Palermo-Inter 1-2

Importantissima vittoria quella ottenuta al Barbera, arrivata dopo una prestazione tutto sommato convincente. L’Inter parte bene e nei primi venti minuti tiene in mano la partita, creando alcune buone occasioni.  La traversa ferma una gran conclusione da fuori di Stankovic (buona la sua prova) ed Eto’o, ancora una volta il migliore in campo, colpisce male, non riuscendo a mettere alle spalle di Sirigu un traversone a pelo d’erba di Maicon. Il gol è nell’aria, ma paradossalmente a segnarlo è il Palermo, in contropiede. Ilicic recupera palla a centrocampo, percorre trenta metri  e allarga per Pastore che da dentro l’area calcia a botta sicura. Julio Cesar fa il miracolo, ma il più lesto ad avventarsi sulla respinta  è proprio Ilicic, che a porta vuota deposita in fondo al sacco. Uno a zero e palla al centro. La squadra accusa il colpo e riparte in maniera un’po’ meno decisa, anche se le occasioni migliori sono ancora a tinte nerazzurre. Migliaccio, dopo un’uscita a vuoto di Sirigu, respinge sulla linea una conclusione di Eto’o a botta sicura ed è lo stesso portiere rosanero a disinnescare un tentativo di pallonetto di Milito lanciato in maniera perfetta da Stankovic. Si va al riposo, con il Palermo in vantaggio. Nessun cambio nell’intervallo e nei primi minuti della ripresa è il Palermo ad avere due opportunità per chiudere la partita. Julio Cesar si oppone in due tempi ad una conclusione in diagonale di Hernandez e qualche minuto dopo si ritrova in mano un pallone calciato da distanza ravvicinata di Bacinovic che spreca la miglior occasione della partita dei padroni di casa che, molto probabilmente, avrebbe chiuso il match.

L’inerzia della partita torna quindi in mano all’Inter che ancora con Milito, a tu per tu col portiere, sciupa due chiare occasioni da gol per pareggiare l’incontro. La porta sembra stregata per il Principe, ma fortunatamente non lo è per Eto’o. Il camerunese, dopo un gran movimento a saltare l’avversario diretto, entra in area ed in diagonale scarica alle spalle di Sirigu, per il meritato gol del pareggio. Il match adesso si fa interessante ed equilibrato, con le due squadre che ad ogni affondo sembrano poter andare in gol. Il Palermo sfonda con facilità dalle parti di Chivu, mentre in mezzo al campo Cambiasso non riesce a far da frangiflutti alle avanzate degli avversari. Di contro Maicon sulla destra è una vera e propria spina nel fianco per la difesa del Palermo ed è proprio il brasiliano che chiude uno spettacolare uno-due con Stankovic, che permette a Deki di servire al solito Eto’o il pallone per il gol del vantaggio. A questo punto il Palermo si butta avanti a testa bassa alla ricerca del pari, ma gli unici brividi nascono da alcune cadute degli avanti rosanero in area di rigore, alle quali l’arbitro è bravo a non abboccare. Sull’altro fronte Pandev sfiora il gol con una conclusione a fil di palo dopo una serpentina ubriacante. La girandola dei cambi abbassa il ritmo della partita e bisogna arrivare al minuto 88 per assistere ad una super parata di Julio Cesar, che devia sul palo una gran conclusione di Pastore, sigillando la vittoria.

Le pagelle: Julio Cesar 7 – Maicon 6,5 – Lucio 6,5 – Samuel 6,5 – Chivu 4,5 – Cambiasso 5 – Zanetti 6 – Stankovic 6,5 (Santon S.V) – Pandev 6 (Mariga S.V) – Milito 5 (Muntari S.V) – Eto’o 8.

About SNIS