Inter – Lazio 2-1

Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 6 Lucio, 25 Samuel, 26 Chivu (1′ st Obi); 11 Alvarez (1′ st Sneijder), 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 55 Nagatomo; 7 Pazzini, 22 Milito (25′ st Faraoni).

Lazio: 22 Marchetti; 78 Zauri (27′ Cisse), 20 Biava, 3 Dias, 26 Radu; 19 Lulic, 24 Ledesma, 15 Gonzalez (20′ st Konko); 8 Hernanes (1′ st Matuzalem); 9 Rocchi, 25 Klose.

Dopo il derby e dopo la coppa italia Ranieri rinuncia ancora a Sneijder e conferma il 4-4-2 con Zanetti al centro al posto di Motta e Chivu sulla linea dei difensori con l’avanzamento di Nagatomo sulla fascia di Maicon.

La Lazio pressa tantissimo sin dall’inizio e mette in difficoltà il centrocampo interista, Alvarez litiga con il pallone mentre il Cuchu e Zanetti faticano a proporsi per iniziare l’azione che in questo modo viene impostata da uno dei 4 difensori con scarsi risultati.

I biancoazzurri sono più pericolosi e prima colpiscono un palo in contropiede con Rocchi, favorito anche dal mancato controllo di Lucio e poi segnano con l’attaccante italiano che taglia l’area da sinistra a destra e sull’imbeccata di Ledesma realizza con un tiro a incrociare, anche in questo caso Lucio si fa sorprendere dal movimento dell’attaccante.

Ranieri sposta Alvarez dietro le punte e l’argentino in mezzo a mille palle perse trova due assist: il primo per l’inserimento di Nagatomo anticipato all’ultimo da Marchetti, il secondo è un 1-2 con Milito in area che permette al Principe di colpire dalla sua zolla preferita e di realizzare l’1-1.

5 gol nelle ultime 4 partite

I due assist non bastano per salvare Ricky dalla sostituzione all’inizio del secondo tempo, Ranieri toglie anche Chivu e inserisce Sneijder e Obi; in campo entra anche un Lucio molto più concentrato rispetto al primo tempo; si passa così a un 4312 con Nagatomo e Maicon laterali, Cambiasso davanti alla difesa, Zanetti e Obi interni di centrocampo, Sneijder nel suo ruolo naturale di trequartista e Milito e Pazzini davanti.

Il pressing della Lazio si fa sempre meno intenso e Wesley ha lo spazio per organizzare la manovra e dimostrare che al momento la differenza con Alvarez è ancora molta; il raddoppio di Pazzini arriva comunqu in maniera casuale, su un rilancio della difesa laziale Lucio colpisce di testa in avanti e trova il bomber italiano (partito in fuorigioco di circa 5 centimetri) solo al limite dell’area, il pallonetto a Marchetti a quel punto è un gioco da ragazzi.

V

Fuori Milito per Faraoni si torna al 4-4-1-1 per difendere il risultato, Samuel e Lucio giganteggiano ma davanti a loro soprattutto Cambiasso non è in partita (la terza in una settimana, sarà un caso?) e la Lazio riesce a creare un paio di occasioni pericolose con Klose (parato da Julio Cesar) e Cissè che manca clamorosamente il pallone.

A fine partita Ranieri giustamente fa notare che è stata una partita giocata male, decisa da un paio di giocate estemporanee, l’assenza di Thiago Motta si è fatta sentire tantissimo in mezzo al campo e l’averlo sostituito con Zanetti è una scelta che non mi è piaciuta, detto di un Alvarez pasticcione il compito di Ranieri adesso sarà quello di trovare un nuovo equilibrio per una squadra in cui Sneijder dovrà essere l’imprescindibile punto di riferimento dietro a due punte.

Dajè nonnè,  continua a stupirci.

 

About sgrigna

Organizza eventi per gli amici Bauscia da quando ha smesso con il calcio giocato, perché dicono si debba correre. Dicono. Ama l'Inter come ama l'Inter.