Ieri, oggi, domani: Milan – Inter

IERI

E’ facilissimo, ci sono due tipi di derby: quelli vinti da ricordare e tutti gli altri più trascurabili. Nel passato recentissimo di questa partita ci sono grandi vittorie come l’indimenticabile 0-4 del 2009 e del “Mister, lo vuole il recupero?”  o il 3-4 del 2006 che trasformò la squadra nell’Inter dei record; grandi vittorie che portarono a stagioni di grande successo.

Guardando sempre più indietro nel tempo il ricordo e la nostalgia si mischiano: lo 0-3 di Simeone, Ronaldo, Simeone; lo 0-1 di Branca fino ad arrivare all’1-5 del 1974.

La mia preferita però resta la vittoria del 18 Novembre 1990 ottenuta grazie alla rete negli ultimi minuti di uno che la rivalità la sentiva davvero: Nicola Berti.


OGGI

Conferenza stampa un po’ fiacca visto che ai giornalisti sembra interessare più il gossip che il calcio giocato: Stramaccioni non vede in Alvarez un regista “ha il piede e la visione di gioco per farlo, ma perderebbe il passo e la forza muscolare che ha” e non sembra intenzionato a schierare Palacio “Rodrigo sta bene, ma calcisticamente no perché faceva fisioterapia.”; ci sono poi i complimenti a Coutinho “gli dico negli allenamenti: ‘Neanche tu sai quanto sei forte!’, per spronarlo” e per il nuovo ruolo di Cambiasso “Con l’operazione di Chivu, Esteban è un valore aggiunto e può fare tranquillamente il centrale. Sa fare il playmaker e legge bene la fase difensiva”.

Allegri ipotizza invece la possibilità di schierare una difesa a 3 “Mercoledì abbiamo finito la partita giocando con la difesa a tre, l’avevamo provato da un po’ di tempo e domani valuterò”  e non si dice preoccupato per Abate “Non va dimenticato che Abate ha fatto l’Europeo, e assolutamente no, non soffre Milito”. 

DOMANI

Il presidente vorrebbe un 3-0. Io invece nei confronti dei milanisti sono più generoso, mi accontento di una vittoria su autorete allo scadere. (G. Prisco)

About sgrigna

Organizza eventi per gli amici Bauscia da quando ha smesso con il calcio giocato, perché dicono si debba correre. Dicono. Ama l'Inter come ama l'Inter.