Calcio vero(simile)

primaLe amichevoli estive hanno un valore davvero relativo. E impossibile giudicare la stagione che verrà da partite che servono solo per far incassare qualche soldo dai diritti tv e dagli sponsor. Il punto è che la relatività per alcuni quotidiani è proprio il concetto di prostituzione espresso da uno dei luminari della materia, leditore con molta esperienza all spalle (cit.) Silvio Berlusconi.

Ieri abbiamo assistito ad una buona prova del Villareal che ha ab(battuto) la J**e dei proclami per 4-1, J**e che ha rischiato seriamente di subire una goleada stile Gent. Ma se la vittoria contro un Real infarcito di riserve è stata celebrata come un evento storico (J**e Galattica, ndl), la sconfitta di ieri ha pronte mille giustificazioni. Dallaggettivo ancelottiano “salutari” vicino a schiaffi, alla ormai mitologica fase di preparazione, come se la Liga iniziasse domani o se il Villareal disputasse il campionato russo, ancora in pieno svolgimento. Insomma, lennesima dimostrazione di come il tifoso j**entino venga trattato da idiota patentato. Anzi, di come  paghi per esserlo.

prima_pagina_grandeLa J**e perdente non fa vendere neanche la Gazzetta, infatti è nascosta a fondo pagina con un titolo da “un, due, tre stella”: “4 passi indietro” (“J**e MangiaReal”, dopo Siviglia, ndl). Ma cè la Supercoppa, direte. E invece no. Siccome domani il titulo sarà sulla sfida di Pechino, meglio relegare nel taglio alto il primo trofeo della stagione e rincuorare il tifoso milanista con unintervista esclusiva al neo-acquisto Adrea Pirlo, il centrocampista con la valigia appena disfatta, che pronuncia la parolina magica: Scudetto. Morale dei milanisti risollevato. Forse. Da segnalare che oggi la Gazzetta si accorge di aver fatto un errore ridicolo nella prima pagina del giorno del 17° scudetto (“Inter, uno tituli“, ndl).

Lasciamo stare le amichevoli e i sogni di mezzestate e parliamo un po di calcio vero, quello che gli altri sono costretti a guardarsi dalla tv. La partita di oggi può presentare diverse insidie, soprattutto per la difesa della Lazio: Etoo e Milito possono essere devastanti. Vedremo come è migliorata la loro intesa dopo i minuti di Montecarlo, e valuteremo anche laffiatamento tra Lucio e Chivu, coppia di centrali che Mou ha preferito al Muro, che per ora fa panchina. A centrocampo ci saranno i 3 mancini a sostegno di Stankovic in una delle sue ultime partite da trequartista designato. A destra Maicon e a sinistra Zanetti.

Inutile dire che sulla carta siamo i favoriti, a patto che la concentrazione ci assista per tutti i 90. E poi cè lo spauracchio Cruz, che tutti i media dipingono assetato di vendetta nel più classico dei wishful thinking. Oggi abbiamo la concreta possibilità di allontanare la profezia degli zero tituli, lasciando ai telespettatori di altra fede lo spauracchio di ulteriori festeggiamenti firmati José Mourinho.
Ps: le ciliegine sul mercato dellInter sono state il rinnovo di Del Piero e larrivo di Pirlo.

Commenti (157)

About Luis