E se la nave affondasse?

Notizie Veleni del giorno:

1) il Ministro dell’Interno sta pensando di anticipare a sabato Milan-Juventus, partita senza alcuna implicazione di classifica, per motivi di ordine pubblico. Il tutto a causa di gruppi di facinorosi tifosi juventini che, al grido di “festeggiamo o devastiamo”, pare si stiano organizzando per contrastare l’eventuale festa-scudetto dei “rivali” interisti.

2) La società Juventus, senza alcuna implicazione diretta nè alcun vantaggio diretto o indiretto da conseguire, chiede la revoca del titolo 2005-2006 assegnato all’Inter.

3) Mentre Carlo Ancelotti, fresco Campione d’Inghilterra con il suo Chelsea, non passa intervista senza ripetere quanto sia differente il calcio nella terra d’Albione rispetto alle ignobili gazzarre italiche (vedi punti 1 e 2), la UEFA comunica la classifica europea del fair play che vede l’Italia al ventiduesimo posto, davanti solo a campionatini tranquilli come quelli portoghese, greco, austriaco, belga e simili

Dove vogliamo arrivare? Da nessuna parte. Solo a dire che così non va bene, non va bene per niente. E non va bene a tutti i livelli: a cominciare da noi tifosi per finire ai vertici del mondo del calcio, passando per società, dirigenti, giocatori e, non ultimi, giornalisti. Ne parleremo a lungo probabilmente nel futuro prossimo, ma le cronache degli ultimi giorni ci danno il la per dire due paroline proprio su quest’ultima categoria: i giornalisti.

No, non sarebbe in difficoltà Cambiasso: sareste in difficoltà voi. Sareste in difficoltà voi.
Perché dovete sempre gettare benzina sul fuoco?
Mourinho ha detto una cosa e -io ho sentito SKY24 sul fatto di Siena- voi ne avete riportata un’altra in base al Siena, ai soldi e a tutte queste cose qui. Già gli avete cambiato le parole di bocca.
Questo non si fa, ragazzi. Non si fa.
Mourinho ha detto una cosa, ha fatto una battuta…Sky Sport 24 ne ha detta un’altra.
E questo non va bene.
Io lo so e lo dico: tante volte dobbiamo smorzare i termini. Che poi se qualcuno si becca voi ci dovete sguazzare questo è pacifico, però tutti quanti cerchiamo di mandare la nave avanti. Perché se la nave affonda…
E’ stato deferito? Benissimo, però non sono state riportate correttamente le sue parole!
Adesso non mi fate fare a me il difensore di Mourinho perché proprio non mi ci sento…

Parole e musica nientepopodimenoche di…Claudio Ranieri. Evidentemente stanco anche lui dell’ennesima polemica creata ad arte dal mondo della disinformazione italiana, il settantenne risponde così ai microfoni di Sky Calcio Show, davanti a un Caressa sorpreso, uno Sconcerti farfugliante e, soprattutto, davanti a un Mangiante inviperito (qui il video, da 2:35 in poi).

Anche Ranieri si è stufato, dunque. Quanti ne dovremo contare, ancora?

Quanto ancora dovremo aspettare prima di urlare in faccia a questi signori che anche loro sono fra i diretti responsabili del crollo verticale di immagine e sportività visto nel calcio italiano?

Che anche loro sono fra i diretti responsabili della stagione calcistica più ridicola che storia recente ricordi?

Il calcio urlato, il calcio delle polemiche, il calcio degli eccessi…non ci piace più. Andiamo, poteva essere una buona idea 20 anni fa! L’ha avuta Biscardi, l’ha sfruttata, ci ha mangiato…adesso basta. Non ne possiamo più dei Totti-day organizzati da chissà quale esperto di marketing. Non ne possiamo più dei Mughini in piena crisi epatica che lanciano i loro strali da una comodissima e strapagata poltrona. Non ne possiamo più di chi difende l’indifendibile, di chi si esalta oltre ogni misura, di chi aspetta l’errore arbitrale per condirci tre ore di trasmissione, di chi fa il finto scoop, di chi lavora sottotraccia per la società amica.

Non ne possiamo più di nessuno di voi, signori miei.

Siete uno dei lati peggiori di questo calcio. Non l’unico, forse nemmeno il peggiore in assoluto: ma dovete sparire. Voi e tanti altri che con voi dividono il piatto speculando su quello che una volta -lo sappiamo, ce lo hanno raccontato- era un bellissimo gioco.

Avete tradito la vostra professione, avete tradito la vostra morale, avete tradito il vostro amor proprio. Non abbiamo che farcene di voi.

Mettetevi via in un angoletto. Andate a giocare con i vostri pc lì, vicino a quel tombino aperto. E lasciateci in pace.

Cercate di capire che cosa sta succedendo e regolatevi di conseguenza. I segnali in questa stagione ci sono stati tutti: chiari, eloquenti, lampanti. Ci stiamo stancando. Tutti. Il processo di disamoramento è ormai iniziato. C’è chi dice che un calcio così corrotto non ha speranza di guarigione, ormai. Qualcun altro dice che no, che ancora qualcosa è possibile: ma sicuramente questo qualcosa passa dalla purificazione dell’ambiente. Ambiente di cui fate parte anche voi, ambiente nel quale contribuite enormemente ad aumentare il tanfo.

E allora, prima che sia troppo tardi, leggete tra le righe ciò che dice Ranieri.
Fate un passo indietro.
Fatevi da parte.

Perchè se la nave affonda…

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.