Bauscia Cafè e il mercato nerazzurro su Football Transfer

Da bravi cialtroni quali -si sa- noi siamo, non perdiamo alcuna occasione per “auto citarci”. E’ per questo che riportiamo l’intervista (!) rilasciata da Nk (!!) ad Alessandro Pignatelli di Football Transfer e pubblicata ieri sul blog specializzato in calcio mercato.

Approfittiamo di questo scandaloso “autocopiaincolla”, almeno, per un saluto e un doveroso grazie a tutti gli utenti di Bauscia Cafè e Football Transfer!

Prima di tutto, due righe di storia del vostro blog…
Beh, in due righe è davvero difficile…Bauscia Cafè ha una storia abbastanza movimentata: nasce nel settembre 2008 su piattaforma splinder da una geniale idea di MrSarasa e MissGreen e si sviluppa nel tempo grazie al grande lavoro di Watergate e alla passione di tutti quelli che hanno voluto metterci la “penna”. Fonz, Luis, Taribo, Errek, Snis, Grappa e Vinci, il sottoscritto…nominarci tutti è un obbligo, perchè la forza del blog sta proprio nelle centinaia di idee differenti che le nostre teste partoriscono, nella mancanza di una “linea ufficiale” da seguire: Bauscia Cafè racchiude in sè le mille sfaccettature del tifo interista, e proprio questa è la migliore garanzia del fatto che chiunque può esprimere la propria opinione e le proprie idee. E’ stato così in questi due anni e così continuerà ad essere in futuro, ora che ci affacciamo nel terzo anno di vita del blog e che -e questo era fino ad oggi un segreto- ci prepariamo ad accoglierlo in una veste completamente rinnovata.

Nick, parliamo di Maicon e Milito: voi pensate che andrebbero ceduti o tenuti?
Io non li metterei sullo stesso piano. Maicon è, semplicemente, il numero uno al mondo nel suo ruolo: non ha rivali, è imparagonabile a qualsiasi altro interprete e si può tranquillamente dire che, quando è in forma, riesce a coprire da solo due ruoli risultando spesso immarcabile. Lasciar partire lui significherebbe non solo rimpiazzarlo numericamente (con chi? a che prezzo?), ma anche trovare delle soluzioni alternative a tutta una serie di schemi offensivi che passano dai suoi piedi e che non potrebbero essere portati avanti da nessun altro. Milito invece è “solo” uno dei migliori interpreti del suo ruolo: anche lui ha caratteristiche che difficilmente si trovano in altre prime punte, ma secondo me non risulta così indispensabile nell’unicità degli schemi dell’Inter. A 31 anni il valore di mercato inizia inevitabilmente a diminuire, e con un “sostituto” come Samuel Eto’o già a disposizione io valuterei seriamente una possibile cessione. Il che non significa dismetterlo, certo, ma davanti a un’offerta importante…

E’ stato un errore dare via Balotelli senza acquistare un sostituto adeguato? Oppure Coutinho e Biabiany lo sono?
Stiamo attenti con le parole, che l’argomento continua a essere molto sentito! Sicuramente non è stato un errore concedere a Balotelli di cambiare squadra: era quello che voleva ed era diventato francamente ingestibile sia dentro che fuori dal campo. Ovviamente, però, nè Coutinho nè Biabiany garantiscono (ancora?) l’apporto che avrebbe potuto dare Mario. Errore non sostituirlo con un top player? Economicamente di sicuro no, perchè se si doveva affrontare un esborso per un top player allora tanto valeva concedere a Balotelli l’aumento monstre e le garanzie richieste. Tecnicamente non saprei: credo che i limiti di questa squadra siano paradossalmente legati al modulo che l’anno scorso ne ha fatto le fortune. Con un terzo centrocampista al posto di una punta, la panchina tornerebbe ad offrire alternative validissime.

Si parla del possibile arrivo di Pastore. Vi piace? Potrebbe coesistere con Snejider?
Guarda, anche qui dipende dalla tattica che si sceglie di seguire. In questo 4231 un trequartista come Pastore, che secondo me non può giocare esterno, non troverebbe spazio. Leggo tra i tifosi – anche tra i più competenti- tanta voglia di provare il cosiddetto “albero di Natale”, con due trequartisti alle spalle di una punta: lì Pastore ci starebbe eccome, così come tanti altri nomi che circolano in questi giorni. L’intelligenza tattica e la duttilità di Sneijder permettono all’olandese di giocare praticamente con chiunque. L’argentino resta comunque secondo me uno dei talenti più puri in circolazione, con la testa giusta e quella sfrontatezza che, storicamente, è una caratteristica che si sposa molto bene con i nostri colori. Un gran giocatore, senza dubbio.

Benitez può eguagliare/superare Mourinho?
Superare Mourinho? Siamo alle soglie dell’impossibile, visti i numeri messi in fila dal portoghese: di triplete non se ne vedono tutti i giorni, e due di fila non se ne sono mai visti. Sicuramente se c’è uno che può proseguire sull’onda lunga dello Special One quello è Benitez, checchè ne dicano le critiche troppo affrettate sentite in questi giorni: non mi sembra di vedere in giro tanti allenatori migliori dello spagnolo, e sicuramente nessuno di questi era disponibile quest’estate. Piuttosto non sembra esserci da parte della società quella cieca fiducia vista in passato anche con allenatori meno meritevoli di Rafa…ma magari, speriamo, è solo un’impressione.

Ibrahimovic al Milan: vi fa effetto oppure no? E se Kakà venisse all’Inter?
Fa effetto sì, ma fino a un certo punto: credo che nessuno si aspettasse da Ibrahimovic fedeltà eterna, sappiamo con che professionista abbiamo a che fare e sapevamo, abbiamo sempre saputo, che la sua casa sarebbe sempre stata quella del miglior offerente, indipendentemente dai colori. Credo che nessuno si senta “tradito” da Zlatan, anzi. Ha solo dimostrato di avere pessimi gusti, se mi concedi la battuta! Kakà all’Inter? Guarda, le collezioni di figurine e i dispetti da vicini di banco preferisco lasciarli ad altri. Il discorso è tattico -identico a quello fatto per Pastore- oltre che sul giocatore: che garanzie dà Kakà? Può ritornare quello ammirato al Milan? E’ ancora in grado di fare la differenza in maniera tanto marcata? Se le risposte fossero positive, ben venga uno dei migliori giocatori al mondo. Altrimenti no: per far “rosicare” l’altra sponda di Milano molto meglio continuare ad alzare Coppe piuttosto che fare operazioni di facciata.

Un giocatore che vorreste Moratti acquistasse a gennaio e uno a giugno.
Eh, con la fantasia e i soldi degli altri è facile! Ti dico Schweinsteiger e Gareth Bale, tu scegli l’ordine di arrivo e io vado a prenderli all’aereoporto! Ma ho paura che non basterebbero 60 milioni per portarli entrambi a Milano…

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.