Empoli-Inter: la partita

About Twintercronache

Le #twintercronache di tutte le partite dell'Inter. Live su @Bausciacafe

187 commenti

  1. @mauro
    Sono curioso di sapere il contenuto della risposta di Sky alla tua mail ( se mai ci sarà una risposta ovviamente)

  2. Con la primavera che ci ritroviamo comincio a pensare che Frank sia l’allenatore giusto perché abituato a lavorare con giocatori giovani e non si fa scrupoli a farli giocare in prima squadra

  3. A proposito di F.P.F.
    E’ bene ricordare che qualunque Società (comprese le Società calcistiche) deve sottostare alle leggi penali e civili del paese in cui opera.
    Se una Società, per motivi non sempre addebitabili ad una cattiva gestione ma anche a circostanze impreviste, non raggiunge il pareggio di bilancio ed è gravata da forti debiti che non riesce ad estinguere è costretta a portare i ‘libri in tribunale’. Il F,P.F. non c’entra un piffero.
    A quanto risulta ufficialmente, se non si vuole dar credito al pettegolezzo di qualche ‘gola profonda’ di Appiano, l’Inter di Massimo M. non si è mai trovata in questa situazione. L’espressione ‘sull’orlo del fallimento’ ovviamente non vuol dire niente.
    I Codici Civili e Penali prevedono (per farla breve) che se una qualunque Società in crisi trova chi ci mette i soldi per ripianare i debiti e presenta un piano credibile di ristrutturazione e di risanamento, può ricominciare a procurarsi le risorse che le permettono di ritornare rapidamente al successo.
    Il F.P.F. del solerte Platini prevede invece che una Società in crisi non possa rinforzarsi neppure se ha trovato qualcuno con i soldi ma debba spurgare i suoi peccati per anni (come le lumache nella segatura). Quindi una Società come l’Inter che ha avuto un periodo difficile sarebbe costretta a vendere i suoi gioielli e quindi a diventare sempre più debole anche se ha trovato chi caccia i dané. In altre parole, chi è forte diventa sempre più forte e chi è debole sempre più debole (pensate al bel Le Roi e vedete se non vi viene in mente niente da applicare al campionato italiano).
    Per fortuna la Cina è vicina e con questi non si scherza.

  4. Lb

    Molto esaustivo.
    Ma tanto ci sarà sempre qualcuno che si riempirà la bocca coi “libri in tribunale ” per sfogare le proprie antipatie

  5. Credo sia meglio non fare confusione sull´argomento Societario, evitare termini del tipo “Codice Penale”,
    “Libri in Tribunale”, “Fallimento”.
    Siccome si sta parlando di una Societá per Azioni, chi veramente é interessato a sapere tutte le fasi che, dal giugno 2015 al giugno 2016, hanno portato al cambio azionario e Societario, possono farlo tranquillamente.
    Un consiglio, se non siete afferrati in materia vi garantisco una noia pazzesca.
    Quello che deve interessare a tutti é che, come ho detto sopra, il passato é passato, il presente é di forti cambi, il futuro se tutto va bene, sará di molti successi.
    Tranquilli che siamo in buone mani.
    Mi raccomando domani con il Bologna di Donadoni……Forza ragazzi e
    Forza Inter!!!

  6. l.b.: In altre parole, chi è forte diventa sempre più forte e chi è debole sempre più debole (pensate al bel Le Roi e vedete se non vi viene in mente niente da applicare al campionato italiano).

    Molto esaustivo.
    Ma tanto ci sarà sempre qualcuno che si riempirà la bocca “esaltando” le vittorie dei gobbi.

  7. O forse arrivi quinto e manco risani.

    Sandrex:
    Comunque anche gli sprovveduti possono intuire che con gli ibra,gli eto’o e i mourinho ti indebiti ma vinci,mentre coi gargano,kuzmanovic e jonathan risani ma arrivi quinto.
    Quindi basta solo capire cosa si vuole da tifosi e non da ragionieri

  8. bellins: Molto esaustivo.
    Ma tanto ci sarà sempre qualcuno che si riempirà la bocca “esaltando” le vittorie dei gobbi.

    Già tornato dal carosello con Gattuso?

  9. Sandrex: Già tornato dal carosello con Gattuso?

    C’è l’hai ancora il biglietto di udinese – bjuve del 2002 ?

  10. bellins: C’è l’hai ancora il biglietto di udinese – bjuve del 2002 ?

    Obiang

  11. Sandrex: Obiang

    Van Gaal, Sqhaq(u cit.)iri e Podolski

  12. bellins: Van Gaal, Sqhaq(u cit.)iri e Podolski

    Forse intendevi Squqiri.
    Ah per Podolsky avevi le mutande croccanti pure tu,cerca su google

  13. Sandrex: Forse intendevi Squqiri.
    Ah per Podolsky avevi le mutande croccanti pure tu,cerca su google

    Forse intendevi Podol…Sky

    Mai fidarsi di quelli che cercavano di convincerti che confermare Mazzarri era cosa buona e giusta.

  14. bellins: Forse intendevi Podol…Sky

    Mai fidarsi di quelli che cercavano di convincerti che confermare Mazzarri era cosa buona e giusta.

    Minchia ma ti venisse mai una battuta riuscita o perlomeno meno divertente.
    Mai eh
    Dai cerca le tue castronerie,che ti passi un po’via: gennaio 2015,ma è l’ultima volta che ti aiuto eh minus

  15. Sandrex: Minchia ma ti venisse mai una battuta riuscita o perlomeno meno divertente.
    Mai eh
    Dai cerca le tue castronerie,che ti passi un po’via: gennaio 2015,ma è l’ultima volta che ti aiuto eh minus

    Podol…SKY ?

    Canale 212

  16. Sandrex: minus

    gobbus

  17. bellins: Podol…SKY ?

    Canale 212

    Adesso fa riderissimo

  18. Sandrex: Adesso fa riderissimo

    Era solo “perlomeno meno divertente” (cit.)

  19. Voglio la rosa del Las Palmas ed anche un po di Asensio…

  20. Ci sarebbe da interrogarsi non poco sul mercato del Chelsea – più che altro.

    Acquistato Kanté, giocatore che probabilmente aveva trovato la sua dimensione al Leicester, certamente non un giocatore da top team (strutturalmente e tecnicamente) per 35 milioni di euro. Acquistato David Luiz per 40 milioni di euro, uno dei difensori più scarsi e sopravvalutati della storia moderna. Poi un colpo di genio: acquistato Marcos Alonso a 23 milioni di euro, salvo considerare il fatto che a sinistra il Chelsea avesse già Azpilicueta, mentre a destra non hanno letteralmente nessuno e vi adattano – con risultati che vi invito ad immaginare – Ivanovic, che ormai non ha più il passo per giocare esterno.

    Sono letteralmente 98 milioni di euro buttati. Letteralmente. Sono rimasti, parallelamente a questo, giocatori sopravvalutati, gregari e giocatori bolsi e finiti che non hanno più niente da dare a Londra (per mancanza di acquirenti disposti a pagargli i contratti).

    In tutto questo casino, a parer mio, si sono spesi altri 40 milioni per un attaccante sicuramente giovane e di prospettiva (Michy Batshuayi), che però di fatto ricopre il ruolo di riserva di Diego Costa. Spesi praticamente 140 milioni di euro come peggio si potevano spendere.

    Una squadra da ribaltare come un calzino: questo per me è il Chelsea oggi.

  21. Il_Casa:
    Ci sarebbe da interrogarsi non poco sul mercato del Chelsea –più che altro.

    Acquistato Kanté, giocatore che probabilmente aveva trovato la sua dimensione al Leicester, certamente non un giocatore da top team (strutturalmente e tecnicamente) per 35 milioni di euro. Acquistato David Luiz per 40 milioni di euro, uno dei difensori più scarsi e sopravvalutati della storia moderna. Poi un colpo di genio: acquistato Marcos Alonso a 23 milioni di euro, salvo considerare il fatto che a sinistra il Chelsea avesse già Azpilicueta, mentre a destra non hanno letteralmente nessuno e vi adattano – con risultati che vi invito ad immaginare –Ivanovic, che ormai non ha più il passo per giocare esterno.

    Sono letteralmente 98 milioni di euro buttati. Letteralmente. Sono rimasti, parallelamente a questo, giocatori sopravvalutati, gregari e giocatori bolsi e finiti che non hanno più niente da dare a Londra (per mancanza di acquirenti disposti a pagargli i contratti).

    In tutto questo casino, a parer mio, si sono spesi altri 40 milioni per un attaccante sicuramente giovane e di prospettiva (Michy Batshuayi), che però di fatto ricopre il ruolo di riserva di Diego Costa. Spesi praticamente 140 milioni di euro come peggio si potevano spendere.

    Una squadra da ribaltare come un calzino: questo per me è il Chelsea oggi.

    Aggiungo: escluso Terry (ormai vecchio e pure infortunato adesso) questa squadra non ha un leader. Non ci sono figure in grado di caricarsi i compagni sulle spalle. Si vede come manchino figure come Drogba, Lampard e altri giocatori di quel tipo.

    Storie già viste insomma.

  22. avete notato il solito culo della giuve, che anche ieri ha sbagliato formazione?
    a Palermo ci salti fuori. in Europa no.
    si, e’ una gufata.
    troppi bocconi amari per perdonarla.
    vado a prendere un caffe’, saluti a tutti.

  23. caffe’ con giornale. uno dei pochi sani e santi riti rimasti nella nostra devastata società.
    pensierino, leggendo di kia e Marquinhos…
    non e’ che nel calcio di oggi se vuoi battere la giuve il bilan etc devi trovare un mediatore piu’ forte di al capone…com’è che si chiama…ragliola
    ergo: il calcio dei mediatori.
    proverbio del mattino:
    raglio d’asino non sale al cielo.
    bellissimo

  24. @modd
    Sicuro di non averlo corretto il caffè?
    Si scherza…ho letto anch’io di Kia e Marquinhos. Magari, un centrale ’94 del genere in coppia con Miranda sarebbe da strabuzzare gli occhi. Non credo il PSG lo molli, ma anche solo il fatto che la notizia oggi sia credibile, ci dice che si sta definitivamente svoltando.

  25. L.b. Esatto. Hai spiegato perfettamente i meccanismi. Infatti se MM non vendeva portava i libri in tribunale perche’ non sapeva come venirne fuori. La stabilizzazione e rinegoziazione del debito saldato verso banche italiane ( quelle che volevano i piccioli indietro) e spostato verso altri creditori esteri l’ha fatta Thoir. Ora Suning garantisce una solidita’ economica che garantisce i debiti dei quali non viene chiesto rientro avendo palese copertura. E giustamente lo stato debitorio, e il fatto che il bilancio era in rosso profindo, l’Inter non guadagnava un caxxo, ha fatto scattare le norme infami del fpf sapientemente pensate dal gobbo corrotto francese. Sembra pero’ palese che a questa situazione si e’ arrivati per pessima gestione e non per sfortuna. Poi sul fatto di odio personale o scuse per attaccare lascio queste meschine considerazioni ad altri. Io non amo e non odio, constato e prendo atto in relazione a chiunque gestisca l’Inter. Thoir e Suning compresi. E l’Inter, mi spiace dirlo, i fatti lo dimostrano, era gestita alla caxxo, se permetti il francesismo. Le gioie regalateci dal 2010 in poi ne sono la prova. Fine.

  26. Il_Casa:
    Ci sarebbe da interrogarsi non poco sul mercato del Chelsea –più che altro.

    Acquistato Kanté, giocatore che probabilmente aveva trovato la sua dimensione al Leicester, certamente non un giocatore da top team (strutturalmente e tecnicamente) per 35 milioni di euro. Acquistato David Luiz per 40 milioni di euro, uno dei difensori più scarsi e sopravvalutati della storia moderna. Poi un colpo di genio: acquistato Marcos Alonso a 23 milioni di euro, salvo considerare il fatto che a sinistra il Chelsea avesse già Azpilicueta, mentre a destra non hanno letteralmente nessuno e vi adattano – con risultati che vi invito ad immaginare –Ivanovic, che ormai non ha più il passo per giocare esterno.

    Sono letteralmente 98 milioni di euro buttati. Letteralmente. Sono rimasti, parallelamente a questo, giocatori sopravvalutati, gregari e giocatori bolsi e finiti che non hanno più niente da dare a Londra (per mancanza di acquirenti disposti a pagargli i contratti).

    In tutto questo casino, a parer mio, si sono spesi altri 40 milioni per un attaccante sicuramente giovane e di prospettiva (Michy Batshuayi), che però di fatto ricopre il ruolo di riserva di Diego Costa. Spesi praticamente 140 milioni di euro come peggio si potevano spendere.

    Una squadra da ribaltare come un calzino: questo per me è il Chelsea oggi.

    Il fallimento di Mou era figlio di questa situazione. E ora si ritrova la stessa storia al MU. Sopratutto per i sopravalutati. I giocatori l’hanno fatto fuori, ma oggi con Conte che ha fatto far bella figura agli zombi italiani della nazionale, non fanno altro che confermalo. Come giustamente fai osservare, una campagna acquisti ridicola porta a questo. Problemi loro. Vediamo di vincere con il Bologna perche’ i ladri sono pure sorretti dal culo.

  27. @gus
    caffè modd: un caffe’ normale,
    poi aggiungere sambuca (meglio ancora anice puro) fino all’orlo della tazzina.
    piacere puro, provare per credere.
    poi si puo’ cominciare a disquisire all’infinito di moratti, il fallimento presunto, macellari, raiola, brozovich, bellicapelli, le figlie di jdb, giuanin marietto che mi ricorda suarez anzino’ Falcao anzino’ seedorf anzino’ Lothar…. i cinesi nostri, i cinesi del bilan, gheddafi alla giuve, moggi o marotta che differenza c’è,…..ecco…
    ora battere il Bologna, anche con un autogol di tacco al 95°

  28. indovinate un pò: io per oggi la vedo grigia.

    anzi grigissima.

  29. SS61: E l’Inter, mi spiace dirlo, i fatti lo dimostrano, era gestita alla caxxo, se permetti il francesismo. Le gioie regalateci dal 2010 in poi ne sono la prova. Fine.

    Guarda, credo sia lapalissiano e solo chi è tifoso dell’FC Moratti 1995 può avere il coraggio di obiettare il contrario. Per 20 anni abbiamo vissuto una gestione paternalistica, con momenti belli e brutti, scelte azzeccate e no, ma comunque senza una vera progettualità che andasse al di là delle sensazioni del momento, degli innamoramenti o dei colpi di testa… o meglio, alla cazzo di cane, per sintetizzare. Se qualcuno obietta, per me è inutile rispondere, perché significa che quel qualcuno è completamente slegato dalla realtà, pertanto la discussione, qualsiasi discussione, è preclusa.

    Poi – e te lo dico invece da uno che moratti non l’ha mai sofferto, manco quando si vinceva – io allargherei il discorso e direi che comunque moratti non era il solo. Al netto di ogni cosa, tutto il calcio italiano è/era conciato così. Tolta forse la rube che, tuttavia, è un’anomalia per tanto motivi.
    Lo stesso Milan è stato quel che è stato principalmente per 1) vantaggio di essersi trovati per un tot di anni ad avere il presidente che poteva buttare più soldi di tutti nel mercato (vero anche che era un mercato differente e non so se fosse paragonabile agli attuali sceicchi, ma che avesse una potenza economica e poi non solo economica prevaricante è difficilmente attaccabile) 2) questa dirigenza è entrata in gioco in anni di difficoltà della dirigenza che fin lì aveva dominato il sistema calcistico (e anche economico/occupazionale per molti versi) in Italia.
    Tutte le palle sulla società forte, sul condo Galliani ecc… sono appunto palle che la retorica di partito ha ben saputo confezionare, poi si è visto il management quando hanno chiuso i rubinetti.

    Insomma, non era né più né meno di (quasi) tutti gli altri, altrimenti ora ci ritroveremmo ancora ad avere il campionato più bello del mondo che premier e liga levateve proprio. Forse il “problema” è che lui aveva più soldi, il che gli forzava la mano nel decidere a cazzo (del tipo che se sono operaio ci penso a lanciare il computer dalla finestra alla prima volta che si impalla, se sono miliardario cazzomene) per una roba che vedeva come il suo giocattolino, prima che come un patrimonio.

  30. Robin

    Io ho odiato Moratti in diversi momenti lungo i suoi 20 anni quindi non sono certo un innamorato.
    Mi dici solo,dovendo stilare una lista dei tuoi preferiti tra inter ed extra-inter,chi avresti preferito al suo posto come nostro presidente?
    Peró non dirmi “20 anni di thohir” perchè a questo non ci posso proprio dare credito come scelta seria

  31. SS61:
    . Infatti se MM non vendeva portava i libri in tribunale perche’ non sapeva come venirne fuori.

    Questa è la tua opinione,non la realtà storica peró.
    Se citi il commento precedente c’è proprio scritto che l’ipotesi fallimento non è mai esistita: poi tu continua a spacciarla pure per vera secondo le tue sensazioni

  32. SS61
    25 settembre 2016 a 11:29
    E l’Inter, mi spiace dirlo, i fatti lo dimostrano, era gestita alla caxxo.

    Da un punto di vista ragionieristico chi potrebbe darti torto?
    La Juve è gestita da sempre (più o meno apertamente) dal formidabile staff finanziario e legale della Fiat e la sua organizzazione societaria è sempre stata impeccabile.
    L’Inter? Per venire ai miei ricordi diretti, nel decennio tra il 1980 e il 1990 l’Inter era gestita da Pellegrini, una brava persona appassionata e un po’ pasticciona che l’Avvocato Agnelli chiamava con disprezzo ‘il nostro cuoco’ perchè gli aveva benignamente concesso l’appalto delle mense degli stabilimenti Fiat.
    Dell’epoca Massimo Moratti è già stato sputtanato tutto in lungo e in largo, dai giornali targati Fiat (tutti), dai siti gobbi (naturalmente) e anche da qualche solerte interista.
    La scelta è semplice. Io mi tengo l’Inter sfigata e gestita alla caxxo anche se il tunnel fosse più lungo del previsto.
    P.S. A proposito, lo striscione della curva mi ha fatto impazzire ‘non ti lascio sola mai’.

  33. Sandrex:
    Robin

    Io ho odiato Moratti in diversi momenti lungo i suoi 20 anni quindi non sono certo un innamorato.
    Mi dici solo,dovendo stilare una lista dei tuoi preferiti tra inter ed extra-inter,chi avresti preferito al suo posto come nostro presidente?
    Peró non dirmi “20 anni di thohir” perchè a questo non ci posso proprio dare credito come scelta seria

    Guarda Sandrex, te lo dico francamente, non lo so.
    So che ho avuto questo e questo giudico (senza pretendere che le mie siano sentenze assolute o migliori di altre), cercando di argomentare.

    Poi lo metto davanti subito che a me sta antipatico, ma non è antipatia per i risultati, è proprio che non riesco a soffrirlo, ci posso fare poco e questo sicuramente influisce sulla lettura generale che ne do.

    Non ti dico che 20 anni di Thohir sarebbero stati meglio, però, senza offesa, mi sembra che tu sia prevenuto a prescindere coi “cinesi” quanto se non più di quanto lo sia io con moratti. Se lo sei per un discorso di nostalgia/romanticismo posso anche essere d’accordo con te, perché comunque vada nel mio bel romanzo il presidente me lo immagino il primo tifoso e non il primo affarista, ma possiamo almeno ammettere che, a prescindere dai risultati sportivi che potranno o non arrivare, quel tipo di presidenza lì, oggi, nel calcio che conta, ha finito i suoi giorni?

    E sono il primo a dire che non si tratta di un calcio migliore.

  34. Comunque mi ripeto, se rileggi il mio primo internvento, sono il primo a dire che moratti aveva né più, né meno, tutti i mali del calcio italiano. Semmai il fatto di avere una grande disponibilità economica giocava come arma a doppio taglio: siccome gli fregava cazzi di pagare anche 7 allenatori l’anno, non lesinava sugli esoneri. Qualcun altro sì, ma magari solo perché non se li poteva permettere, non per particolare oculatezza gestionale.

  35. ma la riomma senza rigorini quanti goal ha fatto? 3?

  36. Robin

    , però, senza offesa, mi sembra che tu sia prevenuto a prescindere coi “cinesi” quanto se non più di quanto lo sia io con moratti

    Assolutamente sì e non lo nascondo.
    Ma idem verso sceicchi,russi ecc..perchè ormai non è più questione di “interessi” (che puó valere anche per i presidenti italiani) ma di geopolitica, senza avventurarci troppo in digressioni.
    Così in mezzo a tanti complotti su juve,milan e stampa io ci metto il mio su un ambito più esteso