Di maglie, di fake e di giornalismi assortiti

Oggi raccontiamo una storia curiosa, ma in realtà neanche così tanto originale in Italia. Parliamo dei delicatissimi, attentissimi, selezionatissimi e professionalissimi metodi di analisi, ricerca e..ehm..”creazione” delle notizie sulla stampa italiana.

Lui si chiama Alberto, oppure rupertalbe: su Facebook, su Twitter o tra gli autori del nostro blog lo conoscete praticamente tutti ormai. Succede che in un piovoso pomeriggio tardo primaverile (ok, forse no, ma fatemela romanzare un po’) il buon Albe inganna il tempo disegnando tre concept di maglie dell’Inter. Un passatempo appunto, un gioco, forse persino un sogno visto che maglie così belle non siamo abituati a vederne da un bel po’.

Cattura

Già. Troppo belle, forse. Albe le pubblica con il suo account su Behance con in bella vista la sua firma, il suo logo, in alto a destra. E poi le linka su Twitter. Un retweet di qua, una condivisione di là, e tutti apprezzano la splendida idea avendo comunque ben chiaro che si tratta solo di un gioco e che le maglie vere saranno altre. Addirittura c’è chi, sull’onda delle risate, chiede alla Nike di assoldare lui anziché proporci l’ennesima maglia improbabile. Tutti hanno chiaro che è un gioco, sì: impossibile fraintendere.

Sia

Ma un conto è fraintendere, un altro è creare coscientemente una notizia fake. In fondo è facile: i disegni di Albe sono su fondo bianco, basta tagliare via il logo e zac, il gioco è fatto e i titoloni sono pronti! Ci pensa Sport Mediaset, che lancia la bomba alle 22:57: “Inter, ecco la nuova maglia per la prossima stagione“. ESCLUSIVA SIORE E SIORI, e con sole 21 ore di ritardo rispetto alla pubblicazione da parte di Alberto!

6e7189f0-cdd6-4dc5-aa99-b0fe304002d4

Risponde presente anche il prode Marco Barzaghi su Instagram: Home Kit 2016-17 #inter #fcinternazionale #newshirt #sticazzi

File 17-05-16, 10 59 29

Notate la perfezione del taglio, la pulizia della pubblicazione, notare come sia sparita qualsiasi traccia del logo dell’autore, della fonte, del concept, del gioco. Notate come è stata creata coscientemente, ad arte, una notizia partendo dal nulla. In malafede? Non lo crediamo ma quasi lo speriamo, perché se non ci fosse neanche la malafede ci troveremmo davanti all’incapacità più totale. Davanti a “giornalisti”, veri o presunti che siano e con tutte le virgolette del caso, talmente affamati di click, di scoop, di esclusive dal raccattare qualsiasi cosa gli si pari davanti. Dal modificare coscientemente immagini per creare false notizie o, peggio, dal non essere in grado di distinguere una fonte da un’altra, una notizia da un gioco.

E a seguire, ovviamente, a rilanciare la “notizia” -macché diciamo notizia, lo SCOOP!- sono in tanti.

32a1c53b-2d60-4a28-9b5c-f572790c0f02

NB: passioneinter.com titola correttamente “Circolano le nuove maglie dell’Inter per la stagione 2016-2017 ma…è solo un concept!”

Questi signori, vale la pena di ricordarlo, sarebbero quelli che dovrebbero “certificare” la bontà delle notizie per distinguersi dalla massa di boccaloni da social network, e invece si sono trasformati nei primi della fila tra quei boccaloni. Utenti di un social network esattamente allo stesso livello di un @juvenelcuoresonosempre45, di un @noallesciekimike, di un @ivacciniuccidono.
Si chiamano Sport Mediaset, ma potrebbero tranquillamente firmarsi @banana33 e la credibilità sarebbe la stessa.

Ed è così con tutto: dalle maglie alle voci di mercato, dagli “insider” che vi raccontano quali saranno le scelte di Mancini a quelli che vi anticipano le mosse di Thohir, che vi parlano dei prossimi acquisti, dei bilanci, delle strategie, dei fallimenti. Palle. Solo un enorme, infinito, ingiustificato insieme di palle basato sul nulla. Basato, spesso, su molto meno lavoro di quello che c’è voluto ad Alberto per creare questo concept.

Che altro dire: neanche se l’avessimo fatto apposta ci sarebbe riuscito così bene.

Chiudiamo alla grandissima con -questo sì- uno scoop vero, reale, genuino.
Una

-waitforit-

+++GRANDISSIMA ESCLUSIVA BAUSCIA CAFÈ+++

SOLO PER NOI, INTERVISTA IN ANTEPRIMA ALL’AUTORE DELLE NUOVE MAGLIE DELL’INTER!

Albe hai combinato un bel casino, ne sei consapevole?
Beh, in effetti…in realtà sono un appassionato delle maglie. Quest’anno tardava la presentazione, questa cosa mi ha mandato in ansia: una sera mi è venuta la pazza idea di pescare un comunissimo kit template a pagamento e trasformarlo nelle mie maglie della prossima stagione. Un progetto personale rigorosamente FAKE

Da dove nasce l’equivoco di trovarcele in giro per il web come ufficiali? Brutto vizio di non verificare le fonti o progetto davvero vicino ai desideri del popolo interista tanto da trarre in inganno
Ho pubblicato i miei progetti su Behance network e contestualmente sul mio account twitter, da qui hanno preso il via. Sinceramente pensavo che parlando di “concept” fosse chiaro che non fossero ufficiali, non lavoro per Nike o per l’Inter ma per Bauscia Cafè! Non so se sono vicine ai desideri del tifo, sono solo le maglie che desidererei indossare da interista quando vado allo stadio o mentre gioco a calcetto con gli amici.

Due parole su il tuo progetto, così ce le spieghi?
Molto banalmente, ho lasciato campo libero all’interista che c’è in me. Prima maglia classica, striscia non troppo stretta, non troppo larga. Qualche dettaglio ad impreziosire una maglia che, storicamente, è un simbolo di eleganza. La seconda è la voglia di tradizione, bianca, pulita con le fascia nerazzurra di traverso come negli anni 60, niente di nuovo, ma che mi manca. La terza è l’affetto e i ricordi legati ai miei 11 anni e a quella Uefa che passò per i piedi Zamorano, Zanetti e di Ronaldo…devo aggiungere altro?

No, davvero non c’è bisogno di aggiungere altro.
Chissà se vorranno aggiungere altro i professionisti dell’informazione, se cancelleranno tutto o se, semplicemente, faranno finta di niente. In fondo “sono solo indiscrezioni, non è detto che poi si verifichino”.

No?

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.

27 commenti

  1. Ukyo The Vulture Beast

    Io ci avevo creduto, ed avevo pensato “oh, finalmente tre maglie con un senso!”

  2. Quelle maglie sono qualcosa di spettacolare! Complimenti

    Purtroppo alla Nike negli ultimi anni si stanno un po’fumando il cervello…prima troppo scura, poi il gessato, poi la rossa, poi la seconda del Barca che pare quella del Lecce ed altri capolavori del genere

    ma vedo che anche la concorrenza non se la passa poi tanto meglio, la nuova dei gobbi sembra quella dell’Udinese.

    Ad onor del vero un remember di quella maglia la Nike lo fece nel 2005

    http://i56.tinypic.com/3589p5c.jpg

    fosse per me la nostra terza maglia dovrebbe essere così per statuto! Tra le più belle di sempre insieme a quella del centenario.

  3. Niente è stato bello come quella maglia con cui vincemmo la Uefa nel 1998. La più bella maglia interista di sempre, ovviamente dalla Umbro, che di maglie spettacolari continua a farne e ne ha sempre fatte.
    Nike e Adidas sembrano non avere nemmeno troppa voglia di mettere su idee per le magliette. Buttano giù 3 disegni all’anno, e ci attaccano sopra i colori della squadra che forniscono. In questo modo, le maglie del Chelsea, del Bayern e del Real sono maglie con lo stesso disegno, ma con colori diversi.
    La bellezza di ogni maglia sta tutta nell’essere originale, diversa dalle altre, non solo nei colori. E nell’essere classica, senza rivoluzioni e stravolgimenti.
    Negli ultimi anni ho dovuto subire una maglia con le righe squadrettate, nell’anno post-triplete, quella che avrebbe dovuto essere la maglia più bella di tutte, con le toppe che le altre italiane possono solo sognarsi tutte insieme sulla stessa maglia, in realtà era una schifezza che si salvava solo per le patch di Scudetto, Coppa Italia, Champions e Intercontinentale.
    E poi il gessato. Figa, ma con l’Inter non c’entra niente.
    Quella di quest’anno è stata molto bella, si spera di proseguire su questa strada.
    Su Mediaset non dico nulla. Ho impostato AVG in modo che riconosca il loro sito come dannoso, nel caso una sera mi drogassi in maniera pesante e andassi a caccia di notizie da quei giornalai.

  4. Pretendere che per fare il giornalista si debba almeno conoscere la lingua inglese livello principiante e un po troppo…..Concept per questi e Concetta; ruttosport mi raccontano ha tirato un altro pistolotto su calciopoli osannato dalle pecore tifose. Sono sicuro in una pronta risposta della federazione…Maglie comunque veramente belle complimenti.

  5. Ragazzi, avete visto il video dell’allenatore del Tolosa prima dell’ultima giornata di campionato in cui la squadra francese si è salvata dalla retrocessione? Dategli un occhio! Tanto di cappello…

  6. Questo dimostra che il livello giornalistico dello stivale ormai e’ finito in una fogna , e’ vi rimarra’ per moltissimo tempo. E’ peggio dei regimi dittatoriali o del vecchio pianeta comunista. Ormai scrivono solo cio’ che fa piacere ai padroni, senza nessuna dignita’. Ormai per passare tutte le novita’ “Giornalistiche ” giornaliere dei vari siti , basta si e no’ 30 secondi, solo il tempo di cambiare i vari siti. Tanto sono uno piu’ schifoso dell’altro.

  7. Arriva un altro terzino sinistro…Erkin

    Nei prossimi giorni le visite mediche

  8. Certo che Zanetti parla sempre. Ottima persona, interista ma logorroica. Tradurgli,in spagnolo, “un bel tacer non fu mai scritto”. Neanche “dichiarato”. Ci sguazzano gli ignoranti così detti “giornalisti”, violentatori di verità e della lingua italiana.

  9. Amstaf: Certo che Zanetti parla sempre. Ottima persona, interista ma logorroica. Tradurgli,in spagnolo, “un bel tacer non fu mai scritto”.

    Un bueno silencio nunca fue escrito

  10. bellins: Arriva un altro terzino sinistro…Erkin

    Er Kin?

  11. un applauso da tutto me stesso a chi ha pensato queste maglie….A DIR POCO STUPENDE

  12. le maglie sono divine

    mi unisco al coro della maglia della Uefa: Epica è a dir poco

  13. Ma cosa volete pretendere da una testata giornalistica che annovera tra le sue fila nientepopodimeno che PAOLO BARGIGGIA ?

  14. SgtPepper:
    Ma cosa volete pretendere da una testata giornalistica che annovera tra le sue fila nientepopodimeno che PAOLO BARGIGGIA ?

    SgtPepper:
    Ma cosa volete pretendere da una testata giornalistica che annovera tra le sue fila nientepopodimeno che PAOLO BARGIGGIA ?

    Paolo Bargiggia, Merdaset (25.06.2009)

    – Che tipo di mercato sta portando avanti l’Inter?

    “Un mercato masochistico: non si può cedere Acquafresca e prendere Milito. Non sono contento di questo mercato”.

    – Di chi è la responsabilità?

    “Di Moratti: perché alla fine è lui che decide”.

    – E poi?

    “E di chi lo consiglia: ma anche del duo Jorge Mendes-Josè Mourinho, che molto spesso porta acqua al proprio mulino”.

    Questo è il livello di competenza dei pagliacci che occupano ore ed ore di palinsesti tv delirando sul calcio…. resta solo da capire qual’è il punto dove finisce l’incompetenza e inizia la malafede.

  15. Spero che la notizia dello scambio Dzeko – Icardi + soldi sia falsa…

  16. E la prima calciominchiata è partita alla grande: Icardi alla Roma per Dzeko e soldi. Risolto il problema del gol e del bilancio.

  17. Se c’è stata una rivolta per lo scambio Vucinic /Guarin per questa roba qui ripristinerei la ghigliottina.

  18. … E se Mancini avesse solo pensato ad una roba del genere se ne dovrebbe andare una volta per tutte perché ho l’impressione che sia incapace di intendere e di volere.

  19. Eh sì,caro Johnny.
    E lo pagano pure per parlare a vanvera!
    Sai quante ne dirà da qui a fine agosto?

  20. per non dimenticare

    http://www.fcinternews.it/news/calciopoli-narducci-meccanismo-perverso-rivelatrici-le-registrazioni-di-moggi-l-inter-nulla-di-rilevante-216167

    basta il titolo del link, non occorrerebbe neanche leggere l’articolo per avere una esatta dimensioni di COSA è stata Calciopoli e che non tutti erano delinquenti, come vorrebbero i gobbi e i media vari, noi no, ad esempio 😉

  21. @Fabio.
    Piu’ di cosa sia stata “Calciopoli”. Cio che e’ il mondo dell’italico calcio. Un mondo tutto racchiuso in se stesso, fuori da qualsiasi regola normale. Con omerta’, che in confronto, quella mafiosa e’ da chierichetti.
    Ecco perche’ “Calciopoli”, c’e’ sempre stata e sempre ci sara’. In questo mondo, fanno tutti come le 3 scimmie.
    Nessuno vede, sente ,o parli, pena epurazione immediata. E pensare che la gente continua ad ammazzarcisi , nonostante tutte queste porcate.

  22. @Pacific

    hai perfettamente ragione

  23. Se Banega è questo cosa gli vogliamo dire ad Ausilio che lo porta da noi a zero euro???

  24. SgtPepper:
    Se Banega è questo cosa gli vogliamo dire ad Ausilio che lo porta da noi a zero euro???

    Piccolo capolavoro. Ho una sola grande preoccupazione rispetto a Banega: la posizione in cui Mancini lo inserirà nel suo scacchiere creativo…

  25. Banega farà cagare come tutti quelli che passano da qui