Ieri, oggi, domani: Bologna – Inter

IERI

A Bologna l’Inter non perde da 10 anni, da quando nel febbraio 2002 Pecchia e Zauli batterono per 2-1 la squadra allenata da Hector Cuper. Da allora 6 vittorie e 1 pareggio con l’ultimo precedente che ha visto i nerazzurri vittoriosi per 1-3 con i gol di Pazzini, Diamanti, Milito e Lucio su quella che fu la prima partita per Claudio Ranieri.

Il ricordo però scivola alla stagione 97/98, al primo gol di Ronaldo e a una serie A che si permetteva di lasciare un certo Roberto Baggio a Bologna…


OGGI

I convocati:

Portieri: Handanovic, Castellazzi, Belec;
Difensori: Zanetti, Silvestre, Ranocchia, Samuel, Pereira, Juan Jesus, Jonathan, Nagatomo;
Centrocampisti: Alvarez, Guarin, Mudingayi, Cambiasso, Gargano;
Attaccanti: Palacio, Milito, Livaja, Cassano.

Mancano Coutinho e Sneijder per cui diventa probabile la presenza di Alvarez nell’undici titolare: l’esperienza insegna però che Stramaccioni non segue le strade dell’ovvio e che indovinare la formazione che schiererà il mister è un’ardua impresa anche per gli osservatori più attenti.

In un’Inter lanciata dalle 6 vittorie consecutive l’unica ombra che traspare in conferenza stampa è su Guarin: “Lui è l’ideale quando fa il terzo centrocampista e appoggia la punta centrale. Le sue migliori interpretazioni nascono in questo schema tattico. Quando gli si chiede qualcosa diversa, diventa molto meno appariscente. Questo lo so, lui lo sa e c’è un pizzichino di interpretazione diversa.” a conferma che il colombiano si muove ancora a fatica nel nuovo modulo tattico.

Pioli deve rinunciare a Perez, Natali e Acquafresca ma in conferenza stampa si dichiara pronto a schierare anche contro l’Inter Diamanti trequartista dietro a due punte che per l’occasione saranno Gilardino e il quasi esordiente Gabbiadini.

DOMANI

La twINTERcronaca ci sarà anche domani su http://www.twitter.com/bausciacafe ma il vero appuntamento è direttamente a Bologna per l’operazione tagliatella, ci sarà anche Stramaccioni..

About sgrigna

Organizza eventi per gli amici Bauscia da quando ha smesso con il calcio giocato, perché dicono si debba correre. Dicono. Ama l'Inter come ama l'Inter.