Post per cambiare aria: troppa puzza di merda

Il sommario delle notizie della giornata:

– Migliaia di creature esultano per la relazione di Palazzi. Relazione che ha per oggetto “reati” prescritti, basata su elementi già (e più volte) ritenuti irrilevanti e che punta il dito contro un morto, specificando addirittura che la posizione del suddetto defunto è più grave di quella di Moratti perché quest’ultimo “ha fornito giustificazioni idonee a sminuirne la rilevanza [delle intercettazioni che lo vedono protagonista, ndr]“, a differenza del trapassato che pare non aver proprio voglia di schiodarsi dalla tomba e fornire una qualche scusante.
Sono dunque aperte le danze per il giuoco dell’estate: la caccia al morto. In arrivo nuove bollenti intercettazioni riguardanti una telefonata di Prisco alla moglie: l’avvocato chiede per cena salsiccia e fagioli, la consorte accetta con riverenza e poi rincara la dose proponendo un fiasco di vino in abbinamento. La telefonata è già stata esaminata da un novero di illuminati che ha impiegato ben poco a scoperchiare il vaso di Pandora: “la moglie” – nel subdolo giogo dei nomi in codice – è in realtà Bergamo, la cena è il derby contro il Milan e “Salsiccia e Fagioli” sono Dondarini e l’assistente Calcagno, mentre per stabilire il ruolo del fiasco di vino verrà indetto un sondaggio su Tuttosport. Prisco invece è Raimondo Vianello.

– Inter, mercato. Preso Alvarez. In Europa girano cifre altissime: in stallo le situazioni Pastore e Sanchez, due che insieme contano la bellezza di una quarantina di gol in quattro anni di professionismo ma che costano quanto Messi. Ancora dubbi anche sul futuro di Peppe Er Bisteccaro, messosi in evidenza alla recente tedesca ai giardini con un paio di gol di tacco e soprattutto una pregevole rete di culo, che come è noto manda il portiere a 1. Dopo le recenti prestazioni, il presidente dell’A.C. Begonia, proprietaria del cartellino del campione, ha sparato alto: “50 milioni? Sono pochi, Peppe ha fame”.

– Manchester United, mercato. Offensiva per Sneijder: l’olandese però non è un ragazzino che ha giocato bene sei mesi in vita sua, ma un plurititolato campione. L’offerta non può quindi superare i 20 milioni.

– Juve, mercato. Presi tutti.

– Inter: presentato Gasperini, che in conferenza ha anche in qualche modo preso le distanze dal suo passato juventino. Cosa che, soprattutto in questi giorni, è più che mai gradita.
Benvenuto e buon lavoro, Gasp.
No, non arriva la battutina. Benvenuto e buon lavoro sul serio, cazzo.

 

Facchetti

La tomba di Facchetti è cilindrica, per permettergli di rivoltarsi più agevolmente

About Grappa

Il mio sogno è vedere Klopp a San Siro con una tutaccia nerazzurra che si fa espellere ad ogni partita per aver staccato la testa al quarto uomo. Passo il mio tempo a ciarlare di santoni calcistici o presunti tali, ma in realtà mi ispiro a Fassone. Inoltre faccio una carbonara che te dico fermate.