L’ultima curva

Siamo arrivati, dunque. L’ultima partita, il verdetto definitivo, la decisione finale. Il primo incontro con la Storia.

37 partite di campionato per ritrovarci qui, punto a punto, senza che nulla sia stato ancora deciso. 37 partite, per affidare tutto agli ultimi 90 minuti.

Su Siena-Inter potremmo dire e raccontare tante cose: dal sigillo sullo Scudetto dei Record alla delusione -mista a terrore- dell’anno successivo, passando per le polemiche su uno dei gol più contestati degli ultimi anni o per la festa Scudetto della stagione scorsa fino ad arrivare all’ultima incredibile partita, quella dell’andata, con il gol di Samuel a tempo scaduto che speriamo possa rivelarsi fondamentale per i destini di questo campionato. Potremmo persino metterci a parlare di tattica: 4231 o rombo? Sneijder o Stankovic? Lucio o Materazzi? E Balotelli?

Ma sappiamo che, in fondo, non avrebbe alcun senso.

Siena-Inter è una partita che si gioca sulle motivazioni, sui nervi, sulla voglia di vincere. Siena-Inter è una partita che va giocata e vinta con la testa, prima che con i piedi. Avremo davanti un avversario più che motivato -non foss’altro che per la presenza del presidente in panchina- ma oggettivamente inferiore. Nonostante questo, non basteranno il nostro maggior tasso tecnico, la nostra migliore preparazione tattica, la nostra difesa imperforabile: ci vorranno soprattutto concentrazione massima e nervi d’acciaio.

Dimenticare Madrid, dimenticare le tensioni di quella partita e abbandonare la paura di farsi male. Non tirare indietro la gamba, mai: sarebbe un peccato mortale.

Dimenticare Verona, dimenticare la Roma, dimenticare le radioline e le notizie che vengono dagli altri campi. Non ci interssano, non devono interessarci. Non abbiamo cosa farne.

Focalizzare testa e gambe su Siena e sul Siena. 3 punti. Gli ultimi 3 di un miniciclo che abbiamo dichiarato prima ancora di iniziarlo e che prima ancora di iniziarlo, nonostante la matematica dicesse il contrario, sapevamo che ci avrebbe portato sicuramente a diventare Campioni: 12 punti nelle ultime 4 giornate, ricordate? Siamo a quota 9, e gli ultimi 3 punti valgono esattamente quanto i precedenti. Di più, perchè sono gli ultimi. Gli ultimi 3 punti sono quelli da conquistare sul campo del Siena.

Siamo padroni assoluti del nostro destino: vincere la partita e non preoccuparsi di nient’altro e nessun altro. Fare i 3 punti e festeggiare. Battere il Siena ed entrare nella Storia.

E’ la nostra ultima curva. E’ tutto quello che dobbiamo fare.

Forza, Ragazzi.

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.