Inter-Lazio: la partita

About Twintercronache

Le #twintercronache di tutte le partite dell'Inter. Live su @Bausciacafe

116 commenti

  1. bellins: maggiore liquidità da parte di Thohir, fregandosene del FPF…

    perché altrimenti prendere Mancini?

    bastava Baresi, altrimenti

    le sanzioni semmai bloccherebbero il mercato estivo, non questo di gennaio, potresti anticipare gli acquisti… il difficile è far muovere gente valida a gennaio…puoi far muovere solo gli scontenti/esclusi, un titolare felice è più difficile

  2. Fabio1971: il difficile è far muovere gente valida a gennaio…puoi far muovere solo gli scontenti/esclusi, un titolare felice è più difficile

    Anche tu non mi sembri molto fiducioso sul mercato di gennaio…cmq staremo a vedere.

  3. bellins: Anche tu non mi sembri molto fiducioso sul mercato di gennaio…cmq staremo a vedere.

    no, no, anzi sono fiducioso

    per me ne arrivano tre buoni

    Lucas Leiva e due esterni, di cui uno con il botto, l’altro normale, uno specialista ma non un top

    ci scappasse anche un quarto acquisto… ma lì si entra nel campo di Babbo Natale :-(

  4. Fabio1971: no, no, anzi sono fiducioso

    per me ne arrivano tre buoni

    Lucas Leiva e due esterni, di cui uno con il botto, l’altro normale, uno specialista ma non un top

    ci scappasse anche un quarto acquisto… ma lì si entra nel campo di Babbo Natale

    Speriamo…

  5. Capisco di essere rimasto solo, ma che ci volete fare, io continuo a credere in Guarin nonostante l’ennesimo cesso di partita.

    Lo so, se non riesce a sembrare un giocatore vero nemmeno con Mancini allora vuol dire che o è scemo o lo fa apposta, ma nonostante tutto io ci spero lo stesso.

    È un giocatore tatticamente scemo che sta sprecando tanta potenzialità, ma secondo me vale ancora la pena aspettare un attimo prima di dargli un calcio nel culo.

  6. allora, qualche riga sulla partita di ieri e sulla situazione inter in generale:

    è evidente come ieri sera mancini ha fatto e mancini ha disfatto; inspiegabile il duo ignorante dodò-nagatomo. Inoltre ritengo quest’ultimo non degno di essere un titolare dell’inter, nemmeno in quest’inter.
    nell’intervallo deve averli strigliati a dovere perchè dall'”esclusiva sky” del tunnel antecedente il campo avevano TUTTI na faccia…ahahah; infine, su mancio, gli va dato atto di avere 2 palle così sbilanciando la squadra con la 3^ punta comunicando ai suoi (e a noi) che preferiva magari affondare col 3°gol della lazio piuttosto che finirla 1-2 senza averci provato.

    sul mercato: sento di lucas leiva e a me non fa impazzire specialmente se nell’ultimo mercato hai preso altri due mediani; vabbene che magari è più mobile di mìvila e più tecnico di medel, ma credo che la priorità sia un terzino serio e manciniano (avremmo la coppia d’ambrosio-campagnaro, ma quest’ultimo non è offensivo come vuole lo jesino) e soprattutto una punta esterna e cerci sarebbe davvero manna dal cielo.

    ciao ragazzi!

  7. per me arrivano leiva, nastasic e cerci. e si proverà a far giocare dodo alto a sinistra. con possibile JJ esterno difensivo basso, inserendo nastasic centrale. a destra con d’ambrosio un buco è risolto. davanti si cercherà di capire di volta in volta come assortire i 4 in rosa, con bonazzoli ormai in pianta stabile in prima squadra.
    e giocheremo con un 4231 che può diventare 433 o anche 442. perché tanto si è già visto che mancini è in grado di cambiare la disposizione in campo della squadra più e meglio di quanto abbia fatto il monotono in 17 mesi.

    probabilmente dopo, avremo il mercato bloccato nella sessione estiva.
    ma – se questi arrivano – sono convinto di potermi godere il girone di ritorno.

  8. Sono molto contento di come stanno andando le cose.

    Leggo anche molti discorsi veramente sensati come quello di @Kiba e @Kovacic88.

    La lazio è una delle squadre secondo me più in forma e che sta facendo molto bene in campionato.

    Andare sotto di due gol causa formazione sbagliata e rimontarla e per un pelo vincerla è grasso che cola, e che non colava pochi mesi fa. Potevamo fare più punti con un pizzico di fortuna in più…pazienza…abbiamo un intero girone di ritorno per rifarci dato che nessuna squadra al momento svetta sulle altre per il terzo posto. Possiamo ancora giocarcela. Considerazioni mercato:

    L’unico giocatore vendibile/sacrificabile per fare cash per me è Handanovic .
    Guarin ormai sta deludendo ma penso che sia il caso di tirare le somme a fine stagione tanto non ce lo piglia nessuno. Vendere icardi penso sia la cosa più sbagliata che potremmo fare considerando il Nulla Mazzarriano in cui giocavamo. Può diventare un bomber vero in una squadra organizzata. Mi spiace veramente per il gran goal di Kovacic…….so già che ce lo sfileranno per pochi soldi. Fiducia totale a Mancini.

  9. ZeMario:
    Beh, ma Garcia ci ha messo 3 mesi…

    Diciamo che Garcia ci ha messo tre mesi anche perché la Roma a livello societario aveva già messo a posto le cose e non doveva ripulirsi dai danni fatti da uno come il Mazzarro.
    Garcia ,poi , non è arrivato a stagione in corso!

  10. Io ieri allo stadio c’ero e a Guarin l’ho applaudito quando è uscito. Frega cazzo che abbia giocato male. Come ho scritto prima almeno ci prova. Poteva fare come Kuz che la passava sempre a Ranocchia o Jj 8 metri indietro e ci scappava pure il 6 in pagella…

    bellins: Io la speranza e la pazienza (premetto che non ero allo stadio e si ci fossi stato mai lo avrei fischiato) la sto perdendo…

    Il problema è che per almeno 70/80 minuti giochiamo in 10…come recuperiamo palla, con lui puntualmente la perdiamo (per non parlare dei suoi famosi retropassaggi), poi all’improvviso ti fa un assist oppure riesce a centrare la porta e francamente per un giocatore, che prende 3 ml a stagione, mi sembra un po pochino.

    Mentre per Icardi (che per qualcuno è da vendere) non vedo in giro centravanti al suo livello (a meno di non spendere 30/40 ml), per Guarin, di centrocampisti più concreti di lui ne vedo diversi, ad esempio Obiang…

  11. @ZeMario

    per quanto sia massimamente comprensibile chi si scazza ad un certo punto al decimo pallone perso da guarin, bisogna riconoscere che SOLO lui e kovacic hanno tentato di sfilarci il pannolone pieno di cacca tentando la giocata.
    purtroppo per lui non è sereno e vuole dimostrare sempre di non essere quel cesso che il 90% dei tifosi ora crede che sia.
    io ne ero innamorato ma sinceramente lo vedevo solo giocare in europa col porto; ora ho capito che non sarà mai un crack (come credevo) ma un giocatore che se recuperato diventi importante sì.
    bello il paragone, sempre di ZeMario, con la partita di ieri di kuzmanovic.

    CREDERCI SEMPRE, ARRENDERSI MAI!

  12. per me la spiegazione del primo tempo di ieri sera è tuta qui:

    (editoriale di Garlando sulla Gazzetta: http://www.fcinter1908.it/in-evidenza/garlando-mancini-rischio-non-ha-pagato-ma-e-stato-giusto-e-c-e-un-motivo-133259

    Perché un 4-3-3 con Nagatomo o Dodò esterni alti, che a ricevere palla spalle alla porta, e non sulla corsa, si perdono? Il 2-0 del primo tempo certifica l’alto margine di rischio dell’esperimento.

    Ma non è tutto così assurdo come sembra. C’è una logica, forse temeraria, di sicuro coraggiosa e ambiziosa (noi diciamo giusta): preparare un gioco, in attesa dei giocatori. Il Mancio ha schierato l’Inter come se avesse già i due esterni offensivi chiesti pubblicamente il giorno prima e non due terzini come Dodò e Nagatomo; come se avesse già un regista di fosforo e tackle davanti alla difesa e non solo quell’anima lenta di Kuzmanovic. Ha chiesto alla difesa di restare molto alta e di difendere avanzando, anche a rischio di farsi infilare come sul 2-0.

    Il Mancio sta sradicando le paure e le abitudini di Mazzarri, sta buttando in acqua la squadra per insegnarle a nuotare, la sta scaraventando avanti per impedirle di scappare indietro e per costringerla ad attaccare con personalità, anche a costo di rischiare grosso. Sta lavorando alla mentalità più che alla classifica; sta già allenando la prossima Inter, quella che sarà sua, con giocatori suoi.

    E infatti anche ieri, al di là dei problemi di equilibrio, medicati nelle ripresa col rombo di Medel, l’Inter ha dimostrato un’intensità di gioco, un possesso e una ricerca della porta che prima non aveva e che ha fruttato il 2-2 in rimonta. Mancio punta il dito alla luna e non si ferma all’unghia: guarda all’Inter che verrà. Per ora s’intravvede la filosofia di gioco, prima o poi arriveranno i giocatori adatti.”

    ah… a quanto pare il Real Madrid ci ha soffiato Reus :-) accidenti, stavamo giusto pensando di acquistarlo gennaio, ma sembra preferire il Real a giugno :-( , pazienza e peggio per lui

    solo 25 ml di clausola di rescissione, una cosa davvero da pezzenti… mi immaginavo dai 90 in su, invece era quasi alla nostra portata :-)

    http://www.fcinter1908.it/mercato-degli-altri/altro-botto-real-a-giugno-arrivera-un-altro-top-player-133277

  13. Sì, non era un discorso tecnico, volevo solo riprendere il tuo “Roma non è stata costruita in un giorno” con “la Roma è stata costruita in 3 mesi”. È Natale, si cazzeggia…

    SgtPepper: Diciamo che Garcia ci ha messo tre mesi anche perché la Roma a livello societario aveva già messo a posto le cose e non doveva ripulirsi dai danni fatti da uno come il Mazzarro.
    Garcia ,poi , non è arrivato a stagione in corso!

  14. Fabio1971: preparare un gioco, in attesa dei giocatori

    sì ma i 3 punti li devo fare con questi, mica posso aspettare che compriamo gli esterni, e quindi ecco il ripensamento del secondo tempo dopo le due pappine del primo

    a me ‘sta roba sa molto di supercazzola

  15. ZeMario:
    Sì, non era un discorso tecnico, volevo solo riprendere il tuo “Roma non è stata costruita in un giorno” con “la Roma è stata costruita in 3 mesi”. È Natale, si cazzeggia…

    chiedo venia!
    la digestione,a volte, fa brutti scherzi…e i neuroni girano più lentamente :-)

  16. Per una volta mi trovo daccordo con Tagnin.
    La cosa piu’ importante al momento e’ fare punti, anche giocando da merda.
    Non puoi permetteri esperimenti tattici da suicidio come quelli del primo tempo di ieri.
    Anche se ti trovi praticamente in una situazione da pre-campionato per via del disastrato stato psico fisico in cui hai trovato la squadra, questa era una partita da vincere. E’ cio’ non e’ possibile senza un minimo di criterio tattico.
    Il secondo tempo ne e’ stata la prova lampante .

  17. tagnin: a me ‘sta roba sa molto di supercazzola

    può essere :-) in ogni caso c’è anche del vero nell’articolo di Garlando che riportavo…

  18. Pacific: questa era una partita da vincere.

    ma mica era scritto che l’avremmo vinta comunque, con una formazione iniziale diversa…

    anzi, paradossalmente, il gran secondo tempo è proprio figlio delle sciagure del primo, visto che hanno poi messo in campo orgoglio e energie come non se ne vedeva da tempo, PER RIMEDIARE ad una situazione di assoluta emergenza…

    magari con la formazione del secondo tempo ma senza la furia di dover rimediare al casino fatto nel primo tempo, era una partita del tutto diversa, magari un tranquillo e sonnacchioso pareggio…. chi lo può dire?

    E’ andata come è andata, e questo secondo tempo per me è uno dei possibili punti di svolta, il non aver accettato passivamente la sconfitta come in precedenza ed essere addirittura rammaricati, come da dichiarazioni di vari giocatori, per non essere riusciti a vincere

    ripeto: “trova la differenza” è un simpatico ma illuminante giochino :-)

  19. Fabio1971: c’è anche del vero nell’articolo di Garlando

    che però è l’aedo di mancini quindi ne esalta le eroiche gesta con panegirici di questo tenore

  20. Fabio1971: il non aver accettato passivamente la sconfitta come in precedenza

    vabè anche inter-napoli 2-2 ti galvanizza per 10 minuti e poi pensi sempre all’occasione persa; ok il nuovo spirito e il nuovo gioco però bisogna veramente cominciare a macinare punti.
    bene o male abbiamo ad ingaggio 7,5 milioni di stipendio di allenatori per essere a 21 punti; mancini ha avuto il calendario più difficile e posso pure concedergli “liscia” la prossima, ma da genoa in poi bisogna invertire, oltre alla filosofia, anche la media punti che in queste 16 partite è desolante

  21. La differenza che trovo , e ‘ che nel secondo tempo la squadra era messa in campo con raziocinio tattico, mentre nel primo no. Il modo di interpretare la partita non e’ cambiato , ma il senso tattico nel farlo si’. E’ questo e’ cio’ che ha fatto la differenza. Si poteva non vincere lo stesso? Puo’ darsi. Le controprove non esistono, ma cio’ che ha prodotto il secondo tempo, con una disposizione tattica adeguata mi porta a credere che si poteva vincere, senza partire dallo 0-2 , e con soli 45 min. a disposizione.

  22. Rumenigge Shingo Tamai

    La vicenda di Kovacic mi pare esemplare di come cambi la percezione che abbiamo dei giocatori, a seconda della squadra in cui giocano.
    Mateo ieri sera si è preso in mano la squadra e l’ha portata ad un pareggio insperato, provando a vincere la partita.
    Si è proposto con continuità ai compagni, ha cercato il dribbling quando serviva, ha cercato i filtranti impossibili (che vede solo lui) e gli appoggi facili (che vedono in pochi, tranne lui), si è preso la responsabilità di un tiro al volo, che molti in serie A avrebbero evitato volentieri. Che l’abbia segnato è quasi marginale.
    Poi è uscito dal campo senza saltellare per aver vinto il pupazzo alle bancarelle, ma corrucciato e concentrato sugli obiettivi della squadra.
    Beh, io ed altri sapevamo che era questo tipo di giocatore (a 20 anni, non ce lo dimentichiamo); ma immagino che adesso lo vedano tutti.
    Perché nei passati 17 mesi (quando ha giocato), ha spesso dato l’idea del mezzo giocatore?
    Cos’è cambiato ora?
    Cambia nell’atteggiamento di una squadra il fatto di sentirsi responsabilizzati e gratificati?
    Cambia nell’atteggiamento di una squadra il fatto di sentirsi chiamati a giocare da INTER ogni maledetta partita, rispetto al sentirsi giudicati dal proprio allenatore delle merde infami obbligate a difendersi in 8?
    Cambia nell’atteggiamento di una squadra il fatto di giocare per vincere, anziché per non perdere, o (vedi Hello Kitty Stadium a febbraio) per perdere meno peggio possibile?
    Ranocchia, che tutti state criticando, è stato chiamato a far ripartire l’azione dalla difesa, come faceva millemila anni fa, a 18 anni. Per un tipo di 200cm, con 59 di scarpa, partire palla al piede nel traffico non è la cosa più facile del mondo; eppure si applica e 90 su 100 fa quello che deve.
    mazzarri, dal basso della sua greve monomanìa, stava gongolando ieri sera, sul 2-0 per la Lazio (2-0 con due tiri in porta in tutta la partita, ricordiamocelo). Eppure ieri sera l’INTER ha dato la prova che il vero problema per un anno e mezzo è stato il freno a mano costituito dall’allenatore.
    Aggiungo un appunto, visto che in tanti si chiedono (in buona e mala fede) come mai 10 giorni fa sembravamo spompati e finiti fisicamente ed adesso invece corriamo per 90 minuti.
    Capisco il sottinteso di alcuni: alla fine Pondrelli non era così coglione.
    E infatti forse Pondrelli non è così coglione.
    Basterebbe considerare che se giochi 30 metri più avanti, la geometria dice che, per arrivare alla porta avversaria, devi correre 30 metri in meno. E gli attaccanti avversari sono costretti a sfinirsi in continui rientri dal fuorigioco.
    Questa squadra tendeva ad arretrare il baricentro fino alla propria area di rigore, quasi a cercare sicurezza.
    Un po’ perché con 6 giocatori di movimento chiamati a fare la fase difensiva (e gli altri 4 istruiti a rientrare prima di ogni cosa) è comunque difficile tenere il baricentro alto.
    Un po’ perché il concetto tattico inculcato da mazzarri è sempre stato uno e uno solo: la paura.
    Mancini iera sera ha sbagliato la partita.
    Poi però si è preso le sue responsabilità, le ha ammesse (cambiando formazione nel primo tempo), ha tolto alibi a tutti e si è giocato la gara. I ragazzi hanno risposto alla grande.
    Non sono poi le merde infami che da tante parti si continua a dipingere.

  23. Rumenigge Shingo Tamai: Basterebbe considerare che se giochi 30 metri più avanti, la geometria dice che, per arrivare alla porta avversaria, devi correre 30 metri in meno.

    Il problema nostro è che non arriviamo alla conclusione e se ci arriviamo ci arriviamo con molta fatica, con il risultato che non imponiamo mai il gioco, ma siamo costretti ad improvvisarlo, magari sull’onda della pressione emotiva (buon segno cmq) come ieri sera.

    Di conseguenza, la geometria dice anche che quando perdi palla quei 30 metri li devi fare recuperando, cosa che non ci riesce molto bene visto che continuiamo a prendere un casino di gol, molti dei quali ridicoli come il secondo ieri con l’avversario che parte dalla SUA trequarti campo in spazio aperto senza contrasto, per non contare quelli che prendiamo a difesa schierata perché abbiamo difensori che giocano in serie A che non hanno ancora assimilato il concetto di diagonale, taglio, raddoppio, copertura preventiva, scalare sull’uomo libero, guardare l’uomo e non la palla.

    Questo succede ad una squadra che non riesce ad imporre con continuità il proprio gioco primo perché non ha nessun gioco da imporre, secondo perché non ha la caratura tecnica per imporre proprio nulla.

    Per fortuna che almeno sembra che ci siamo ricordati che nel calcio bisogna fare goal. Bel passo in avanti di cui andare orgogliosi.

  24. Rumenigge Shingo Tamai

    @ Matto: tiriamo poco perché sbagliamo una quantità enorme di passaggi e perché non riusciamo a mettere un cross decente quasi mai.
    Quello che tu dici sul difendersi alti potrebbe dirlo benissimo mazzarri. L’abbiamo visto in 17 mesi: si gioca coperti, si gioca bassi, temendo di non riuscire a difendersi negli spazi e si finisce per prendere lo stesso un gol, senza avere però alcuna possibilità di venire a capo della partita.
    Non imponiamo il nostro gioco? Non lo facciamo per 90 minuti, questo è vero. Però ieri sera la Lazio (che non è una da finale di Champions, ma neanche una squadra di scarpari) non è che la palla l’abbia vista tanto.
    Tiriamo poco e tiriamo male, ma io tendo a pensare che sia il retaggio di un’impostazione che deve essere spurgata del tutto. Basti pensare che i primi inserimenti di centrocampisti li abbiamo visti da quando è arrivato Mancini; quando quello di prima si limitava a dire che Alvarez e Kovacic non entravano in area di rigore perché sono stupidi.
    Sui gol.
    Il primo è un gol della domenica, perché in area di rigore uno stop a seguire che taglia fuori l’intera linea difensiva capita una volta su 100. Si può fare di meglio? Ex post si può sempre. Nella dinamica dell’azione, quello è un gol della domenica. Amen.
    Il secondo nasce da un problema tattico, che si è riproposto più volte. A destra D’Ambrosio saliva a spingere fino all’area di rigore, lasciando praterie dietro di sè. Se a Ranocchia non riesce l’anticipo (mancava Medel), l’avversario è in porta. Anche perché Nagatomo stava anche lui, ad minchiam, a ridosso dell’area di rigore e doveva fare una diagonale di 150 metri.
    Jesus poteva fare di più nell’uno contro uno, certamente. Da uno come lui, mi aspetto che la palla o l’uomo non arrivino all’area di rigore. Per il resto ha fatto una bella partita.

  25. E’ morto Joe Cocker.

  26. juventus che culo.

  27. ha ha ha juve.

  28. Com’é bello vedere i gobbi perdere ai rigori…anche se piccole sono pur sempre delle soddisfassioni…

  29. Rumenigge Shingo Tamai:
    @ Matto: tiriamo poco perché sbagliamo una quantità enorme di passaggi e perché non riusciamo a mettere un cross decente quasi mai.
    Quello che tu dici sul difendersi alti potrebbe dirlo benissimo mazzarri. L’abbiamo visto in 17 mesi: si gioca coperti, si gioca bassi, temendo di non riuscire a difendersi negli spazi e si finisce per prendere lo stesso un gol, senza avere però alcuna possibilità di venire a capo della partita.
    Non imponiamo il nostro gioco? Non lo facciamo per 90 minuti, questo è vero. Però ieri sera la Lazio (che non è una da finale di Champions, ma neanche una squadra di scarpari) non è che la palla l’abbia vista tanto.
    Tiriamo poco e tiriamo male, ma io tendo a pensare che sia il retaggio di un’impostazione che deve essere spurgata del tutto. Basti pensare che i primi inserimenti di centrocampisti li abbiamo visti da quando è arrivato Mancini; quando quello di prima si limitava a dire che Alvarez e Kovacic non entravano in area di rigore perché sono stupidi.
    Sui gol.
    Il primo è un gol della domenica, perché in area di rigore uno stop a seguire che taglia fuori l’intera linea difensiva capita una volta su 100. Si può fare di meglio? Ex post si può sempre. Nella dinamica dell’azione, quello è un gol della domenica. Amen.
    Il secondo nasce da un problema tattico, che si è riproposto più volte. A destra D’Ambrosio saliva a spingere fino all’area di rigore, lasciando praterie dietro di sè. Se a Ranocchia non riesce l’anticipo (mancava Medel), l’avversario è in porta. Anche perché Nagatomo stava anche lui, ad minchiam, a ridosso dell’area di rigore e doveva fare una diagonale di 150 metri.
    Jesus poteva fare di più nell’uno contro uno, certamente. Da uno come lui, mi aspetto che la palla o l’uomo non arrivino all’area di rigore. Per il resto ha fatto una bella partita.

    Analisi lucida e totalmente condivisibile. Se porti il pressing al limite della tua area di rigore, come da dettami tattici mazzariani poi per arrivare all’altra porta hai .70 metri. Dopo mezz’ora sei cotto. Il problema non è correre, e correre bene.

  30. Vedere i gobbi perdere mi fa bene. Ovvio che non giocavano in Italia con un arbitro italiano.

  31. @ss61
    l’arbitro era italiano.

  32. Ben gli sta ai gobbacci, per quanto riguarda noi sono fiducioso sul fatto che il mancio sembra avere le idee chiare. La dirigenza lo accontenterà.?

  33. Amstaf:
    E’ morto Joe Cocker.

    R..i.p.
    Notevole la sua versione di With a little help from my friends

  34. E finalmente il concetto che non è QUANTO si corre ma COME si corre è passato vedo.
    Solo un appunto: l’Inter con Mazzarri aveva un baricentro medio e un possesso palla più alto di quella di Mancini, di fatto il secondo baricentro più alto del campionato (i dati si trovano sul sito della Serie A), ma giocava molto orizzontale e a ritmi bassi, tirando pochissimo e quasi sempre contro difese schierate. Questo implica che spesso si facevano inserimenti e riposizionamenti “a vuoto”, soprattutto quando c’era poca armonia di movimento tra i reparti (spesso), costringendo molti giocatori a muoversi tantissimo. Il motivo della tanta corsa a vuoto prima era questo, non che si giocava più bassi e quindi più lontani, ma il fatto che il gioco era poco organizzato.

  35. io sono fiducioso ma giocare un calcio offensivo con questi giocatori è molto pericoloso, la cazzata è sempre dietro l’angolo, la quantità di “occasioni della vita” gettate poi al vento (cagliari, parma, udinese, lazio e qualche altra che starò dimenticando) sono troppe e alla fine mi sa che saremo qui a rimpiangerle.

  36. In questa annata avara di soddisfazioni per i nostri colori la mancata qualificazione alle coppe europee delle merde bbilaniste e la sconfitta in SCI dei ladri di torino sono da salutare con grande giubilo e soddisfazione… Anche quest’anno la serenità del natale è salva.
    Auguri a tutti.

  37. due righe sulla partita a doha di ieri:

    primo tempo inguardabile, a ritmi neanche da amichevole.
    la jumerdus ha perso quell’argento vivo che conte le dava e si dimostra almeno alla pari se non inferiore alla roma (IMHO)
    anche il napoli non è che sta messo bene e la sua fase difensiva è imbarazzante e rimarrà tale anche dovesse arrivare un thiago silva, perchè ciccio-rancore-benitez se ne frega zero di rimanere a rete inviolata.
    ovviamente sono stato strafelice che i gobbi l’abbiano presa in c…, giusto per chiudere bene l’anno. 😀

  38. Per me pensare di andare a vincere al Merda Stadium, dato l’evidente periodo di riassestamento psico-tattico che stiamo passando, è utopia.
    Un pareggio mi andrebbe già bene, con una vittoria…mi fermo qui 😉

  39. Mercato: tutti i giornalai parlano di cerci come primo obiettivo poi la gazzetta dice Perisic e Lennon come seconde opzioni, il corriere apre stamattina annunciando l’imminente arrivo di podolski dall’arsenal (?), sky dice cerci con opzionali markovic e Lennon… Lucas Leiva per il centrocampo.
    Dei nomi che fanno sarei contento, ovvio non entusiasta ma quantomeno renderci più competitivi per il 3 posto.
    Il mio sogno è arrivare a Perisic, giocatore per me fortissimo, più di cerci ma non penso che il wolfsburg lo lasci andare facilmente ne tantomeno in prestito dato che economicamente sta bene…
    Vedremo, sperando arrivino.
    Voi cosa ne pensate di questi nomi? Possono dare quel qualcosa in più o sono brocchi?

  40. Le uniche cose da considerare sui cartastraccia sono culi e tette di belle donne .
    Per il resto minchiate da dare da bere ai creduloni .
    Sembra che i giocatori cambino 10 squadre al giorno.
    Chi piu ne ha, piu’ ne spara.
    Non credo a niente finche’ non leggo note ufficiali dalla societa’.

  41. Dunque sembrerebbe che Vidic non giochi a causa di vecchie ruggini in Premier con il Mancio?
    Lo sospettavo…