La BenInter che verrà – Considerazioni generali

Ci siamo. Da oggi, Martedì 15 Giugno 2010, ore 12.00, è iniziato ufficialmente il nuovo corso della società nerazzurra. Dal Magnifico e Tripletiano Mourinho, il testimone passerà in mano a Rafa Benitez, ex allenatore del Liverpool e del Valencia, e personaggio molto molto diverso dal vulcanico tecnico lusitano.

Ma come sarà strutturata la nuova Inter? Possiamo per ora, all’inizio della sessione estiva di calciomercato, fare delle ipotesi più o meno probabilistiche. In ogni caso credo sia intelligente separare l’aspetto più tecnico/tattico dall’aspetto mediatico, nell’analizzare le probabili novità nerazzurre per l’anno 2010/2011.

Per quanto riguarda l’Inter sul campo, iniziamo subito col dire che un allenatore più indicato di Benitez, per proseguire le caratteristiche di gioco che Zanetti e compagni hanno utilizzato nell’ultima parte della scorsa stagione, non si poteva trovare. Il perché è presto detto: il marchio di fabbrica del combattivo L’Pool che eravamo abituati a vedere è proprio quel 4-2-3-1 tanto dolce ai colori nerazzurri. È ovvio quindi che l’input iniziale di Benitez sarà l’input finale di Mourinho, nel segno di quella continuità tattica tanto voluta dai vertici dirigenziali nerazzurri (ed a ragione, credo di poter dire a nome di tutti).

Proprio questo sarà l’aspetto principale che andremo ad analizzare: sebbene il credo tattico rimanga pressappoco immutato, ci sono alcune differenze tra il gioco “mourinhiano” e quello “beniteziano” che vale la pena sottolineare: per prima cosa la principale differenza che salta all’occhio è la mentalità di squadra: l’Inter di Mourinho è stata un gruppo di calciatori che ha avuto, oltre ad un grandissimo sacrificio collettivo, anche l’istruzione precisa di non soffocare la genialità, l’individualità, la fantasia del singolo. Basti pensare alle azioni di Balotelli, ai dribbling di Eto’o ed alle discese di Lucio. Ecco, Benitez in questo è molto “sacchiano”, e molto distante dal portoghese. Lo spagnolo non lascia nulla al caso, e lo scopriremo presto, alle prime partite. Se già siam rimasti sorpresi (in positivo, ovviamente), dalle attenzioni di Josè, rimarremo ancora di più colpiti dalla profondità dei giudizi e degli ordini di Rafa. Proprio a causa di questo “soffocamento tattico” la nuova Inter sarà una squadra se possibile ancora più solida di quella precedente, ma d’altro canto perderemo qualcosa per quanto riguarda l’imprevedibilità in attacco. Diciamo, semplicisticamente, che forse ci annoieremo un po’ di più il prossimo anno, e che presumibilmente le nostre coronarie soffriranno leggermente meno.

Detto questo, voglio sottolineare che non dovremo aspettarci sicuramente un’Inter modalità “soldatini coreani”. Il gioco di Benitez è comunque funzionale ai giocatori in squadra, chiaramente, ed il Liverpool di questi ultimi anni non aveva grandi interpreti per quanto concerne il dribbling e la fantasia. Quindi, proviamo ad immaginare una squadra tatticamente simile ai Reds, ma chiaramente di stampo molto più mediterraneo, com’è normale che sia.

Ad esempio, il ruolo che negli anni è stato di Steven Gerrard, idolo ed icona di Anfield, sarà nella nostra squadra impersonato da Wesley Sneijder. Capite già come i due giocatori, oltre alla zona di campo in cui gravitano di solito, non hanno molto in comune. Roccioso, freddo, trascinatore il primo, sgusciante, fantasioso, imprevedibile il secondo. La funzione di Steven è sempre stata quella (quando è stato impiegato dietro le punte e non da interno di centrocampo) di “elastico” tra il centrocampo e l’attacco. L’inserimento e la facilità di tiro la sua dote principale, lo strapotere fisico una sua caratteristica. Wesley (per quanto abbia un gran bel tiro) ha nell’assist e nella visione di gioco i suoi punti di forza, e conseguentemente in fase di possesso palla il nostro gioco sarà obbligatoriamente diverso da quello visto precedentemente in Inghilterra. Anche in virtù del fatto che ci troveremo di fronte squadre chiusissime per lo più, e non, come nel Regno Unito, sempre disposte a giocarsela. Il Kuyt dell’Inter presumibilmente sarà Pandev (secondo me è un giocatore che farà impazzire di gioia Benitez), sempre ligio agli ordini tattici dettatigli dai propri tecnici. L’altro esterno, presumibilmente uno tra Eto’o e Balotelli, sarà invece più spiccatamente fantasioso ed offensivo. E fin qui nulla di nuovo rispetto all’Inter Mourinhiana. Il problema, se così vogliamo definirlo, è proprio la teorica (perché poi c’è da vedere) riluttanza del camerunense nel passare un altro anno a sbattersi sulla fascia al servizio della squadra. Tutto questo, chiaramente, al netto di eventuali cambiamenti di mercato di cui dovremo discuterne al momento opportuno (penso a Milito, ma anche a Mario ed Eto’o).

A centrocampo ci saranno invece delle piccole differenze rispetto al passato. Se Mou amava una coppia centrale dedita a metà tra l’interdizione e la proposizione, Benitez invece propende nettamente per una coppia di mediani che sia sbilanciata nella prima caratteristica. Due tipici medianacci mordi caviglie, che abbiano però anche medie abilità di palleggio (un po’, per capirci, la coppia Mascherano – Xabi Alonso). Proprio il possibile arrivo del capitano albiceleste servirebbe per formare, insieme a Cambiasso, una coppia centrale di assoluto affidamento. Con Motta e Deki (i cui spazi, in teoria, sarebbero molto ridotti) avremmo un reparto di primo livello, in relazione a quelli che sono i suoi compiti.

In difesa tutto dipenderà dall’eventuale partenza di Maicon. Se il terzino più forte del mondo rimanesse (secondo me, ad ora, c’è massimo un 25-30% di possibilità che ciò avvenga) tutto resterebbe inalterato. Se però il brasiliano partisse, dovremo obbligatoriamente affidarci al mercato per prendere un nuovo terzino di spinta, meglio se di prospettiva. I miei consigli in tal senso sarebbero due, a seconda della fascia in cui decideremo di intervenire: Bale del Tottenham a sinistra, e Van del Wiel (visto positivamente anche nell’ultima partita della nazionale olandese) a destra. Entrambi giovani, e con ottimi margini di miglioramento. Anche qui, comunque, non ci rimarrebbe che confidare nell’ottimo Branca.

Questo per quanto concerne l’aspetto tecnico-tattico. Poi (e con Mourinho abbiamo avuto l’esempio migliore che possa esserci) un tecnico moderno, un tecnico da Inter deve svariare ed essere quadrato anche al di fuori del campo di gioco. E qui a mio avviso il paragone con Mou è un po’ impietoso (ma lo sarebbe stato indipendentemente da Benitez o meno). Ma il problema principale, secondo me, è proprio nella natura dialettica dello spagnolo. Rafa non è molto un tipo da “opposizione”, come invece era (ed è) Josè (ed infatti ho moooolti dubbi sul suo futuro operato madrileno), è più un tipo da “squadra cullata e tranquilla”. Onestamente non ho visto molte conferenze stampa di Rafa in passato, lo ammetto, ma quelle in cui ho avuto la fortuna di imbattermi non mi son rimaste impresse per la profondità delle sue dichiarazioni. Per carità, si può vincere anche senza fare fuoco e fiamme in sala stampa ogni settimana, ma io credo (è la mia personalissima opinione, non di certo una verità assoluta) che nel caso dell’Inter è un pelo più facile vincere avendo l’aiuto verbale di un uomo che tuteli i propri tifosi ed i propri giocatori, oltre che chiaramente il proprio operato.

Dopo aver visto solo la conferenza stampa di presentazione, comunque, ad oggi abbiamo solo una cosa da dire: Benvenuto nella tua nuova casa, Rafa.

About Vujen

Classe '85, marchigiano, ex-petroliere in carriera e musicista fallito. Appassionato di fotografia, Balcani e di calcio straniero, specialmente francese. Non ha mai visto l'Inter vincere al Meazza. I suoi pupilli sono Walter Samuel e l'indimenticabile Youri Djorkaeff.