L’ultima settimana

Ci siamo. Tra otto giorni inizia il massimo campionato di calcio, inizia la Serie A. Tutto il mondo nerazzurro, unico mondo che ha sempre accompagnato, di anno in anno, la sua storia con quella del massimo campionato, è in fibrillazione. Si comincia, con il primo incontro subito ostico contro il Sassuolo del più grande rosicatore della serie A, mr. Squinzi, e poi esordio in casa contro l’ex dal dente avvelenato Mazzarri. Biglietti per San Siro già praticamente introvabili, abbonamenti terminati da tempo.
C’è una voglia incredibile. C’è elettricità nell’aria, c’è quella sensazione di dover spaccare il mondo che è da lustri che non si percepiva. Si respira adrenalina pura. Una settimana, e finalmente si comincia.
Come si arriva ai nastri di partenza? Sicuramente meglio rispetto alle ultime stagioni (per alcune delle quali non ci sarebbe voluto a dire il vero troppo sforzo); la squadra è carica, i protagonisti hanno già un livello di garra da codice rosso, la qualificazione in Champions’ ha sbloccato qualcosa, a livello progettuale ed economico certo, ma soprattutto mentale. Ha instillato un seme carico di convizione che sta pian piano sbocciando nella testa dei nostri calciatori.
Siamo forti, davvero. E’ ora che si inizi ad esserne convinti.
inter-OK-3-800x500
Non tutti i tasselli sono ancora al proprio posto però. La rosa va ancora sistemata, vanno allontanati elementi che non si meritano dal punto di vista umano prima che tecnico di vestire i sacri colori (Ciao Mario, ciao!), altre cessioni saranno propedeutiche agli ultimi innesti (Keita pare in dirittura d’arrivo e secondo me il suo apporto potrà essere fondamentale), alcuni sogni balcanici si capiranno se realizzabili, oppure no. La rosa ha già qualche acciaccato di troppo ed alcuni tasselli fondamentali sono ovviamente non presentabili al momento (i croati sono arrivati pochi giorni fa e devono ancora svolgere tutta la preparazione), quindi sarà fondamentale partire subito con la giusta concentrazione per cercare di non perdere preziosissimi punti per strada, proprio all’inizio.

Manca una settimana, l’ultima, e poi si inizierà quello che tutti noi speriamo essere l’anno della definitiva rinascita del blu e del nero. Un purgatorio durato tanto, troppo, che va abbandonato. Un torpore durato anni da cui dobbiamo scrollarci. Una mediocrità che non ci appartiene, che non è nel nostro dnA (la A maiuscola, please). Sempre da soli, contro stampa, contro i principali rivali che non perdono occasione per rinsaldare la loro amicizia storica, contro una mentalità che abbiamo sempre rifiutato, ad ogni costo. Stringiamoci l’un l’altro e rimaniamo saldi, questo sarà un anno di battaglia.

Insieme, noi, l’Inter.

About Vujen

Classe '85, marchigiano, ex-petroliere in carriera e musicista fallito. Appassionato di fotografia, Balcani e di calcio straniero, specialmente francese. Non ha mai visto l'Inter vincere al Meazza. I suoi pupilli sono Walter Samuel e l'indimenticabile Youri Djorkaeff.

2.202 commenti

  1. sandrex: secondo me il fatto è che ci ritroviamo, alla luce di quanto visto ieri ma magari poi ingraniamo a palla e cambia tutto, con la solita prospettiva di un’annata da terzo-quarto posto, che magari va bene a tutti ma che dopo le esaltazioni estive e le dichiarazioni di Spalletti sulla lotta scudetto portava ad aspettarsi ben altro.
    E parla uno che non ha visto manco mezzo secondo delle amichevoli estive e leggeva commenti a fiume su “squadra tosta, quadrata, mercato da 8 anzi da 10,lautaro bisogna subito aumentargli ingaggio e mettere clausola a 300 milioni” ecc ecc..chiaro che uno ingenuotto come me si appresta a vedere la prima di campionato aspettandosi tuoni e fulmini e si trova davanti allo stesso cannovaccio già visto.

    Se prepari le partite come ieri.
    Se giochi come ieri.
    Se le vivi con la cattiveria di ieri…..
    Non arrivi ne terzo ne quarto…..e nemmeno settimo

  2. Sandrex: Quindi cercare di fare come il napoli l’anno scorso, e quindi – con quella prospettiva – essere OGGI molto delusi per la partita di ieri.
    Insomma quello che dicevo 2 ore fa prima dei vari distinguo nelle vostre risposte

    Gorgia