Archivi mensili: novembre 2010

Camp Nou

Bausciacafe

Immagino l’umore di Benitez davanti alla tv, ieri sera. Il mio era, se possibile, ancora più euforico. Perché – come ho scritto qualche giorno fa – l’Inter deve liberarsi dal fantasma di Mourinho, deve dimostrare a Mou che è lui ad aver sbagliato, andandosene. Aveva già funzionato perfettamente con Ibra: lui se n’è andato, e l’Inter è nettamente migliorata. Essendo ... Continua a leggere »

Ricominciamo, guardando al futuro

Bausciacafe

Bauscia Cafè, l’unico blog capace di superare le 1500 visite al giorno anche se non c’è scritto niente. Se fossimo di un’altra squadra di Milano potremmo farci una toppa, ma grazie a Dio non lo siamo e prendiamo questa notizia semplicemente come una piccola nota divertente in un periodo nero, nerissimo. I problemi tecnici che abbiamo incontrato nei giorni scorsi ... Continua a leggere »

Il signor De Miguel

C’è un personaggio che, in queste ultime settimane, sta facendo molto parlare di sé in casa Inter. Tutti ne parlano, lo tirano in ballo e lo inseriscono nei loro più cruenti esposti al Creatore. E non sto parlando del povero Ciccio, uomo solo al comando (“comando”, poi, mica tanto) della baracca, ma di questa persona: E’ lui. E’ il famigerato, ... Continua a leggere »

La svolta

Bausciacafe

Benitez, definendo nei giorni scorsi la partita di ieri sera come “il derby della svolta”, ha dimostrato a tutti di non essere uno che racconta frottole: dopo anni di vittorie, imprese, trionfi, una svolta più decisa non poteva arrivare. Rafa, determinato a mangiare il panettone, per la grande sfida corre ai ripari ed opta per il rombo, anche se rispetto ... Continua a leggere »

Tre azzardi che valgono più di tre punti

Bausciacafe

Si dice sempre che il derby è una partita a parte, che esula dal resto della stagione, che prescinde dal momento che attraversano le due squadre. Una partita piena di spunti, in cui il carattere conta più di tutto il resto, in cui vince chi lo vuole con più forza. Addirittura una partita in cui chi parte sfavorito è avvantaggiato, ... Continua a leggere »

Famolo strano

nella foto: uno che non disdegna la presa da dietro

Era dalla stagione 2005-2006 che non arrivavamo ad un derby dovendo affrontare la cruda realtà di essere dietro ai nostri simpaticissimi rivali (se si esclude il derby del 29 agosto dell’anno scorso, ovviamente, in cui la classifica contava zero visto che si trattava della seconda giornata) (mister, lo vuole il recupero?). Bene, in una situazione del genere potrei citare il ... Continua a leggere »

Lecce-Inter, un solo obiettivo

Bausciacafe

Lecce-Inter è una partita da vecchia Inter. Non siamo più pentacampioni d’Italia, non siamo più Campioni d’Europa, non siamo più i vincitori di tutto. Non faremo tre punti perchè le nostre maglie sono più belle, nè per il nostro meraviglioso nome. Stasera non siamo l’Internazionale, ma un gruppo di giocatori che vuole vincere la partita. Che deve vincere la partita. ... Continua a leggere »

Il nuovo Mourinho è biondo e non perde mai una partita

Andrè Villas Boas

Era l’assistente di Mou all’Inter, ora guida il Porto che domina in Portogallo: riportiamo l’ottimo ritratto di Andrè Villas Boas tracciato da Paolo Tomaselli sull’edizione cartacea del Corriere della Sera di oggi. E se avesse ragione lui? “Non sono il clone di nessuno” ripete Andrè Villas Boas. Dove “nessuno” è ovviamente Josè Mourinho. Di certo l’ex assistente tattico dello Special ... Continua a leggere »

Iostoconbenitez

Bausciacafe

E’ da agosto che il mio giudizio su Benitez è sospeso. Nonostante spesso sia passato per un suo difensore, tutto quello che ho sempre detto è che bisognava dargli tempo e lasciarlo lavorare prima di giudicare la sua opera. Cosa che va fatta per qualsiasi allenatore, perchè nessuno ha la bacchetta magica. Perchè anche nelle ere più vincenti, l’inizio non ... Continua a leggere »

La vedova ner(azzurr)a

Bausciacafe

Confesso: io sono interista. Sono interista e mi sono rotta le scatole. Mi sono rotta le scatole delle vedove. Da sempre, mi raccontano che l’interista è un fine intenditore di calcio, mai soddisfatto, dal “palato fino”. Bene, per me l’interista medio è uno spaccamaroni specializzato in vedovame e vedovanza. Quello per il quale colui-che-sedeva-in-panchina-prima è sempre meglio dello sventurato che ... Continua a leggere »