Inter(e)nazionale

Perché noi, noi siamo fratelli del mondo.
Noi. F.C. Internazionale Milano, squadra di club.
Club nato per abbracciare giocatori di calcio di qualsiasi nazionalità.

Sembra piuttosto semplice e lineare.
Eppure nelle ultime ore ho assistito a una serie di battute al vetriolo in merito alle parole di Mancini sugli oriundi in Nazionale, mettendole in relazione alla storica frase, datata ormai 107 anni fa, pronunciata al momento della nostra fondazione.
I più arditi, invece, si sono spinti al paragone Sacchi-Mancini, ma questi non li considero nemmeno.
Ora, lungi da me difendere Mancini -che poi, difendere cosa? Una sua idea? Un suo punto di vista?- ma davvero questo paese ci regala sempre una sorpresa dietro l’altra.
Anzi, io non sono per niente d’accordo col Mancio, per niente, soprattutto quando sostiene che chi non nasce in Italia non debba essere convocato. Ma questo non è importante e soprattutto merita un approfondimento.

Mi piacerebbe capire invece cosa ci sia da ridacchiare sul fatto che il tecnico della Società che di quel bel motto ha fatto un vanto, sia convinto che per tutelare la Nazionale italiana le regole per la convocazione degli oriundi vadano riviste.

“L’allenatore dei fratelli del mondo non vuole gli oriundi”
“Fratelli del mondo purché italiani”
“Ma non erano loro i fratelli del mondo?”

Ma di cosa stiamo parlando, di grazia? “Perché NOI siamo fratelli del mondo”. Non mi pare che nel 1908 il signor Muggiani volesse indicare le linee guida in merito alle convocazioni in Nazionale. Anche uno juventino medio, impegnandosi, potrebbe capire la differenza tra una squadra di club e una Nazionale. Cribbio (cit.)
Curioso che i più tirino in ballo questa storia oggi quando per anni, lo ricordo bene, l’Inter era la squadra dei troppi stranieri. Troppi. Eppure quel motto c’è sempre stato.

C’è sempre stato, c’è ancora, e viene messo in pratica dal progetto “Inter Campus”. Sarebbe bello che qualcuno fra un tweet sarcastico e l’altro se lo ricordi.
Nelle battute degli originaloni di queste ore c’è tutto il livore -molto italiano, come direbbe Stanis- per un particolare che riempie d’orgoglio un gruppo di persone, una bella idea, un ideale nobile. Si sente il pigolìo misto a unghie sul vetro fin da qui.

InterCampus_e_UNICEF_10

Ecco, vi do una mano io: se volete cogliere nel segno e muovere una critica fondata, usate la storia dei fratelli del mondo per attaccare l’Inter per il sostegno alla candidatura di Tavecchio. Io sarei dei vostri.

Ognuno vive dentro ai suoi egoismi vestiti di sofismi, ognuno costruisce il suo sistema di piccoli rancori irrazionali
F. Guccini – Canzone di notte n. 2

About Python

Sono il direttore artistico di Bauscia Cafè. Clandestino nella matrioska e astioso quanto basta. Quando parlo di Tango mi riferisco solo al pallone, del mio primo allenamento ricordo solo il rumore dei calci negli stinchi.

113 commenti

  1. Si, ma o il City ci aggiunge anche 20 euro e un biglietto per il prossimo concerto dei One Direction, oppure per me questo mega scambio può saltare.

  2. Fabio1971: seehh dimenticatevi ranocchia… non lo ve lo dovrei dire, ma oggi proprio non ce la faccio a non dirlo… sono troppo entusiasta

    ho un cugino che lavora veramente a contatto con gente che conta nell’ambiente interista, lato finanziario, però, e mi ha confidato oggi che è stata definita da Ausilio e Thohir, supervisione ASSOLUTA di Mancini, un maxi scambio con il Chelsea… ma veramente maxi…

    loro prendono (sigh) Icardi, Guarin e Kovacic, forse (ma è da definire, pure Ranocchia)

    NOI: Hart (il portiere), Yaya Toure, Mangala, il giovane Adam Drury (21, solo in prestito).

    Più uno fra Jovetic e Dzeko e un altro giovane da valorizzare.

    Ovviamente anche qualche soldo di conguaglio.

    Le cose saranno più o meno alla luce del sole intorno al 1° di luglio, ma Hart e Toure erano in ogni caso già definiti da tempo (non a caso Handanovic non riesce a rinnovare)

    Basta pessimismi quindi

    Se non sbaglio oggi è il 1° Aprile…

  3. eh.. per il biglietto degli One Direction però non lo so, ora che, dopo Zazyn, lascia la band anche Louis ….

    http://www.leggo.it/SPETTACOLI/MUSICA/one_direction_louis_tomlinson_lascia_band_zayn_malik/notizie/1266793.shtml

  4. Icardi rimane all’Inter. Punto!!!!
    Lo so che sembra un tamarro, ma ogni volta che parla sembra un libro stampato (o pre-stampato, chi gli scrive le dichiarazioni ? del tipo sto bene a Milano, ero contento del mio contratto, etc. etc.)
    Per il resto va bene tutto, anche Jovetic per Kovacic

  5. P.S. – Intervista CNN a Icardi.

  6. eh… ma non si surriscalderanno mica i server, a questo ritmo forsennato di commenti? :-)

    vabbeh che la stagione è quello che è, ed il momento non è ei migliori… ma…. comunque…

  7. Era già tutto prescritto fino al punto che sapevo che oggi tu mi avresti detto quelle cose che mi dici, che non siamo più felici

    In questo titolo c’è del GENIO. Puro.

    su interistiorg

    http://www.lyricsmania.com/era_gia_tutto_previsto_lyrics_riccardo_cocciante.html

  8. ZERO COMMENTI… e si che ce ne sarebbero di cose interessanti….

    ai Gobbi non riesce niente, neanche se gli regalano le cose… tipo il terreno per lo stadio e quello circostante per l’investimento immobiliare… -chiamiamolo così per evitare noie, ah….

    http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/juve-fa-autogol-mattone-progetto-riqualificazione-intorno-97782.htm

  9. vado di citazione anch’io allora

    “Bene, si può finalmente dire che si è fatta una bella cagata ad ascoltare le isterie.

    Adesso via alla centesima rivoluzione alla caccia di nuovi brocchi gratis per celebrarli con resse all’aeroporto e poi ammazzarli di fischi dopo un mese.

    Il talento di Stramaccioni, Kovacic che lo vuole tutta Europa, i poteri magici (del povero) Mancini, gli eroismi zittenti di Icardi, quantalegna Mudingay, Dodo miglior esterno brasiliano: tutti diventati casi personali.”

  10. Che palle senza inter.

  11. Puscas al posto di Podolski…

    Forza Inter!