Galatasaray-Inter 0-0

Prima amichevole di un certo spessore per l’Inter di Gasperini, che a Bochum affronta i turchi del Galatasaray. Assenti i reduci dalla Coppa America e l’infortunato Thiago Motta, il nuovo tecnico schiera in porta Castellazzi, difesa a tre con Chivu, Samuel e Ranocchia, a centrocampo Nagatomo, Stankovic, Sneijder e Obi, mentre in attacco la punta centrale è Eto’o con affianco i nuovi acquisti Castaignos e Alvares. Messa così si direbbe trattarsi di un 3-4-3, ma a seconda delle varie situazioni di gioco la squadra assume sembianze diverse. In fase di non possesso infatti Chivu si allarga a sinistra, Nagatomo scala sulla linea dei difensori ed i due esterni d’attacco si abbassano, andando così a comporre un più difensivo 4-5-1. Le indicazioni del Gasp vengono seguite puntualmente e così il pressing parte frenetico quando i difensori avversari provano ad impostare l’azione. Le perentorie uscite in disturbo dei nostri sulla tre quarti avversaria vedono come interpreti principali Deky, Sneijder ed Obi, i tre schierati sulla linea mediana, che alla fine risulteranno tra i migliori. L’atteggiamento iniziale dei ragazzi è buono ma incredibilmente dopo appena cinque minuti Castellazzi è costretto ad abbandonare il campo a causa di un colpo alla testa rimediato in uno scontro con un avversario. Entra quindi Orlandoni mentre il numero 12 nerazzurro viene portato in ospedale per accertamenti che fortunatamente confermeranno che non ci sono conseguenze gravi. E’ l’avvisaglia che si tratta di partita vera, come testimonieranno a fine match i tre cartellini gialli rimediati dai turchi che non faranno sconti, menando come dei fabbri. I nostri si muovono bene e orchestrano alcune pregevoli trame offensive, nonostante i due nuovi arrivati sembrino un po’ estraniarsi dal gioco. Alvarez prova alcune iniziative mostrando buona tecnica ma scarsa incisività, mentre Castaignos resta ai margini facendosi vedere pochissimo. I nostri difensori intanto, grazie anche al lavoro dei centrocampisti, sembrano non soffrire troppo le velleità degli attaccanti avversari, anche se qualche piccola difficoltà sembra nascere in occasione dei lanci lunghi. Il primo tempo scorre via veloce e Orlandoni viene chiamato in causa solo in occasione di una colpo di testa di Elmander abilmente neutralizzato. Sull’altro fronte,  intorno al trentacinquesimo minuto, arriva la più ghiotta occasione dell’incontro. Sneijder, nell’ennesima uscita in pressing, ruba palla ad un avversario e scatta verso la porta servendo un pallone d’oro a Castaignos che però ha un controllo non perfetto che permette il recupero dei difensori. L’azione sembra sfumata ma il solito Eto’o, servito in prossimità del limite dell’area, lascia partire una saetta che si stampa sul palo. Il pallone schizza dalla parte opposta e viene recuperato da Wesley che ripropone l’azione con un veloce giro palla. La sfera giunge così a Nagatomo che crossa al centro per Castaignos che con un perfetto colpo di testa chiama al miracolo l’estremo difensore avversario. Il punteggio rimane quindi inchiodato sullo 0-0 e la prima frazione termina senza ulteriori sussulti.

Nella ripresa c’è poco da segnalare se non la girandola di sostituzioni con la quale Gasperini inserisce in campo anche molti giovani tra cui Caldirola, Bianchetti e Longo. Le intemperanze dei tifosi turchi sugli spalti fanno si di spezzare ulteriormente il ritmo, impedendo di fatto che la partita decolli. Finisce quindi 0-0, ma l’impressione è quella di aver imboccato la strada giusta.

About SNIS