Nel segno delle “3M”

La vittoria ottenuta ad Udine è di quelle pesantissime,  che lasciano il segno.  I motivi sono molteplici. L”emergenza derivata da infortuni e squalifiche che ha costretto il Mister a schierare un undici inedito, con Motta nell’inusuale ruolo di difensore centrale e il giovane Mariga a centrocampo dal primo minuto, non lasciavano sicuramente tranquilli. Se poi pensiamo che, dopo una manciata di secondi, al primo affondo dei friulani  ci siamo trovati sotto, la prestazione della squadra assume un’importanza ancora maggiore. Dopo il gol di Pepe saremmo potuti naufragare, ma invece i ragazzi hanno tirato fuori grinta e determinazione, riuscendo nel giro di venti minuti a ribaltare la situazione. I gol di Mario e Maicon sono state due perle assolute, intermezzate da un paio di conclusioni su calcio piazzato in cui Sneijder e lo stesso Balotelli hanno sfiorato i pali difesi da Handanovic. Allo scadere del tempo è arrivato poi il solito guizzo del Principe, bravissimo a insaccare di testa su un perfetto cross di Balotelli dalla sinistra. A questo punto la partita sembrava chiusa, ma un veemente avvio di ripresa dei bianconeri ha fatto sì che il match si riaprisse. Il gol su rigore di Di Natale è stato il risultato di 10 minuti di pressione dei friulani, che più di una volta ci hanno messi in difficoltà, chiamando Julio Cesar ad un paio di interventi decisivi. Dopo la sfuriata iniziale che ha portato al gol, l’Udinese ha poi rallentato, permettendoci di riprendere in mano il gioco senza correre troppi rischi. Anzi, nella fase centrale del tempo abbiamo avuto un paio di occasioni per chiudere il match, purtroppo non sfruttate per imprecisione e per la bravura dell’estremo difensore friulano. Gli ultimi 10 minuti, complice anche la stanchezza dei nostri, l’Udinese ha tentato il tutto per tutto, riuscendo a metterci in difficoltà, creando alcuni pericoli alla nostra porta. Un grande intervento dell’Acchiappasogni su tiro dal limite di Pepe e la traversa colpita dai friulani su un tiro deviato all’ultimo secondo di recupero avrebbero potuto toglierci due punti, ma fortunatamente così non è stato.

Si ritorna quindi a vincere in trasferta, nonostante le difficoltà che sapevamo tutti avremmo incontrato. Tre punti pesantissimi, conquistati con forza, carattere e voglia di soffrire, visto anche il non perfetto stato di forma di alcuno dei nostri.

I voti: Julio Cesar 7; Maicon 7; Lucio 7; Thiago Motta 6;  Zanetti 6; Stankovic 5,5; Mariga 5,5; Sneijder 6,5; Balotelli 7,5 (Materazzi S.V), Pandev 5 (Eto’o 5,5); Milito 7 (Krihn S.V.).

About SNIS