Napoli-Inter: la partita

Per la seconda volta in tre partite, la sconfitta arriva al 93′. Quando non si può più recuperare, quando fa più male.
Per la prima volta da allenatore dell’Inter, Mancini non arriva in finale di Coppa Italia.

In fondo è tutta qui Napoli-Inter, da aggiungere c’è poco altro. C’è poco altro perché qualsiasi parola sarebbe vuota e priva di senso dopo una partita così, perché anche l’unico episodio decisivo -il gol, sì- è incommentabile. Il tema è chiaro: andiamo a casa di una delle migliori squadre italiane e proviamo a giocarcela. Non con i titolarissimi certo (con Carrizo in porta c’è il debutto dal 1′ per Santon, Brozovic e Puscas), ma proviamo a giocarcela. Nel primo tempo ci riusciamo poco in realtà: un palo di Icardi per noi ma una difesa che una volta di più si rivela troppo instabile e ballerina, lasciando troppo spesso gli attaccanti del Napoli soli ma -per fortuna- incapaci di approfittarne. Nel secondo tempo molto meglio: la difesa sembra darsi una registrata, fisicamente reggiamo, diventiamo anche più pericolosi davanti, ce la giochiamo alla pari e senza troppi affanni. Al punto che, quando ormai i supplementari sembrano inevitabili, siamo noi quelli che sembrerebbero in grado di arrivare al miracolo. E invece.

E invece c’è un fallo laterale per loro, un attaccante in campo contro cinque dei nostri, e si ritrova solo davanti a Carrizo. Difesa addormentata, buco di Ranocchia, e palla sui piedi di Higuain. Che non è esattamente il miglior elemento da lasciare in uno contro uno davanti al portiere (già nel primo tempo era successo per un altro errore di Ranocchia, lì aveva salvato tutto Carrizo). E al 93′ si chiudono i giochi. Senza speranza, senza appello, come contro il Torino.

Il buono? Sì certo, il buono c’è: il buono di una squadra che cresce inequivocabilmente sotto il punto di vista del gioco, che va in casa del Napoli e gioca alla pari, che ha una fase di costruzione che inizia ad avere molto senso. Il buono dei Brozovic -corsa, recuperi e gran piede, un progetto di centrocampista niente male- il buono dei Santon -85′ con un terzino destro, non li vedevamo da anni- degli Shaqiri e di qualcun altro. Ma poi c’è il cattivo, inevitabilmente.  Il cattivo di tre sconfitte consecutive, di una difesa che non gira in nessun modo, di un Nagatomo impresentabile come non mai. Di un Ranocchia che, stavolta, sembra aver davvero perso tutte le speranze di essere presentabile almeno nel breve periodo. Ne combina una più di Bertoldo Andrea, e la fascia da Capitano non fa altro che appesantire una situazione già grave di suo. Raramente si è sentito Mancini “scaricare”, pur senza nominarlo mai, un suo giocatore in pubblico come fatto stavolta: recuperare Ranocchia sarebbe l’impresa più grande di tutte. Forse un’impresa di troppo, per un’Inter che ha già i suoi problemi da risolvere.

Napoli-Inter 1-0 nella #twintercronaca di Nk, NicolinoBerti e Grappa.

About Twintercronache

Le #twintercronache di tutte le partite dell'Inter. Live su @Bausciacafe

209 commenti

  1. @Fabio

    ma ci mancherebbe!

    Un abbraccione

  2. Fedematti: Speriamo che non venga a piovere…

    E’ quattro anni che piove. Io veramente ho paura della grandine…

  3. se poi penso che questo Brozovic parrebbe essere come minimo normodotato a soli 22 anni, mi commuovo

    allora esistono veramente i calciatori che non hanno bisogno di alibi

  4. tagnin:
    se poi penso che questo Brozovic parrebbe essere come minimo normodotato a soli 22 anni, mi commuovo

    allora esistono veramente i calciatori che non hanno bisogno di alibi

    Infatti, un sostituto di Cambiasso esisteva nell’universo conosciuto. Bastava andare sul mercato. Lo abbiamo fatto con 3 anni di ritardo, vabbè

  5. @tagnin

    #organizzazioneall’ennesimavoltachecisiprovasperandodiimbroccarla

    :)

  6. Della serie “I miei forti dubbi su Mancini”: ce la farà a mettere in campo undici giocatori che non abbiano litigato con lui?

  7. Nuovo post

  8. @ mariolinho

    della serie “anche io ho qualche dubbio su mancini” 😀

    riuscirà a schierare per due gare di fila gli stessi elementi con lo stesso modulo?

    WM era fissato col 3-5-2, quest’altro pare abbia il pidicozzaro di avanti un altro

    ma uno normale, no? ahaha

  9. Dunque ragioniamo insieme. Dopo la prestazione “gagliarda” di Napoli il Mancio si sarà fatto la seguente idea. La squadra è questa: tolgo Puscas (che ha già avuto), Carrizo e il Cotonificio. Rispolvero Obi, e un Santon fuori forma (anche dentro fa lo stesso) me lo gioco con Nagatomo. Idea Medel in difesa e fiducia al tedesco. Guarin lo devo far giocare, tante volte la mettesse dentro (abbiamo studiato un piano: il Guaro corre incontro a Icardi e se lo porta sotto la curva; tutti fanno pace e peana che bello, urca la gioia – siamo tutti fratelli e sorelle – e si rappacificano, mentre dalla panchina si grida di fare in fretta ché ce lo rifanno subito – il gol).
    Provate a immaginare un risultato finale, e pensatelo brutto: ebbene, non avete immaginato abbastanza.