Il Film di Steven Zhang

Riduttivo definirlo ‘video di presentazione’, video è il mezzo, il nome giusto è “il FILM di Steven Zhang”.  

Si, un film, con una idea, un messaggio e una caratura artistica che raramente si vede nella comunicazione del mondo del calcio che, in genere, si limita a filmare cose, situazioni o o accadimenti con racconti lineari, quasi mai a creando storie.

LA SCELTA

La scelta comunicativa è interessante e deriva da una logica che definirei vincente in origine, ovvero la creazione della Inter Media House. 

Una entità ‘parte di’ ma diversamente ‘destinata a’ che formalmente slega le attività di calcio da quelle di comunicazione comportandosi come una produzione vera e propria (come una Warner Bros interna), motivo per il quale oggi possiamo dire “Inter Media House presenta il film di Steven Zhang”.

Sottigliezze, dettagli, linguaggio…ma in realtà fattori determinanti per cogliere la prospettiva e l’approccio con cui l’Inter intende la comunicazione da 15 mesi a questa parte. 

Abituati a figure presidenziali accentratrici e che hanno lavorato per far coincidere la squadra, la società, i trofei con la loro immagine (anche a scopo commerciale, politico e pubblicitario) fa strano vedere una presentazione che, pur celebrando il personaggio, conservi separate l’entità: la grande società storica e il nuovo giovane Presidente, ognuno nella sua natura senza sovrapposizione. Un segnale di rispetto, di dovuta cura nei confronti della storia espressa anche dalle parole dello stesso SZ.

Il film non è finzione, racconta davvero un atteggiamento reale con cui SZ ha vissuto l’Inter. Una fase di studio iniziale, la scelta di vivere la città in prima persona, di vivere la storia, le emozioni, i luoghi prima di prendere le redini. Il film è il mezzo con cui vengono esposte la vision e la mission della nuova presidenza, ed è qui il gioiello di comunicazione: niente foto banali, niente scrittoio o pulpito delle promesse, nessun comunicato da fiumi di banalità, ma un essenziale e impattante film.

IL BACKGROUND

Altra cosa interessante: il linguaggio, la patina e la sintassi del video sono una novità per il mondo del calcio e sono presi in prestito del mondo della comunicazione legato alla moda. Lo dico perché ci ho vissuto dentro negli anni del boom video, e tutto quello che vedo in questo film è maledettamente familiare.

La traccia dell’uomo che ragiona tra sé e sé compiendo gesti comuni, con gestualità fluida e lenta, che al termine della narrazione sfonda la quarta parete parlando direttamente con lo spettatore è molto comune nel teatro, nel cinema, ma se parliamo di film promozionali il riferimento di qualità è appunto la moda del lustro 2013-18. Eccone uno dei tantissimi esempi, Gucci.

La metafora, l’allegoria della pittura presente nel video mi è parsa familiare, quantomeno visivamente e come ritmo. Mi ha ricordato un film di Canali 1934 di qualche anno fa.

Anche se, in realtà, istintivamente ho pensato a questo altro video epocale.

IL FILM – l’analisi 

Il film è la narrazione del Pensiero di SZ, in un luogo preciso. In questa narrazione si aprono altri due scenari: Flash Back e Allegoria che si alternano e sovrappongono alla narrazione principale.

Scena A – Il Pensiero

Scena principale del film è il pensiero di SZ che si conclude, come già detto, abbattendo la 4a parete e chiedendo allo spettatore “io sono pronto, e voi?”.

Questa è la scena principale, ovvero SZ (del quale sentiamo i pensieri inizialmente) che sta parlando con noi, nel tempo principale presente (adesso) e nel luogo principale (qui), ovvero la terrazza del Samsung District in Viale Liberazione (in realtà è via Mike Bongiorno), di fronte alla futura sede dell’Inter*.

Non so perché ma nel film il frame dedicato alla futura sede è specchiato, qui sotto lo trovate con l’orientamento corretto, riga 1 n.3. 

1_pensiero

location_1

SCENA B – Flash back

Subito all’inizio del film entrano in gioco i flash back (per comodità raggruppiamo in unica scena, ma sono momenti e lunghi differenti): la narrazione visiva fa dei passi indietro rispetto al momento e al luogo principale iniziando un percorso geografico, temporale e culturale. SZ cammina nei luoghi dell’Inter a Milano.

Il primo flash mostra il Duomo visto dalla galleria Vittorio Emanuele, lato Nord, come la parte di San Siro dedicata ai colori nerazzuri. 

d

Il secondo flash riguarda il retro della cattedrale: SZ cammina tra Arcivescovado e Palazzo Orologio guardando alla sua destra, ovvero verso quello che fu il ristorante L’Orologio dove l’Inter nacque il 9 Marzo 1908. (il passato)

ert

Il terzo è un frame che mostra la fontana di Piazza Castello.

dd

Il quarto è SZ in piazza Liberty che guarda verso l’alto sulla sua destra, ovvero in direzione delle finestre delle sale della attuale sede dell’Inter. (il presente)

dddd

Il quinto flash è sotto il Bosco Verticale e sul passaggio pedonale di piazza Gae Aulenti, simbolo della Milano post Expo, della modernità. Qui si vede SZ che incrocia lo sguardo con 3 giovanissimi milanesi, il futuro di Milano e il futuro dell’Inter. 

hjkl

SCENA C – Allegoria

In parallelo tutto ciò, c’è la scena allegorica della pittura: un artista dipinge con una scopa di saggina e pennellesse la parola Inter con i colori sociali e con movimenti simili ad un danza, un tono orientale ed una attività che richiama l’atto di creazione (leggendario*) dello stemma da parte di G. Muggiani che dipinse lo stemma dell’Inter in quella serata del 9 marzo.

*La tradizione vuole che Muggiani, al momento di realizzare lo stemma del club, scelse i colori nerazzurri perché in quei giorni erano gli unici a sua disposizione sulla tavolozza.

rty

34_Il controllo e la qualità della propria immagine

Altro aspetto interessate riguarda il controllo del messaggio. Con la creazione di un contenuto video di questo livello e con il servizio fotografico annesso (degno di un catalogo di Zegna o di un editoriale su Robb Report) l’Inter ha imposto un standard comunicativo di qualità molto alto ma soprattutto inconfondibile. Mi spiego: senza questi materiali un direttorino qualunque di testata avrebbe fatto la corsa (e qualcuno lo ha fatto – come con ET) alla ricerca della peggiore foto di stock con smorfia di SZ o qualche foto di archivio che avrebbe creato un muro di immagini poco credibili e sconnesse a descrivere un momento importante. Con questo tipo di contenuti è stata invece impressa una immagine al momento, chiunque e qualunque media ne abbia scritto o parlato con materiali differenti da questi è risultato non credibile perché per il pubblico l’immagine del presidente è e rimarrà quella del Film per parecchio,  sarà l’immagine residua di una intera epoca.

ghConclusione

Queste sono alcune chiavi di lettura di un prodotto che risulta unico nel panorama del calcio, soprattutto per quanto riguarda il lato aziendale delle società. C’è chi cambia tre presidenti in tre stagioni, chi non conosce nulla del proprio presidente, chi ha ben chiaro che il presidente vuole solo fare cemento e poi telare, c’è chi i presidenti li rincorre o li vede in tribunale, poi c’è l’Inter che il suo Presidente lo presenta così a tutto il mondo come nessuno mai…esponendo la Vision e la Mission aziendale con un artificio narrativo e un monologo tanto semplice quanto profondo.

Menzione speciale per Alkemy, il partner che ha seguito questo progetto in collaborazione con Inter Media House.

Specifico che tutti questi elementi di analisi sono frutto solo di una lettura esterna, non mi è dato conoscere le vere dinamiche di progetto o lo script del film, sono per lo più deduzioni o interpretazioni di cose per me evidenti. Non tutti i fratelli del mondo sono cresciuti a pane, piazza Duomo, Luini e Hoepli, ecco perché mi è sembrato giusto condividere con tutti quel che ho avuto il pacere di cogliere.

About rupertalbe

#InterDesigner Vagavo nel buio in balìa di un sistema che via via cercava di farmi subire la mia fede interista, convincendomi di meritarmelo e a scannarmi con i miei simili a causa dell'insovvertibile potenza ladra che tutto torbido rendeva…un giorno comparve la luce Mourinhana, fulminato, impugnai le mie armi (immagini&grafica) per combattere la Prostituzione Intellettuale, senza pietà.

2.966 commenti

  1. Leonardo calzoni

    Io arrivo tra una ventina di minuti pantalone verde militare bomberino blu…

  2. Leonardo calzoni

    Piccolo ritardino 5/10 minuti

  3. Questo blog sta diventando un sito per appuntamenti :)

  4. Buongiorno,
    Il Blog é paralizzato, in attessa dell’incontro dei 4 da Firenze…..
    Speriamo vada tutto bene, e che il menú sia degno e delizioso…..
    Parentesi, Steven dichiara che “siamo pronti e voi?” dopo una breve
    intervista, sará stata in Italiano? Caro Steven ricorda che devi passare
    un mediocre B1 se vuoi ottenere la Cittadinanza, quindi mi aspetto
    un bel messaggio per le feste dedicato a tutti i fans della Beneamata.
    Rigorosamente in Italiano, grazie. :)
    Buon Lavoro

  5. Dopo aver sentito la conferenza di Spalletti e leggiucchiato qualcosa qui e là, vado di pronostico formazione.

    Handanovic.
    D’Ambrosio
    Skriniar
    De Vrij
    Asamoah
    Brozovic
    Vecino
    Joao Mario
    Politano
    Perisic
    Icardi

  6. Poi,
    Domani é Sant´Ambrogio,
    spero ci sia un motivazione in piú, per fare bella figura a Torino….
    Chiaro che siamo Internazionali, ma Milano é la nostra casa e
    Ambrogio il nostro Santo patrono…..
    Speriamo vada tutto per il VARso giusto.

  7. Arbitra Irrati, che il T9 mi corregge in “I reati”

    Possiamo già gridare al gombloddo????

  8. Ma la diretta dal Troia?
    Tortino ai carciofi, pollo fritto e meringata per tutti, o siete andati sulla fiorentina?
    Qui siamo ansiosi, non c’è neanche la radiolina….

  9. MaistatiinB:
    Arbitra Irrati, che il T9 mi corregge in “I reati”

    Possiamo già gridare al gombloddo????

    No. Aspettiamo di romperci la testa prima di fasciarla.

  10. MaistatiinB:
    Ma la diretta dal Troia?
    Tortino ai carciofi, pollo fritto e meringata per tutti, o siete andati sulla fiorentina?
    Qui siamo ansiosi, non c’è neanche la radiolina….

    Cosa te lo dico a fare…
    questi pensano solo a riempirsi la panza…:-)

  11. la conferenza di spalletti mi suona tanto da…mettiamo un bel catenaccione e via..e come va va.

  12. pearl:
    la conferenza di spalletti mi suona tanto da…mettiamo un bel catenaccione e via..e come va va.

    E’ strano come le parole di una persona possano suggerire un impressione ad uno e l’opposta all’altro. :)

    A chi è a Firenze…
    Come va il pranzetto?

  13. UltraNerazzurro

    pearl:
    la conferenza di spalletti mi suona tanto da…mettiamo un bel catenaccione e via..e come va va.

    Veramente dice tutto il contrario eh..anzi parla di andarsela a giocare a viso aperto senza nessun tipo di paura o timore reverenziale

  14. UltraNerazzurro, appunto, le stesse identiche parole passo dopo passo della conferenza pre partita Londra.

  15. “Secondo me l’interismo è un po’ quello, guardare il cielo e verso il mondo. E Marotta è uno di quelli che è già proiettato per la sua provenienza e la sua carriera verso questo guardare in maniera profonda e distante”. (LS)

    Solo a me fa ridere questa frase??? :)

  16. per educazione e perché è comunque l allenatore dell’ Inter evito di scrivere quello che realmente penso di questa frase e di molte altre a vanvera.

  17. ma sopratutto il guardare distante…chi? il gobbo rinnegato? ahahahahahhh

  18. pearl:
    UltraNerazzurro, appunto, le stesse identiche parole passo dopo passo della conferenza pre partita Londra.

    E infatti te la sei giocata, poi dipende, se gli altri sono più forti ti schiacciano.
    E bisogna prendere atto.

    Solo che a Londra prendi solo atto, a Torino se proprio vedi che non ce n’è voglio che inizino a saltare le tibie e i peroni dei gobbetti :)

  19. Melito:
    “Secondo me l’interismo è un po’ quello, guardare il cielo e verso il mondo. E Marotta è uno di quelli che è già proiettato per la sua provenienza e la sua carriera verso questo guardare in maniera profonda e distante”. (LS)

    Solo a me fa ridere questa frase???

    A me è sembrata una perculata eccezionale.
    Considerando lo strabismo di Marotta. :)

  20. Spalletti quando parla dei tifosi è un sacco paraculo, un lecchino di prima categoria. Ma sono un tifoso semplice e ingenuo e mi piace lo stesso.

  21. Nic! è quello il problema, mi è rimasto il retrogusto amaro di non essermela giocata veramente fino in fondo e diciamo che ho la fiducia ai minimi storici e se si ostinera’ a rimettere lo stesso modulo che produce poco o nulla non cambierà il risultato di Londra.

  22. Sará un testone,
    Ma quando spara sti pensieri….
    Mi fa un gran effetto serotonico..
    :)
    Grande Mister adesso giú col tridente

  23. pearl:
    Nic! è quello il problema, mi è rimasto il retrogusto amaro di non essermela giocata veramente fino in fondo e diciamo che ho la fiducia ai minimi storici e se si ostinera’ a rimettere lo stesso modulo che produce poco o nulla non cambierà il risultato di Londra.

    Ci sta come pensiero.

    Secondo me più che di modulo è un problema di interpretazione.

    Nel senso che penso che quella sensazione nasca dalla voglia del tifoso di vedere una squadra meno “analitica” e più “emozionale”.

    E Spalletti in questo temo vi scontenterà spesso.

    Non perché non infonde coraggio ai suoi, o perché prepara le partite in stile catenacciaro, quanto piuttosto perché crede che per la crescita della squadra un equilibrio che passa dalla razionalità sia necessario.

    Certo una partita all’arma bianca senza calcoli sarebbe apprezzata. E spero che stasera sia così.

    Stasera vengo dalla vostra parte. Voglio si giochi con un grande bagaglio emotivo in campo.
    Perché contro le merde per me è necessario.
    Ma sono consapevole che questo è un discorso non propedeutico alla crescita e che è il modo migliore per, se la partita butta male, prendere 3 gol o più.
    Ma contro i ladri di sempre voglio che se la parte razionale non basta entrino in campo altre qualità, nervose.

    Col Tottenham invece no, almeno non fino al gol. Questo penso possa spiegare la mia mancata incazzatura.
    Perché per me non si è fatta una buona partita, da cui deve passare la nostra crescita, ma loro sono stati più bravi e fortunati di noi.

    Cosa ne pensi?

  24. Ah, tra parentesi, molto deve passare dai giocatori.
    Il mister per me, a vederlo in panchina anche a Londra, chiede molto più agonismo ad un certo punto.

  25. Nic! di errori di lettura della partita di Londra ne fa fatti ad iniziare dal primo tempo letteralmente regalato, poi i ragazzi sono stati bravi a reagire in parte nel secondo tempo e vero che con un po’ di fortuna…pero’ al rimescolamento delle pedine in campo da parte di pochettino lui non ha trovato contromisure..vero la rosa è corta ma mi da sempre la sensazione che sia in ritardo in tutte le decisioni che dovrebbero essere immediate, legge in ritardo colpevole qualsiasi nuova situazione sul campo, tentenna, la crescita di una squadra non viene determinata da una posizione scalata in classifica lui allena l’inter da 2 anni e crescita ne vedo poca.

  26. Il discorso razionalità/emozionalità è interessante.
    Per me, ricordando le mie fugaci esperienze col pallone, e guardando questa Inter, mi pare che non dipenda tanto dall’approccio dell’allenatore.

    Spalletti le partite le prepara in maniera molto simile, aggiusta qualcosa, cambia, ma alla fine il discorso è sempre lo stesso: aggredire alti, costruire dal basso, provare a imporre il proprio gioco. Poi a volte ci si riesce, a volte no, ma comunque l’impostazione di base è sempre la stessa.

    Le partite finora in cui abbiamo visto una grande emotività sono state il Tottenham all’andata, il Psv, Barcellona al ritorno, qualcosina nel derby, più le partite di quella “ondata” successiva al Tottenham, tipo Fiorentina, Samp, eccetera.

    Quello che voglio dire è che Spalletti non prepara le partite basandosi su emozionalità/razionalità. A lui spetta la razionalità. L’emozionalità viene da altri fattori, tra i quali la spinta dello stadio (non dimenticherò mai Trevisani che appena prima del gol di Icardi contro il Tottenham diceva “sale Asamoah, spinto da San Siro…”; la febbre dello stadio in quel momento era papabile fin dalla tv) e la sensazione di potercela fare.

    Se non hai la sensazione di potercela fare (esempio: Barcellona al Camp Nou) ogni emotività si spegne, muore.

  27. io stamattina ho abbozzato modestamente un modulo di formazione, l ho fatto su come ho visto giocare i ladri di stato in Europa e se metterà ancora il cc a 2 e gli esterni con perisic terzino e politano a sfiancarsi inutilmente su e giù la perdiamo, ci conoscono in Europa figurati in campionato.

  28. Report from Florence

    Trattoria Sostanza

    Crostini caldi
    Finocchiona al coltello

    Fiorentina
    Bollito in salsa verde
    Trippa al coccio
    Contorni misti (fagioli al salto e bietoline ripassate)

    Meringata ai frutti di bosco

    2 bottiglie de “Le Volte dell’Ornellaia” 2015
    Caffè
    Rum

    Amen

  29. e non sono d accordo, passi al camp nou ma al Meazza anche se all’ ultimo l abbiamo sfangata, è stata giocata veramente male, è noi non aggrediamo alto a parte il Frosinone, e se le motivazioni emozionali non ti vengono in champions non saprei dove è quando ti arriveranno.

  30. @Pearl
    Si ok, ma io non parlavo di giocare bene o male, per me le intenzioni dell’allenatore sono sempre più o meno le stesse contro qualunque avversario, poi però in campo le cose si mettono diversamente.
    Per quanto riguarda motivazioni emozionali, si la Champion’s te le porta, ma se poi ti fai prendere dallo sconforto è anche peggio, si passa all'”abbiamo mollato”. Ovviamente ci sono calciatori, tipo Vecino, che in certi momenti escono e danno il meglio di sé stessi, mentre altri, tipo Skriniar, sconforto oppure no giocano sempre bene. Però voglio dire che è un discorso molto complicato e che è difficile dare ai ragazzi certe motivazioni, le emozioni arrivano dal “dentro”di ognuno e ognuno ha modi di mostrarle diverse.
    Ma sono sicuro di essermi nuovamente spiegato male, non credo di riuscire a capire cosa penso su questo aspetto che secondo me nel calcio è importantissimo.

    @Ben
    Vedo che vi tenete leggeri!
    Avete fatto riti per esorcizzare la partita di domani?
    Un saluto a tutti

  31. pearl:
    Nic! di errori di lettura della partita di Londra ne fa fatti ad iniziare dal primo tempo letteralmente regalato, poi i ragazzi sono stati bravi a reagire in parte nel secondo tempo e vero che con un po’ di fortuna…pero’ al rimescolamento delle pedine in campo da parte di pochettino lui non ha trovato contromisure..vero la rosa è corta ma mi da sempre la sensazione che sia in ritardo in tutte le decisioni che dovrebbero essere immediate, legge in ritardo colpevole qualsiasi nuova situazione sul campo, tentenna, la crescita di una squadra non viene determinata da una posizione scalata in classifica lui allena l’inter da 2 anni e crescita ne vedo poca.

    Sulla singola partita posso accogliere la tua analisi, veramente la tengo come un prezioso altro punto di vista.

    Sulla crescita invece non sono d’accordo.
    Negli ultimi 7 anni non avevamo mai visto una difesa così buona unita ad un così grande numero di calciatori che vanno al gol. Questa è una crescita vera, degli equilibri e delle possibilità.
    Immaginate questo inizio campionato con l’andazzo di anno scorso senza i gol di Perisic.

    Poi si è alzata anche l’asticella, e quando affronti il Barcellona per me la sensazione di non averla giocata nasce più da meriti loro che da demeriti tuoi.
    Ma è il mio parere.

  32. Io vado controcorrente. Certo anche a me piacerebbe vedere una partita giocata a mille all’ora su e giù per il campo e colpo su colpo, modello Premier di una volta.
    Però mi sembra che i nostri, specie a centrocampo, non abbiano la condizione per farla e aggiungo che dovremo essere integri martedì in coppa (lì non possiamo fallire, sempre sperando che il Farsa non decida di giocare in accordo col nomignolo).
    L’atto di coraggio, secondo me , contro i ladri sarebbe aspettarli in trincea: linee strette, difesa di posizione, non concedere spazi a dypuffo e Cristiana (Se no ti castigano), obbligarli al palleggio (che non è il loro forte), correre poco nel primo tempo per avere più energie quando loro cominceranno a essere stanchi.
    Piedi buoni in aiuto di Brozovic per gestire la costruzione bassa (che è un altro modo per riposare e far correre loro) e chiamarli fuori a pressare, ed ecco perché non rinuncerei a João Mário. A costo di sentirti dire che hai messo il pullman o la portaerei davanti alla porta, farli avanzare e colpire in contropiede (ripartenza mi fa schifo).
    Se Cancelo, come pare, giocherà a sinistra, metterei Perisic dalla sua parte e Keita contro De Scoglio. Se gioca Alex Sandro, Candreva a destra e Perisic a sinistra. Icardi, come detto, a specchio su Pjanic anche se lascia liberi Bonucci e nasone (e tanto loro che fanno? Sono pericolosi sugli angoli, ma in manovra standard al massimo lanciano lungo o danno la palla a Pjanic).
    Qui non c’è da far gli sboroni, ma giocare una partita attenta (che non vuol dire rinunciataria). Poi certo, se gli danno un rigore subito salta tutto, ma andare all’assalto per pareggiare dominando il campo e il possesso potrebbe facilitare i ladri e farci finire peggio che a Talanta.

    Non so quanti la vedano come me, e mi sa che sono pochi. Se poi Spalla ci regala attimi di frizzante calcio-champagne e annichilisce i ladri nel risultato e li asfalta nel giuoco e alla fine scrosciano gli applausi degli ndranghetisti assiepati sulle tribune del cessum, e perfino Minimo Mauro si complimenta con noi, son più contento che a vedere pagine e pagine di Ruttospork o della Mazzetta dello Spork in cui ci si straccia le vesti per l’anticalcio aggiornato dai nostri

  33. Intanto stasera c’è una partita che è paragonabile al derby d’Italia.
    Il Derby del campionato CSI di Forlì.
    Stasera scenderemo in campo io e Casa per il primo posto nel girone.
    Tanti i tifosi. In uno stadio che non nasce come abuso edilizio.

    E’ il motivo per cui non sono a Firenze.
    Partiamo sfavoriti, ma mai domi.
    Almeno stasera si spera in una direzione di gara equa, visto che domani sappiamo di non poterla nemmeno desiderare.

  34. Giacomo ma non pensi che anche se le avessero sono in disarmo grazie ad una concezione di modo di gioco e di modo di essere messi in campo che ormai non produce più quello che ti eri prefissato? ma li vedi in campo che fanno sempre le stesse cose e gli stessi movimenti, io se chiudo gli occhi e sento la radio e faccio un esempio semplice quando prende palla perisic so già cosa farà dove crossa e come lo fa e così con gli altri.

  35. Nic! non ho dubbi, chiunque sia l avversario li asfaltate!

  36. pearl:
    Giacomo ma non pensi che anche se le avessero sono in disarmo grazie ad una concezione di modo di gioco e di modo di essere messi in campo che ormai non produce più quello che ti eri prefissato? ma li vedi in campo che fanno sempre le stesse cose e gli stessi movimenti, io se chiudo gli occhi e sento la radio e faccio un esempio semplice quando prende palla perisic so già cosa farà dove crossa e come lo fa e così con gli altri.

    Si ma tu parli di calcio giocato, di tecnica e schemi di gioco, non era quello il mio discorso.

  37. Nic!:
    Intanto stasera c’è una partita che è paragonabile al derby d’Italia.
    Il Derby del campionato CSI di Forlì.
    Stasera scenderemo in campo io e Casa per il primo posto nel girone.
    Tanti i tifosi. In uno stadio che non nasce come abuso edilizio.

    E’ il motivo per cui non sono a Firenze.
    Partiamo sfavoriti, ma mai domi.
    Almeno stasera si spera in una direzione di gara equa, visto che domani sappiamo di non poterla nemmeno desiderare.

    Mi sembra di sentire il suono della pioggia, del fango, delle tibie. Musica.

  38. alex sandro non c è e non capisco candreva e no non sono d accordo sulla carta persa per persa me la gioco attaccando…e basta pullman che a noi ci hanno sempre detto male!!!

  39. Giacomo:
    @Pearl
    Si ok, ma io non parlavo di giocare bene o male, per me le intenzioni dell’allenatore sono sempre più o meno le stesse contro qualunque avversario, poi però in campo le cose si mettono diversamente.
    Per quanto riguarda motivazioni emozionali, si la Champion’s te le porta, ma se poi ti fai prendere dallo sconforto è anche peggio, si passa all’”abbiamo mollato”. Ovviamente ci sono calciatori, tipo Vecino, che in certi momenti escono e danno il meglio di sé stessi, mentre altri, tipo Skriniar, sconforto oppure no giocano sempre bene. Però voglio dire che è un discorso molto complicato e che è difficile dare ai ragazzi certe motivazioni, le emozioni arrivano dal “dentro”di ognuno e ognuno ha modi di mostrarle diverse.
    Ma sono sicuro di essermi nuovamente spiegato male, non credo di riuscire a capire cosa penso su questo aspetto che secondo me nel calcio è importantissimo.

    Io non mi riferivo nemmeno allo “sconforto” e all’ “abbiamo mollato” che per me non è tollerabile.

    Io mi riferivo al fatto che Spalletti propone sempre una identità, come dici tu, che è sacrosanto proporre, perché è il modo per crescere e diventare una squadra che propone le sue qualità indipendentemente dal risultato.
    Ma poi in campo ci vuole qualcosa dai giocatori.
    Un interpretazione che dipende da loro. Capire quando uscire dagli schemi della razionalità e dalla sicurezza delle situazioni preparate dal mister per attingere a strappi emozionali.
    La Roma domenica scorsa ci ha portato in questo terreno. Quello dei continui 1vs1, dei ribaltamenti continui.

    Non penso sia una strada percorribile per crescere, ma mi piacerebbe che in queste situazioni si accendesse un poco più di lucidità e agonismo, ma spetta ai giocatori. Non è possibile che il più indiavolato sia Spalletti in panchina. E anche lucido. Perché quando è stato espulso a Roma è stato lucido a chiedere scusa ed uscire senza alzare la tensione in campo, che ci avrebbe fatto solo del male.

    Contro la rube impostarla sugli 1vs1 sarebbe pura follia.
    Ma nel caso si stesse perdendo all’70 mi dispiacerebbe vedere in campo giocatori che continuano a eseguire un compito estremamente razionale.
    A quel punto a costo di rendere poco più rotonda la sconfitta vorrei vedere iniziative più coraggiose.

  40. Giacomo: Mi sembra di sentire il suono della pioggia, del fango, delle tibie. Musica.

    pearl:
    Nic! non ho dubbi, chiunque sia l avversario li asfaltate!

    Con la vostra benedizione non posso che dare il 130%! :)

  41. Nic!:
    Con la vostra benedizione non posso che dare il 130%!

    Ricordati la pastiglietta al gusto garra charrúa da succiare nell’intervallo!!

  42. pronostico vittoria dell’inter. sono il solo?

  43. Nic!:
    Con la vostra benedizione non posso che dare il 130%!

    Palla o gamba… se poi è palla, pazienza :)

  44. modd:
    pronostico vittoria dell’inter. sono il solo?

    1-2.
    Bonucci, Icardi, Brozovic.

  45. modd:
    pronostico vittoria dell’inter. sono il solo?

    Se sei convinto vai a giocarla, che è quotata altissima :)

  46. Ben:
    Report from Florence

    Trattoria Sostanza

    Crostini caldi
    Finocchiona al coltello

    Fiorentina
    Bollito in salsa verde
    Trippa al coccio
    Contorni misti (fagioli al salto e bietoline ripassate)

    Meringata ai frutti di bosco

    2 bottiglie de “Le Volte dell’Ornellaia” 2015
    Caffè
    Rum

    Amen

    Ben… BEN FATTO DIREI!!! Congratulazioni

  47. Nic! ma infatti non devi impostata nell’ uno contro uno, devi fare densità nel cc e piazzare o politano o keita a sx vicino all’ area per sgravare il solo Icardi dalla marcatura serrata dei loro centrali, politano essendo ambidestro se gioca a sx può rientrare con l altro piede, oppure se opti per perisic lo devi mettere a sx ma davanti non terzino, devi rimescolare le carte perché diamo sempre TROPPO prevedibili e no c entra con la fase difensiva, non li batti sulle fasce li.la perdi la partita, li sfondi centralmente e con inserimenti a turno dei cc.

  48. Non faccio mai pronostici nelle partite che contano, al max scrivo che battere il Frosinone è ordinaria amministrazione…poi certo sempre FORZA INTER.

  49. Doppietta di Perseocic,
    Autogol di medusa annullato dal VAR
    Rigore parato da Handa su Pianoc
    Finale 0-2
    Invasione di campo dei tifosi del Boca che
    Hanno sbagliato stadio.
    Espulso Allegretti per minacce a Steven.
    “M” senza voto

  50. Per me l’importante sarà rimanere dentro la partita e reggere l’impatto nei primi 30′, dove noi facciamo sempre fatica e le squadre di Allegri partono sempre forte.

    Se restiamo concentrati, teniamo duro e giochiamo in maniera appena accettabile, li fottiamo appena staccano la spina, perché il problema di questa juve è proprio quello: stacca la spina ogni tanto.

    Ovviamente dovremo essere molto bravi a sfruttare gli episodi a nostro favore che inevitabilmente ci saranno, e naturalmente a non concedere troppo a loro, perché loro li sfruttano di sicuro.

  51. Giacomo: Per me l’importante sarà rimanere dentro la partita e reggere l’impatto nei primi 30′, dove noi facciamo sempre fatica e le squadre di Allegri partono semp

    Sarà anche cone dici tu, ma io vedo una tendenza diversa.
    Ultimo mese, 5 partite tra campionato e coppa, 1 solo goal subito nel primo tempo e ben 7 nella ripresa. Porta inviolata solo col Frosinão. Duole dirlo, ma stiamo accusando la fatica e la rosa corta si fa sentire.
    Spero di sbagliarmi

  52. MaistatiinB ma non abbiamo una rosa corta in campionato manca solo un cc e dalbert..il problema è che giocano sempre gli stessi perché manca la volontà di cambiare…politano non mi pareva che lo scorso anno giocasse larghissimo sulla fascia e mi pareva che non uscisse spompato dopo 70 minuti.

  53. MaistatiinB: Sarà anche cone dici tu, ma io vedo una tendenza diversa.
    Ultimo mese, 5 partite tra campionato e coppa, 1 solo goal subito nel primo tempo e ben 7 nella ripresa. Porta inviolata solo col Frosinão. Duole dirlo, ma stiamo accusando la fatica e la rosa corta si fa sentire.
    Spero di sbagliarmi

    Che stiamo accusando la fatica ci sta eccome. Bergamo, Londra e Roma sono trasferte non positive e tutte vicine tra loro. No buono.

    Però ad esempio con il Tottenham loro sono partiti forte e noi abbiamo indietreggiato subito, hanno preso la traversa e mi pare che dopo quell’episodio un po’ le cose si siano stabilizzate, loro sempre in controllo ma poi anche noi abbiamo avuto qualche occasione a fine primo tempo. Mi sembra che contro le squadre dure facciamo un po’ di fatiche a prenderne le misure (successe anche con il Psv).

    E se domani in quei 30′ non staremo sul pezzo loro ci trombano dall’inizio, perché loro partono forte, ad Allegri piace fare il golletto subito per poi vivacchiare.

  54. Nic!:
    Intanto stasera c’è una partita che è paragonabile al derby d’Italia.
    Il Derby del campionato CSI di Forlì.
    Stasera scenderemo in campo io e Casa per il primo posto nel girone.
    Tanti i tifosi. In uno stadio che non nasce come abuso edilizio.

    E’ il motivo per cui non sono a Firenze.
    Partiamo sfavoriti, ma mai domi.
    Almeno stasera si spera in una direzione di gara equa, visto che domani sappiamo di non poterla nemmeno desiderare.

    Scrivi il nome delle 2 squadre.
    E dove si svolge il match.
    Per favore…….

  55. Nic!: A me è sembrata una perculata eccezionale.
    Considerando lo strabismo di Marotta.

    Io ancora sto ridendo.

  56. C’erano una volta a Firenze
    Un musicista, un ingeniere, un dottore e un cialtrone…….

    4 ore a bere, mangiare, bere, ribere…….e parlare di tutto…..con in sottofondo storia, presente e futuro NEROBLU.

    Un piacere unico.

    La prossima si fa ad Appiano, dopo aver assistito all’allenamento.

    Domani si vince e se ne vincono sette di fila.

    Alla faccia dei gufi dei gobbi…..e di chi ci vuole male.

    Prosit.

  57. Maigob: Un piacere unico.

    Un applauso ai fratelli neroazzurri

  58. Maigob:
    C’erano una volta a Firenze
    Un musicista, un ingeniere, un dottore e un cialtrone…….

    4 ore a bere, mangiare, bere, ribere…….e parlare di tutto…..con in sottofondo storia, presente e futuro NEROBLU.

    Un piacere unico.

    La prossima si fa ad Appiano, dopo aver assistito all’allenamento.

    Domani si vince e se ne vincono sette di fila.

    Alla faccia dei gufi dei gobbi…..e di chi ci vuole male.

    Prosit.

    Un grandissimo applauso.
    Sappiate che se domani si vince lunedì dovrete rifarlo. :)

  59. …a me hanno fischiato le orecchie tutto il pomeriggio….uhhhh…eheheh…comunque non ho dubbi che vi siate divertiti…menu pesantino ma immagino buono, bravi, bravi dovete rifarlo.

  60. pearl:
    …a me hanno fischiato le orecchie tutto il pomeriggio….uhhhh…eheheh…comunque non ho dubbi che vi siate divertiti…menu pesantino ma immagino buono, bravi, bravi dovete rifarlo.

    Il mio invito per Milano è sempre valido, eh?
    😉

  61. Maigob: Scrivi il nome delle 2 squadre.
    E dove si svolge il match.
    Per favore…….

    Only Over-Real Asdebba, alla Pianta, polisportiva di un quartiere della nostra città.

    Per il prestigiosissimo titolo di Campione di Inverno del nostro campionato :)

  62. prometto che ci penserò, perché no, grazie e gentilissimo.

  63. MaistatiinB: Il mio invito per Milano è sempre valido, eh?

    Appiano non va Bene?
    Non mi dire che è lontano dai.
    Ti carichiamo su noi……..devi solo uscire di casa e aspettarci alla piazzola della tangenziale ovest.

  64. Nic!: Only Over-Real Asdebba, alla Pianta, polisportiva di un quartiere della nostra città.

    Per il prestigiosissimo titolo di Campione di Inverno del nostro campionato

    Cerco il.posto su GM.
    Tra un’ora ci presentiamo io e Modd in tribuna.
    Dicci i colori del club che compriamo all’area di servizio di Faenza il bandierone e la Trombetta.
    Inutile dirti che siamo carichi a palla.

  65. Maigob: Appiano non va Bene?
    Non mi dire che è lontano dai.
    Ti carichiamo su noi……..devi solo uscire di casa e aspettarci alla piazzola della tangenziale ovest.

    Il problema è che gli allenamenti pare siano tutti a porte chiuse… tutta la stagione…

  66. pearl: dovete rifarlo.

    DOVREMO rifarlo! 😉

  67. Ben: DOVREMO rifarlo!

    avete fatto delle foto? forza postatele…….

  68. IlSire: Il problema è che gli allenamenti pare siano tutti a porte chiuse… tutta la stagione…

    Guarda…….
    Ti prometto che tra marzo e aprile entreremo ad Appiano.
    Non ti sto dicendo che sposteremo i cinesini o faremo da raccattapalle…….ma entreremo ad Appiano e berremo il caffè dalla barista (pranzo a seguire).
    Chi vivrà vedrà.

  69. Simone: avete fatto delle foto? forza postatele…….

    No
    Perché siamo brutti.
    Intelligenti (tranne me) ma brutti.

  70. Non c’é niente da fare,
    L’acqua fa male e il vino fa cantare….
    Salute.!!

  71. Maigob: Guarda…….
    Ti prometto che tra marzo e aprile entreremo ad Appiano.
    Non ti sto dicendo che sposteremo i cinesini o faremo da raccattapalle…….ma entreremo ad Appiano e berremo il caffè dalla barista (pranzo a seguire).
    Chi vivrà vedrà.

    Io ci provo domenica, torno da Como e c’è allenamento alle 11….

  72. Maigob:
    C’erano una volta a Firenze
    Un musicista, un ingeniere, un dottore e un cialtrone…….

    4 ore a bere, mangiare, bere, ribere…….e parlare di tutto…..con in sottofondo storia, presente e futuro NEROBLU.

    Un piacere unico.

    La prossima si fa ad Appiano, dopo aver assistito all’allenamento.

    Domani si vince e se ne vincono sette di fila.

    Alla faccia dei gufi dei gobbi…..e di chi ci vuole male.

    Prosit.

    Che bello! Ecco perché mi piacciono i bauscia :)
    Per domani ho una gran paura, ma abbiamo tutto contro anche le scommesse, magari li freghiamo.
    Anche io sono per il catenaccione di Maistatiinb.
    É nel nostro dna.
    Forza Nic!

  73. Maigob: Cerco il.posto su GM.
    Tra un’ora ci presentiamo io e Modd in tribuna.
    Dicci i colori del club che compriamo all’area di servizio di Faenza il bandierone e la Trombetta.
    Inutile dirti che siamo carichi a palla.

    Ahah oddio, ma seriamente? Io da voi mi aspetto di tutto
    La partita sarà alle 21, ahaha

  74. Suzie Q: Che bello! Ecco perché mi piacciono i bauscia
    Per domani ho una gran paura, ma abbiamo tutto contro anche le scommesse, magari li freghiamo.
    Anche io sono per il catenaccione di Maistatiinb.
    É nel nostro dna.
    Forza Nic!

    Come calmante ti consiglio
    Di vedere su youtube….
    Giuve-Inter 1-3
    29/11/2003
    11a giornata
    Meglio della valeriana :)

  75. Nic!: Ahah oddio, ma seriamente? Io da voi mi aspetto di tutto
    La partita sarà alle 21, ahaha

    Nome e colore sociale del tuo club …….grazie
    Vorremmo fare il tifo per la squadra giusta.
    A dopo.