Lo svantaggio di essere in svantaggio

Il fatto di passare in svantaggio nel corso delle partite di una stagione è una variabile che dipende da diversi fattori: sistema di gioco, assetto tattico, equilibrio, motivazioni, forma fisica, talento, classe dei singoli ecc. La situazione di svantaggio a inizio partita o a partita in corso non è necessariamente una diretta conseguenza del valore delle due squadre in campo che, al contrario, si potrebbe misurare dalla capacità di una delle due squadre di ottenere il massimo dei punti partendo da una situazione di svantaggio: è vero che Guardiola con il Barcellona dei sogni della stagione 2010-2011 in quella Liga si sia trovato sotto soltanto in 5 partite su 38, per un fatto di tradizione calcistica e per un credo tattico che prevede un possesso palla estenuante e concedeva e concede pochissimo agli avversari, ma è anche vero che il Real Madrid dell’anno scorso, nonostante non abbia vinto la Liga, abbia dovuto fare i conti con una sola situazione di svantaggio in 11 partite.

Per iniziare a parlare della Beneamata, nella stagione del Triplete gli uomini di Mourinho hanno perso 4 partite in tutto il Campionato, ma si sono trovati in svantaggio in ben 12 partite.
Nelle 12 partite in cui si era sotto quell’Inter è riuscita a ottenere 19 punti, dunque una media di 1,583 punti a partita. Basti pensare al 4-3 col Siena con Samuel punta aggiunta a fine match, il 2-3 di Udine in una situazione d’emergenza con Thiago Motta difensore centrale al fianco di Lucio, e il 4-3 della penultima giornata a S. Siro con il Chievo: tutte partite con una storia a sé, ma con la consapevolezza che si potevano vincere anche quando a 5 minuti dalla fine si era sotto. Una consapevolezza che deriva da diversi fattori: la mentalità di un allenatore come Mourinho, la compattezza del gruppo, la maturità di giocatori che proprio in quel momento sapevano di diventare campioni e, l’aspetto a mio avviso più determinante, il talento e la classe di alcuni di questi campioni. In situazioni di emergenza (vedi Udine o il 4-3 al Siena) la differenza l’hanno fatta (e la faranno sempre) i campioni: Milito, Samuel, Sneijder, Maicon.

Ecco perché, nonostante nelle situazioni successive al Triplete la storia stesse già cambiando, per ancora 2 stagioni i punti ottenuti nelle partite in cui si è in svantaggio sono maggiori delle partite stesse. Nella stagione targata Benitez – Leonardo (sempre in Serie A) ci si è trovati sotto per 16 volte e si sono ottenuti 23 punti (1,437 a partita) e nella stagione 2011-12, quella targata Gasperini – Ranieri – Stramaccioni, si sono ottenuti 21 punti nelle 19 situazioni di svantaggio (1,1 punti a partita). In questi casi nonostante il valore della rosa, la maturità di squadra e la mentalità vincente stessero già scemando, alcuni campioni come Eto’o, Pazzini, Maicon, Milito e Sneijder potevano ancora regalare emozionanti e appassionanti rimonte (3-2 al Palermo e 2-1 a Cesena grazie a Pazzini, 1-3 a Udine nel segno di Sneijder e Milito ecc).

28_Svantaggio

Nella stagione successiva i dati più sconsolanti: nell’anno di Strama,iniziato sotto tutti i più buoni auspici, si ottengono 14 punti nelle 23 partite in cui si è in svantaggio (0,6 punti a partita), con un unico sussulto tutto argentino a Catania il 3 marzo 2013 dove nella ripresa Alvarez prima e Palacio (2) poi ribaltano la situazione di 0-2 a fine primo tempo. Con Mazzarri nel corso della stagione scorsa cala vistosamente il numero di partite in cui si è sotto: nel corso dell’intero campionato sono “solamente” 14, ma resta desolante la capacità di fare punti in queste partite (11, con una media di 0,78 punti).

Quel Barca che si trovava sotto solo per 5 volte in una stagione era anche in grado di fare 10 punti nel corso di quelle partite. Cioè ogni 2 volte che era sotto una la vinceva e l’altra la pareggiava.
Quella della stagione in corso è invece per l’Inter la situazione più straziante sotto questo punto di vista: si è andati sotto per 12 volte (come nel corso dell’intero Campionato del Triplete) e si sono ottenuti 6 punti: statisticamente se in 2 partite si va in svantaggio, una partita la si perde, l’altra la si pareggia al massimo.

Lo svantaggio ci può stare e una squadra come l’Inter dovrà fare i conti ancora spesso con situazioni di questo tipo soprattutto in un periodo come questo in cui si è in attesa di tutte quelle caratteristiche che danno la capacità alla squadra di ribaltare situazioni negative. La primissima Inter di Mancini, seppur in fase di costruzione, era in grado di ribaltare uno 0-2 negli ultimi 5 minuti della partita, a mio avviso soprattutto grazie alla presenza dei vari Chino, Vieri che mettevano il proprio nome sul tabellino, ma anche grazie alla presenza di giocatori da un carisma e un’esperienza indispensabile (vedi la Brujita Veron) per una squadra non ancora squadra. In mancanza (o carenza) di campioni e talenti in grado di fare la differenza, la scelta tattica di Mazzarri di stare piuttosto chiusi pareva essere la più saggia e facile, sapendo che se vai sotto molto difficilmente la vinci, al massimo la pareggi o più probabilmente la perdi.

D’altro canto, l’assetto tattico più offensivo di Mancini seppur con una probabilità più alta di passare in svantaggio e dunque di non far punti, può essere d’aiuto in primo luogo alla squadra per una questione di mentalità e convinzione e secondariamente a quei giocatori di talento a cui si chiede di diventar campioni. Possibilmente al più presto.

Nel frattempo parlano (ahimè) i numeri.

About MILO

Un giorno mi è stato chiesto: "cosa fai per vivere?", non ho saputo rispondere. Tra Rum e Whiskey scelgo il secondo, preferibilmente Irish. Convinto che un giorno queste frasi diventeranno citazioni. Interista designer.

60 commenti

  1. Purtroppo se questa squadra va in svantaggio, visto il livello dei difensori, ne prende altri 2 in contropiede.

  2. :-) visto il tono dei commenti del precedente post, sembra che qualche fegato sia destinato a friggere nei prossimi giorni…

    http://www.fcinter1908.it/in-evidenza/l-inter-protegge-il-suo-capitano-a-giorni-l-ufficialita-del-rinnovo-137996

    Personalmente credo dovrebbe andare altrove, ma è altrettanto vero che se confermato, è un modo di agire, aziendalmente correttissimo, per proteggere e non svalutare le proprie risorse…

    Del resto è stato rinnovato a Mazzarri proprio per la sua tranquillità, e da un punto di vista teorico era corretto, sono il primo a riconoscerlo, a parte che nel merito l’operazione corretta era vanificata in partenza perché fatta sull’allenatore meno adatto in assoluto al contesto…

  3. Fabio1971: Del resto è stato rinnovato a Mazzarri proprio per la sua tranquillità, e da un punto di vista teorico era corretto, sono il primo a riconoscerlo, a parte che nel merito l’operazione corretta era vanificata in partenza perché fatta sull’allenatore meno adatto in assoluto al contesto…

    quoto!

    il peccato originale

  4. Leggo che domenica trattasi di gara in favore della solidarieta……..bene speriamo che il palermo se ne renda conto

  5. Rumenigge Shingo Tamai

    @ Fabio. Eppure c’è chi giura che Ranocchia sia in partenza e che certe assurdità derivino anche da quello.
    P.s. Dopo la visita al p.s. tutto a posto?

  6. Rumenigge Shingo Tamai:
    @ Fabio. Eppure c’è chi giura che Ranocchia sia in partenza e che certe assurdità derivino anche da quello.
    P.s. Dopo la visita al p.s. tutto a posto?

    Una cosa non esclude l’altra…..

    del resto se hanno preso Murillo e hanno provato aprendere Rhodolfo, Dragovic e altri, forse a Ranocchia saranno fischiate le orecchie

    per mè è tempo x lui di andare…. sopratutto per lui…ormai è troppo nel mirino

  7. Rumenigge Shingo Tamai: P.s. Dopo la visita al p.s. tutto a posto?

    Grazie davvero per essertene ricordato… :-)

    ma era per mia madre, sarà necessario un ricovero ed altre cose…

    Fra l’altro, anche se questo non è il contesto adatto, ma a qualcuno lo devo pur dire, ci ho passato praticamente due giorni, su una sedia io, su una lettiga lei, fra una attesa di un colloquio o una visita del medico e cose simili…

    e ti dicono che è ormai normale così, che anzi devi aver pazienza e che altrove è peggio..

    200 pazienti in un giorno, uno o due medici disponibili… per me tanto normale non è… boh… ma magari penso ancora all’Italia in una maniera che non è più attuale…che non corrisponde più alla realtà che viviamo… mica volevo E.R. o Grace Anatomy… ma così…

    scusate l’OT

  8. @Fabio
    intanto auguri per tua madre.
    No, per me non è NORMALE, so ben che succede così, ma si dice ingiusto non normale. Non consideriamolo “normale”, non rassegnamoci all’idea che sia normale. Si fottano, per noi non deve essere NORMALE.
    Un abbraccio.

  9. Amstaf: Un abbraccio.

    grazie, condivido, ma mentre la vivi, purtroppo non hai alternative, anche dare fuori di matto, al di là delle conseguenze, non farà apparire il posto letto mancante o triplicherà i medici di turno

    E non lo dico come italiano che i lamenta per principio di qualsiasi cosa, anche se casuale, perché lo coinvolge…

    lo dico perché non è una casualità, che puoi accettare in quanto… casuale..
    da gennaio ci sono stato TRE VOLTE, per motivi seri, e TUTTE E TRE LE VOLTE è stata la solita identica esperienza….

  10. @Fabio.
    Prima di tutto auguri per la mamma.
    Queste situazioni sono ormai un cancro mondiale. A forza di tagli , ormai la sanita’ e’ un fatto per ricchi.
    La gente normale e’ costretta ad aspettare anni per tutto. Inoltre spesso ti cacciano fuori in un paio d’ore dopo gli interventi chirurgici. Io ci sono passato di persona. Come spendere 4-5- ore al prontosoccorso per una semplice frattura ad un dito. E’ non cono in Italia.

  11. Fabio1971: da gennaio ci sono stato TRE VOLTE, per motivi seri, e TUTTE E TRE LE VOLTE è stata la solita identica esperienza

    é una vergogna! Tanto in Italia basta fare tagli alla sanità e all’istruzione per risolvere i deficit.

    Mi unisco agli auguri per tua madre auspicando una pronta guarigione :-)

  12. @Nefario.
    Non solo in Italia. Ma in tutto il pianeta. La sanita’ e’ una cosa per soli ricchi .

  13. Pacific: La sanita’ e’ una cosa per soli ricchi .

    lo so purtroppo. Se vuoi un responso subito devi andare privatamente…….con costi annessi……..uno schifo

  14. Nefario: Pacific: La sanita’ e’ una cosa per soli ricchi .

    lo so purtroppo. Se vuoi un responso subito devi andare privatamente…….con costi annessi……..uno schifo

    Si, lo so, poi chiudo l’OT (ringraziandovi tutti)

    posso accettare che certe cure, anche importanti, ma non a rischio vita, siano in parte delegate o delegabili ai privati e/o di diverse sostenere un costo (poi secondo me nella sanità il problema non sono solo i costi da tagliare ma lo spreco e la dispersione delle risorse e la corruzione)

    IL problema è che fatico ad accettarlo se applicato al Pronto Soccorso, dove arrivi d’urgenza e si gioca molto spesso la partita fra la vita e la morte

    Anche concettualmente è orribile… farne un problema di risorse economiche.

    A mia madre hanno impiegato 2 giorni per trovare un problema cardiaco, poteva essere irrimediabile… o aver perso tempo che non potevi perdere… boh…

    E’ una situazione risolvibile, questa del fatto che la sanità diventerà per ricchi? Temo di no
    Ma almeno destinare PRIORITARIAMENTE le risorse economiche ai Pronto Soccorso… questo per me sarebbe fattibile… ed invece….

    Grazie a tutti, fine OT, pensiamo a Ranocchia :-) che è meglio…

  15. Ranocchia e’ arrivato al bivio, o cresce o esce.

  16. mi ricordo che anche ai bei tempi capitava di prendere il golletto dalla provinciale gagliarda,senza perdere la calma ci si piazzava nella loro trequarti e si cominciava a strozzare lentamente l’avversario che alla fine non aveva più nemmeno la forza di uscire dall’area

    peccato che adesso la provinciale scarsa e (inspiegabilmente,perchè gli ingaggi non sono certo quelli del Palermo) demotivata, siamo noi

    qui più che un cambio di mentalità serve imparare a lottare e fare 14 punti alla svelta,perché abbiamo cominciato a perderne troppe e troppo presto,non ne faccio una questione di improbabile rischio retrocessione quanto di poter mettere le basi per un futuro migliore senza ahimè potersi permettere di cacciare via tutti a sacrosanti calci nel culo ben assestati

  17. Pacific: Ranocchia e’ arrivato al bivio, o cresce o esce.

    No, ma perché? Prima era bravo perché c’era Conte a Bari con Bonucci, poi che aveva bisogno di Samuel, poi che non poteva giocare con Lucio, poi che non era colpa sua se i centrocampisti non facevano filtro e gli venivano addosso, poi che stavamo troppo bassi con mazzarri che inculcava la paura, poi che manca l’organizzazione. Denominatore comune? Errori, errori, errori, sempre gli stessi errori, per non parlare della mancanza di concentrazione e di palle che ovviamente non trasmette alla squadra neanche da capitano avendo personalità = 0.

    E a dimostrazione della sua straordinaria capacità di azzeccare una partita su dieci, Domenica è capacissimo di essere il migliore in campo segnando pure.

    Però che cresca, suvvia. Dopotutto è solo l’attuale capitano dell’Inter titolare e in un ruolo “leggermente” delicato.

    #crescere

    #plasmon

  18. per me può crescere,maturare,migliorare come uomo e come calciatore ecc ecc da qualche altra parte,che mi va benissimo Andreolli

    ne ho le palle piene di mezzi giocatori cui manca sempre un pezzo,buoni solo per le chiacchiere da rete (subita,naturalmente)

  19. tagnin: ne ho le palle piene di mezzi giocatori cui manca sempre un pezzo,buoni solo per le chiacchiere da rete (subita,naturalmente)

    Frase strepitosa, da scolpire, specie il finale.

    Provo attrazione fisica nei tuoi confronti dopo questa.

  20. Purtroppo puoi crescere tecnicamente ma palle carattere e concentrazione se non le hai non ti vengono. Forse questo è uno dei problemi che attanaglia l’Inter, troppi giocatori discontinui, una si, 5 no. E quando la cazzata non la fa Ranocchia, la fa JJ oppure nagatopo.

  21. Ss61: Forse questo è uno dei problemi che attanaglia l’Inter, troppi giocatori discontinui, una si, 5 no. E quando la cazzata non la fa Ranocchia, la fa JJ oppure nagatopo.

    Per fortuna che qualcuno capisce questo concetto, cioè la differenza tra il dare dello scarso a qualcuno e la consapevolezza che non si può azzeccare una partita su cinque. Rendimento, non valore. Concetto stranamente, incredibilmente astruso purtroppo.

  22. mattoinh7: Provo attrazione fisica nei tuoi confronti dopo questa.

    fa niente se non ti ringrazio?

  23. Ma quando la cazzata la fa Vidic, che a Sassuolo quello di Vidic è un errore individuale (mentre sul secondo gol c’è un errore collettivo, di atteggiamento difensivo, se non lo si capisce posso spiegarlo. Indipendentemente dal portiere che mi lascia DUBBI su entrambi i gol), che si dice dio Vidic? Che manca un pezzo, che non ha palle o che altro? Ranocchia sarebbe un buon difensore a cui non si può chiedere di sorreggere altri, visto che necessita lui di essere sorretto. Io speravo che fosse Vidic il leader, ad oggi non è successo. Sputare su Ranocchia è come pretendere gargano regista. Se fa il mediano gioca, infatti a Napoli ci ha creato più problemi gargano di hamsik.
    A proposito, errori “collettivi” c’erano con mazzarri ce ne sono con Mancini, speriamo che ci metta meno di 18 mesi.

  24. @Matto.
    Il mio spunto su Ranocchia era per rispondere alla battuta di Fabio. Altrimenti sono tutti che hanno bisogno di una buona sveglia. Dal portiere ai raccattapalle.

  25. @Amstaf

    La leggerissima, ma leggerissima eh, differenza, è che eventualmente la tassa-Vidic la paghiamo quest’anno, con alle spalle scudetti, Champions League e la fascia da capitano del Manchester United.

    Mentre la tassa-Ranocchia la paghiamo dal 2011 senza niente alle spalle, in contesti diversi, con errori sempre uguali e sempre riproposti senza particolari margini di miglioramento.

    Non so a te, ma a me sembrano situazioni “leggerissimamente” diverse…

    Amstaf: Ranocchia sarebbe un buon difensore a cui non si può chiedere di sorreggere altri, visto che necessita lui di essere sorretto.

    E allora non si lo si fa capitano e leader di una difesa di per sé già fragile perché questo vuol dire cercarseli, i problemi, specie nel reparto che ha più bisogno di personalità e leadership. Se poi viene fuori che chiunque prenda Ranocchia debba prendergli anche il tutor beh, questo è un altro discorso. A 27 anni, col tutor, fa ridere.

  26. Cmq stiamo a vedere: magari domenica sera tira fuori palle e orgoglio sempre ammesso che sappia cosa siano.

    Sarà interessante vedere cosa farà Mancini in attacco visto che Podolski è fuori condizione e ahinoi Palacio sembra letteralmente non in grado di giocare in questo momento.

  27. @matto
    ma la situazione Ranocchia è assodata. Il problema è se anche altri, che non dovrebbero avere quei limiti, “tremano”. A quel punto chi deve “ricostruire” è l’allenatore. Mazzarri non ci riuscì, dopo un buon inizio il primo anno (parlo di convinzione non di gioco), ora speriamo in Mancini. Barzagli, bonucci chiellini con del neri&c. si cacavano in mano, con conte, mi duole dirlo, nessuno dei tre è diventato un fuoriclasse ne niente che ci si avvicini, ma la cacca l’hanno fatta al cesso e non in campo. Chiedo perdono per l’immagine fecale.
    Anni fa sostenni che il “tuo” alvarez andasse obbligato, in allenamento, a calciare solo di destro; oggi obbligherei Ranocchia, in allenamento, quando calcia la palla in fallo laterale a mandarla in tribuna e non quei tocchetti leggeri da fighetta nevrotica (sono politicamente scorretto, perdono…); e a JJ concederei 3 falli, poi fuori. Perché cavolo i FALLI si deve imparare a farli, senza sempre farti vedere, senza dare sempre l’idea che fai male all’avversario anche quando è un falletto innocuo. Piccole cose inutili, per andargli dentro la testa, che ce l’hanno, la testa, non ti dico di “cosa”…

  28. Scusate una domanda.
    Ma se non arrivano i soldi della CL e qualcuno dovrà partire per monetizzare, i tre campioni che si aspetta Mancini per lottare per lo scudetto già dal prossimo anno con quali denari arriveranno? E soprattutto sostituiranno le schiappe o qualcuno dei decenti che abbiamo in squadra?

  29. Amstaf: che si dice dio Vidic?

    Che è ad un punto della carriera che sarebbe meglio andasse a giocare a Toronto o a St Louis e non nell’inter.

  30. @Amstaf

    Ma a me sta bene tutto, mi va bene tutto, mi puoi spiegare tutto e io posso darti ragione su tutto.

    Però, sul campo, dopo un po’ la cosa stufa perché la situazione Ranocchia è assodata, la situazione Nagatomo è assodata, la situazione Juan Jesus è assodata, la situazione Kuzmanovic è assodata, la situazione Obi è assodata, la situazione Jonathan è assodata…insomma, a me ste situazioni assodate hanno un po’ stancato.

  31. @matto
    mica solo te. Ma siamo questi, economicamente deboli e in costruzione infinita. Siccome le rape non danno sangue evitiamo le rape, meglio puntare su possibili futuribili buoni/ottimi giocatori, magari bucano ma almeno ci provi, che su rape assodate.

  32. Non vedo l’ora di domenica sera, vediamo cosa si inventa il mister e come scendono in campo i ragazzi. spero nell’orgoglio.
    dimentichiamoci la CL e prepariamoci al pieno di birra,grappa,fegato spappolato e di bestemmie da tuono.
    forza inter.

  33. Amstaf: Siccome le rape non danno sangue evitiamo le rape

    Credimi che evitando le rape si farebbe già il 95% del lavoro.

    Tu potresti dirmi che non si possono vederle prima, le rape, sapendo che sono rape.

    E io ti dico che invece qualche rapa puoi vederla prima di comprarla che è una rapa, ma soprattutto, una volta cmq comprata e resoti conto che di rapa si tratta, è inutile cercare di autoconvincerti che non è una rapa ma è colpa della terra, del concime, del clima, dell’agricoltore, dell’aiutoagricoltore…

    Spero che la metafora sia chiara! :)

  34. Io non credo che Ranocchia sia così scarso in generale. Certo è che a livello di rendimento quest’anno non va bene.
    Però.
    Intanto questo abbiamo al momento (ok, c’è anche Andreolli e io una bella provetta gliela farei fare, vedi mai che…) e quindi la domanda è: possiamo permetterci un difensore forte? No.
    Quindi la logica impone che almeno fino a fine anno Ranocchia sta lì e giocherà.
    Questo porta a due scelte:
    1 – seppellirlo di porcate che restino scolpite a imperitura memoria negli echi di san siro e delle pareti delle stanze, oltre che nel web
    2 – cercare di sostenerlo.

    Se scegliamo 1 almeno ci sfoghiamo e troviamo finalmente un nuovo public enemy (finalmente direi, un po’ di stabilità serve, cazzo). Considerando il carattere non propriamente granitico del ragazzo le probabilità che non si svegli e che la butti in vacca (e chieda poi di essere ceduto) sono più alte di quelle che si svegli. Otteniamo un giocatore che se ne va a un prezzo non altissimo. Quindi ci perdiamo. O perlomeno le probabilità sono altine.
    Se scegliamo 2 magari non si sveglia ma, sempre considerando il carattere del ragazzo, questa cosa può fargli prendere fiducia e magari cominciando a sentirsi apprezzato si gasa e finalmente diventa quello che dovrebbe essere.

  35. Proximo: 2 – cercare di sostenerlo.

    Ma io posso sostenerlo anche qui dall’eternità.

    Però anche da parte sua, un passettino verso di noi con qualche cappella in meno sarebbe gradita.

    Non pretendo nulla di che, solo qualche cappellina in me. Ce la può fare? Si, se impegna ce la può fare già col Palermo.

    Non è una pippa, giuro che non sono ironico nel dirlo.

    Solo che è un giocatore di pallone, non un un giocatore di calcio. E si, giocatore di pallone e giocatore di calcio sono due cose diverse a questi livelli. :)

  36. Hai ragione, ma è più probabile il rapporto sostenerlo–>migliora che non migliora–>sostenerlo.
    E a me interessa il risultato, cioè che migliori fino a diventare quello che dovrebbe essere.
    A volte serve il bastone, ma a volte serve la carota.
    L’ho detto per il buttero e lo ripeto ora: sarebbe da fare un esperimento, per 3/4 partite smettere di delegittimarlo da capitano paragonandolo alla leggenda che non può essere e vedere come reagisce.
    Solo che non lo si fa mai.

  37. @Fabio 1971 :
    Massimo appoggio per le questioni ben più importanti che ti assillano.
    Per le cazzate è ufficiale Bonazzoli ceduto alla bellezza di 4,5. Duncan per 3. Il diritto di recompra per Bona è una favoletta visto che non è previsto dal codice italiano. In pratica un gentleman ‘ s agreement Senza valore legale.

  38. Io credo che in genere Ranocchia rende meglio quando ha accanto a sé un leader. In difesa di leader ne abbiamo 2:Vidic e Medel che gioca anche lì alla bisogna. Per cui lo farei giocare con uno di questi 2 se proprio devo spostando una buona volta jj a sinistra che forse troviamo uno che oltre alla corsa e a saltare l’uomo “ce faccia npo’ n crosse ” (cit). A destra con l’ex bambino e D’Ambrosio siamo abbastanza apposto. Poi certo. ..Rolando serviva più di Podolski e Ausilio mi sembra sempre di più il figlioccio di Branca. ..

    Proximo:
    Io non credo che Ranocchia sia così scarso in generale. Certo è che a livello di rendimento quest’anno non va bene.
    Però.
    Intanto questo abbiamo al momento (ok, c’è anche Andreolli e io una bella provetta gliela farei fare, vedi mai che…) e quindi la domanda è: possiamo permetterci un difensore forte? No.
    Quindi la logica impone che almeno fino a fine anno Ranocchia sta lì e giocherà.
    Questo porta a due scelte:
    1 – seppellirlo di porcate che restino scolpite a imperitura memoria negli echi di san siro e delle pareti delle stanze, oltre che nel web
    2 – cercare di sostenerlo.

    Se scegliamo 1 almeno ci sfoghiamo e troviamo finalmente un nuovo public enemy (finalmente direi, un po’ di stabilità serve, cazzo). Considerando il carattere non propriamente granitico del ragazzo le probabilità che non si svegli e che la butti in vacca (e chieda poi di essere ceduto) sono più alte di quelle che si svegli. Otteniamo un giocatore che se ne va a un prezzo non altissimo. Quindi ci perdiamo. O perlomeno le probabilità sono altine.
    Se scegliamo 2 magari non si sveglia ma, sempre considerando il carattere del ragazzo, questa cosa può fargli prendere fiducia e magari cominciando a sentirsi apprezzato si gasa e finalmente diventa quello che dovrebbe essere.

  39. Obi e Jonathan? Ma quante presenze hanno fatto quest’anno Obi e Jonathan?
    Nagatomo? da quante partite non giocava Nagatomo?
    Kuzmanovic? Quante insufficienze ha preso Kuzmanovic in questa stagione?
    Ma Hernanes ha fatto una carriera da pippa?
    Vidic?
    Con Samuel fino a quando ha giocato nel post-triplete, si evitavano sempre le imbarcate?

    Perchè non chiedere all’allenatore di turno di farli rendere al meglio con la semplice combinazione di organizzazione di gioco e convinzione personale? Proprio per riferirci al solo Mancini e non parlare sempre del predecessore, si provi a non fare esperimenti alla cazzo, a gestire meglio lo spogliatoio senza segare ogni giocatore al primo dito alzato, a essere più sveglio nelle sostituzioni, ecc.

    Ora, se dimentichiamo per un attimo le cappelle individuali e parliamo come si è accennato qui, di rendimento anzichè di valore, mi chiedo come può uno giocare da voto 7 in pagella, quando intorno giocano quasi tutti da 5?

    Abbiamo vinto una Champions con una rosa che era, secondo me, la ottava-nona in Europa per valore, schierando l’ex centravanti di Real Saragozza e Genoa. Cosa l’ha resa così vincente? La risposta la sapete già.

    All’epoca di Stramaccioni chiedevo il soccorso della società per questo poveretto che non ci stava capendo più niente, ma la società da parte sua faceva il provino a Carew.

    A Mazzarri chiedevo di metterci più coraggio e sfrontatezza che se no, quello che doveva arrivare in più grazie al suo supporto non sarebbe arrivato e, anzi, alla lunga si finiva per precipitare. Infatti…

    A Mancini chiedo di portarci prima di tutto i punti per risalire, proprio come fece Ranieri quando subentrò a Gasperini con schieramenti e atteggiamento semplice e fruttuoso, invece va in confusione pure lui.

    E allora per favore basta parlare dei singoli giocatori, non è e non è mai stato questo il problema. Se questa rosa vale un quinto-sesto posto in serie A, il resto per arrivare più su o al contrario per fare danni e sprofondare, ce lo mette lo staff tecnico e la società.

    Mentre qua si tirano in ballo ancora Obi e Jonathan, boh.

  40. mariolinho: Mentre qua si tirano in ballo ancora Obi e Jonathan, boh.

    Pensavo fosse evidente, ma ne deduco che non è così, che si trattava di un discorso di carattere generale dal momento che più e più volte è stato rimarcato ilfatto che determinate cose le si continua a vedere dal 2011, non solo dal novembre 2014…altrimenti, queste palesi difficoltà nella comprensione del testo fanno sì che poi uno si senta rinfacciare “che sta dando la colpa ad Alvarez” anche quando quest’ultimo gioca in un altro campionato….

    Ripeto: credevo fosse chiaro che si trattava di un discorso generale fatto da me e non solo da me.

    Invece no, bisogna sempre specificare tutto.

    mariolinho: E allora per favore basta parlare dei singoli giocatori, non è e non è mai stato questo il problema. Se questa rosa vale un quinto-sesto posto in serie A, il resto per arrivare più su o al contrario per fare danni e sprofondare, ce lo mette lo staff tecnico e la società.

    Bello, bello, bellissimo e giustissimo concetto da libro Cuore del calcio.

    Il leggerissimo, ma leggerissimo problema, è che la rosa da quinto-sesto posto per l’appunto arrivata quinta lo scorso anno, ora con alle spalle una Società vera che non ha più il direttore artistico e con lo staff tecnico più pagato della serie A è tredicesima, non quinta-sesta. Mi sa dunque che il concetto “è sempre colpa di qualcun’altro” vada un po’ rivisto.

    mariolinho: Ora, se dimentichiamo per un attimo le cappelle individuali e parliamo come si è accennato qui, di rendimento anzichè di valore, mi chiedo come può uno giocare da voto 7 in pagella, quando intorno giocano quasi tutti da 5?

    Non lo so, ma per esempio questo è quello che faceva Palacio lo scorso anno o Samuel fintanto che ha giocato. Il leggerissimo problema, anche qui, ripeto, leggerissimo, è che cambiano moduli, allenatore, staff tecnico e non cambiano i risultati. Vedi mai, ma vedi mai eh, che qualcuno prenda consapevolezza che dalle rape non si cava il sangue.

    Poi oh, si vuol negare l’evidenza? La si neghi e amen.

  41. Cambia una Società, cambiano 7 allenatori in 5 anni dopo un triplete, cambiano gli staff tecnici, cambiano i preparatori. L’unica cosa che non cambia è la presenza di 4/5 elementi che continuano a rappresentare più un danno che una risorsa e che al limite non sanno nemmeno dove stia di casa la continuità di rendimento azzeccando una partita su cinque.

    Che sia un problema loro? No, figurarsi, è un problema di organizzazione attorno a loro.

    Si, è la settima volta che la cambiamo sta cazzo di #organizzazione (lancio l’hashtag) e l’unica cosa che non cambia è il costante peggioramento dei risultati.

    Mah, boh, chissà. Magari sono io che la faccio troppo semplice in attesa prima o poi di azzeccarla perché non è che all’Inter possono sbagliare sempre. Prima o poi, per statistica quantomeno, ne faranno una o due giuste.

  42. Mattoinh7 non capisco veramente il tuo discorso. Cosa proponi, quale pensi possa essere la soluzione attuale. Leggo e rileggo i commenti ma vedo solo frustrazione accumulata in modo dozzinale.

    Cosa cambieresti tu esattamente?
    Non è una provocazione voglio capire.

    mattoinh7:
    Cambia una Società, cambiano 7 allenatori in 5 anni dopo un triplete, cambiano gli staff tecnici, cambiano i preparatori. L’unica cosa che non cambia è la presenza di 4/5 elementi che continuano a rappresentare più un danno che una risorsa e che al limite non sanno nemmeno dove stia di casa la continuità di rendimento azzeccando una partita su cinque.

    Che sia un problema loro? No, figurarsi, è un problema di organizzazione attorno a loro.

    Si, è la settima volta che la cambiamo sta cazzo di #organizzazione (lancio l’hashtag) e l’unica cosa che non cambia è il costante peggioramento dei risultati.

    Mah, boh, chissà. Magari sono io che la faccio troppo semplice in attesa prima o poi di azzeccarla perché non è che all’Inter possono sbagliare sempre. Prima o poi, per statistica quantomeno, ne faranno una o due giuste.

  43. Mi associo… Non abbiamo i soldi ma comunque i giovani sono delle pippe fino a che Sampdoria, Liverpool o Roma dimostrano che forse non erano così pippe, salvo tirar fuori Olsen che va all’Estepona. se prendono giocatori pessimi con quello che abbiamo a disposizione non si capisce di chi è la colpa comunque non di chi li prende a quanto pare sia allenatore o dirigenza. Allora l’allenatore non conta un cazzo salvo si tratti di Strama, la dirigenza non conta nulla, i giocatori fanno schifo. Quindi?

    Nic!:
    Mattoinh7 non capisco veramente il tuo discorso. Cosa proponi, quale pensi possa essere la soluzione attuale. Leggo e rileggo i commenti ma vedo solo frustrazione accumulata in modo dozzinale.

    Cosa cambieresti tu esattamente?
    Non è una provocazione voglio capire.

  44. Quante parole.
    Ranocchia non è una pippa, certo, ma non è neanche un campione e a 27 anni possiamo dire tranquillamente che mai lo sarà. E’ un giocatore come tanti, tantissimi, che ha bisogno di condizioni ideali intorno a sè per rendere al meglio.
    Mettetelo nella Juventus di Conte al posto di Bonucci o Chiellini (entrambi 10 volte più scarsi di Ranocchia sotto ogni punto di vista) e passa per essere il miglior centrale del campionato. E grazie al cazzo: con Barzagli di fianco (strasottovalutato), un compagno che tatticamente sa cosa fare, due centrocampisti che ti fanno filtro oltre ai due terzini che scendono. Staremmo parlando del nuovo fenomeno del calcio italiano, che poi va in nazionale e offre prestazioni imbarazzanti (Chiellini, anyone?) ma vabbè, è un episodio.

    Non ve lo devo dire io che, invece, l’Inter di questi 4 anni non era la Juventus di Conte no?

    Ranocchia ci ha provato. Tempo scaduto, non ne ha più. Meglio per lui andarsi a trovare una situazione “ideale” in cui far credere di essere più forte di quello che è.

    (Discorso identico per Guarin per altro eh. Ci sono fior di onesti mestieranti come lui che su un trasferimento azzeccato dal Real Madrid all’Inter si sono costruiti una reputazione da Palloni d’Oro)

  45. Matto, guarda caso ti sei dimenticato anche di dire che abbiamo cambiato/acquistato una cinquantina di giocatori dopo il 2011.
    Tutte pippe? No.
    Ecco in cosa c’entra l’organizzazione.

    Prendo in prestito quello che ha scritto un utente da settore, vediamo se con le parole di qualcun altro tu riesca a capire:

    “se un giocatore sbaglia una partita è colpa sua, se ne sbaglia 10 è colpa dell’allenatore che continua a schierarlo e, sopratutto, che non trova le contromisure per arginare i limiti del calciatore”.

    E ancora

    “l’allenatore non c’entra se prendiamo il palo o non ci danno il rigore.
    Ma se ci intruppiamo in mille passaggini orizzontali si.
    Se il mister dice “appena vi liberate dai 20/25 metri tirate” e non ha i tiratori, è colpa sua.
    Se lo fanno loro sponte i giocatori e lui non se li incula finchè non gli passa la voglia, è colpa sua.
    Se la Rana si è specializzato “nell’anticipo a farfalle”, chi è che deve togliergli il vizio? Io o l’allenatore lautamente pagato?”

    Poi l’elenco può continuare con Guarin che prova sempre il tiro da fuori e si incasina con il pallone tra i piedi, il terzino che non spinge per creare spazi sulla fascia, gli attaccanti statici che non dettano il passaggio, gli errati piazzamenti sui calci da fermo, ecc. ecc.

    A chi tocca aggiustare queste cose visto che i campionissimi che fanno tutto alla perfezione non ce li possiamo permettere (e se ci pensiamo bene anche le squadre più blasonate o, per restare in Italia, quelle più in alto in classifica non ce li hanno tutti così perfetti)?

    Invece si parla sempre dei “4/5 elementi” e tra questi Obi (2 presenze nel 2013, a Parma lo scorso anno e 10 presenze quest’anno) e Jonathan (8 presenze nel 2013, 31 la scorsa stagione iniziando bene proprio con Mazzarri, 2 quest’anno). Insomma, ammesso che siano pippe o come dite quando siete più benevolenti, giocatori mediocri, non credo abbiano avuto la possibilità di combinare tanti disastri. A meno che tu non voglia ribadire lo stesso concetto anche quando si raccoglievano pessimi risultati nel post 2011 schierando sempre Zanetti e Cambiasso. Anche in quei periodi ci sono stati diversi cambiamenti a livello di staff tecnico e loro erano sempre lì. Vogliamo dare la colpa anche alla loro presenza?

    Hai capito allora che il tiro al singolo giocatore non serve a niente? O vuoi ancora dare la colpa ai titolarissimi Obi e Jonathan?

  46. Nk

    Il problema è che gli hanno pure rinnovato con tanto di fascia

    ranocchia si pensa beckenbauer, andreolli è conscio di essere un mestierante, di conseguenza preferisco mille volte andreolli

    Su snejider lo penso ogni stagione che passa

  47. mattoinh7:
    Cambia una Società, cambiano 7 allenatori in 5 anni dopo un triplete, cambiano gli staff tecnici, cambiano i preparatori. L’unica cosa che non cambia è la presenza di 4/5 elementi che continuano a rappresentare più un danno che una risorsa e che al limite non sanno nemmeno dove stia di casa la continuità di rendimento azzeccando una partita su cinque.

    Che sia un problema loro? No, figurarsi, è un problema di organizzazione attorno a loro.

    Si, è la settima volta che la cambiamo sta cazzo di #organizzazione (lancio l’hashtag) e l’unica cosa che non cambia è il costante peggioramento dei risultati.

    Mah, boh, chissà. Magari sono io che la faccio troppo semplice in attesa prima o poi di azzeccarla perché non è che all’Inter possono sbagliare sempre. Prima o poi, per statistica quantomeno, ne faranno una o due giuste.

    In tutte le squadre ci sono i giocatori considerati scarsi, inadatti al progetto, “rumenta”, senza palle ecc ecc… dai tifosi, basta leggersi qualsiasi forum. Non succede solo all’Inter, e sarà sempre così a meno che non ti chiami Real Madrid, Bayern o chi per esso dove hai 25 giocatori al top… Anche l’Inter del 2010 aveva la rumenta, poi concordo che i risultati non arrivano e fa tutto schifo però non penso che oggi ci sia soluzione al problema che tocca il 90% delle squadre da sempre.. Il fatto è che tutti gli altri giocatori “titolari” non stanno rendendo al massimo ma cosa facciamo, consideriamo rumenta anche loro, chi si aspettava che Hernanes fosse questo? Qualcuno sicuramente che non ha visto di buon occhio il suo arrivo c’è e c’è stato, ma qui il suo contributo sta rasentando lo 0, e non stiamo parlando di un ventenne di belle speranze nel suo caso… Sono 20 anni che all’Inter gira rumenta e in passato pagata fior di miliardi. Ora prendiamo giocatori in prestito, è normale che 8/10 risultino flop il rischio è concreto… Ma la vera domanda è: QUINDI?

  48. Quante ex rape ci sono nell’Atletico di Madrid? Da Thiago a Siqueira. Ex rape italiane. Sticazzi. Merito dell’allenatore o congiunzioni astrali?

  49. Vidic ha la pubalgia salterà Palermo con ogni probabilità. JJ e Ranocchia ancora titolari

  50. Varane sembra Ranocchia, 3-0 Atletico.

  51. Nk³: E’ un giocatore come tanti, tantissimi

    questo cozza con avergli dato pure la fascia per scongiurarne il trasferimento

    a parte che a vedere certe facce di dirigenti ci sarebbe da pensare che si siano accorti di avere in mano un imbelle pippone solo nel mese di februario dell’anno del Signore 2015

  52. tagnin: questo cozza con avergli dato pure la fascia per scongiurarne il trasferimento

    Ancora con questa storia…e a chi dovremmo dovuto darla questa benedetta fascia ? Sentiamo….

  53. bellins: e a chi dovremmo dovuto darla questa benedetta fascia ?

    quindi è stata una scelta giusta o il solito accomodamento al ribasso che ci dobbiamo far andar bene perché siamo poveri ecc ecc?

  54. tagnin: quindi è stata una scelta giusta o il solito accomodamento al ribasso che ci dobbiamo far andar bene perché siamo poveri ecc ecc?

    No, voglio solo sapere chi avresti fatto diventare capitano…

  55. bellins: voglio solo sapere chi avresti fatto diventare capitano…

    il primo che non mi avesse ricattato, peggio non avrebbe fatto di sicuro

  56. tagnin: il primo che non mi avesse ricattato, peggio non avrebbe fatto di sicuro

    Un eunuco che ricatta per avere un ruolo da macho…strana sta cosa.

    P.S. Ancora pero non ho capito chi, tu ed altri, avreste voluto come capitano…

  57. Io come capitano vedo solo samir.

  58. bobo12375:
    Io come capitano vedo solo samir.

    Handa mi piace….pero si dice che non abbia le palle nell’area piccola…

    E poi se ne vuole andare…non vorrei che ci ricattasse pure lui.

  59. Stasera vinciamo comodo: 3-0

    Ranocchia-Ranocchia-Brozovic

  60. Questa cosa della linea del fuorigioco volutamente tracciata storta da sky (per giusitifcare la ladrata di tevez) è pazzesca. La serie A oggi non dovrebbe scendere in campo, e noi per primi. Calciopoli c’è di nuovo, e nessuno dice niente. E chi ride soddisfatto solo perché ieri è stato danneggiato il Milan mi fa pena come tifoso interista.