Siamo stufi.

L’ideale sarebbe recuperare l’ultimo post di Python per ripeterlo come un mantra.
Non ci sarebbe molto da aggiungere, se non qualche tonnellata in più di insulti verso un manipolo di milionari senza spina dorsale, capaci soltanto di trovare il capro espiatorio di turno e di evitare come la peste persino la più piccola assunzione di responsabilità.
Il tutto mentre Zanetti neppure si spettina e nessuno batte un colpo, tranne i soliti ex allenatori e giocatori intervistati qua e là dagli aggregatori e capaci di dispensare consigli degni di una chiacchierata al bar alle 7 di mattina, o il solito Moratti e il suo parere non richiesto.

Nessun sussulto, neanche l’orgoglio personale o la voglia di ringraziare con una prestazione quantomeno degna di tal nome i tanti che ancora, innamorati e incoscienti, si ostinano ad andare allo stadio per regalare tempo e soldi a questi stronzi senza dignità.
Un quarto d’ora di calcio modesto e poi tutto si squaglia come neve al sole dinnanzi all’irresistibile Iemmello. Iemmello, porca puttana.

Tranne poche, pochissime eccezioni, questo gruppetto di egoisti del calcio non ha la più pallida idea non solo di cosa sia l’Inter, ma di cosa significhi
onorare un impegno. Impegno peraltro profumatamente pagato e, al contrario di gran parte dei lavori per noi comuni mortali, al riparo da licenziamenti in tronco o penalizzazioni gravi sullo stipendio. Un calciatore, per quanto schifo faccia durante la stagione, cade sempre in piedi, quando invece meriterebbe soltanto colossali pedate nel culo e merda spalmata in faccia.

Siamo stufi dei D’Ambrosio che, serafici e pettinatissimi, vanno in televisione a raccontarci che loro hanno mollato dopo il pareggio di Torino (lui tra l’altro fu tra i maggiori responsabili dei 2 gol subiti), perché il Napoli ha vinto e quindi la distanza dal terzo posto a quel punto si era fatta incolmabile. 5 incolmabili punti con uno scontro diretto e nove giornate ancora da giocare.
Vai a fare in culo Danilo. Non soltanto per la sconcertante dichiarazione di resa, quanto per tutto quello che fa trapelare, il famoso “non detto” che poi è  sotto gli occhi di tutti: non una squadra, ma un’accozzaglia di prime donne che si arrendono alla prima difficoltà, perché tanto c’è chi paga per loro, c’è chi (non) ci mette la faccia al posto loro e soprattutto c’è chi puntualmente garantisce un bonifico che non lascia preoccupazioni.

Siamo stufi dei Nagatomo e degli scarsi che dovrebbero sentirsi miracolati dal poter indossare una maglia come quella nerazzurra e invece si offendono se un tifoso dice loro che sono delle seghe sesquipedali, siamo stufi dei dirigenti dal credito infinito di ex calciatori che si nascondono dietro un dito e non saprebbero farsi rispettare neppure dalla suocera, siamo stufi delle dichiarazioni post-partita dove si richiama l’attenzione allo spirito di gruppo, al “sono tutte finali”, al “Non deve sfuggirci l’obiettivo europeo”, quando poi il campo dice chiaramente quanto non freghi un cazzo a nessuno né del gruppo, né dell’Europa, né del sudare dando una parvenza di impegno alla propria presenza in campo.

Siamo stufi di mancate ricostruzioni post-Triplete, di allenatori macinati come pepe nero, di scelte tecniche improbabili, indecenti o senza senso, siamo stufi di arrivare a gennaio/febbraio con
la voglia di fare tutto tranne che seguire l’Inter perché non ne vale già più la pena e ogni parvenza di obiettivo è già sfumata.

Vecchi difetti

Vecchi difetti

Siamo stufi di perdere decine di partite non perché la rosa non sia all’altezza o perché l’avversario sia stato più bravo, ma perché chi va in campo pensa soltanto a sè stesso e sa che a lui poco cambierà nella vita, che si tratti di Inter o di un’altra squadra.
Siamo stufi di gente che parla a vanvera, di promesse mai mantenute, di improvvisazione, di sberleffi, di guardare gli altri che crescono e comunque lottano o ci provano, mentre l’unico impegno di molti dei nostri è tirar fuori un selfie decente su Instagram.
Siamo stufi di non aver più neppure il minimo stimolo per scrivere in questo splendido blog, che da sempre fa dell’autoironia il proprio punto di forza e che adesso non ci trova più un cazzo da ridere. Perché dopo il 2010 ci hanno condannati di nuovo a tutto questo, e sarebbe ora di finirla.

Vorrei quindi che finalmente arrivasse un Anno Zero degno di tal nome, capace di fare tabula rasa di tutti i parassiti che ruotano in orbita Inter, calciatori e colletti bianchi, talpe e giornalisti prezzolati. Mansioni chiare, ruoli ben definiti, poteri strutturati in modo puntuale, regole uguali per tutti e da seguire alla lettera, punizioni esemplari per chiunque sgarri, sia esso il più importante della rosa o l’ultima delle riserve. Vorrei gente con le palle quadrate, dentro e fuori dal campo, gente che si prenda a schiaffi da sola o che prenda a schiaffi i compagni se ciondolano per il campo, gente che vada in tv a dire “facciamo cacare e chiediamo scusa a tutti i tifosi” mentre la società interviene per farli marcire in tribuna fin quando non avranno imparato la lezione.
Vorrei Uomini in nerazzurro, di quelli con la U maiuscola, vorrei una società capace di fare scelte nette e creare sinergie per poi difenderle a spada tratta perché su queste si è impostato un lavoro vero e a lungo termine che non costringa al delirio di questa stagione, con un presidente fantoccio che fa il bello e il cattivo tempo e una squadra che si sente deresponsabilizzata ancor prima di cominciare il campionato.

Suning ha una grande occasione, finalmente: utilizzare i tanti soldi che ha nel modo giusto, per dare un senso a questa Inter, che ha smarrito la propria identità da tanto, troppo tempo.
Ben vengano i Sabatini, gli Oriali, quelli che vivono e sanno di calcio e chiunque sia il nuovo allenatore, a patto che sia anche il risultato di una scelta condivisa e ben ponderata. L’importante è che poi anche il campo presenti uomini veri, prima che giocatori, capaci di valorizzare al meglio l’immensa fortuna che hanno: quella di indossare una maglia che tutti noi possiamo soltanto sognare e quella di riportare l’Inter nel calcio che conta prendendo anche un sacco di soldi per poterlo fare.

Addio agli indegni, benvenuto a chi dimostrerà che nel calcio c’è ancora voglia di regalare un sorriso ai propri tifosi uscendo con la maglia madida di sudore e la faccia stravolta dalla fatica.

Perché, come già scriveva Python, nessuno deve permettersi di venir meno all’impegno preso con l’Inter. E non deve esserci bisogno di un dirigente che glielo ricordi ogni maledetta domenica.

About NicolinoBerti

Nasco meritatamente in provincia di Livorno e capisco immediatamente di non voler fare nulla nella vita. Ci sono brillantemente riuscito fino ad ora. Amo l'Inter dal 1987. Walter Samuel mi ha lasciato senza neanche un bacio d'addio, adesso attendo l'arrivo di qualcuno altrettanto cattivo. Odio il 352.

1.005 commenti

  1. Sono in giro….i gobbi con le sciarpe che festeggiano hanno tutti la faccia da pene. Sembrano fatti tutti con lo stampino. Vi consiglio d uscire. Uscite e pensate che noi siamo superiori. Juve merda

  2. ….mah io non abito a crotone o cosenza, non sento clacson, possono vincere altri 50 scudi, sono farlocchi certificati, come questo e come gli altri prima…..x quanto riguarda ausilio spererei nel suo licenziamento entro e non oltre la prox settimana, quell’uomo e’ in malafede, lavora male, non puo’ rimanere, non mi fido del suo mercato, ci ha gia rovinato abbastanza in questi anni, vada a fare le trattative x i gonzi, pagato da loro e non dall’Inter perché mi sembra che abbia comunque agevolato le altre squadre abbastanza, portando ad appiano una marea di cialtroni, pippe, e mezze pippe.

  3. Johnny®:
    Qui a Torino non ho ancora sentito un clacson che sia uno… ormai non frega più un cazzo neanche a loro di festeggiare sti scudetti di default.
    Ci furono ben altre reazioni al primo dei sei vinto da Conte.

    Aspettano il Triplete…
    Non ci voglio pensare!!!
    Anche qui,feudo gobbissimo,non vola una mosca…
    La quiete prima della tempesta!
    A che ora giochiamo stasera?

  4. Il potere di quest’uomo è illimitato,fermatelo.
    dice sandrex su auxilium.
    a me non interessa se sandrex lo pensa o fa il suo solito sarcasmo.
    a me non interessa se il suo potere è illimitato o no.
    fermatelo!

  5. Depressedone: È finita e meno male il settimo rasenta l’impossibile grazie a dio

    Il Lione ne ha infilati 7 nella prima decade del 2000

  6. alle 20.45….a me dispiace che l’Inter non sia in el….ma ci volevo andare dalla porta principale, non da sesti, lascio ai gonzi questa ”meravigliosa” impresa e alla faccia da culo di quel nano di montella, un orgasmo la prima partita al 27 luglio….sara’ bello vederli miseramente crollare a dicembre, senza nessuna quali x la Champions e ovviamente nessuna partita post eventuale girone.

  7. Stasera ci si tira su il morale: Gioca l’Inter.

  8. sergente, è chiaro che aspettano il triplete. se c’è una cosa che non sopportano è non essere primi. anche a pari merito ma primi.
    i gonzi festeggeranno solo lì, questo dimostra che per loro battere ariomma e onapule non dà nessuna soddisfazione.
    ti dirò di piu’, festeggeranno solo il triplete. la cempions è solo un accessorio del triplete.

  9. ….aspetterei prima di parlare di festeggiamenti….certo a meno che voi non sappiate gia che zidane e il real si schieneranno, anche loro, allora mi arrendo.

  10. interella, dear, ma tu pensi veramente che il real non prenda gol con quella difesa colabrodo che si ritrova?

  11. Anno horribilis da tutti i punti di vista, record negativo di punti, dietro ai gonzi(squadra da 3 cent.) e con i gobbi che faranno 6 trofei su 6.

    Disgusto

  12. Rizzoli ” Non è vero che a Napoli è stata la mia ultima partita ” ed ha aggiunto…” Agnelli non mi ha ancora comunicato niente, decideremo insieme nei prossimi giorni….”…

  13. Ausilio sei nella storia dell’Inter. Sarai ricordato come colui che ha costruito una squadra incapace di vincere per nove partite consecutive . Come colui che ha costruito una squadra che ha fatto ridere tutta l’Italia. Come colui che ha regalato aitifosi interisti momenti (di vergogna) indimenticabili. Come colui che questa sera , per la prima volta, mi ha tolto qualsiasi voglia di vedere una partita della mia squadra. Complimenti .

  14. Una cosa per un periodo è sembrata funzionare e giustamente è stata smembrata… Kondo-Gaglia.
    Hanno intenzione di violentarci fino all’ultimo con Medel, Eder e la merda di Brozovic.
    Ormai li odio, la maggior parte di questi non vorrei mai più rivederli con i nostri colori addosso.

  15. Giuseppe57:
    Ausilio sei nella storia dell’Inter. Sarai ricordato come colui che ha costruito una squadra incapace di vincere per nove partite consecutive . Come colui che ha costruito una squadra che ha fatto ridere tutta l’Italia. Come colui che ha regalato aitifosi interisti momenti (di vergogna) indimenticabili. Come colui che questa sera , per la prima volta, mi ha tolto qualsiasi voglia di vedere una partita della mia squadra. Complimenti .

    Amara verità….

  16. Johnny®:
    Una cosa per un periodo è sembrata funzionare e giustamente è stata smembrata… Kondo-Gaglia.
    Hanno intenzione di violentarci fino all’ultimo con Medel, Eder e la merda di Brozovic.
    Ormai li odio, la maggior parte di questi non vorrei mai più rivederli con i nostri colori addosso.

    Ti ripeto, per motivi morali o per motivi tecnici NON NE SOPPORTO PIÙ NEANCHE UNO…..

  17. Dovremmo inondare di messaggi di protesta la sede dell’Inter,Interchannel e tutte le redazioni sportive di maggior seguito!
    Milioni di messaggi incazzati!!!
    Io ho già cominciato!!!!
    Stagione 2017/18 o si cambia musica o san siro deve rimanere deserto!!!
    Io adesso vado a fare il bagno ai miei pargoli e in culo a quei senza palle che indossano immeritatamente la nostra gloriosa maglia!

  18. Tra l’altro ci stanno massacrando pure quella!
    Maledetti!

  19. Ma gioca ancora Medel??? Ma basta!!!!! Che imbarazzo….

  20. Dichiarazioni pre-partita di Ausilio:

    ——————-
    Poco prima dell’inizio di Lazio-Inter, il direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio si presenta ai microfoni di Premium Sport per parlare della gara di stasera ma anche del futuro del club nerazzurro. Partendo, inevitabilmente, da un chiarimento in merito alle parole pronunciate nei giorni scorsi che tanto hanno fatto discutere:

    Ha voluto dare la scossa o non si aspettava che uscissero?
    “Si è detto tanto, ma ero in un contesto particolare, davanti ad interlocutori diversi come studenti di giurisprudenza. Poi sono uscite e non è stato bello, ma mi sono chiarito con la società. Ora pensiamo al bene dell’Inter, questo è il passato per me. Sulle reazioni? Sono quelle di chi ha analizzato poco quello che è stato detto. Con la società sono serviti 10 minuti per chiarirmi, ora dobbiamo vedere come sarà l’Inter del futuro. Stiamo valutando atteggiamenti, comportamenti, poi insieme a nuovi calciatori e all’allenatore cercheremo di fare una nuova Inter”.

    Chi sarà quindi l’allenatore?
    “Ho detto le caratteristiche, poi ho citato sette squadre, sono state riportate quattro e ho sorriso. Il nuovo tecnico deve conoscere il calcio italiano e le cose dove l’Inter deve migliorare. Abbiamo idee in testa, le svilupperemo e faremo la scelta migliore”.

    Ma è possibile che non si riesca a gestire le dichiarazioni dei giocatori in un momento difficile come questo?
    “Sono molto attento a queste cose, in passato qualcuno è stato punito per uso dei social non corretti, ora dobbiamo essere più calmi nell’analizzare le cose. Frasi come quella di Gabigol possono voler dire tutto e nulla, lasciano il tempo che trovano. Avesse detto altro sarei preoccupato (poi arriva la precisazione sul significato del tweet, ndr). Dobbiamo essere tutti più seri e cercare di migliorare per far bene la prossima stagione, stiamo preparando la squadra attraverso un confronto tra di noi”.
    —————-

    Io sinceramente credo dovrò iniziare un corso di yoga.

  21. Il_Casa: Dichiarazioni pre-partita di Ausilio:

    ——————-
    Poco prima dell’inizio di Lazio-Inter, il direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio si presenta ai microfoni di Premium Sport per parlare della gara di stasera ma anche del futuro del club nerazzurro. Partendo, inevitabilmente, da un chiarimento in merito alle parole pronunciate nei giorni scorsi che tanto hanno fatto discutere:

    Ha voluto dare la scossa o non si aspettava che uscissero?
    “Si è detto tanto, ma ero in un contesto particolare, davanti ad interlocutori diversi come studenti di giurisprudenza. Poi sono uscite e non è stato bello, ma mi sono chiarito con la società. Ora pensiamo al bene dell’Inter, questo è il passato per me. Sulle reazioni? Sono quelle di chi ha analizzato poco quello che è stato detto. Con la società sono serviti 10 minuti per chiarirmi, ora dobbiamo vedere come sarà l’Inter del futuro. Stiamo valutando atteggiamenti, comportamenti, poi insieme a nuovi calciatori e all’allenatore cercheremo di fare una nuova Inter”.

    Chi sarà quindi l’allenatore?
    “Ho detto le caratteristiche, poi ho citato sette squadre, sono state riportate quattro e ho sorriso. Il nuovo tecnico deve conoscere il calcio italiano e le cose dove l’Inter deve migliorare. Abbiamo idee in testa, le svilupperemo e faremo la scelta migliore”.

    Ma è possibile che non si riesca a gestire le dichiarazioni dei giocatori in un momento difficile come questo?
    “Sono molto attento a queste cose, in passato qualcuno è stato punito per uso dei social non corretti, ora dobbiamo essere più calmi nell’analizzare le cose. Frasi come quella di Gabigol possono voler dire tutto e nulla, lasciano il tempo che trovano. Avesse detto altro sarei preoccupato (poi arriva la precisazione sul significato del tweet, ndr). Dobbiamo essere tutti più seri e cercare di migliorare per far bene la prossima stagione, stiamo preparando la squadra attraverso un confronto tra di noi”.
    —————-

    Io sinceramente credo dovrò iniziare un corso di yoga.

    altre dichiarazioni ridicole e altra figura di merda..nessun licenziamento.niente di niente

    se non si accorgono di quanto questo individuo sia inadeguato e dannoso direi che i cinesi davvero non capiscono un cazzo……..

    imbavagliatelo!!!!!!!!!!

  22. A questo punto Mr Zhang junior mi ricorda il trota.

  23. Ripeto qui cè del dolo. Probabilemte qualcuno ha qualcosa in mano contro Moratti e lo ricatta per far andare fuori dai gangheri la,cosa PIU IMPORTANTE CHE HA UNA SQUADRA: I TIFOSI.
    È tutto così scandalosamente vero , è in atto un attacco devastante contro l’Inter che parte dal suo interno.
    Ken shiro sabatini salvaci tu

  24. Svezia-Canada finale dei mondiali di hockey è molto più interessante

  25. Olympiakos-Fenerbahce finale di eurolega è molto più interessante

  26. Le ultime 5 esternazioni di Ausilio sono da denuncia per danni, altro che licenziamento.
    Ultimi colpi di coda o qualcosa di ancora più grosso? I dubbi sono legittimi ormai.
    Non vorrei che ci trovassimo di fronte ad un insider piuttosto che ad uno soltanto inadeguato.

    Intanto vedo che siamo sulla buona strada per battere il record negativo.

  27. Murillo, sarebbe troppo facile scrivere che è una merda. Quindi non vedo perché fare fatica proprio oggi: Murillo è davvero una merda. Scarso scarso.

  28. I coraggiosi in curva se ne stanno andando. Che tristezza finire così…

  29. Nessuno, non deve restare nessuno. Merde.

  30. Difesa Inter di questa sera : Santon, d,Ambrogio, nagatomo,andreolli. La peggiore e scandalosa di tutta la serie A e di tutta la serie B È chiaro che quando Ausilio, Zanetti e company parlavano di qualificazione Champion prendevano per il culo tutto il popolo interista. Vergogna.