Il calcio, questo sconosciuto

Tra i grandi fracassi del Mondiale, c’è una squadra che sta innegabilmente sorprendendo, gli USA. Lo dico anche con una certa ammirazione, perchè è una squadra calcisticamente nuova, che contro l’Inghilterra ha fatto vedere un calcio estremamente ben organizzato. Thumbs up!

Gli americani si sono scoperti conoscitori del soccer (che iddio li strafulmini ogni volta che pronunciano questa parola) da quando hanno ospitato il mondiale del 1994 e da allora non hanno mai smesso. In America hanno deciso che vogliono giocare a calcio e, come in tutti gli sport, cercano l’eccellenza. Respect!

L’altra faccia dell’America calcistica è il suo tifo. Avete mai visto una partita di calcio con un americano? F A T E L O ! Sarà l’esperienza più indimenticabile della vostra vita. Il mio consiglio è che vi prendiate una giornata libera al lavoro per vagare per il centro e trovare dei “tifosi da mondiale”, quelli che cantano per 90′ nobody likes and we don’t caaaaaaaaaaaaare… Non ve ne pentirete.

Nel 2006 lavoravo per un’agenzia che organizzava viaggi per squadre di calcio e quell’anno abbiamo portato 75 americani in giro per la Germania nel periodo del Mondiale: la loro squadra under 14 e famiglie al seguito. Il 17 giugno, dopo un’amichevole organizzata con un’under 14 tedesca, abbiamo visto insieme Italia – USA. Al momento dell’espulsione di De Rossi, una mammamericana, una specie di Bree Van De Camp, mi chiede: ora va fuori 3 minuti e poi rientra, vero? È e rimane la cosa più geniale che abbia mai sentito.

Immagine

About Miss Green⁵

Sono nata e cresciuta all’ombra dello stadio, nel piazzale ho imparato ad andare in bici e in motorino. Da piccola dicevo che Malgioglio era mio padre, si somigliavano molto.