Atalanta – Inter 3 – 2

Atalanta: 47 Consigli; 77 Raimondi, 2 Stendardo, 5 Manfredini, 13 Peluso; 7 Schelotto, 21 Cigarini (28′ st Biondini), 17 Carmona (39′ st Cazzola), 10 Bonaventura; 11 Moralez; 19 Denis (33′ st Parra).

Inter: 1 Handanovic; 6 Silvestre, 19 Cambiasso (28′ st Alvarez), 40 Juan Jesus; 4 Zanetti (34′ st Livaja), 14 Guarin, 21 Gargano, 55 Nagatomo; 8 Palacio, 22 Milito, 39 Cassano (28′ st Pereira).

E alla fine è arrivata la sconfitta: tanti infortunati, Cambiasso e Gargano non al meglio e in dubbio fino all’ultimo, la stanchezza della partita di giovedì a Belgrado, un pizzico di sfortuna sugli episodi e un’ottima Atalanta sono gli ingredienti che hanno determinato il risultato finale.

La partita inizia con Stramaccioni che a sorpresa schiera i suoi con il 4-3-3 mentre tutti si aspettano il più collaudato 3-5-2, quindi Cambiasso interno sinistro di centrocampo probabilmente perchè tre difensori sarebbero stati troppi contro un’Atalanta con un’unica punta.

Al primo affondo i bergamaschi trovano il gol che mette a nudo le nostre lacune: Peluso affonda a sinistra contro Zanetti lasciato troppo solo e crossa per l’accorrente Bonaventura che può impattare il pallone in mezzo all’area senza che nessuno lo contrasti. La superiorità numerica sulle fasce è il maggior problema di tutto il primo tempo: le colpe sono da dividere tra tutti, ai difensori infatti mancano sia le coperture degli attaccanti che quelle dei centrocampisti e di conseguenza la squadra fatica a trovare un adeguato equilibrio.

Il primo tempo trascorre comunque con occasioni da ambo le parti: una clamorosa di Denis che spara alto a porta praticamente vuota, un paio di Palacio che di testa trova sempre Consigli pronto e reattivo, dalla distanza ma con meno pericolosità ci prova anche Guarin; quando l’Inter arriva vicino alla porta avversaria però trova l’Atalanta molto ordinata e bravissima a chiudere tutti gli spazi sia in mezzo che sugli esterni.

La ripresa inizia senza cambi ma l’Inter è più determinata e riesce a schiacciare gli avversari nella loro metà campo, arriva infatti il pareggio con una autentica bordata di Guarin su punizione.

Il gol del Colombiano potrebbe segnare la svolta della partita a nostro favore ma una distrazione difensiva sulla tattica del fuorigioco consente a Denis di realizzare la più facile delle reti e di riportare la squadra di casa in vantaggio, il terzo gol arriva appena 7 minuti dopo su una ripartenza di Maxi Moralez che trova il rigore trasformato successivamente da el Tanque.

Stramaccioni prova comunque a riaprire la partita inserendo Alvarez, Pereira e Livaja al posto di Cassano, Cambiasso e Zanetti per schierare un 4-2-4 e giocare il tutto per tutto: un gol arriva con un’azione caparbia di Gargano che smarca Palacio davanti a Consigli ma niente di più, nemmeno negli ultimi disperati assalti che vedono anche Handanovic in attacco.

A posteriori si può dire che probabilmente un 4-4-2 dall’inizio sarebbe stato il modo migliore per affrontare questa Atalanta ma l’Inter sulle fasce può schierare solo dei fuori ruolo perchè non ci sono esterni e soprattutto sarebbe comunque mancato un leader difensivo anche con un modulo più coperto. Ci sono poi da fare i complimenti agli avversari che hanno preparato molto bene la partita e sono riusciti a imbrigliare l’attacco dei nostri.

I singoli

HANDANOVIC: para quello che può, incolpevole sui 3 gol.

ZANETTI: soprattutto nel primo tempo dalla sua parte gli atalantini sono sempre pericolosi ma Guarin e Palacio lo aiutano pochissimo.

SILVESTRE: è un po’ lento per cui difficilmente riesce a mettersi in evidenza, poco protetto poi dai centrocampisti fa fatica a contenere gli avversari, va anche in difficoltà sulle palle alte contro un osso duro come Denis.

JUAN JESUS: come Silvestre non fa una grande partita, però con le sue immense doti fisiche riesce a mettersi in mostra in qualche recupero prodigioso.

NAGATOMO: in difficoltà in fase di copertura come il Capitano, non riesce come in altre occasioni a trovare lo spunto in attacco.

GUARIN: alcune giocate gli riescono benissimo, poi gli capita di sbagliare dei passaggi facili o la posizione più giusta in fase difensiva.

GARGANO: prima della partita era in dubbio e infatti non riesce a dare la solita sostanza al centrocampo.

CAMBIASSO: oggi no, probabilmente andava preservato meglio ma per il contributo che ha dato nella striscia delle 10 vittorie è difficile farne a meno.

PALACIO: il migliore dei tre davanti, a parte il gol è quello che ci prova di più.

MILITO: nonostante non abbia giocato a Belgrado stasera è stato ben controllato da Stendardo e Manfredini.

CASSANO: scende spesso fino a centrocampo per provare a impostare l’azione perchè al limite dell’area c’è troppo intasamento, così lontano dalla porta però non riesce a essere incisivo. Trova comunque il modo nel primo tempo di fare un assist al bacio per Rodrigo Palacio.

ALVAREZ: entra sul 3-1 e cerca un po’ di strafare come se fosse alla ricerca della giocata che possa impressionare Stramaccioni, alla fine combina poco.

PEREIRA: gioca senza l’ansia di Ricky ma 15 minuti sono pochi per dare un giudizio.

LIVAJA: 10 minuti per il tutto per tutto

 

L’impressionante gol su punizione di Guarin

About sgrigna

Organizza eventi per gli amici Bauscia da quando ha smesso con il calcio giocato, perché dicono si debba correre. Dicono. Ama l'Inter come ama l'Inter.