10 Domande a Marcello Lippi

L'unico Vero Capitano Azzurro (foto: inter.it)

Il Nostro, Vero Capitano Azzurro (foto: inter.it)

Nel giorno del ricordo dell’indimenticabile Capitano dell’Inter e della Nazionale, sempre presente nei nostri pensieri, mi vengono in mente alcune domande, che girerei a qualcuno in Federazione, se solo sapessi a chi…

1. Marcello Lippi, mi può chiarire se il giocatore Cannavaro Fabio, quando consiglia a due tesserati dell’Internazionale F.C. di “fare in modo di giocare” da Gennaio, per non perdere il mondiale, esprime un pensiero da Lei condiviso?

2. Il giocatore Cannavaro Fabio ha asserito che, benchè stimi Antonio Cassano, bisogna rispettare chi al momento c’è al suo posto, cioè Giuseppe Rossi.
Egregio Commissario Tecnico, ci conferma che Antonio Cassano non viene convocato per fare spazio a Giuseppe Rossi e non anche ad altri giocatori?
Esplicito la domanda: è automatico che in caso di convocazione di Antonio Cassano, non verrebbe più convocato proprio Giuseppe Rossi e non il meno in forma o meno necessario tra gli attaccanti a disposizione e finora convocati?

3. Qualora condivida quanto detto dal giocatore Cannavaro Fabio, Le chiedo come mai nella Nazionale abbiano trovano spazio anche nel recentissimo passato riserve (nei loro club) come Grosso e Le Grottaglie, qualora non lo condivida Le domando come mai il giocatore di cui sopra possa indicare al pubblico chi rischi di non essere convocato al mondiale e per quali motivi, essendo tale compito di competenza del Commissario Tecnico.

4. Esattamente, quali sono i criteri in base ai quali Lei convoca un attaccante? comprendono, per esempio, il numero di gol o di assist fatti?

5. Recentemente Lei ha affermato, in risposta ad una domanda su giocatori come Motta e Taddei che pubblicamente hanno dichiarato che sarebbero entusiasti di giocare con la maglia azzurra, che  “È bellissimo lo spirito di questi giocatori con il doppio passaporto che avvertono questo richiamo verso la maglia azzurra, ma non vogliamo fare una Nazionale con tantissimi elementi con queste caratteristiche”, mentre su Amauri “È diverso, è una cosa che ormai va avanti da un anno”.
Può spiegarmi in cosa consista la diversità di preciso, e come si possa giustificare una diversità di trattamento discriminante ed ai limiti dell’incostituzionalità nei confronti di giocatori che già hanno il passaporto Italiano, in quanto nipoti diretti di emigrati italiani in Brasile, rispetto ad un cittadino brasiliano che tra qualche mese entrerà in possesso del passaporto Italiano grazie alla permanenza della moglie per più di 10 anni nel nostro Paese?

6. Ritiene che tra i giocatori italiani si possano trovare almeno otto centrocampisti convocabili migliori di Taddei e Motta?

7. Ritiene che non siano presenti almeno 6 attaccanti italiani, nel ventaglio offerto dai principali campionati europei, migliori di Amauri?

8. Come mai in passato, anche durante la Sua gestione,  i giocatori convocati in Nazionale si concentravano sulla partita ufficiale da giocare con la maglia azzurra, mentre adesso parlano di campionato, numeri di scudetti della propria squadra, calciomercato e quant’altro?

9. In un’intervista di Agosto Lei ha dichiarato “Nelle nostre under ci sono ottimi giocatori, nonostante i molti stranieri, forse troppi, che continuano ad arrivare. Ben vengano gli stranieri bravi, ma non vedo nessun bisogno d’importare giocatori di medio livello: li possiamo benissimo costruire noi, con i nostri settori giovanili anche delle squadre minori”. Nella Stessa intervista ha riconosciuto che comunque Lei può scegliere tra il 70% dei giocatori della Serie A, a differnza del C.T. dell’Inghilterra Fabio Capello, visto che nella Premier League sono convocabili per l’Inghilterra il 38% dei giocatori tesserati.
Non Le sembra di perdere di vista l’attuale dimensione Europea dei movimenti calcistici Italiano, Inglese, Spagnolo… visto che non può scegliere SOLO tra il 70% dei giocatori della Serie A (comunque pari a circa 450 giocatori), ma anche su buone individualità che giocano in formazioni di Premier League, Liga Spagnola e Bundesliga (in quest’ultimo caso vincendo anche il titolo nazionale ma senza trovare spazio tra i convocati..)?

10. Si sente di escludere le numerose voci ed indiscrezioni circolanti a mezzo stampa che Le attribuiscono comunque, per la prossima stagione, un ruolo dirigenziale nella società Juventus F.C. e che vedono Lei come ispiratore di almeno due movimenti di calciomercato avvenuti quest’estate, ovvero l’approdo dei giocatori Fabio Cannavaro e Fabio Grosso al medesimo Club?

Grazie, con immutata stima.

UPDATE: evidentemente, questo tipo di domande non sono venute in mente solo a me, l’ottimo Gabriele-Watch ne ha rivolte altrettante nel suo post di oggi, “Dieci Domande a Giancarlo Abete”

About Mr Sarasa