Napoli-Inter, le pagelle

Julio Cesar sv | Nell’intervista trasmessa in settimana da Sportitalia ha dichiarato di essere cresciuto molto imparando dai suoi errori. Oggi ha preferito rifugiarsi in fallo laterale (un inedito) pur di non rischiare dribbling o rilancio frettoloso. Inoperoso fino a quando non raccoglie il pallone in fondo al sacco. Incolpevole. Zanetti 6 | Non è Maicon, d’accordo, soprattutto in fase offensiva. Presidia la fascia senza grossi problemi. Cordoba 6,5 | Con la difesa alta, gioca agli sprint con Lavezzi. Non concede quasi nulla anche sui palloni alti. Samuel 6,5 | Avrebbe meritato miglior fortuna la sua girata di testa nei primi minuti di gioco. Denis scompare dal campo. Peccato che entri Zalayeta al suo posto e s’inventi una magia. Chivu 6 | Non viene certo impensierito da Montevino (il calcio è uno sport troppo democratico), anche se commette qualche fallo di troppo su Blasi e Lavezzi. Poco incisivo in fase di spinta.

Cambiasso 6 | Primo tempo più che sufficiente, poi cala alla distanza. Vieira 4 | Rèquiem aetèrnam dona eis, Domine, et lux perpètua lùceat eis. Requiéscant in pace. Amen. Stankovic 6 | Corre per tre: per lui, per Vieira e per Figo finendo per azzerare la lucidità. Si lascia scappare Lavezzi che a sua volta aveva saltato di netto l’ectoplasma francese. Figo 4,5 | Vedi Vieira. Balotelli 6,5 (il migliore) | Quasi da solo riesce a mettere in apprensione la retroguardia avversaria. Il fallo di Santacroce appare più che sospetto: sarebbe stato rigore ed esplusione. La sua ammonizione è il capolavoro di Rosetti. Ibrahimovic 5,5 | Oggi non è riuscito a stoppare un pallone come Dio comanda. Più indolente del solito , cerca il colpo ad effetto quando basterebbe puntare Contini e Aronica (ebbene sì, anche Aronica gioca in Serie A, vedi Montervino). Mancini 4- | Chiedo scusa a Mou per aver imprecato contro di lui per la scelta di Figo. Riesce a fare persino peggio del Pallone d’Oro 2000. Da non credere. Cruz e Maxwell sv |  Ingiudicabili.

Mourinho 6 | Primo tempo buono. Avremmo meritato il vantaggio anche per l’intensità mostrata. Secondo tempo viziato dalla rete subita. Fino ad allora Julio Cesar era stato inoperoso. Poi la squadra ha accusato il golazo di Zalayeta e non ha reagito. In vantaggio 2-0 col Palermo, raggiunti. In vantaggio con la J**e, raggiunti al primo minuto di recupero. Szero rischi contro il Napoli, terza sconfitta in 33 partite. Insomma, questo trend sa più di casualità che altro. Dice di non temere il Milan. Fa bene, non siamo l’Inter dello scorso anno piena di cerotti ed in crisi atletica. 7 punti di vantaggio sono molti, gli episodi ci hanno condizionato, ma deve evitare di metterci del suo: in 9 contro 11 è difficile anche per l’Inter portare a casa un risultato positivo. Rosetti sv | E’ stato giudicato il miglior arbitro del mondo. Basterebbe questo per licenziare per giusta causa tutti coloro che lavorano all’IFFHS, l’istituto di storia e statistica del calcio. Sorvola sul contatto dubbio Balotelli-Santacroce, inverte falli (vedi Aronica che passeggia su Zanetti), inventa falli (vedi Cruz spinto in area al minuto 93), ma soprattutto lascia impunito Blasi ed ammonisce SuperMario all’atto della sostituzione di Lavezzi. Blasi, uno che nega l’evidenza dinanzi ai giudici del processo Gea per difendere Moggi si permette di dare lezioni di sportività ad un calciatore che invitava un altro ad abbandonare il campo senza la solita, patetica, perdita infinita di tempo. Michelle Hunziker 3 | “Tifo Milan e Napoli“, ha detto qualche tempo fa. Due su tre sono malattie infettive.

Commenti (159)

About Luis