UEL: Hajduk Spalato – Inter 0 – 3

Hajduk Spalato: 1 Blazevic; 6 Vrsajevic, 22 Maloca, 5 Milovic, 17 Jozinovic; 7 Andrijasevic (9′ st 4 Milic), 14 Radosevic; 11 Oremus (32′ st 29 Tomas), 18 Caktas, 20 Ozobic (1′ st 9 Maglica); 13 Vukusic.

Inter: 1 Handanovic; 42 Jonathan, 6 Silvestre, 26 Chivu (1′ st 25 Samuel), 55 Nagatomo; 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 14 Guarin; 8 Palacio, 22 Milito (31′ st 88 Livaja), 10 Sneijder (20′ st 7 Coutinho).

Le premesse alla prima partita ufficiale della nuova stagione sono 2: l’Hajduk si è rivelata una squadra modesta e l’Inter è ancora lontana dalla forma migliore.

Strama a sorpresa sceglie Jonathan laterale destro spostando Zanetti a centrocampo, l’escluso diventa così Mudingayi, confermato invece il 4321 che era sembrato più equilibrato nell’ultima amichevole contro il Celtic.

L’incontro è sempre controllato dai nostri che rischiano pochissimo in difesa e soprattutto tengono basso il ritmo della partita per evitare di andare in affanno, quando poi la palla arriva tra i piedi di Sneijder la squadra affonda e diventa pericolosa.

Il primo gol nasce da una buona azione di Milito che protegge palla e serve in area il trequartista olandese, Wes dribbla, finta, finta dribbla e poi conclude in rete facendo passare la palla tra le gambe dei difensori avversari. Per il raddoppio Sneijder riveste i consueti abiti del rifinitore e trova sulla sinistra Nagatomo, dribbling a rientrare e tiro deviato da un difensore avversario che spiazza il portiere e finisce in rete.

Termina il primo tempo con l’infortunio di Chivu che viene sostituito a inizio ripresa da Samuel.
La partita continua a essere controllata dall’Inter nella nuova casacca rossa, grazie ai 2 gol di vantaggio la squadra è più sciolta e più propositiva ma i nostri attaccanti non riescono a impegnare il portiere croato, bisogna aspettare l’ingresso in campo di Coutinho al posto di Sneijder per vedere il bellissimo terzo gol del giovane brasiliano: triangolo sulla sinistra con Palacio, ingresso in area palla al piede e tiro d’anticipo a girare sul secondo palo che sorprende l’incolpevole Blazevic.
Nell’ultimo quarto d’ora un paio di distrazioni della difesa e in particolare di Silvestre regalano agli avversari 2 occasioni: sulla prima Nagatomo recupera bene il brutto pallonetto di Maglica, poi è Handanovic che respinge il tiro ravvicinato dello stesso numero 9.

Due parole sui singoli:
Handanovic: bravo nelle uscite alte sui calci d’angolo, così così con la palla tra i piedi.
Jonathan: piedi brasiliani ma l’impressione è che sia molto attento a fare il compitino.
Silvestre: difensore ruvido, sbaglia poco ma non è molto impegnato; negli ultimi 10 minuti prova a far rimpiangere Lucio.
Chivu: 45 minuti fatti bene
Nagatomo: spinge con continuità e trova pure il gol, dalla sua parte arrivano pochissimi pericoli
Zanetti: recupera diversi palloni, aiuta Jonathan, ogni tanto prova la tipica sgroppata alla Zanetti
Cambiasso: va in difficoltà quelle poche volte che il ritmo si alza, dovrebbe proporsi di più per evitare che siano i difensori a iniziare l’azione.
Guarin: fisicamente strabordante.
Sneijder: il direttore d’orchestra sembra pienamente coinvolto nel progetto.
Palacio: si muove negli spazi con i tempi giusti, è bravo con la palla tra i piedi, sembra un acquisto indovinato.
Milito: fisicamente si vede che è lontano dalla forma migliore e infatti sbaglia molti appoggi, mette la sua intelligenza al servizio della squadra (vedi il primo gol)
Samuel: la solita sicurezza
Coutinho: il terzo gol è un gioiello, conferma di avere piedi raffinatissimi e maggiore convinzione rispetto al passato.
Livaja: all’ingresso in campo i fischi sono tutti per lui, l’unico ex in campo, gioca quando la squadra ha tirato i remi in barca.

Rossa di sera, bel tempo si spera

About sgrigna

Organizza eventi per gli amici Bauscia da quando ha smesso con il calcio giocato, perché dicono si debba correre. Dicono. Ama l'Inter come ama l'Inter.