La discesa percentuale della verità (e del buon senso)

mourinho-chiambrettisshot-4Mou Crudele
Giornata di conferenza ad Appiano dove Mou ha sempre dato il meglio di sé. Il nano presidente ha utilizzato il vice Adriano “cravatta gialla” Galliani per annunciare urbi et orbi (da intendersi non solo in latino) che “senza il goal di mano di Adriano saremmo stati a -1”. Evidentemente il “papi” non ha visto la puntata di Chiambretti Night con ospite Special One, nonostante la presenza della ballerina del Moulin Rouge Dana Matthews (forse perché non candidabile alle europee) e si è comportato come un Crudeli qualsiasi. Mou infatti ha rispolverato con altre parole il concetto della discesa percentuale della verità: “La tua verità, 2 minuti fa valeva il 50%, ora vale 33% e ti spiego perchè: goal di Ronaldinho con fuorigioco di Kakà è il 33%, mancata espulsione di Ambrosini altro 33% e goal di Adriano il restante 33%”. Ma a Cologno Monzese sanno come funzionano certe cose. Prima la versione ufficiale per giustificare il distacco dall’Inter erano gli infortuni (tesi rilanciata, in ritardo, dal fido Bronzetti), ora è un episodio giudicato regolare dallo stesso Collina. Sarebbe inopportuno ricordare ai dirigenti dei lobotomizzati il goal ingiustamente annulato ad Hamsik in quel di Napoli o il rigore per l’abbattimento di Luciano da parte di Dida non più tardi di 3 giornate fa o il double fischiato da Rizzoli contro il Palermo. La percentuale della verità scenderebbe ancora.

Il capitano dei lobotomizzati
Ieri abbiamo assistito all’ennesima prova che i calciatori, tranne qualche eccezione, non siano proprio intelligentissimi. Si prenda il caso-Ambrosini. Il testimonial del buon gusto avrebbe potuto limitarsi a citare la rimonta effettuata dal Milan di Zac, con lui in campo, ai danni della Lazio. Invece no. Ha voluto colpire (a salve) il bersaglio grosso: Mou ed i suoi “zeru tituli”. Neanche lui ha assistito allo show del Mou da Chiambretti, al quale ha ricordato addirittura un suo fallimento cinematografico, cosa che lo stesso presentatore aveva dimenticato. A Special One è bastato digitare Ambrosini su Google e trovare lo scheletro dello striscione nell’armadio. E a nulla serve il fatto che Ambrosini si sia scusato per quell’invito rivolto ai tifosi nerazzurri. Da oggi lui è quello che “non ha mai chiesto scusa” ed è “senza grande autorità morale per parlare in questo modo”. Insomma, il bazooka di Mou ha colpito ancora.

Il 5 maggio non esiste (solo per noi)
Più sofisticata la replica ai desiderosi di un altro 5 maggio. Quelli che “i nostalgici del wrestling”. Mou come fece con Barnetta, storpia quella data in 15 maggio e 25 maggio. Tra l’altro molte squadre hanno il loro 5 maggio, chi a Perugia, chi a Istanbul. Ma come è possibile occultare i caroselli fasulli di gobbi conniventi con l’ancient regime capitanato dal designatore Luciano Moggi, oppure quella che è passata alla storia del calcio come la “co-vittoria”?

La “complessità della questione”
A proposito di gobbi-subumani, una sottospecie in via di incremento del tifoso j**entino, è arrivata la sentenza dell’Alta Corte di Giustizia che sospende la già irrisoria sanzione della Corte Federale in quanto decisione pubblicata nel solo dispositivo e non nelle motivazioni. “Considerato la complessità della questione proposta consiglia che l’esecuzione avvenga solo dopo che questa Alta Corte possa emettere una pronuncia dopo l’acquisizione della motivazione anzidetta”. Eh, sì, la questione è complessa, quasi come il processo di Garlasco, la cui sentenza è stata rinviata in attesa di una superperizia. E’ francamente difficile catalogare negro di m***a” come insulto razzista ripetuto in coro in 10 (dieci) occasioni, occorrono le motivazioni pindariche della Corte Federale. Ma sì, facciamogliela vedere J**e-Lecce ai subumani (cit.), facciamogli insultare la nuova dirigenza invocando GrazieMarcello o Antonio Conte e prendersela col settantenne. Per spettacoli così avremmo pagato noi il biglietto, nel frattempo andiamo alla Snai a giocarci i cori di insulti a Balotelli durante il match. Come dite? Non li quotano?

Commenti (118)

About Luis