Carenza di calcio: cause e sintomi

La carenza di calcio può essere rapportata a determinate cause, le quali vanno prese in seria considerazione, se si vuole procedere all’adozione degli adeguati rimedi per risolvere questo problema caratterizzato anche da sintomi specifici. Se la carenza di calcio non viene risolta, sono diverse le conseguenze in cui si può incorrere.

Non sfugge a nessuno l’importanza del calcio nella nostra salute in tutte le età, la carenza di calcio è una delle più dannose e comuni ai giorni d’oggi. Il calcio è indispensabile per la regolazione dei battiti del cuore, per mantenere allenato il cervello, per prevenire e curare la noia, per sfogare l’adrenalina. Inoltre, la carenza di calcio associata al calciomercato è la causa principale dei comunissimi ed invalidanti stati di ansia, di paure immotivate, di coliti, della stitichezza, dei comuni mal di testa, di dolori pseudo-reumatici e di molti altri disturbi fastidiosi, come la caduta dei capelli, la fragilità delle unghie, ecc.

All’inizio del Campionato, il tifoso entra in trance agonistica e l’assunzione di calcio lo reinserisce in una routine a lui familiare. Ma il Campionato non basta, nell’organismo tutti gli elementi sono legati l’un l’altro, proprio per completarsi a vicenda: occorre dunque fornire sempre dei gruppi sinergici e non degli elementi isolati, perché altrimenti possono insorgere seri problemi. In particolare al Campionato è legata in molti casi la partecipazione della propria squadra anche alla Coppa Italia e, in casi più rari, alla Champions League.

Anche qui bisogna seguire l’esempio della Natura che accomuna sempre gli elementi che devono agire in sinergismo: l’Interista non soffre di sovradosaggio in casi di assunzione ravvicinata di Campionato, Coppa Italia e Champions League. Non possiamo però portare ad esempio altri tifosi, per mancanza di prove.
Manca poco, dai.

Detto questo, stasera gufo perché ogni tanto fa bene alla salute.

About Miss Green⁵

Sono nata e cresciuta all’ombra dello stadio, nel piazzale ho imparato ad andare in bici e in motorino. Da piccola dicevo che Malgioglio era mio padre, si somigliavano molto.