lotti per vincere……. diamine…………che di fare il tifoso con la calcolatrice ne avrei le palle piene….

    Anch’io penso di averla “scritta” tutta poco sopra , magari con parole un po’ diverse , ma nel concetto “delle palle piene” ti quoto senz’altro.

  50. Ha ragione Kolarov, ma tanto

  51. Simone:
    Che poi per dirla tutta; ma poi se passi il turno e vai agli ottavidi CL sapendo che comunque non competi per vincere la Coppa…………..se lotti per arrivare nelle 4 perché almeno arrivi in coppa…………………perché almeno incassi…………………..ma a me tifoso cosa me ne viene? Io voglio una squadra che lotti per vincere……. diamine…………che di fare il tifoso con la calcolatrice ne avrei le palle piene….

    E la sostituzione di Politano ho paura che rientri proprio in questa ottica di procedere comunque con il freno a mano tirato…
    Cosa già vista a Londra e,guarda un po’, con la juve l’anno scorso…

  52. no, ma ti fa piacere scriverlo vero maigob? certo ho scritto che il difensore olandese ha problemi sia fisici sia tecnici per me è infatti spalletti lo lascia a riposo lo ha detto lui o anche questa è una balla? che il radia non valesse quei soldi l ho sempre detto e infatti…che il sime sia un altro che non finirà mai di avere problemi mi pare sia sotto gli occhi di tutti, che asa non.le può giocare tutte perché va in apnea e pecca di lucidità lo abbiamo visto pure ieri sera, politano mi ha sorpreso anche se ritengo che mai la mia Inter ideale rimanga una buona riserva un 12..ma tu hai sempre ragione dall’ alto del tuo scragno e gli altri per te quelli che ti stanno sui maroni o sono troll o sono gobbadimerda.

  53. SgtPepper: Quindi,mi si sta dicendo che un ragazzo dell’etadi Politano non è in grado di giocare 2 partite distanti 4 giorni l’una dall’altra…
    E quindi lo si fa uscire a minuto 57 ( dico 57)!!!
    Ma se è stato quello che ha messo più in difficoltà la difesa dei ladri!!!
    Eeee “ma le occasioni le avevamo già avute e quindi non si poteva pretendere che ne avessimo altre…”
    Ma davvero? Ma davvero, davvero ???
    Lo ammetto, sono tardo e non ci capisco una mazza!

    sì, ti ha detto che non regge fisicamente, che non faceva più i rientri e che se lo teneva per il PSV. mi sembra logica come spiegazione, meno logica quando dice che avendo già avuto 3 occasioni difficilmente ne avrebbe avuto una quarta.
    ma tanto avete deciso di massacrare Spalletti, tanto ne abbiamo già cambiati 11 di allenatori da dopo Mou, è evidente che il problema sia l’allenatore

  54. il problema è anche l allenatore perché quest’ anno ha la rosa che voleva, perché non riesce a fare il salto di qualità e se non lo fa lui figuriamoci la rosa perché il modulo è uno schifo che non produce il risultato che nello sport significa vincere e perché per stare in tema politano NON è un ala.

  55. Giacomo: Invece per me i migliori sono quelli che “beh ma cos’ha fatto ieri Icardi che Lautaro non avrebbe fatto?”

    Facendo finta (ma sappiamo bene che non è così) che gli spezzoni di partita giocati da Lautaro fossero concentrati in partite da 90′ oggi l’argentino avrebbe fatto un gol e un assist all’incirca ogni 2 partite tra Champions e serie A. Cosa si pretende da sto ragazzo?

  56. pearl:
    no, ma ti fa piacere scriverlo vero maigob? certo ho scritto che il difensore olandese ha problemi siafisici sia tecnici per me è infatti spalletti lo lascia a riposo lo ha detto lui o anche questa è una balla?che il radia non valesse quei soldi l ho sempre detto e infatti…che il sime sia un altro che non finirà mai di avere problemi mi pare sia sotto gli occhi di tutti, che asa non.le può giocare tutte perché va in apnea e pecca di lucidità lo abbiamo visto pure ieri sera, politano mi ha sorpreso anche se ritengo che mai la mia Inter ideale rimanga una buona riserva un 12..ma tu hai sempre ragione dall’ alto del tuo scragno e gli altri per te quelli che ti stanno sui maroni o sono troll o sono gobbadimerda.

    A me non sta sui coglioni nessuno.
    A nessuno da ieri sera ho dato del troll o del gobbo.
    A me non stai sui coglioni nemmeno tu…..pensa un po’…..o almeno non stai sui coglioni se argomenti di calcio
    E non voglio aver ragione.
    Tant’è che nessuno da ieri sera me ne ha data.
    Ognuno ha la sua ragione.

    Certo se uno cerca consensi e da giugno critica sputa e vomita su tutto ha il 95% di possibilità di aver ragione visto che in serie A vince una sola squadra su venti.

  57. Abbiamo tenuto botta nonostante le sfighe e gli infortuni, ma come l’anno scorso Spalletti ha rovinato la partita col cambio di Politano. Non c’é altro da aggiungere e lui lo sa, tant’é la sua aria contrita e dimessa in confedenza, poi da la colpa a questo e quello, ma lo sa di aver buttato la partita nel cesso.

  58. io non ho mai scritto e nemmeno lontanamente pensato di poter vincere lo scudetto che c entra che ne vince una su 20? io mi riferisco ad una serie di errori orrori che si susseguono nelle singole partite, comunque martedì è il suo ultimo appello per me, poi se non la vince e la vince bene per me sarà condanna senza se e senza ma.

  59. Comunque qualche settimana fa si diceva che avevamo un ciclo di partite fondamentali. Risultati ottenuti: 3 sconfitte di cui una da vergognarsi, e un pareggio (Roma ridotta all’osso per gli infortuni), se si esclude la partita giocata in casa contro il Frosinone (contro cui tutti vincono). A questo punto è evidente che Spalletti sta fallendo, altro che chiacchiere.

  60. La partita di ieri si racchiude in 3 gesti tecnici. TECNICI non tattici. E come sempre se 6 tecnico ha sempre una possibilità in più di vincere.
    1) lo splendido controllo di palla di Politano sull’ azione del nostro palo. Splendido! Stop su palla alta con palla incollata al piede. Cosa rara da vedere.
    2) la ciabattata di Gagliardini sull’ azione del nostro palo (ed anche qui è questione di tecnica che lui non ha)
    3) il cross di Cancelo sul loro gol. Un cross fatto quasi da fermo con il piede che gira come se fosse un colpo di top spin (x gli amanti del tennis). Io non sono 1 sostenitore d Handa ma quel colpo lo ha spiazzato e non mi va di dargli colpe. Il gol x me è tutto di Cancelo.
    Dobbiamo inserire tecnica. Tecnica. Tecnica. Tecnica. Tecnica.

  61. Michele69:
    La partita di ieri si racchiude in 3 gesti tecnici.TECNICI non tattici.E come sempre se 6 tecnico ha sempre una possibilità in più di vincere.
    1) lo splendido controllo di palla di Politano sull’ azione del nostro palo. Splendido! Stop su palla alta con palla incollata al piede. Cosa rara da vedere.
    2) la ciabattata di Gagliardini sull’ azione del nostro palo (ed anche qui è questione di tecnica che lui non ha)
    3) il cross di Cancelo sul loro gol. Un cross fatto quasi da fermo con il piede che gira come se fosse un colpo di top spin (x gli amanti del tennis). Io non sono 1 sostenitore d Handa ma quel colpo lo ha spiazzato e non mi va di dargli colpe.Il gol x me è tutto di Cancelo.
    Dobbiamo inserire tecnica. Tecnica. Tecnica. Tecnica.Tecnica.

    Tutto giusto
    Poi leggi chi mette in campo la gobba è leggi:

    Bonucci
    Chiellini
    Matuidi
    Bentancur
    Mandzukic

    Che sono poco tecnici e tantissimo atleti.
    E allora forse ti accorgi che serve 50% tecnica 50% atletismo.

  62. Forzaneroblu:
    Comunque qualche settimana fa si diceva che avevamo un ciclo di partite fondamentali. Risultati ottenuti: 3 sconfitte di cui una da vergognarsi, e un pareggio (Roma ridotta all’osso per gli infortuni), se si esclude la partita giocata in casa controil Frosinone (contro cui tutti vincono). A questo punto è evidente che Spalletti sta fallendo, altro che chiacchiere.

    L eventuale fallimento si vedrà a fine campionato non prima.
    L. Inter ad oggi ha 10 punti in meno dell’ anno scorso MA ha 1 differenza reti per esempio di +14 (Napoli +15) con Bilan e Lazio +6 +4. Questo dato va considerato xché d solito chi ha la miglior diff reti vince il campionato. Essere terzi con possibilità d passare il girone CL ad oggi non può essere considerato fallimento. Anzi..

  63. mattia: sì, ti ha detto che non regge fisicamente, che non faceva più i rientri e che se lo teneva per il PSV. mi sembra logica come spiegazione, meno logica quando dice che avendo già avuto 3 occasioni difficilmente ne avrebbe avuto una quarta.
    ma tanto avete deciso di massacrare Spalletti, tanto ne abbiamo già cambiati 11 di allenatori da dopo Mou, è evidente che il problema sia l’allenatore

    Ho sempre sostenuto Spalletti ma quando butta nel cesso le partite come quella di ieri sera glielo si fa notare e come dice Suzie Q, lo sa benissimo anche lui…
    Politano scoppia dopo nemmeno un’ora di partita?
    Ok,allora abbiamo un problema con Politano…
    Chi di voi lo avrebbe tolto?
    Nessuno!
    Mentre invece tutti si aspettavano togliesse Gagliardini che era in palese difficoltà!
    A questo punto se togli Politano metti Keita…

  64. Michele69: L eventuale fallimento si vedrà a fine campionato non prima.
    L. Inter ad oggi ha 10 punti in meno dell’ anno scorso MA ha 1 differenza reti per esempio di +14 (Napoli +15) con Bilan e Lazio +6 +4. Questo dato va considerato xché d solito chi ha la miglior diff reti vince il campionato. Essere terzi con possibilità d passare il girone CL ad oggi non può essere considerato fallimento. Anzi..

    Io preferisco avere anche un solo punto in più rispetto al +99 della differenza reti… vince il campionato chi fa più punti a meno di cambiamenti delle regole dell’ultima ora.
    Logica vorrebbe che se anche martedì Spalletti continuasse con la sua striscia negativa dell’ultimo mese allora dovrebbe fare le valigie. Purtroppo però la società (grande intenditrice) ha rinnovato il contratto fino al 2021, ed essendo anche grande “sostenitrice” del FPF non penso voglia pagare un altro allenatore.
    E comunque essere terzi per l’Inter dovrebbe essere sempre un fallimento!

  65. Maigob: Tutto giusto
    Poi leggi chi mette in campo la gobba è leggi:

    Bonucci
    Chiellini
    Matuidi
    Bentancur
    Mandzukic

    Che sono poco tecnici e tantissimo atleti.
    E allora forse ti accorgi che serve 50% tecnica 50% atletismo.

    I 5 da te menzionati non mi vorrei mai da noi. Forse Mandzukic che ha cmq anche tecnica. DV Skrigno meglio d quei 2 fabbri

  66. Io Politano lo avrei tolto al volo. Nel secondo tempo non stava combinando nulla.

    Ma mi aspettavo togliesse Joao Mario.

  67. Forzaneroblu: Io preferisco avere anche un solo punto in più rispetto al +99 della differenza reti… vince il campionato chi fa più punti a meno di cambiamenti delle regole dell’ultima ora.
    Logica vorrebbe che se anche martedì Spalletti continuasse con la sua striscia negativa dell’ultimo mese allora dovrebbe fare le valigie. Purtroppo però la società (grande intenditrice) ha rinnovato il contratto fino al 2021, ed essendo anche grande “sostenitrice” del FPF non penso voglia pagare un altro allenatore.
    E comunque essere terzi per l’Inter dovrebbe essere sempre un fallimento!

    Esatto. Vince il campionato (E quindi a seguire arrivi secondo terzo e quarto) chi fa più punti. Il problema però è che si vincono campionati ad 84 punti e se ne perdono a 91. Invece la differenza reti non sbaglia (quasi) mai. Chi ha la miglior differenza reti a.fkne campionato vinc e sempre o quasi.

  68. Giacomo:
    Io Politano lo avrei tolto al volo. Nel secondo tempo non stava combinando nulla.

    Ma mi aspettavo togliesse Joao Mario.

    Questo fa sempre i cambi quando la situazione è disperata salvo fare il frettoloso con Politano e levarlo dopo 15 minuti quando magari stava solo rifiatando dopo che nel primo tempo aveva giocato benissimo, salvo tenere Perisic impalpabile e pure ammonito e inoltre con chi lo sostituisce? Con Borja Valero e sposta il fulmine Ciao Mario ala. Senza parole. A me fan tenerezza quelli che ancora lo difendono dicendo che non vince un cazzo perché si è trovato a giocare contro l’Inter migliore, la Juve migliore etc. Questo il piazzamento e la testa alta ce l’ha nel DNA altro che. Su 4 mesi di partite, la metà (il primo e l’ultimo) li ha già buttati nel cesso tra scelte cervellotiche e paura di vincere.

  69. pearl: il monchi non si sarebbe mai privato di un cc se non avesse saputo che la parabola discende

    Come con salah

  70. Gli chiedono di Politano e lui risponde: “Noi si va a correggere quella che è poi l’impostazione della punta che si abbassa sulla linea e si viene a creare così una superiorità numerica che è quella che ci consente poi di assaltarla la palla”. Ma cosa vuoi che capiscano in allenamento se gli schemi glieli spiega così…

    Così parlò LS da Certaldo

  71. ZeMario: Questo fa sempre i cambi quando la situazione è disperata salvo fare il frettoloso con Politano e levarlo dopo 15 minuti quando magari stava solo rifiatando dopo che nel primo tempo aveva giocato benissimo, salvo tenere Perisic impalpabile e pure ammonito e inoltre con chi lo sostituisce? Con Borja Valero e sposta il fulmine Ciao Mario ala. Senza parole. A me fan tenerezza quelli che ancora lo difendono dicendo che non vince un cazzo perché si è trovato a giocare contro l’Inter migliore, la Juve migliore etc. Questo il piazzamento e la testa alta ce l’ha nel DNA altro che. Su 4 mesi di partite, la metà (il primo e l’ultimo) li ha già buttati nel cesso tra scelte cervellotiche e paura di vincere.

    Ma veramente, io difendo Spalletti per quello che sta facendo qui. Non altrove. Qui.

    Poi, ripeto. Qua la squadra fa sempre schifo ma la colpa è sempre di Spalletti. VA BENE.

  72. Onestamente non ho visto un Cancelo diverso da quello che l’anno scorso vestiva la maglia nerazzurra. In seria difficoltà quando deve difendere e un castigodiddio quando è libero di avanzare e usare indisturbato il suo piede fatato.
    Finchè Politano è rimasto in campo Cancelo aveva le sue gatte da pelare per marcarlo e Allegri era costretto a spostarlo a destra e a sinistra per evitare che combinasse dei guai. Ma ci pensavano i fantasmi e le paure di Spalletti a togliergli le castagne dal fuoco con la decisione di far uscire Politano per spostare al suo posto un giocatore che conosce da tre anni e che sempre, quando viene messo nella stessa posizione, è più evanescente di un ectoplasma.
    Ma avete visto dov’era Cancelo quando riceve il cross che lo mette in condizione di galoppare verso il fondo? E avete notizia di dove fosse Mario? Dal punto di vista tecnico è uno dei gol più ‘da pesce’ che io ricordi, anche se i ricordi di simili prodezze non mancano.
    Questo se vogliamo parlare obiettivamente di calcio perché, se no, ci mettiamo a disputare se Spalletti sia più o meno simpatico come i bambini che giocano con le biglie.

  73. Giacomo: Ma veramente, io difendo Spalletti per quello che sta facendo qui. Non altrove. Qui.

    Poi, ripeto. Qua la squadra fa sempre schifo ma la colpa è sempre di Spalletti. VA BENE.

    Davvero? Facciamo schifo? Ma mi sbaglio o il vate di Certaldo ha avuto carta bianca sul mercato tra dolorose cessioni e il suo pallino belgaindonesiano? A me in ogni caso questa rosa mi sembra la seconda in Italia un peccato far portare che sta Ferrari da un autista dell’ATAC che durante il servizio si va a fare un caffè corretto.

  74. Melito ho scritto centrocampista non esterno d attacco, ha spedito via guadagnando il max possibile e senza pensarci troppo 2 cc..radia e strootman.. vedremo a chi nel breve medio periodo il tempo dara’ ragione.

  75. ZeMario: Davvero? Facciamo schifo? Ma mi sbaglio o il vate di Certaldo ha avuto carta bianca sul mercato tra dolorose cessioni e il suo pallino belgaindonesiano? A me in ogni caso questa rosa mi sembra la seconda in Italia un peccato far portare che sta Ferrarida un autista dell’ATAC che durante il servizio si va a fare un caffè corretto.

    No dico, fa schifo in base a quello che leggo qui.
    La rosa è la terza d’Italia, imho.
    Ma se anche fosse la seconda siamo terzi, mica ultimi. Ma d’altronde…