Pre-match Bologna – Inter

Respirate, tranquilli.

Questa maledetta pausa per le nazionali è ormai alle spalle.

Ci siamo, domenica ore 20:45, stadio Dall’Ara. Tredicesima giornata, direttore di gara Luca Banti, per gli amici Lino, quello che Balotelli voleva ammazzare, ma poi lo ha espulso, tiè. I giudici di porta non li ho nemmeno guardati perché tanto sono più inutili della carta igienica bagnata. Il Bologna arriva dalla sconfitta contro l’Atalanta, 7 punti in 4 partite, noi giungiamo dalle vittorie contro Udinese e Livorno, 10 punti in 4 partite.

La squadra di Pioli dopo una partenza a dir poco stentata (primi tre punti solo alla nona giornata) tenta la scalata verso la salvezza aggrappandosi al suo giocatore più rappresentativo, quel gran simpaticone di Diamanti, capocannoniere dei felsinei con 3 reti. Problemi invece in difesa, dove con tutta probabilità, Natali non sarà del match con Krhin costretto ad arretrare al centro della difesa nel 3-5-1-1 rossoblu. A centrocampo un occhio di riguardo per gli inserimenti di Kone e qualora vincesse il ballottaggio con Perez, al nostro Diego Laxalt. In avanti, l’unica punta, salvo sorprese dovrebbe essere Cristaldo.

Nell’Inter, con fuori Ranocchia per squalifica e Samuel nuovamente ko, al centro della difesa si sistemerà il confermatissimo Rolando, da verificare le condizioni di Campagnaro con JJ sicuro di giocare nei tre dietro. In attacco, che ve lo dico a fare, Palacio con Guarin alle sue spalle e gli ormai soliti cinque del centrocampo. Sarà Taider a cercare di limitare le scorribande di Diamanti oppure il miste(r) potrebbe studiare un Cambiasso staccato dai 5 con lo stesso Taider a dare una mano e copertura ad Ricky Alvarez.

Moduli speculari dunque, seconda peggior difesa contro il miglior attacco del campionato (il nostro eh), partita che con tutta probabilità sarà giocata sugli esterni e vedremo fino a che punto sarà condizionata dagli impegni dei calciatori con le rispettive nazionali; ben 9 per i nerazzurri e 4 per il Bologna. Spazio per qualche esperimento? Chissà, magari visto un avversario non proprio di prima fascia, Mazzarri regalerà qualche minuto in più a Kovacic?

il talentino sembra tornato in grande forma

il talentino sembra tornato in grande forma

Si proverà a partita in corso, sperando di potercelo permettere, una situazione offensiva con le due punte? Per quanto si possa parlare di Belfodil come punta, l’impressione è che il Maz lo veda sempre più come attaccante largo a supporto della prima punta.

La pausa è finita, diamoci dentro.

About Python

Sono il direttore artistico di Bauscia Cafè. Clandestino nella matrioska e astioso quanto basta. Quando parlo di Tango mi riferisco solo al pallone, del mio primo allenamento ricordo solo il rumore dei calci negli stinchi.